politiche di "sviluppo" del gov. giallo/rosso & gretini

Conto alla rovescia per gli oltre 400 lavoratori della Mahle dislocati negli stabilimenti di La Loggia (Torino) e Saluzzo (Cuneo): la multinazionale tedesca specializzata nella produzione di componenti automobilistici intende chiudere le due fabbriche italiane e, se non si troverà una soluzione entro il prossimo 7 febbraio, per i 430 dipendenti scatterà il licenziamento.

La Mahle ha motivato la decisione di chiudere gli stabilimenti italiani facendo leva sulla difficile situazione del mercato globale, che si traduce in un calo degli ordini a livello europeo, che ha riguardato soprattutto la produzione di motori diesel. Questo ha ridotto notevolmente la mole di lavoro destinata agli stabilimenti di La Loggia e Saluzzo, ma adesso più di 400 lavoratori rischiano di ritrovarsi disoccupati in meno di un mese.

“La Mahle ha 14 miliardi di fatturato con 160 aziende, di lavoro ne ha – racconta un altro lavoratore – Qua fanno macelleria sociale. Anzi le dirò di più, stanno aprendo uno stabilimento a Parma dove investono 10 milioni di euro”.

Intanto le sigle sindacali accusano l’azienda: “Il nostro prodotto viene trasferito in Polonia dove costa meno. La professionalità viene in secondo piano. Solo i soldi contano”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

ALTRA GRETINATA!!

Coca Cola lascia la Sicilia e si sposta in Romania: l’annuncio

La decisione è stata presa a seguito dell’introduzione della Sugar e Plastic tax, che, stando a quanto spiegato dall’azienda, avranno un impatto più negativo sul bilancio. Su ben 115milioni di fatturato, infatti, 18milioni di euro se ne andrebbero per far fronte a queste due tasse, il che è stato considerato un prezzo troppo alto da pagare per continuare a stare in Italia. Da qui, quindi, la scelta di lasciare l’Italia e di delocalizzare in Albania alcuni investimenti pianificati in origine proprio in Sicilia.

 

Tutto questo, ovviamente, avrà delle ripercussioni sul territorio e sull’economia in generale. Basta pensare che, come preannunciato da Busi, i lavoratori siciliani che oggi rischiano di perdere il posto sono ben 151 (su un totale di 355 persone impiegate all’interno della divisione catanese).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e i sindacati,quelli del lavoro,dove sono??a reggere i cartelli della gretina??

Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, director12 ha scritto:

e i sindacati,quelli del lavoro,dove sono??a reggere i cartelli della gretina??

A te ne kazzo te ne frega  di dove sono i Sindacati ?   Tocca ai lavoratori, non ai fascisti di giudicare l'operato dei loro Sindacati.

Intanto le sigle sindacali accusano l’azienda: “Il nostro prodotto viene trasferito in Polonia dove costa meno. La professionalità viene in secondo piano. Solo i soldi contano”.

LE AZIENDE SI SPOSTANO NEI PAESI EUROPEI ( POLONIA, UNGHERIA, ALBANIA.....ETC. ) DOVE GOVERNI MALDESTRI PERMETTONO UNO SFRUTTAMENTO VERGOGNOSO DEI LAVORATORI.

Ungheria, Orbán vara la nuova legge sul lavoro. I sindacati: "Schiavitù"

 
 
 
 
 
093351866-a41d4dbe-c0ba-4688-9eea-b8bd8a Viktor Orban
La riforma alza a un massimo di 400 ore l´anno il numero delle ore straordinarie obbligatorie.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
34 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

A te ne kazzo te ne frega  di dove sono i Sindacati ?   Tocca ai lavoratori, non ai fascisti di giudicare l'operato dei loro Sindacati.

Intanto le sigle sindacali accusano l’azienda: “Il nostro prodotto viene trasferito in Polonia dove costa meno. La professionalità viene in secondo piano. Solo i soldi contano”.

LE AZIENDE SI SPOSTANO NEI PAESI EUROPEI ( POLONIA, UNGHERIA, ALBANIA.....ETC. ) DOVE GOVERNI MALDESTRI PERMETTONO UNO SFRUTTAMENTO VERGOGNOSO DEI LAVORATORI.

Ungheria, Orbán vara la nuova legge sul lavoro. I sindacati: "Schiavitù"

 
 
 
 
 
093351866-a41d4dbe-c0ba-4688-9eea-b8bd8a Viktor Orban
La riforma alza a un massimo di 400 ore l´anno il numero delle ore straordinarie obbligatorie.
 
  •  

se abbiamo il lavoro piu' costoso d'europa,è grazia proprio ai tuoi cari e simpatici sindacati!! con i soldi altrui che bravi che sono!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, director12 ha scritto:

se abbiamo il lavoro piu' costoso d'europa,è grazia proprio ai tuoi cari e simpatici sindacati!! con i soldi altrui che bravi che sono!!

È vero, meglio la schiavitù ungherese del tuo amico Orban.....400 ore obbligatorie di straordinario, che il padrone potrà pagarti a rate in 3 anni...... Koglione !!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963