CHE GIORNALISTA !

......"La7. Ci sono Sallusti e Bonaccini. Il primo è lì con un obiettivo preciso: mettere in difficoltà Bonaccini. Perché siamo vicini alle elezioni e Borgonzoni fa gaffe una volta al giorno. Bisogna dare una mano. Allora, con finta calma, guarda Bonaccini e parte all'attacco: “Lei accusa Salvini di aver sostituito la sua candidata in Emilia-Romagna. Ma lei si vergogna del suo partito ed ha tolto i simboli ed i colori dai manifesti. Non pensa sia quindi peggio rinnegare i partiti?”

Bonaccini rimane impassibile. Non lo interrompe. Aspetta che finisca e poi, qui con vera calma, lo guarda e gli fa: “Vede, nel simbolo del Partito Democratico c’è il nome Bonaccini. Nelle liste di sinistra che mi appoggiano c’è scritto Bonaccini. Nel simbolo della Lega c’è scritto Salvini. Non Borgonzoni. Nella lista Fratelli d’Italia c’è scritto Meloni. Non Borgonzoni. A lei risulta che Salvini e Meloni si candidino a governare l’Emilia-Romagna?”"

Grande Bonaccini👇👇👇👇😂

L'immagine può contenere: 2 persone, barba e testo

La7. Ci sono Sallusti e Bonaccini. Il primo è lì con un obiettivo preciso: mettere in difficoltà Bonaccini. Perché siamo vicini alle elezioni e Borgonzoni fa gaffe una volta al giorno. Bisogna dare una mano. Allora, con finta calma, guarda Bonaccini e parte all'attacco: “Lei accusa Salvini di aver sostituito la sua candidata in Emilia-Romagna. Ma lei si vergogna del suo partito ed ha tolto i simboli ed i colori dai manifesti. Non pensa sia quindi peggio rinnegare i partiti?”

Bonaccini rimane impassibile. Non lo interrompe. Aspetta che finisca e poi, qui con vera calma, lo guarda e gli fa: “Vede, nel simbolo del Partito Democratico c’è il nome Bonaccini. Nelle liste di sinistra che mi appoggiano c’è scritto Bonaccini. Nel simbolo della Lega c’è scritto Salvini. Non Borgonzoni. Nella lista Fratelli d’Italia c’è scritto Meloni. Non Borgonzoni. A lei risulta che Salvini e Meloni si candidino a governare l’Emilia-Romagna?”

Un attimo di silenzio in studio. Poi partono gli applausi. Sallusti bofonchia, tenta di rimanere calmo. Poi prova a insistere. Ma in realtà è tutto finito lì. Il tentativo di mettere in imbarazzo Bonaccini, sì.

Ma, soprattutto, quello di mettere in in buona luce Borgonzoni. Che anche se non è in studio esce di nuovo dallo scontro come sempre: in imbarazzo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

INTANTO  IL FASCIOCELODURO del  forum  continua  con  le   sue  bufale  e/o fake   demenziali

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/1/2020 in 15:10 , pm610 ha scritto:
......"La7. Ci sono Sallusti e Bonaccini. Il primo è lì con un obiettivo preciso: mettere in difficoltà Bonaccini. Perché siamo vicini alle elezioni e Borgonzoni fa gaffe una volta al giorno. Bisogna dare una mano. Allora, con finta calma, guarda Bonaccini e parte all'attacco: “Lei accusa Salvini di aver sostituito la sua candidata in Emilia-Romagna. Ma lei si vergogna del suo partito ed ha tolto i simboli ed i colori dai manifesti. Non pensa sia quindi peggio rinnegare i partiti?”

Bonaccini rimane impassibile. Non lo interrompe. Aspetta che finisca e poi, qui con vera calma, lo guarda e gli fa: “Vede, nel simbolo del Partito Democratico c’è il nome Bonaccini. Nelle liste di sinistra che mi appoggiano c’è scritto Bonaccini. Nel simbolo della Lega c’è scritto Salvini. Non Borgonzoni. Nella lista Fratelli d’Italia c’è scritto Meloni. Non Borgonzoni. A lei risulta che Salvini e Meloni si candidino a governare l’Emilia-Romagna?”"

Grande Bonaccini👇👇👇👇😂

L'immagine può contenere: 2 persone, barba e testo

La7. Ci sono Sallusti e Bonaccini. Il primo è lì con un obiettivo preciso: mettere in difficoltà Bonaccini. Perché siamo vicini alle elezioni e Borgonzoni fa gaffe una volta al giorno. Bisogna dare una mano. Allora, con finta calma, guarda Bonaccini e parte all'attacco: “Lei accusa Salvini di aver sostituito la sua candidata in Emilia-Romagna. Ma lei si vergogna del suo partito ed ha tolto i simboli ed i colori dai manifesti. Non pensa sia quindi peggio rinnegare i partiti?”

Bonaccini rimane impassibile. Non lo interrompe. Aspetta che finisca e poi, qui con vera calma, lo guarda e gli fa: “Vede, nel simbolo del Partito Democratico c’è il nome Bonaccini. Nelle liste di sinistra che mi appoggiano c’è scritto Bonaccini. Nel simbolo della Lega c’è scritto Salvini. Non Borgonzoni. Nella lista Fratelli d’Italia c’è scritto Meloni. Non Borgonzoni. A lei risulta che Salvini e Meloni si candidino a governare l’Emilia-Romagna?”

Un attimo di silenzio in studio. Poi partono gli applausi. Sallusti bofonchia, tenta di rimanere calmo. Poi prova a insistere. Ma in realtà è tutto finito lì. Il tentativo di mettere in imbarazzo Bonaccini, sì.

Ma, soprattutto, quello di mettere in in buona luce Borgonzoni. Che anche se non è in studio esce di nuovo dallo scontro come sempre: in imbarazzo.

 

A13.gif

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

come  scritto  in   altri  post  ....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora