ratzinger ,il vero papa,rassicura fedeli disorientati

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

16 messaggi in questa discussione

Un  ex  papa  nazista  che   aveva  detto   che  si ritira  in  preghiera  e  silenzio .  Il vero   Papa  è  Bergoglio  e  certo  non  vi sta  bene a  voi  fasciodestri  Vi   bastona  ( in  senso  evangelico  )  usando  proprio  quel  vangelo  che   sbandiera  il  blasfemo  coso che  evidentemente   non  ha  mai  letto .  Non  parliamo  del  fratello...

Joseph Ratzinger da giovane aveva aderito alla Hitler Jugend, l’organizzazione giovanile diretta emanazione del partito nazionalsocialista tedesco. Non è un segreto. Tant’è che all’indomani della sua elezione, persino il quotidiano inglese “The Sun” aveva sottolineato, a caratteri cubitali, il passaggio del nuovo Pontefice “from the Hitler Youth to Papa Ratzi”.

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, director12 ha scritto:

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

.....Il vero Papà? E da quando Ratzinger è "il vero Papa?

Sbaglio o e il vero"ex Papa"? Ovvero uno che deve rispetto al vero Papa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, director12 ha scritto:

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

.....Il vero Papà? E da quando Ratzinger è "il vero Papa?

Sbaglio o e il vero"ex Papa"? Ovvero uno che deve rispetto al vero Papa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

.....Il vero Papà? E da quando Ratzinger è "il vero Papa?

Sbaglio o e il vero"ex Papa"? Ovvero uno che deve rispetto al vero Papa.

in 8 anni ha perso tutto:

fedeli,e il tanto amato 8x1000.....e sta perdendo ancora.perchè??

Questo sembra proprio l'inizio della fine. Il netto calo dell'otto per mille alla chiesa cattolica (in sette anni due milioni di crocette in meno sulla dichiarazione dei redditi) ha un triste suono di campane a morto.cambiano i tempi..una volta i papi si definivano infallibili....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, director12 ha scritto:

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

In pratica, si potrebbe fare un parallelo fra un ex Papà e un ex Ministro degli Interni.

Ambedue ex e ambedue dimissionari. Con qualche punto a vantaggio del Ministro però. Se non altro perché il Ministro, a differenza del Papa, era anche Capitano (Capitan Rublo) e anche per il fatto che il Ministro-Capitano ha avuto la possibilità di proporre il suo diretto superiore (Di Maio Presidente del Consiglio). Ha ricevuto una p@ernacchia ma almeno ha potuto fare la sua proposta. Il povero Papà Ratzinger invece ha dovuto prendersi un capo scelto dagli altri senza neanche poter fare proposte.

Se ne deduce che l'ex Ministro-Capitano è nettamente superiore all'ex Papa per il semplice fatto che, se lo avessero lasciato fare, lui il suo Capo ideale (Di Maio) lo avrebbe fatto eleggere eccome. Invece Ratzinger non ha potuto neanche tentare di far eleggere il suo Capo preferito.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

In pratica, si potrebbe fare un parallelo fra un ex Papà e un ex Ministro degli Interni.

Ambedue ex e ambedue dimissionari. Con qualche punto a vantaggio del Ministro però. Se non altro perché il Ministro, a differenza del Papa, era anche Capitano (Capitan Rublo) e anche per il fatto che il Ministro-Capitano ha avuto la possibilità di proporre il suo diretto superiore (Di Maio Presidente del Consiglio). Ha ricevuto una p@ernacchia ma almeno ha potuto fare la sua proposta. Il povero Papà Ratzinger invece ha dovuto prendersi un capo scelto dagli altri senza neanche poter fare proposte.

Se ne deduce che l'ex Ministro-Capitano è nettamente superiore all'ex Papa per il semplice fatto che, se lo avessero lasciato fare, lui il suo Capo ideale (Di Maio) lo avrebbe fatto eleggere eccome. Invece Ratzinger non ha potuto neanche tentare di far eleggere il suo Capo preferito.

a proposito di belle spiagge,cene eleganti,e hotel a 5 stelle: tale cardinale marcinkus,ti dice nulla?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, director12 ha scritto:

a proposito di belle spiagge,cene eleganti,e hotel a 5 stelle: tale cardinale marcinkus,ti dice nulla?

Si. Mi dice qualcosa ma se messo in relazione ai Papi precedenti. Cioè prima di Bergoglio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, director12 ha scritto:

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

 

SI, ECCO IL SUO VERO PAPA, QUELLO CHE PRENDEVA DOLLARI DAI CARDINALI BULICCI ??

 

 

Dal cardinale McCarrick (colpevole di abusi) donazioni a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI

di Serena Sartini 28 Dicembre 2019 - 09:04 - Il Giornale

Soldi alla Curia Vaticana dal porporato statunitense. Per coprire le accuse?

 

Avrebbe finanziato Giovanni Paolo II e poi Benedetto XVI per coprire gli abusi sessuali di cui veniva accusato. L'ex cardinale statunitense, Theodore McCarrick, primo porporato della storia dimesso dallo stato clericale perché riconosciuto colpevole di abusi sessuali contro minori e adulti, avrebbe versato centinaia di migliaia di dollari a importanti ecclesiastici, tra i quali anche consiglieri papali e due pontefici, nel corso di quasi vent'anni. A riferirlo è stato il Washington Post, che ha pubblicato i dati finanziari. Donazioni registrate proprio negli anni durante i quali le autorità della chiesa cattolica avrebbero ignorato le accuse di molestie sessuali rivolte a McCarrick.

Secondo il quotidiano americano, l'allora cardinale avrebbe inviato assegni per un totale di 600.000 dollari a ecclesiastici in Vaticano e altrove; molti degli oltre 100 destinatari degli assegni sarebbero stati direttamente coinvolti nella valutazione delle accuse contro McCarrick, secondo documenti e interviste citati dal Washington Post.

McCarrick avrebbe inviato 90mila dollari a Giovanni Paolo II dal 2001 al 2005; Papa Ratzinger avrebbe invece ricevuto 291.000 dollari, di cui 250.000 dollari con un unico assegno nel maggio 2005, appena un mese dopo l'elezione al Soglio. Pontificio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, cortomaltese-*** ha scritto:

 

SI, ECCO IL SUO VERO PAPA, QUELLO CHE PRENDEVA DOLLARI DAI CARDINALI BULICCI ??

 

 

Dal cardinale McCarrick (colpevole di abusi) donazioni a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI

di Serena Sartini 28 Dicembre 2019 - 09:04 - Il Giornale

Soldi alla Curia Vaticana dal porporato statunitense. Per coprire le accuse?

 

Avrebbe finanziato Giovanni Paolo II e poi Benedetto XVI per coprire gli abusi sessuali di cui veniva accusato. L'ex cardinale statunitense, Theodore McCarrick, primo porporato della storia dimesso dallo stato clericale perché riconosciuto colpevole di abusi sessuali contro minori e adulti, avrebbe versato centinaia di migliaia di dollari a importanti ecclesiastici, tra i quali anche consiglieri papali e due pontefici, nel corso di quasi vent'anni. A riferirlo è stato il Washington Post, che ha pubblicato i dati finanziari. Donazioni registrate proprio negli anni durante i quali le autorità della chiesa cattolica avrebbero ignorato le accuse di molestie sessuali rivolte a McCarrick.

Secondo il quotidiano americano, l'allora cardinale avrebbe inviato assegni per un totale di 600.000 dollari a ecclesiastici in Vaticano e altrove; molti degli oltre 100 destinatari degli assegni sarebbero stati direttamente coinvolti nella valutazione delle accuse contro McCarrick, secondo documenti e interviste citati dal Washington Post.

McCarrick avrebbe inviato 90mila dollari a Giovanni Paolo II dal 2001 al 2005; Papa Ratzinger avrebbe invece ricevuto 291.000 dollari, di cui 250.000 dollari con un unico assegno nel maggio 2005, appena un mese dopo l'elezione al Soglio. Pontificio.

Sei il solito antipatico. Come al solito, mi hai preceduto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A dire il vero però non risponde a verità che, prima di Bergoglio, la Chiesa non abbia mai fatto nulla nei confronti dei p@reti p@edofili, questo non corrisponde a verità.

È risaputo infatti che la Chiesa è sempre stata rigidissima al riguardo e ha sempre provveduto a pene esemplari.

Per la precisione, la pena più pesante consisteva nel cambio di Parrocchia.

Del tipo che, a quel punto, il povero p@rete o arcivescovo veniva trasferito e portava nella sua nuova sede...il verbo divino ai suoi nuovi fanciulli e alle sue nuove fanciulle.

Non si capisce bene perché i maldestro e gli addestrati non riescano a perdonare a Bergoglio il fatto di essersi finalmente occupato (nei fatti e non a parole) di questo piccolo....problemino.

Modificato da ildi_vino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

Sei il solito antipatico. Come al solito, mi hai preceduto.

Dispiaciuto.... Ma era chiaro che l'ippodirector, noto musicista suonatore di piffero da chiappe, non poteva che essere un seminarista dei Legionario di Cristo.

Fascista in politica e torturatore delle sue emorroidi......

I fatti nell’istituto del Novarese, ormai chiuso. Vladimir Resendiz Gutierrez, 31 anni, è stato ridotto allo stato laicale e vive in Messico

MARCO BENVENUTI
NOVARA
 

Il giudice Andrea Guerrerio, accogliendo le richieste del pm Silvia Baglivo, lo ha condannato a 7 anni di reclusione, con rito abbreviato, per le molestie adi danni di due ex allievi del seminario minorile dei Legionari di Cristo a Gozzano, istituto chiuso tre anni fa. Vladimir Resendiz Gutierrez, 31 anni, l’ex responsabile del seminario ridotto allo stato laicale da papa Francesco, oggi non era nell’aula del tribunale di Novara alla lettura della sentenza, ma in Messico, dove vive.

Ecco perché ce l'ha tanto con Papa Bergoglio !!! Gli ha spretato il suo buliccio preferito !!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I poveri prelati erano costretti a traslochi forzati, forse perfino alloro spese.

Lasciando li i loro affetti. Tra cui, oltre ai fanciulli e alle fanciulle, anche la perpetua a cui, ovviamente, avevano finito per affezionarsi.

Dopo di che vogliamo tenere conto o no che fare nuove amicizie e trovare nuovi affetti poteva rappresentare un problema?

(Tra l'altro,i traslochi costano).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Praticamente facevano i migranti sotto il naso del sig Frizz che manco se ne accorgeva.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Praticamente facevano i migranti sotto il naso del sig Frizz che manco se ne accorgeva.

la domanda che però sorge spontanea in queste migrazioni, è questa:

"avrebbe il sig Frizz contribuito alle spese per questi traslocchi forzati se se ne fosse accorto? Oppure avrebbe fatto come ha fatto per l'ospitalità dei richiedenti asilo, cioè nada di nada?"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, director12 ha scritto:

Benedetto XVI con il suo intervento sul celibato dei sacerdoti “ha voluto rassicurare le decine di milioni di cristiani fedeli che si sentono disorientati”. Lo afferma in una intervista a Le Figaro il card. Robert Sarah che ha firmato con Ratzinger il libro che tratta della questione del celibato. Sarah sottolinea anche che “la Chiesa della crisi è impressionante”.

Il portavoce vaticano Matteo Bruni sottolinea che “la posizione del Santo Padre sul celibato è nota. Nel corso della conversazione con i giornalisti al ritorno da Panama, Papa Francesco ha affermato: ‘Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. E aggiungeva: ‘Personalmente penso che il celibato sia un dono per la Chiesa. Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no. Soltanto rimarrebbe qualche possibilità nelle località più remote – penso alla Isole del Pacifico… quando c’è necessità pastorale, lì, il pastore deve pensare ai fedeli'”.

Intanto in queste ore il fido segretario del Pontefice emerito, monsignor Georg Gänswein, fa sapere all’Ansa che «questa mattina su indicazione del Papa emerito ho chiesto al cardinale Robert Sarah di contattare gli editori del libro pregandoli di togliere il nome di Benedetto XVI come coautore del libro stesso e di togliere anche la sua firma dall’introduzione e dalle conclusioni».

FONTE:

https://www.lastampa.it/.  14.01.20

Signor Frizzantino e signora Uvetta, che figura di Kakka.....due veri cattolici duri e puri come voi, farvi prendere per il kulo da un cardinale Nero Africano arrivato in Vaticano con un barcone ONG......

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963