GIOVANE, BELLA, SOCIALISTA.....

Finlandia, la proposta della premier: "Lavorare quattro giorni alla settimana"

La riduzione dell'orario di lavoro a parità di stipendio: "Più tempo per stare in famiglia"

073237426-ed4533b1-d885-42e1-a33b-5ebe03f2ac50.jpg
 

La 34enne neo eletta premier della Finlandia, Sanna Marin, ha fatto una proposta che punta a bilanciare il rapporto tra il .tempo passato al lavoro e quello dedicato agli affetti familiari: quattro giorni in ufficio e per sei ore. "Credo che le persone si meritino di passare più tempo con le loro famiglie, con quelli a cui vogliono bene e di coltivare i loro hobby e altri aspetti della vita, come la cultura". Lo stipendio? Rimarrebbe lo stesso.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

9 ore fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Finlandia, la proposta della premier: "Lavorare quattro giorni alla settimana"

La riduzione dell'orario di lavoro a parità di stipendio: "Più tempo per stare in famiglia"

 
073237426-ed4533b1-d885-42e1-a33b-5ebe03f2ac50.jpg
 

La 34enne neo eletta premier della Finlandia, Sanna Marin, ha fatto una proposta che punta a bilanciare il rapporto tra il .tempo passato al lavoro e quello dedicato agli affetti familiari: quattro giorni in ufficio e per sei ore. "Credo che le persone si meritino di passare più tempo con le loro famiglie, con quelli a cui vogliono bene e di coltivare i loro hobby e altri aspetti della vita, come la cultura". Lo stipendio? Rimarrebbe lo stesso.

La premier finlandese ha proposto di ridurre l’orario lavorativo a 4 giorni alla settimana e 6 ore al giorno, a parità di salario. improvvisamente , in Italia , si alza forte il grido : siamotuttifinlandesi. Purtroppo , da noi , una cosa del genere non è possibile. Perché ? Perché dal 1995 ad oggi la produttività del lavoro in Italia è cresciuta ad un tasso medio annuo dello 0,4%, vale a dire un quarto della media europea. Oppure, se preferite, in quasi un quarto di secolo in Italia è cresciuta del 9,2%, mentre la media Ue è +36,8%. Vuol dire che un’ora di lavoro in Italia produce molto , molto meno , di quanto un’ora di lavora produca in media in Europa. Ecco perché da noi la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario non si può fare. Non finché non realizziamo quelle riforme di sistema in grado di innalzare la produttività del lavoro.  Poi per carità eh, sono sicuro che da domani ci sarà uno stuolo di politici ed economisti de noartri ( il Cazzaro di Napoli già ce sta a prova’ , nda) che vi venderanno a basso prezzo questa illusione. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

C'è mancato poco perché anche noi  potessimo ridurre l'orario di lavoro. Correva l'anno 2016.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, mark222220 ha scritto:

La premier finlandese ha proposto di ridurre l’orario lavorativo a 4 giorni alla settimana e 6 ore al giorno, a parità di salario. improvvisamente , in Italia , si alza forte il grido : siamotuttifinlandesi. Purtroppo , da noi , una cosa del genere non è possibile. Perché ? Perché dal 1995 ad oggi la produttività del lavoro in Italia è cresciuta ad un tasso medio annuo dello 0,4%, vale a dire un quarto della media europea. Oppure, se preferite, in quasi un quarto di secolo in Italia è cresciuta del 9,2%, mentre la media Ue è +36,8%. Vuol dire che un’ora di lavoro in Italia produce molto , molto meno , di quanto un’ora di lavora produca in media in Europa. Ecco perché da noi la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario non si può fare. Non finché non realizziamo quelle riforme di sistema in grado di innalzare la produttività del lavoro.  Poi per carità eh, sono sicuro che da domani ci sarà uno stuolo di politici ed economisti de noartri ( il Cazzaro di Napoli già ce sta a prova’ , nda) che vi venderanno a basso prezzo questa illusione. 

Se l'analisi corretta è quella del Sole24 ore, occorre chiedere ad altri - e non ai lavoratori dipendenti - di cambiare strada: ai capitalisti incapaci di innovare prodotti e processi. Solo un elevato conflitto sociale per più salario e meno orario può spingere il padronato italiano verso l'innovazione.

Altrimenti i capitalisti nostrani vivono di rendita e non curano neppure la manutenzione dei viadotti......

In questo senso, sì: la Finlandia fa da stimolo, per un rinnovamento reale della nostra economia.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://amp.ilsole24ore.com/pagina/ABGyrNUB&ved=2ahUKEwi_p9i9u-zmAhWS_qQKHdoLA2kQFjAAegQIBxAC&usg=AOvVaw3o0TR_y6fIyeJ3yL6m3omF&ampcf=1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963