ULTERIORE PASSO DEGLI ODIATORI MALDESTRI

http://www.dog.it/storie-di-cani/non-vedente-minacciata-su-pullman/?fbclid=IwAR2Ju8FBJRsiUp3UrA5H-kgAL21CRxvOdtPhfKdUjOSvTJAxWVc2YtB11co

L’ignoranza dell’uomo non ha limiti e la storia che vi stiamo per raccontare avvenuta in Italia lo certifica. Un uomo avrebbe minacciato una donna ipovedente perché infastidito dalla presenza sul bus di un cane-guida. Nessun passeggero avrebbe difeso la vittima. Loretta Rossi, la delegata dell’associazione pro-retinopatici e ipovedenti di Orbassano, era appena salita sull’autobus insieme al suo cane guida Quicky. Salita sul mezzo alla fermata di Bruino, infatti, un passeggero ha cominciato a protestare per la presenza dell’animale: Questo cane sul pullman non deve stare, fatelo scendere o lo butto giù. Ora mi sto innervosendo”.  L’uomo avrebbe riferito alla donna di stare attenta perché “io ho il sangue rosso arabo”. L’autobus è rimasto fermo per 40 minuti fino all’arrivo dei carabinieri che hanno cercato di calmare gli animi. Dopo altre due fermate l’uomo che ha scatenato le polemiche è sceso e il viaggio di Quicky e della sua padrona è proseguito senza problemi verso Torino.

Ho scoperto solamente in seguito a questo episodio che nella cultura araba i cani dal pelo nero, come è Quicky, sono considerati impuri. Magari sarà stato questo a far arrabbiare l’uomo”.

La legge dice che i cani guida possono salire sugli autobus sempre. Purtroppo, però, molti ancora non hanno ben chiaro questa normativa e manca spesso il rispetto per le persone con disabilità.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963