fermato mentre massacra la moglie di botte:sto solo picchiando la moglie,dice

Non ha avuto alcuna pietà il marocchino di 32 anni che ha letteralmente massacrato la giovane moglie, mettendo seriamente a rischio la vita del nascituro. Che invece sarà mantenuto dai contribuenti italiani.
Ripetuti calci e botte. Un massacro. Poi gli insulti e le imprecazioni. Mentre la 18enne se ne stava raggomitolata sul ciglio della strada, nel tentativo di pararsi dai colpi che sarebbero stati fatali al piccolo nel suo grembo. Ma l’uomo, un 32enne del Marocco, ha proseguito nel pestaggio anche in presenza della polizia municipale.

Fermato dai due agenti, l’aggressore, sprovvisto di documenti, si è giustificato dicendo che “stava solo pestando sua moglie”, dando per scontato di non commettere alcun reato. Da loro funziona così.

Non che da noi succeda poi molto. Visto che da clandestino era ancora in Italia, nonostante i precedenti per spaccio di droga. E’ stato condotto all’ufficio fermi ed arresti per il riconoscimento, già noto alle Forze dell’Ordine per precedenti di spaccio, è stato trasferito in carcere a San Vittore con l’accusa di maltrattamenti aggravati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Se la buttano fuori da una sprar, diventa clandestino pure lei sig Frizz.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Se la buttano fuori da una sprar, diventa clandestino pure lei sig Frizz.

quindi il marocchino che pesta a sangue la donna è piu' che giustificato,vero?? ah si..è scappato dalla formosa e lunga guerra in marrocco..nonchè dalla pestilenza delle cavallette,e in attesa delle altre bibliche ha preferito rifugiarsi e farsi mantenere dall'italia..che dici..lo  ospiti a casa tua?? vitto,alloggio,paghetta,e .....altro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un minuto dopo che lei è andato ad aiutarlo a casa sua, sig Frizz

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Un minuto dopo che lei è andato ad aiutarlo a casa sua, sig Frizz

 

ma se non possiamo rimandarla a casa sua,per le vostre leggi,che ga@@o stai a di'???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, director12 ha scritto:

Non ha avuto alcuna pietà il marocchino di 32 anni che ha letteralmente massacrato la giovane moglie, mettendo seriamente a rischio la vita del nascituro. Che invece sarà mantenuto dai contribuenti italiani.
Ripetuti calci e botte. Un massacro. Poi gli insulti e le imprecazioni. Mentre la 18enne se ne stava raggomitolata sul ciglio della strada, nel tentativo di pararsi dai colpi che sarebbero stati fatali al piccolo nel suo grembo. Ma l’uomo, un 32enne del Marocco, ha proseguito nel pestaggio anche in presenza della polizia municipale.

Fermato dai due agenti, l’aggressore, sprovvisto di documenti, si è giustificato dicendo che “stava solo pestando sua moglie”, dando per scontato di non commettere alcun reato. Da loro funziona così.

Non che da noi succeda poi molto. Visto che da clandestino era ancora in Italia, nonostante i precedenti per spaccio di droga. E’ stato condotto all’ufficio fermi ed arresti per il riconoscimento, già noto alle Forze dell’Ordine per precedenti di spaccio, è stato trasferito in carcere a San Vittore con l’accusa di maltrattamenti aggravati.

Abbelinato.......

Mogli in pasto ai maiali, trovati nuovi frammenti umani nell'allevamento di Valerio Sperotto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, director12 ha scritto:

ma se non possiamo rimandarla a casa sua,per le vostre leggi,che ga@@o stai a di'???

Ci parli di queste leggi, sig Frizz.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963