Vittoria schiacciante di Johnson, Brexit a breve e ora cosa succede agli Italiani che lavorano a Londra?

“Con questo mandato finalmente realizzeremo la Brexit. Metterò la parola fine a tutte le assurdità di questi tre anni e realizzerò la Brexit entro gennaio, senza se e senza ma”, ha detto Boris Johnson dopo la schiacciante vittoria dei Conservatori alle elezioni nel Regno Unito. Londra dovrebbe quindi lasciare Bruxelles entro il prossimo 31 gennaio: cosa succederà dopo? Che fine faranno gli Italiani che lavorano in Inghilterra? 

I cittadini europei che risiedono già a Londra dovranno registrarsi presso il ministero dell'Interno, in base all Settlement Scheme. Il regime di libera circolazione vedrà la sua fine. Il Regno Unito priviligerà i lavoratori qualificati rispetto a quelli non qualificati: le ondate di baristi e camerieri che cercano fortuna a Londra dovranno avere già un contratto di lavoro firmato per poter restare nel Regno Unito e non matureranno i diritto di residenza quindi potranno fermarsi per non più di un anno. I lavoratori qualificati, invece, dovrebbero ottenere permessi per periodi più lunghi, durante i quali potranno maturare il permesso di residenza. 

I turisti in visita al Regno Unito dovranno avere passaporto e visto elettronico. Queste regole non valgono però per l'Irlanda del Nord, con cui entrerà in vigore un regime speciale. Questo per scongiurare problematiche al confine con l'Irlanda del Sud: rimarrà quindi il sistema doganale dell'Unione, così come il mercato unico.

Insomma per andare qualche giorno a Londra dovremo fare passaporto e visto, con aggravio di costi e di tempo di organizzazione del viaggio, perderà turisti? Me si, se trovo offerte convenienti all'ultimo minuto, andrò dove basta la carta d'identità

Risultato immagini per brexit"


 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

Mia figlia pensava a un viaggio a Londra per l'Epifania ma stamane ha letto le esternazioni di Boris il gradasso e ha cambiato idea. Tutti noi europei dovremmo isolare i nazionalisti di Albione per farli pentire amaramente della Brexit. Ribaltando il loro motto presuntuoso: "Nebbia sulla Manica, Continente isolato", in un prosaico: "Sovranisti a Downing Street, UK negli escrementi". Questa vittoria dei Conservatori era largamente attesa anche se forse non così netta. Jeremy Corbyn è una splendida persona, un idealista, un vero socialista, un keynesiano, ma era lui l'anomalia nella culla del liberismo, del potere finanziario e della fantasiosa teoria della Mano Invisibile. Propugnava nazionalizzazioni a tutto spiano, salario minimo, patrimoniale per i ricchi, altro che Mano Invisibile! Altro che mano libera per gli sfruttatori del lavoro!

 

Diceva che gli inglesi potevano imparare qualcosa da Carlo Marx, figuriamoci! Propugnava addirittura la repubblica e il pensionamento della regina. È già un miracolo se ha superato il 30%. Ma il discorso va ben al di là del Regno Unito. In Europa dell'Est i populismi subentrarono dopo il crollo dei regimi comunisti.  I populismi occidentali oggi sono il segno più evidente del fallimento e della crisi irreversibile del liberismo capitalista, e preludono al suo imminente crollo. Crollo che  prevedo entro il decennio che è alle viste e prevedo un botto tremendo, ben altra cosa che la fine quasi banale del comunismo. IL LIBERISMO HA FALLITO. Ha prodotto più disuguaglianza e precarietà che ricchezza, ha incattivito la gente, ha spezzato i rapporti sociali, ha reso incerto il futuro, ha spento gli ideali, ha messo in ginocchio il Terzo Mondo, ha messo a rischio il futuro stesso del pianeta con i mutamenti climatici. Tutto questo in nome del dio profitto, e per sostenere contro ogni buon senso e ogni logica gli insani paradossi della crescita senza fine e del consumare per produrre (e non viceversa come sarebbe logico e sano). Oggi il liberismo si avvia a deflagrare come una stella morente che si ingigantisce in Supernova. Paradosso cosmico cui corrispondono quelli, assai più banali e terrestri, del sovranismo dilagante e delle migrazioni. Il sovranismo è il canto del cigno del liberismo e insieme la sua versione più estrema, più spietata, e più vile. TUTTI i sovranismi del mondo occidentale sono ai piedi e al servizio delle lobby industriali e finanziarie, che li usano per prolungare senza ritegno la loro vorace agonia. In Occidente la gente non è ancora disperata come nel Terzo Mondo ma spesso è già sull'orlo della disperazione. Nell'incertezza del futuro i popoli si attaccano ai sovranisti, abboccano all'amo dei populisti nella penosa illusione che possano garantirgli quel tenore di vita insostenibile cui non si rassegnano a rinunciare. Il paradosso di quell'ingegnere edile pugliese laureato con 110 e lode, che arriva a 30 anni per trovare un lavoro stabile e lo trova solo come netturbino a spazzare le strade, la dice lunga sul fallimento del sistema liberista in Italia. Poi c'è il paradosso, invero ancora più triste e pietoso, dei disperati del Sud del mondo, ridotti alla fame dal liberismo, che accorrono, a rischio della vita, proprio laddove il liberismo sta morendo e sta raschiando il fondo del barile con gli ultimi sfruttati: proprio loro, i migranti per l'appunto. Attratti e accecati dalla Supernova, vi si buttano dentro. Che immane, epocale disastro! 

Jeremy Corbyn aveva visto e proposto una via d'uscita, un'alternativa difficile ma possibile, come la vedono e propongono i Verdi in Germania, il Movimento 5 Stelle in Italia. Ma la gente sta perdendo la vista e il senno anche in Occidente. Rischiamo di finire tutti bruciati nell'implosione del sistema globale. Ricchi e poveri, nel Nord e nel Sud del mondo. Ma forse sarà giusto così. Troppi errori, troppe ingiustizie abbiamo commesso, troppo egoismo, troppa avidità. Il peccato di Adamo. Forse solo dal fuoco di una catastrofe epocale, di un sistema economico che crolla e di una Natura che si ribella e punisce quei nani che si illudevano di dominarla, potranno venire la catarsi e poi la palingenesi che condurranno i sopravvissuti a una nuova civiltà.

 

 

 

 

 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, fosforo311 ha scritto:

Mia figlia pensava a un viaggio a Londra per l'Epifania ma stamane ha letto le esternazioni di Boris il gradasso e ha cambiato idea.

Poteva mancare l'aneddoto familiare a conforto delle tesi del panzanaro fosforo31?

 

3 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Ma la gente sta perdendo la vista e il senno anche in Occidente. Rischiamo di finire tutti bruciati nell'implosione del sistema globale. Ricchi e poveri, nel Nord e nel Sud del mondo. Ma forse sarà giusto così. Troppi errori, troppe ingiustizie abbiamo commesso, troppo egoismo, troppa avidità. Il peccato di Adamo. Forse solo dal fuoco di una catastrofe epocale, di un sistema economico che crolla e di una Natura che si ribella e punisce quei nani che si illudevano di dominarla, potranno venire la catarsi e poi la palingenesi che condurranno i sopravvissuti a una nuova civiltà.

Il Divino Otelma non avrebbe saputo spiegare meglio la delicata fase storica che attraversiamo.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ilsauro24ore ha scritto:

Poteva mancare l'aneddoto familiare a conforto delle tesi del panzanaro fosforo31?

 

Il Divino Otelma non avrebbe saputo spiegare meglio la delicata fase storica che attraversiamo.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

No, questa volta la battuta non ti è riuscita bene. Ma non ti dico riprova. La crisi irreversibile del liberismo è una cosa seria. I sovranisti ne sono il sintomo più evidente e più logico, come ho provato a spiegare. Sentiamo cosa hai da dire tu, per es. sul caso di quell'ingegnere pugliese. Qui le battute sono fuori luogo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nessuno ha obbligato l'ingegnere edile pugliese a lavorare come netturbino. Potrebbe azzeccarci la crisi del settore edile in Puglia, che non significa la crisi irreversibile del liberismo.

L'ingegnere edile pugliese inoltre potrebbe imbracciare il Manifesto di Ventotene e sfruttare la grande occasione offerta dall'Unione uropea, della quale mi sembra di capire tu sia un grande appassionato, spostandosi in un altro Paese uropeo.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ilsauro24ore ha scritto:

Nessuno ha obbligato l'ingegnere edile pugliese a lavorare come netturbino. Potrebbe azzeccarci la crisi del settore edile in Puglia, che non significa la crisi irreversibile del liberismo.

Guarda, se credi ancora nella teoria (si fa per dire) della mano invisibile, e se speri che il liberismo possa risolvere i problemi dell'Europa, dell'Italia e di quell'ingegnere pugliese (e dei tanti come lui), allora puoi credere anche al mago Otelma.

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Guarda, se credi ancora nella teoria (si fa per dire) della mano invisibile, e se speri che il liberismo possa risolvere i problemi dell'Europa, dell'Italia e di quell'ingegnere pugliese (e dei tanti come lui), allora puoi credere anche al mago Otelma.

Ci crede già, mi creda.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che ci azzecca la mano invisibile?

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Mia figlia pensava a un viaggio a Londra per l'Epifania ma stamane ha letto le esternazioni di Boris il gradasso e ha cambiato idea ...

 

 

 

 

Nessuno mi leva dalla testa che se ci fossero state le elezioni in Francia e le avesse vinte la Le Pen , la figlia maggiore del cugino del Cazzaro di Napoli ,  figlio del fratello di suo padre , avrebbe voluto passare qualche giorno di vacanza a ...Pargi !! Ed il Cazzaro partenopeo si sarebbe fieramente opposto ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Nessuno mi leva dalla testa che se ci fossero state le elezioni in Francia e le avesse vinte la Le Pen , la figlia maggiore del cugino del Cazzaro di Napoli ,  figlio del fratello di suo padre , avrebbe voluto passare qualche giorno di vacanza a ...Pargi !! Ed il Cazzaro partenopeo si sarebbe fieramente opposto ...!! 

Intanto dobbiamo augurarci che la Le Penis non vinca le elezioni.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Intanto dobbiamo augurarci che la Le Penis non vinca le elezioni.....

Ah beh ,   Non c’è dubbio su questo ..,!!  Era solo per rimarcare il solito “ aggancio “ di famiglia del Cazzaro di Napoli . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963