Cretini e ...Greta

E’ vero, non sono un fan di Greta . Problemi ?? Non sono un suo fan perché la sua è chiaramente un’operazione di marketing organizzata dalla famiglia per vendere qualche copia di un libro sul clima, che contiene la saggezza media tipica di una massaia svedese: che cosa ce ne facciamo di una brodaglia del genere? Niente. Ma c’è di più. Un pregio Greta lo ha avuto: ci ha dimostrato, nei fatti, che il suo mondo, il mondo della mamma che lei propaganda e descrive, è un mondo impossibile. Attraversa l’Atlantico solo in barca a vela, ci mette più di dieci giorni, caga in un secchio e, per fortuna, non capitano malesseri o incidenti, altrimenti l’unica soluzione sarebbe stata chiamare la Quinta Flotta e far partire gli elicotteri di soccorso, notoriamente poco attenti ai consumi. Mentre lei si esibisce in questi numeri un po’ da circo, il suo staff viaggia tranquillamente in aereo, come del resto farebbe, e fa, chiunque. Ve li immaginate posati uomini d’affari, delle multinazionali che attraversano l’Atlantico in barca a vela cagando dentro a un secchio, senza alcuna guardia medica, e impiegando dieci o quindici giorni, affrontando onde alte tre metri e tempeste? Follie da gente malata. Il mondo di Greta, cioè, lo abbiamo abbandonato più di un secolo fa e non abbiamo alcuna intenzione di tornarci, semplicemente perché sarebbe impossibile. Ma non basta. Il pianeta è condannato, dice la bambina, e ha solo pochi anni ancora di vita. Falso !! Oggi il mondo è meno inquinato di mezzo secolo fa e c’è molta più attenzione. Provino Greta e la sua mammetta a aprire una fabbrica in un qualunque paese del mondo occidentale e vedranno a quante normative dovranno sottostare.  Questo pianeta, cioè, non è abitato da selvaggi inquinatori che fanno quello che vogliono. Ricordo che a Mirafiori, Torino, chi aveva lavorato per due anni nei reparti verniciatura (chiamati Vietnam e Cambogia) era certo solo di una cosa: mai più avrebbe lavorato nella verniciatura. D’altra parte, le automobili le vogliamo tutti lucide e brillanti. Se poi l’intenzione di Greta e della sua mamma è quella di farci andare in bicicletta o a cavallo, come una sorta di comunità Hamish, vanno curate entrambe e con terapie abbastanza forti e da medici molto severi. Infine, inquinare meno, in una certa misura, è possibile. Ma costa molti soldi e ci sono problemi grossi  (vedasi il centro siderurgico di Taranto). Tutte cose, comunque, che in varia misura i vari paesi stanno affrontando. La stessa Greta (ma perché non impara mai niente da quello che le capita?) ha partecipato a Madrid alla Cop25, riunione dei vari stati (venticinquesima) per affrontare appunto le emergenze climatiche. La stessa commissione Ue ha appena lanciato il Green Deal e stanziato una forte somma per supportare quel che ci sarà da fare. Insomma, mentre Greta arrancava in barca a vela attraverso l’Atlantico alla ricerca di un mondo nel quale nessuno vuole più tornare, il mondo, quello vero, reale, stava mettendo sul tavolo soluzioni o misure atte a portare a una soluzione. Conclusioni: Greta può tornare a scuola a studiare ( ma tutte le assenze che fa a scuola , chi gliele giustifica ? Compiti non classe ed interrogazioni nemmeno una ??) non ci serve e non ci è mai servita. Saluti                  GFT

 

Modificato da mark222220
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

29 messaggi in questa discussione

Greta sta spingendo il mondo a ricercare energie alternative che renderanno la vita ancora possibile e piacevole, quando le energie del sotto suolo, che non sono eterne, saranno esaurite.

E pazienza se Greta perderà qualche mese di scuola.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Magari fosse così sig ahaha.ha .  Quando Greta avrà perso la faccia , avrà comunque raggiunto lo scopo che si prefigge insieme a tutta la sua organizzazione . Quella di aver spillato qualche milione di euro ai tanti storioni che circolano per i mari di tutto il mondo . Ed a far la figura degli stoccafissi saranno coloro che hanno creduto ad una “bimba” priva di qualsiasi competenza e conoscenza che , perdipiu’ , marina impunemente la scuola senza giustificazione alcuna nemmeno da chi fa le veci dei genitori . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lei sta condannando una ragazzina che spera in un mondo migliore e si allea con chi i miliardi li ha fatti e sta continuando a farli inquinando il mondo, sig Mark?

Le dà fastidio che si possa produrre energia dal sole (Rubbia insegna), dal vento, dalle onde marine, e in futuro da chissà che cosa?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se quel che scrive lo pensa davvero lei necessita di un letto nella stessa stanza del Cazzaro di Napoli al Cardarelli. Lei deve scusarmi se io mi fido di più di eminenti scienziati che di Greta . E’ lo stesso film di quando mi fidavo di Burioni e di tutto il mondo scientifico sui vaccini rispetto alla Taverna ed a tutta quella parte di idio ti schierati dalla parte degli antivaccinisti . Lei che dice sig ahaha.ha , sbagliai ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Credo che sia lei ad aver bisogno di quel letto, signor Mark.

Nessuno qui ha detto che lei deve affidarsi a Greta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Greta sta spingendo il mondo a ricercare energie alternative che renderanno la vita ancora possibile e piacevole,

Dovreste gentilmente dirci quali sono queste energie alternative... avete presente le pale eoliche per fare la corrente?  non vi fanno pensare ai mulini a vento di alcuni secoli fa? una volta esistevano i mulini a vento e le navi anziché i motori avevano le vele; di quanta energia pensate che abbia bisogno il nostro pianeta? pensate che si possa risolvere tutto, ottenere tutta l'energia che ci serve tornando alle navi e vela e ai mulini a vento? Vi siete mai posta la domanda del perché nelle città i filobus hanno la costosa e antiestetica rete elettrica che li alimenta? non potrebbero andare solo a batteria? la risposta è che allo stato attuale delle cose le batterie hanno una capacità di carica limitata, contengono cioè poca energia e occorre molto tempo per ricaricarle, inoltre se la corrente si fa con il petrolio cambia poco    e quali son le energie VALIDE alternative al gas e al petrolio?  l'idroelettrico? le capacità potenziali sono ormai tutte sfruttate, inoltre pensate ai pericoli delle dighe, pensate al Vajont sappiamo tutti cosa può comportare una diga che cede  , il nucleare?  mai sentito parlare di Fukushima? o di Cernobyl ?   ; la fusione  nucleare? allo stato attuale delle conoscenze non si riesce a controllare il plasma ad altissima temperatura, se tocca una parete del luogo dove avviene la fusione la vaporizza all'istante e i campi magnetici non riescono a controllarlo; i pannelli solari? vanno benissimo per riscaldare un abitazione o per produrre limitate quantità di corrente, ma sono in grado di fare marciare treni , Fabbriche e navi? , il geotermico? sapete che i verdi lo volevano boicottare ? leggete questo articolo https://www.coscienza-universale.com/terra/notizie-sullinquinamento-ambientale-creato-dalla-geotermia/ e allora quali sono queste energie alternative valide che renderanno la vita possibile e piacevole dopo che si sarà tolta di mezzo tutta la propaganda demagogica che ci vuol far credere che si possano costruire e far volare gli aerei elettrici?..come ci racconta questo articolo  https://www.corriere.it/economia/aziende/19_dicembre_11/aereo-civile-completamente-elettrico-primo-volo-canada-12c06e32-1c07-11ea-b192-e6cdbe671f0d.shtml?refresh_ce-cp  pensate che un aquilone  elettrico come quello mostrato nella foto possa trasportare migliaia di passeggeri attraverso l'Atlantico? ... perché non rispolveriamo i dirigibili?  pensiamo alle costose e sanguinose  guerre che le grandi potenze  fanno per accaparrarsi i giacimenti di gas e petrolio, se esistessero allo stato attuale alternative valide,  continuerebbero a fare tutte  queste guerre?  possibile che alla ragazzina Greta nessuno ponga , durante i suoi comizi, queste domande?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quando era un ragazzo signor etrusco, avrebbe pensato che con un telefonino poteva spedire dei disegni e dialogare contemporaneamente col ricevente?

S'è mai chiesto come una pianta possa vivere sfruttando l'energia del sole attraverso le foglie? 

S'è mai chiesto quanto dureranno ancora le fonti energetiche ricavate dal sotto suolo?

Se fossero tutti come lei, il giorno in cui finiranno le risorse, come pensa che le navi, gli aerei, i filobus avanzeranno? A spinta dei passeggeri?

Per fortuna c'è chi ci sta pensando e una piccola icona come Greta che ci ricorda che non abbiamo tempo da perdere.

Ekkekaxzo!

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Se fossero tutti come lei, il giorno in cui finiranno le risorse, come pensa che le navi, gli aerei, i filobus avanzeranno? A spinta dei passeggeri?

non è detto che il nostro modello di sviluppo basato sullo SPRECO sia l'unico possibile, sorgeranno certamente nuovi modelli di civiltà, nuove visioni del mondo, nuove forme di produzione dell'energia; attualmente però  fonti   energetiche VALIDE alternative al gas e al petrolio non ci sono, le guerre che fanno per accaparrarsi i giacimenti ne sono la prova; quando furono costruite le prime centrali nucleari si pensava di avere la soluzione, invece era una illusione, sappiamo tutti cosa significa un incidente e  quanto costa smantellare una centrale; poi il vero scopo di queste centrali non era fare la corrente elettrica, ma ottenere lo scarto cioè il plutonio da usare per costruire ordigni nucleari, cioè opere di guerra fatte passare come strumenti di progresso e di pace.. continuano a prenderci in giro, ci parlano dell'idrogeno, ma se per ottenere l'idrogeno si usa il petrolio cosa cambia? ci parlano dell'auto elettrica, ma se per fare la corrente per le auto si usa il petrolio cosa cambia? e se non si usa il petrolio con che cosa si fa la corrente? con il vento? e quanto vento occorrerebbe? una volta esistevano i mulini a vento, ma la farina che macinavano era poca poca... tu parli del telefonino, potresti con la batteria del tuo telefonino fare camminare un treno?  la risposta è no, è una questione di quantità di corrente , il tuo telefonino lo puoi anche alimentare con un piccolo pannello solare, ma un treno no, il treno con la corrente di un pannello solare resta fermo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, mark222220 ha scritto:

E’ vero, non sono un fan di Greta . Problemi ?? Non sono un suo fan perché la sua è chiaramente un’operazione di marketing organizzata dalla famiglia per vendere qualche copia di un libro sul clima, che contiene la saggezza media tipica di una massaia svedese: che cosa ce ne facciamo di una brodaglia del genere? Niente. Ma c’è di più. Un pregio Greta lo ha avuto: ci ha dimostrato, nei fatti, che il suo mondo, il mondo della mamma che lei propaganda e descrive, è un mondo impossibile. Attraversa l’Atlantico solo in barca a vela, ci mette più di dieci giorni, caga in un secchio e, per fortuna, non capitano malesseri o incidenti, altrimenti l’unica soluzione sarebbe stata chiamare la Quinta Flotta e far partire gli elicotteri di soccorso, notoriamente poco attenti ai consumi. Mentre lei si esibisce in questi numeri un po’ da circo, il suo staff viaggia tranquillamente in aereo, come del resto farebbe, e fa, chiunque. Ve li immaginate posati uomini d’affari, delle multinazionali che attraversano l’Atlantico in barca a vela cagando dentro a un secchio, senza alcuna guardia medica, e impiegando dieci o quindici giorni, affrontando onde alte tre metri e tempeste? Follie da gente malata. Il mondo di Greta, cioè, lo abbiamo abbandonato più di un secolo fa e non abbiamo alcuna intenzione di tornarci, semplicemente perché sarebbe impossibile. Ma non basta. Il pianeta è condannato, dice la bambina, e ha solo pochi anni ancora di vita. Falso !! Oggi il mondo è meno inquinato di mezzo secolo fa e c’è molta più attenzione. Provino Greta e la sua mammetta a aprire una fabbrica in un qualunque paese del mondo occidentale e vedranno a quante normative dovranno sottostare.  Questo pianeta, cioè, non è abitato da selvaggi inquinatori che fanno quello che vogliono. Ricordo che a Mirafiori, Torino, chi aveva lavorato per due anni nei reparti verniciatura (chiamati Vietnam e Cambogia) era certo solo di una cosa: mai più avrebbe lavorato nella verniciatura. D’altra parte, le automobili le vogliamo tutti lucide e brillanti. Se poi l’intenzione di Greta e della sua mamma è quella di farci andare in bicicletta o a cavallo, come una sorta di comunità Hamish, vanno curate entrambe e con terapie abbastanza forti e da medici molto severi. Infine, inquinare meno, in una certa misura, è possibile. Ma costa molti soldi e ci sono problemi grossi  (vedasi il centro siderurgico di Taranto). Tutte cose, comunque, che in varia misura i vari paesi stanno affrontando. La stessa Greta (ma perché non impara mai niente da quello che le capita?) ha partecipato a Madrid alla Cop25, riunione dei vari stati (venticinquesima) per affrontare appunto le emergenze climatiche. La stessa commissione Ue ha appena lanciato il Green Deal e stanziato una forte somma per supportare quel che ci sarà da fare. Insomma, mentre Greta arrancava in barca a vela attraverso l’Atlantico alla ricerca di un mondo nel quale nessuno vuole più tornare, il mondo, quello vero, reale, stava mettendo sul tavolo soluzioni o misure atte a portare a una soluzione. Conclusioni: Greta può tornare a scuola a studiare ( ma tutte le assenze che fa a scuola , chi gliele giustifica ? Compiti non classe ed interrogazioni nemmeno una ??) non ci serve e non ci è mai servita. Saluti                  GFT

 

Siamo di fronte ad una divisione nella comunità scientifica. Qualcuno sostiene che il riscaldamento del pianeta sua di origine antropica. Altri che al tempo dei Vikinghi la Groenlandia fosse la terra verde su un pianeta più caldo e scarsamente antropizzato.

Quello che non capisco è quanto segue: ammesso e non concesso che Greta abbia torto marcio e Donald Trump pienamente ragione, che male ci può fare vivere in un mondo con meno emissioni ?

Avremo solo un po' più freddo ma qualche tumore in meno.......

Taranto docet. Casale Monferrato anche.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

non è detto che il nostro modello di sviluppo basato sullo SPRECO sia l'unico possibile, sorgeranno certamente nuovi modelli di civiltà, nuove visioni del mondo, nuove forme di produzione dell'energia; attualmente però  fonti   energetiche VALIDE alternative al gas e al petrolio non ci sono, le guerre che fanno per accaparrarsi i giacimenti ne sono la prova; quando furono costruite le prime centrali nucleari si pensava di avere la soluzione, invece era una illusione, sappiamo tutti cosa significa un incidente e  quanto costa smantellare una centrale; poi il vero scopo di queste centrali non era fare la corrente elettrica, ma ottenere lo scarto cioè il plutonio da usare per costruire ordigni nucleari, cioè opere di guerra fatte passare come strumenti di progresso e di pace.. continuano a prenderci in giro, ci parlano dell'idrogeno, ma se per ottenere l'idrogeno si usa il petrolio cosa cambia? ci parlano dell'auto elettrica, ma se per fare la corrente per le auto si usa il petrolio cosa cambia? e se non si usa il petrolio con che cosa si fa la corrente? con il vento? e quanto vento occorrerebbe? una volta esistevano i mulini a vento, ma la farina che macinavano era poca poca... tu parli del telefonino, potresti con la batteria del tuo telefonino fare camminare un treno?  la risposta è no, è una questione di quantità di corrente , il tuo telefonino lo puoi anche alimentare con un piccolo pannello solare, ma un treno no, il treno con la corrente di un pannello solare resta fermo.

Siamo di fronte ad una divisione nella comunità scientifica. Qualcuno sostiene che il riscaldamento del pianeta sua di origine antropica. Altri che al tempo dei Vikinghi la Groenlandia fosse la terra verde su un pianeta più caldo e scarsamente antropizzato.

Quello che non capisco è quanto segue: ammesso e non concesso che Greta abbia torto marcio e Donald Trump pienamente ragione, che male ci può fare vivere in un mondo con meno emissioni ?

Avremo solo un po' più freddo ma qualche tumore in meno.......

Taranto docet. Casale Monferrato anche.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Dovreste gentilmente dirci quali sono queste energie alternative... avete presente le pale eoliche per fare la corrente?  non vi fanno pensare ai mulini a vento di alcuni secoli fa? una volta esistevano i mulini a vento e le navi anziché i motori avevano le vele; di quanta energia pensate che abbia bisogno il nostro pianeta? pensate che si possa risolvere tutto, ottenere tutta l'energia che ci serve tornando alle navi e vela e ai mulini a vento? Vi siete mai posta la domanda del perché nelle città i filobus hanno la costosa e antiestetica rete elettrica che li alimenta? non potrebbero andare solo a batteria? la risposta è che allo stato attuale delle cose le batterie hanno una capacità di carica limitata, contengono cioè poca energia e occorre molto tempo per ricaricarle, inoltre se la corrente si fa con il petrolio cambia poco    e quali son le energie VALIDE alternative al gas e al petrolio?  l'idroelettrico? le capacità potenziali sono ormai tutte sfruttate, inoltre pensate ai pericoli delle dighe, pensate al Vajont sappiamo tutti cosa può comportare una diga che cede  , il nucleare?  mai sentito parlare di Fukushima? o di Cernobyl ?   ; la fusione  nucleare? allo stato attuale delle conoscenze non si riesce a controllare il plasma ad altissima temperatura, se tocca una parete del luogo dove avviene la fusione la vaporizza all'istante e i campi magnetici non riescono a controllarlo; i pannelli solari? vanno benissimo per riscaldare un abitazione o per produrre limitate quantità di corrente, ma sono in grado di fare marciare treni , Fabbriche e navi? , il geotermico? sapete che i verdi lo volevano boicottare ? leggete questo articolo https://www.coscienza-universale.com/terra/notizie-sullinquinamento-ambientale-creato-dalla-geotermia/ e allora quali sono queste energie alternative valide che renderanno la vita possibile e piacevole dopo che si sarà tolta di mezzo tutta la propaganda demagogica che ci vuol far credere che si possano costruire e far volare gli aerei elettrici?..come ci racconta questo articolo  https://www.corriere.it/economia/aziende/19_dicembre_11/aereo-civile-completamente-elettrico-primo-volo-canada-12c06e32-1c07-11ea-b192-e6cdbe671f0d.shtml?refresh_ce-cp  pensate che un aquilone  elettrico come quello mostrato nella foto possa trasportare migliaia di passeggeri attraverso l'Atlantico? ... perché non rispolveriamo i dirigibili?  pensiamo alle costose e sanguinose  guerre che le grandi potenze  fanno per accaparrarsi i giacimenti di gas e petrolio, se esistessero allo stato attuale alternative valide,  continuerebbero a fare tutte  queste guerre?  possibile che alla ragazzina Greta nessuno ponga , durante i suoi comizi, queste domande?

Egregio Etrusco, sei un forumista intelligente, quindi non capisco questo tuo pregiudizio o scetticismo sulle energie rinnovabili e la green economy. Il futuro dell'umanità è lì, c'è poco da fare, dato che le fonti non rinnovabili sono, per definizione, destinate ad esaurirsi. Ma in pratica basterà che le riserve si riducano al punto da rendere antieconomica l'estrazione per tagliare fuori le fonti fossili e l'uranio. Per non parlare delle emissioni di gas serra legate alle prime. Certo, ci sarebbe la possibilità della fusione nucleare, ma qui sono scettico come te: la vedo molto difficile. In realtà la svolta energetica è già iniziata. Nel 2018, secondo l'annuario della BP, quasi l'11% del fabbisogno energetico mondiale, pari a circa 13,9 miliardi di tonnellate equivalenti di petrolio, è stato coperto dalle rinnovabili. Parliamo dell'11% di tutta l'energia consumata, inclusa quindi l'elettricità, il carburante per gli automezzi, il gas per le caldaie e le cucine domestiche, etc. Un 4% viene dalle rinnovabili più moderne e quasi un 7% dall'idroelettrico tradizionale. Le cui potenzialità, al contrario di quanto scrivi, non sono affatto esaurite. L'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA) stima che la produzione idroelettrica globale potrebbe quasi raddoppiare entro il 2050 superando i 7000 TWh. Ma l'idroelettrico è molto interessante non solo per la generazione ma anche per l'accumulo dell'energia (al pari dell'idrogeno ricavabile per elettrolisi dell'acqua). Questa funzione è essenziale nella green economy stante la discontinuità nella generazione di varie fonti rinnovabili, in primis solare ed eolico. Es. un surplus di elettricità di origine solare prodotta di giorno alimenta una pompa che eleva una massa d'acqua fino a un bacino in quota. La ricaduta a  valle tramite una condotta che alimenta una turbina Pelton trasforma l'energia potenziale dell'acqua in elettricità utilizzabile di notte e nelle giornate nuvolose. Si stima un potenziale mondiale di accumulo per pompaggio pari ad almeno 22.000 TWh (a titolo di confronto il nostro fabbisogno elettrico nazionale è intorno ai 300 TWh). Non esiste alcun vincolo teorico o tecnologico che ti impedisca di alimentare con sole fonti rinnovabili la più grande delle fabbriche o delle reti ferroviarie o delle megalopoli. Certo le batterie al litio per le auto elettriche hanno problemi di autonomia, di costo, di tempo di ricarica, di peso e ingombro, nonché di approvvigionamento del litio che non è un minerale abbondantissimo (quindi sarà importante il riciclo del litio estratto dalle batterie esauste). Un'alternativa interessante ma costosa sono i supercondensatori (usati ad es. sulla prima ibrida della Lamborghini, la Sian, un bolide da 819 cavalli e 350 km/h. Ma una più che valida alternativa è il motore elettrico alimentato da fuel cell a idrogeno. Mi pare di averti già parlato dei camion elettrico a idrogeno. Sono già in produzione automezzi da 1000 cavalli di potenza e con una coppia formidabile, nettamente superiore a quella dei più grossi motori turbodiesel per veicoli commerciali e bus. Motori del genere ma più grandi potrebbero alimentare anche grandi navi. Qualche problema in più, legato soprattutto al peso e all'autonomia, ci sarebbe per gli aerei. Probabilmente, più che alimentare elettricamente motori a elica, si ricorrerà alla combustione diretta dell'idrogeno (che non emette CO2 né sostanze inquinanti ma acqua purissima) peraltro utilizzabile anche per l'autotrazione (vedasi ad es. prototipi della Bmw). Tuttavia la NASA sta progettando un grosso aereo elettrico di linea alimentato da celle criogeniche a idrogeno liquido:

https://www.beppegrillo.it/un-aereo-elettrico-alimentato-a-idrogeno-ecco-il-progetto-della-nasa/

Certo siamo ancora molto lontani dall'obbiettivo del 100% di energia rinnovabile, ovvero  l'abolizione di tutte le fonti fossili e del nucleare. Obbiettivo che due ricercatori americani, Jacobson e Delucchi, in un famoso studio del 2009 pubblicato su Scientific American, stimavano raggiungibile entro il 2030 (con le tecnologie del 2009). Purtroppo si è avverata la loro previsione che vedeva nella insufficiente volontà politica dei governi (condizionati dalle potenti lobby energetiche) il maggiore ostacolo a quel piano ambizioso. Si stima che l'intero fabbisogno energetico mondiale potrebbe esserlo coperto ricoprendo di moduli fotovoltaici poco più dell'1% del deserto del Sahara. Il progetto costerebbe un decimo del PIL mondiale o un terzo del debito pubblico degli USA. Naturalmente sarebbe problematico trasportare questa energia nelle Americhe o in Estremo Oriente, ma tieni conto che il 90% della popolazione mondiale vive a meno di 3000 km da un deserto, distanza agevolmente alla portata degli elettrodotti ad alta tensione in corrente continua (HVDC) che dissipano meno del 3% ogni 1000 km. Per maggiori dettagli ti rinvio ai miei post in questa discussione:

https://forum.virgilio.it/argomento/70003-frasi-celebri-2/

 

Saluti

 

 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 13/12/2019 in 01:15 , mark222220 ha scritto:

E’ vero, non sono un fan di Greta . Problemi ?? Non sono un suo fan perché la sua è chiaramente un’operazione di marketing organizzata dalla famiglia per vendere qualche copia di un libro sul clima, che contiene la saggezza media tipica di una massaia svedese: che cosa ce ne facciamo di una brodaglia del genere? Niente. Ma c’è di più. Un pregio Greta lo ha avuto: ci ha dimostrato, nei fatti, che il suo mondo, il mondo della mamma che lei propaganda e descrive, è un mondo impossibile. Attraversa l’Atlantico solo in barca a vela, ci mette più di dieci giorni, caga in un secchio e, per fortuna, non capitano malesseri o incidenti, altrimenti l’unica soluzione sarebbe stata chiamare la Quinta Flotta e far partire gli elicotteri di soccorso, notoriamente poco attenti ai consumi. Mentre lei si esibisce in questi numeri un po’ da circo, il suo staff viaggia tranquillamente in aereo, come del resto farebbe, e fa, chiunque. Ve li immaginate posati uomini d’affari, delle multinazionali che attraversano l’Atlantico in barca a vela cagando dentro a un secchio, senza alcuna guardia medica, e impiegando dieci o quindici giorni, affrontando onde alte tre metri e tempeste? Follie da gente malata. Il mondo di Greta, cioè, lo abbiamo abbandonato più di un secolo fa e non abbiamo alcuna intenzione di tornarci, semplicemente perché sarebbe impossibile. Ma non basta. Il pianeta è condannato, dice la bambina, e ha solo pochi anni ancora di vita. Falso !! Oggi il mondo è meno inquinato di mezzo secolo fa e c’è molta più attenzione. Provino Greta e la sua mammetta a aprire una fabbrica in un qualunque paese del mondo occidentale e vedranno a quante normative dovranno sottostare.  Questo pianeta, cioè, non è abitato da selvaggi inquinatori che fanno quello che vogliono. Ricordo che a Mirafiori, Torino, chi aveva lavorato per due anni nei reparti verniciatura (chiamati Vietnam e Cambogia) era certo solo di una cosa: mai più avrebbe lavorato nella verniciatura. D’altra parte, le automobili le vogliamo tutti lucide e brillanti. Se poi l’intenzione di Greta e della sua mamma è quella di farci andare in bicicletta o a cavallo, come una sorta di comunità Hamish, vanno curate entrambe e con terapie abbastanza forti e da medici molto severi. Infine, inquinare meno, in una certa misura, è possibile. Ma costa molti soldi e ci sono problemi grossi  (vedasi il centro siderurgico di Taranto). Tutte cose, comunque, che in varia misura i vari paesi stanno affrontando. La stessa Greta (ma perché non impara mai niente da quello che le capita?) ha partecipato a Madrid alla Cop25, riunione dei vari stati (venticinquesima) per affrontare appunto le emergenze climatiche. La stessa commissione Ue ha appena lanciato il Green Deal e stanziato una forte somma per supportare quel che ci sarà da fare. Insomma, mentre Greta arrancava in barca a vela attraverso l’Atlantico alla ricerca di un mondo nel quale nessuno vuole più tornare, il mondo, quello vero, reale, stava mettendo sul tavolo soluzioni o misure atte a portare a una soluzione. Conclusioni: Greta può tornare a scuola a studiare ( ma tutte le assenze che fa a scuola , chi gliele giustifica ? Compiti non classe ed interrogazioni nemmeno una ??) non ci serve e non ci è mai servita. Saluti                  GFT

 

Vero, non sei un fan di Greta Thunberg, ma non sei nemmeno Giuseppe Turani al quale hai rubato un articolo senza citare la fonte, apportando qualche lieve modifica e una ridicola farneticazione finale. Sei il solito FALSARIO SPUDORATO E MATRICOLATO.

https://www.uominiebusiness.it/default.aspx?c=635&a=28235&tag=L'inutilità-di-Greta

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il sig. Mark ha copiato di sana pianta? Naaaaàa......secondo me è il sig Giuseppe Turani che condivideva, nero su bianco, le idee del sig Mark.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Vero, non sei un fan di Greta Thunberg, ma non sei nemmeno Giuseppe Turani al quale hai rubato un articolo senza citare la fonte, apportando qualche lieve modifica e una ridicola farneticazione finale. Sei il solito FALSARIO SPUDORATO E MATRICOLATO.

https://www.uominiebusiness.it/default.aspx?c=635&a=28235&tag=L'inutilità-di-Greta

 

Lei decora sempre più . Se nota , in calce al mio post troverà e lettere maiuscole . Sono, sempreche’ il Teroldego  non le abbia procurato uno sbandamento oculare : GFT . Sa  a cosa si riferiscono ?  A Giuseppe Felice Turani .... ahahahahahaha , Sancio , servo , decoratore , disonesto e pure ...co@lione !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Il sig. Mark ha copiato di sana pianta? Naaaaàa......secondo me è il sig Giuseppe Turani che condivideva, nero su bianco, le idee del sig Mark.

Lei decora sempre più . Se nota , in calce  mio post , troverà 3 lettere maiuscole . Sono , sempreche’ il Teroldego non Le abbia procurato uno sbandamento oculare : GFT. Sa a cosa si riferiscono ?? A Giuseppe Felice Turani ....ahahahahahahaha. Sancio , servo, decoratore , disonesto e pure ...co@lione !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi perdoni sig Mark, per il fatto che alla fine ci sia riportato GFT vuol dire che il signor Turani  non ha condiviso le sue stesse idee nero su bianco?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 No no !! Per me e’ difficile perdonare chi si ca ga addosso in conto terzi ....Ahahahahah 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 13/12/2019 in 19:30 , etrusco1900 ha scritto:

non è detto che il nostro modello di sviluppo basato sullo SPRECO sia l'unico possibile, sorgeranno certamente nuovi modelli di civiltà, nuove visioni del mondo, nuove forme di produzione dell'energia; attualmente però  fonti   energetiche VALIDE alternative al gas e al petrolio non ci sono,

Ma che sta a dì sig etrusco?

Che le fonti di energia provenienti dal sole, dal vento, dalle maree non sono VALIDE ALTERNATIVE al gas e al petrolio? Lo sono eccome VALIDE ALTERNATIVE, caso mai NON SONO ANCORA SUFFICIENTI a soppiantare gas, petrolio e carbone, ma se aspettiamo che queste ultime si esauriscano prima di studiare altre VALIDE ALTERNATIVE, ALLORA SIAMO FRITTI.

Ma poi a pensarci bene, nell'antichità avevano bisogno del gas, del petrolio, del carbone? Vivevano, lavoravano, viaggiavano anche allora, in altra maniera rispetto alla nostra, ma  vivevano, lavoravano, viaggiavano.

Pensa che non lo potremo più fare sig etrusco? Io penso di si.

Al mio paese dicono: "quando l'acqua tocca il kul si impara a nodar"

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Ma poi a pensarci bene, nell'antichità avevano bisogno del gas, del petrolio, del carbone? Vivevano, lavoravano, viaggiavano anche allora, in altra maniera rispetto alla nostra, ma  vivevano, lavoravano, viaggiavano.

Pensa che non lo potremo più fare sig etrusco? Io penso di si.

Certo che è possibile, Cristoforo Colombo raggiunse l'America con le vele, però oggi ci sono milioni di viaggiatori che attraversano l'oceano  tutti con la vela? oppure poche centinaia di persone che viaggiano  con la vela e attraversano l'oceano e tutti gli altri che  rimangono a casa e non viaggiano più? per millenni la gente la notte ha illuminato con le lanterne a olio, possiamo benissimo tornare a quel tempo, oggi la gente vive molto a lungo, una volta l'età media era attorno ai trenta anni, possiamo tornare a quel tipo di vita? certo che è possibile, alcuni lo chiamano decrescita felice, altri la chiamano semplicemente decrescita senza mettere il termine "felice" i più onesti la chiamano semplicemente crisi e tornare indietro... energie alternative? certo che esistono, una volta la farina si macinava con i mulini a vento, ma la quantità di farina da macinare era poca, oggi c'è da dare da mangiare a miliardi di persone, tutto con i mulini a vento?  non ci prendiamo in giro, se le fonti di energia alternativa oggi disponibili fossero sufficienti, continuerebbero a fare le guerre per accaparrarsi i giacimenti?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/12/2019 in 15:20 , mark222220 ha scritto:

Lei decora sempre più . Se nota , in calce al mio post troverà e lettere maiuscole . Sono, sempreche’ il Teroldego  non le abbia procurato uno sbandamento oculare : GFT . Sa  a cosa si riferiscono ?  A Giuseppe Felice Turani .... ahahahahahaha , Sancio , servo , decoratore , disonesto e pure ...co@lione !! 

E chi mi dice che GFT non significhi Gas Ferrari Turbo ?

Quando si scopiazza qualcosa da qualcuno, meglio indicare il nome e cognome, non solo le iniziali.....

Altrimenti GFT = Gran Furbacchione Tappetaro .

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
26 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

Certo che è possibile, Cristoforo Colombo raggiunse l'America con le vele, però oggi ci sono milioni di viaggiatori che attraversano l'oceano  tutti con la vela? oppure poche centinaia di persone che viaggiano  con la vela e attraversano l'oceano e tutti gli altri che  rimangono a casa e non viaggiano più? per millenni la gente la notte ha illuminato con le lanterne a olio, possiamo benissimo tornare a quel tempo, oggi la gente vive molto a lungo, una volta l'età media era attorno ai trenta anni, possiamo tornare a quel tipo di vita? certo che è possibile, alcuni lo chiamano decrescita felice, altri la chiamano semplicemente decrescita senza mettere il termine "felice" i più onesti la chiamano semplicemente crisi e tornare indietro... energie alternative? certo che esistono, una volta la farina si macinava con i mulini a vento, ma la quantità di farina da macinare era poca, oggi c'è da dare da mangiare a miliardi di persone, tutto con i mulini a vento?  non ci prendiamo in giro, se le fonti di energia alternativa oggi disponibili fossero sufficienti, continuerebbero a fare le guerre per accaparrarsi i giacimenti?

Mia nonna campò centodue anni, ma ha sempre creduto che l'uomo non sia mai arrivato sulla luna. 

Quando vide la prima automobile, disse che una carrozza senza cavalli era certamente invenzione del diavolo.

Un mondo che viva di energia da fonti rinnovabili è un obiettivo che la scienza può perseguire. Non per domani o dopodomani, ma è possibile.

Certo se ci si adagia sul carbon fossile e sul petrolio non avremo mai un mondo più pulito e con qualche tumore polmonare in meno.

Fumate, fumate....il tabacco fa bene alla salute. Il gas di scarico delle vetture diesel anche.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, etrusco1900 ha scritto:

Certo che è possibile, Cristoforo Colombo raggiunse l'America con le vele, però oggi ci sono milioni di viaggiatori che attraversano l'oceano  tutti con la vela?

E perché non potrebbero esserci milioni di viaggiatori che attraversano l'oceano con la vela?

Bisogna per forza di cose aver fretta di attraversare gli oceani?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

E chi mi dice che GFT non significhi Gas Ferrari Turbo ?

Quando si scopiazza qualcosa da qualcuno, meglio indicare il nome e cognome, non solo le iniziali.....

Altrimenti GFT = Gran Furbacchione Tappetaro .

 

Giusto !! In futuro mi regolerò cosi.  Pensi, però’, che qualcuno copiaincolla senza nemmeno mettere le iniziali . Faccio comunque presente che mettere le iniziali alla fine di un post, gia’ di per se , indica , senza  farne il nome , che il post e’ stato tratto da un articolo pubblicato da altri.

 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora