Fisco si accanisce con donna malata che dopo la chemio compra una parrucca

Sara Recordati, giornalista, malata di tumore al seno, con una forma molto aggressiva,  è costretta a fare la chemio, perde tutti i capelli, compra una parrucca del costo di 300 euro, ma il Fisco le chiede delucidazioni sull'acquisto. Lei ha denunciato quello che le è accaduto al Corriere della sera

Sara ha iniziato la sua battaglia nel 2016, ha investito tutti i suoi risparmi nelle cure e dopo qualche tempo si è vista arrivare da parte del Fisco degli accertamenti. L'Agenzia delle Entrate le ha fatto recapitare una lettera in cui si chiede di giustificare la spesa della parrucca: "Mi chiedono  il certificato CEE della parrucca e una richiesta medica che giustifichi il fatto che ne avessi bisogno come “supporto in una condizione di grave disagio psicologico” perché ero rimasta senza capelli e non, per dire, per andare a una festa di carnevale», racconta la giornalista, scioccata da quello che le è accaduto."

Sara darà le delucidazioni richieste, ma dice che le piacerebbe chiedere alla persona che ha proceduto a richiedere l'accertamento cosa lo abbia spinto a una simile procedura: «Come fai a chiedermi come mai ho comprato la parrucca? Sembra veramente un caso di ottusità estrema che va a cozzare con una sensibilità ferita», afferma, e poi conclude: «avverto della cattiva fede nel sospettare che una donna che voglia truffare il Fisco per qualche decina di euro per una parrucca, dopo che ha fatto la chemioterapia».

Io credo che chi ha chiesto l'accertamento andrebbe licenziato in tronco... questo accanimento odioso su una donna malata, che se non ha conservato tutto dovrà pagare cosa?  Per recuperare cosa? Ma perfavore...   Forza Sara!
Che ne pensi?

Risultato immagini per sara recordati"

https://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/parrucca_malata_di_tumore_fisco_chiede_delucidazioni-4913678.html

Modificato da senzalenza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Ciao SenzaLenza da d/b e buon lunedì nove dicembre. Ho notato spesse volte la tua sensibilità verso i problemi del sociale. Le assurde assurdità della burocrazia. Sulla rubrica parallela (ge nio) ho più volte segnalato problemi simili. Nel settore della disabilità fisica vi sono diverse sbagliate progettazioni delle sedie a rotelle. Quando proponevo soluzioni diverse venivo criticato. Per fortuna nel Veneto vi sono strutture in grado di portare concretamente aiuto. (anffas, anglat, antares, ed altri ancora) e certi piccoli comuni. Ecco, importante segnalare che i piccoli comuni sono sensibili alle persone con difficoltà, ma i grossi comuni (oltre i cinquanta mila abitanti) si fanno un fischio dei problemi altrui. – ciao SenzaLenza e continua a tenerci informati di questi temi. Risponderò con piacere. Firmato un … manovale elettrico con l’hobby di pestare i piedi ai potenti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

fosse stata una parrucca da vip da qualche migliaia di euro posso capire….del resto perché il fisco non fa accertamenti a chi si compra occhiali d'oro e se li detrae come chi se li compra d'acciaio? occorre l'oro per correggere vista?

se poi qualcuno ce l'aveva su con questa giornalista e voleva farle vendetta, potrei capirne logica ma non morale. se nemmeno la vendetta, è prova della + profonda stupidità umana. io che lavoro in pubblica amministrazione garantisco che la peggior piaga non è la corruzione monetaria ma quella umana, la mania di far pagare e presentare le istanze due volte. tra questo episodio e le cartelle pazze non so che differenza ci sia, solo che questi funzionari non rischiano licenziamento ma addirittura vi portano gli altri. mentre chi è beccato con le mani nel sacco è stigmatizzato anche se è capo.

io ho lavorato con colleghi arrestati per mazzette ed erano brave persone, nn giustifico i fatti ma erano gli unici a collaborare e saper fare certe pratiche che mettono in tentazione. le persone oneste non si sporcano le mani, mandano avanti gli altri a sporcarsele salvo poi non aver pietà. i lavori con la cassa sono sempre stati da ebrei o giovani che si devono far gavetta.

dei miei capi arrestati in flagranza si rifiutavano di controllare umili camionisti che si rischiano la pelle per un minimo guadagno esistenziale, si assumevano loro responsabilità per rispettare chi si guadagna da vivere. e sarebbero malviventi da gogna? ripeto, non giustifico le mazzette ma queste sono conseguenze piuttosto che causa del cattivo andamento dello stato. e senza mazzettisti, nessuno farebbe certi lavori se non le mere teste di legno intoccabili che fanno solo pasticci. pratiche importanti date a disabili perché tanto non rischiano nulla e si riscattano salvando la pelle ai rispettabili onesti...

 

semmai, perché non leggete il mio post sulle donne sole? la società punisce le donne sole peggio di orchi carnefici delinquenti schizzofrenici.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, senzalenza ha scritto:

Sara Recordati, giornalista, malata di tumore al seno, con una forma molto aggressiva,  è costretta a fare la chemio, perde tutti i capelli, compra una parrucca del costo di 300 euro, ma il Fisco le chiede delucidazioni sull'acquisto. Lei ha denunciato quello che le è accaduto al Corriere della sera    etc etc...

Forza Sara!
Che ne pensi?

Risultato immagini per sara recordati"

https://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/parrucca_malata_di_tumore_fisco_chiede_delucidazioni-4913678.html

 tutto lo skifo possibile...  se nn erro i nostri mantenuti si son riconosciuti  tutti i privilegi possibili , cure comprese  ma ogni tanto c'é un/una tapino/a fiscale col convicimento ke x emergere basta far pipì fuori dal pitale nn pensando ke si bagneranno le scarpette quando, col modo giusto, bastava contattare la signora facendole presente ke, in qualità di dipendente, x passare l'acquisto, avrebbe avuto bisogno di un certificato da allegare alla spesa rendendosi gentile e risparmiandosi una figura di... diciamo melma...

quanto racconto nn ha la stessa gravità ma, tanto x capire in ke mani siamo: con la protesi al ginokkio van portate calze ortopedike, prima bianke (compatte, pesanti) poi color carne e specie in estate nn son piacevoli ma danno la sensazione della gamba + "ferma, sostenuta" xò, se smagliate ne vengono acquistate altre oltre l'anno dell'intervento, il costo nn si può detrarre. idem x detrarre il costo della cartella clinica: se entro l'anno, Ok altrimenti no.

tantissimi auguri signora Sara, ke vuo0l farci, la meskinità é anc'anno dell'intervento si detrae altrimenti no.ora in giro x il mondo.

Modificato da uvabianca111

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963