I giornalisti di oggi ...

L’altro ieri, a Piazza Pulita, Corrado Formigli non ha intervistato il leader di Italia Viva Matteo Renzi : gli ha puntato la lampada e lo ha interrogato sul caso Open Il volto contratto, la postura e il ghigno da pm, le domande di chi non ha alcun interesse a sapere cosa pensi o sappia l’altro, ma volte esclusivamente a incastrarlo, metterlo in cattiva luce, se possibile umiliarlo. Per sfortuna di Formigli, Renzi è bravino: si è sottratto abbastanza facilmente a questo gioco al massacro rispondendo per filo e per segno sul caso Open, e respingendo il metodo inquisitorio al mittente. Quasi tutta la tv oggi e’ costituita sul modello del processo . Giornalisti-PM, Opinionisti-Giudici, Spettatori-Giuria Popolare. Ciò e’ il cuore del populismo televisivo che in questi anni ha prodotto giornalisti capaci solo di perseguitare la “vittima” e nell’incalzarla per creare casi che hanno solo e soltanto il fine di procurare il linciaggio della persona coinvolta . La cosa buffa ma io direi vergognosa , e’ quando la “vittima” perde il suo aplomb per il trattamento riservato, diffamato con accuse false , ripetute ad ogni piè sospinto e si incaz.za.  Ed allora questi mestieranti dell’informazione invocano la “libertà di informazione” .  Ahahahaha !! Quale ?? Quella di far alzare il pipino ai Cazzari di Napoli ?? Per cosa , poi ?? Per vederselo ammosciare in maniera praticamente definitiva nel tempo ?? Mah  !!  Saluti 

lg.php?bannerid=25732&campaignid=6367&zo
  •  
  •  
  •  

 

 
Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

I giornalisti di oggi, erano anche quelli di ieri e saranno ancora per un certo tempo quelli di domani.

Se sono imparziali, devono fare le domande per mettere in difficoltà l'intervistato di dx o di sx, senza preoccuparsi delle critiche che riceverà successivamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

I giornalisti di oggi, erano anche quelli di ieri e saranno ancora per un certo tempo quelli di domani.

Se sono imparziali, devono fare le domande per mettere in difficoltà l'intervistato di dx o di sx, senza preoccuparsi delle critiche che riceverà successivamente.

 

E le sembra che nella recente intervista di Formigli a Renzi sia capitato questo ? A me no !! A me e’ sembrato che Formigli avesse un altro scopo . Dare una notizia , vera o falsa poco importa. L’importante che fosse involgarita ed  arricchita di morbose pruderie ad uso e consumo dei telespettatori . D’altra parte più si rimpallano , spesso , menzogne e volgaritá , e piú le rappresentazioni sono becere piú lo spettatore é istigato all'eccitazione. Per taluni pseudo giornalisti pluri querelati la diffamazione é lo strumento di gogna mediatica per eccellenza, il garantismo é stato gettato nel cesso e dalle colonne dei giornali e di molte televisioni si emettono sentenze senza appello. Ed  eventuali e successive rettifiche finiscono tra i necrologi. Purtroppo e’ un circo !! É il circo italiano degli intoccabili, se provi a scoperchiare i loro templi imbiacati si rivoltano e provano a farti fuori con ogni mezzo. Il protagonismo e la smania di potere di molti suoi esponenti , della carta stampata e delle tv, minano irrimediabilmente l’autorevolezza e la credibilitá di una corretta informazione . Perché e’  incapace  di riformarsi e, se messa in discussione , emette pubbliche reprimende per lesa maestá. Eppure avremmo bisogno di un paese normale, e di una politica orgogliosa, competente, capace e non serva in cui l’informazione corretta non dovrebbe essere l’eccezione ma la normalità . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se non parteggiasse per Leopoldino molto probabilmente in Formigli avrebbe visto un giornalista normale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

I giornalisti di oggi, erano anche quelli di ieri e saranno ancora per un certo tempo quelli di domani.

Se sono imparziali, devono fare le domande per mettere in difficoltà l'intervistato di dx o di sx, senza preoccuparsi delle critiche che riceverà successivamente.

Stavolta non condivido. Un tempo i grandi giornalisti si chiamavano Bocca, Biagi, Fallaci, Rossanda, Pasolini, Montanelli, Mafai.....

Oggi troneggiano in TV i Feltri, Belpietro, Giordano, Sallusti, Travaglio.

Capi di tifoseria di curva. Non giornalisti.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Se non parteggiasse per Leopoldino molto probabilmente in Formigli avrebbe visto un giornalista normale.

Non concordo del tutto, egregio. Il fazioso in questione, non essendo democratico (come può esserlo uno che sosteneva l'Italicum?) e non essendo di sinistra (questo è pacifico), ha una naturale propensione per i giornalisti (o pseudo tali) asserviti al potere. Per lui un giornalista è "normale" se si mette prono e si limita a reggere il microfono davanti a un politico come Renzi, ma anche come Salvini o Berlusconi.  Però è del tutto "anormale" se non aggredisce Di Maio o la Raggi o altri esponenti del M5S. Per noi, invece, i giornalisti seri e normali sono quelli con la schiena dritta, sempre. Il mio concittadino Corrado Formigli (scuola Santoro) giovedì ha avuto la schiena ben dritta. Ma non la ebbe sempre in passato, per esempio quando consentì a ospiti maleducati come Sgarbi e Pansa di insultare a ruota libera i 5stelle e il governo Conte. Era un po' di tempo che Formigli non intervistava il bugiardo di Rignano, dunque la sua prima domanda è stata la più ovvia e normale: "Lei è ancora in politica? Ma non ci aveva promesso di abbandonarla?". Seguita dal lungo e preciso elenco, completo di date, di tutte le volte che il pinocchio aveva promesso: "Se perdo il referendum lascio la politica". Certo l'ex caudillo è abituato a ben altri intervistatori, tipo quelli proni e appecoriti dei tg di Telerenzi (la Rai dell'epoca) nei quali l'allora premier irrompeva a suo piacimento per farsi un comizio gratis (cioè a spese degli abbonati) in prima serata. O come il prono Ezio Mauro che nella prima intervista rilasciata dall'ex premier dopo la batosta referendaria (gennaio 2017) alla prima domanda gli chiese banalmente quanto quella "sventola" gli bruciasse; e alla seconda, come un servo sciocco che finge di non avere mai creduto a una promessa scomoda rimangiata dal suo padrone, gli chiese: "Davvero ha pensato di lasciare la politica?". Proviamo a immaginare cosa avrebbe invece chiesto un giornalista della BBC a un ex premier britannico che si fosse trovato in un caso analogo. Gli avrebbe chiesto: "Scusi, ma non si vergogna nemmeno un po' di essersi rimangiato una promessa così impegnativa e più volte ripetuta? Non sente almeno il bisogno e il DOVERE di chiedere scusa al popolo sovrano?". Giovedì sera Renzi è parso in chiara difficoltà. Ha tentato di evadere le domande scomode interrompendo l'intervistatore o cambiando argomento o facendo battute. Tutto secondo il suo stile, ma Formigli gli ha dato poco spago. La cosa più divertente che ha detto è stata questa: "All'estero mi pagano per fare conferenze, mentre mia moglie mi pagherebbe per stare zitto". Dove la parte divertente è la prima: io trovo comico che ci sia qualcuno disposto a versare qualche decina di migliaia di dollari per mettere un simile venditore di tappeti (come lo definì Brunetta) davanti a un microfono. In effetti noi italiani conosciamo Renzi molto meno di quanto lo conosce sua moglie ma molto più degli stranieri; e non è un caso che nessuno, che io sappia, lo paghi a quelle cifre per fare conferenze qui in Italia. Al massimo, gli daranno un rimborso spese. In compenso, nel paese di Pulcinella ci sono politici a caccia di candidature (vedasi l'on. Librandi) e imprenditori generosi che versano discrete sommette alle fondazioni del nostro conferenziere d'esportazione. E non per sentirlo parlare, a quanto sembra, ma per farsi ascoltare da lui. Chissà cosa avranno di tanto importante da chiedergli.  Alcuni di questi signori (Carrai, Romeo, Librandi) li abbiamo visti, sempre giovedì sera, subito dopo l'intervista, inseguiti dagli inviati di Piazza Pulita. L'impressione che ne ho ricavato io, molto netta anche se ovviamente potrei sbagliarmi, è stata questa: è gente che non vorrei proprio avere come vicini di casa, meglio ancora non averci mai nulla a che fare. 

Saluti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Devo essere sincero . Oramai alle soglie del 2020, sentire ancora pronunciate le idiozie come quelle del Cazzaro di Napoli e’ sconvolgente . Se vivessimo in un Paese normale , le parole del Pulcinella partenopeo , darebbero, immediatamente , origine ai seguenti provvedimenti 1) Alienazione immediata della patria potestà verso i figli minori ( se presenti). 2) Ritiro immediato della tessera elettorale con un Daspo decennale nei giorni in cui sono aperti i seggi elettorali per un qualsiasi tipo di consultazione . 3) Serio monitoraggio della salute ed igiene della sua condizione psicofisica da effettuarsi ad intervalli non superiori di mesi 2 e giorni 15.  Ora , lasciando perdere la sua melensa e stantia polemica sull’abbandono di Renzi dalla politica , polemica che a distanza di quasi 4 anni , solo un idio ta ed in precarie condizioni di salute mentale può continuare a ripetere e senza , al limite , rammentarci quelle molto più “odierne “ dei suoi beniamini scappati da casa a 5 stelle ( Di Maio :” mai un governo con il PD , un partito che fa l’elettrioschoc ai bambini di Bibbiano per strapparli ai genitori”. Dibbattista :” Se il M5S dovesse fare un governo alleandosi con qualcuno , abbandonerei immediatamente il Movimento” ), vorrei rammentare per l’ennesima volta che Renzi , ad oggi ed a partire dal dopoguerra , e’ l’unico politico che a distanza di ore 1 e minuti 30 dall’esito del risultato delle elezioni si e’ dimesso dalla carica di Presidente del Consiglio e da Segretario del PD mentre circa l’abbandono dalla politica e’ evidente che ha cambiato idea ( come l’hanno cambiata , la cambiano e la cambieranno centinaia di politici , nda ) ma in questo spinto da migliaia di militanti del PD ( unico soggetto a cui doveva rendere conto ) che hanno voluto la sua ricandidatura a segretario del PD tramite le primarie che , peraltro , vinse con il 70% dei voti utili espressi da 2.000.000 di militanti e simpatizzanti del PD.  Ma proseguiamo : e’ evidente che al Cazzaro di Napoli piacciono le interviste come quella di Formigli dell’altra sera . L’Ebe te partenopeo e’ un aficionado del magistrato  Davigo , un tizio che afferma che chi viene assolto in un processo non e’ innocente bensì un colpevole per cui non sono state trovate le prove. Il Cazzaro di Napoli e’ pure un fedele divinatore del celeberrimo pluricondannato e quindi pluripregiuducato Travaglio Calandrino Marco , un tizio a cui basta un semplicissimo avviso di garanzia rivolto ad un componente di un suo avversario politico per emettere un verdetto di colpevolezza ed a cui , da lui testualmente affermato , dovrebbe essere pure negato prima l’appello e poi il terzo grado . Termino: egregi forumisti , leggete i nomi di coloro che il Cazzaro di Napoli cita nel suo post e che fa apparire come il Mago Otelma come delunquenti e propensi al crimine di ogni genere e tipo. Sono : Renzi , Carrai , Lotti e Librandi. Bene , queste 4 persone fatte passare dal Cazzaro napoletano come propensi al crimine , hanno accumulato, ad oggi, anni 0 e mesi 0 di condanne . Questo e’ il Cazzaro Napoletano Fosforo 311 volte pezzodimmerda assoluto . Meditate gente ...meditate !! Voi , uno così , lo vorreste come inquilino del vostro condominio ?? 

 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Devo essere sincero . Oramai alle soglie del 2020, sentire ancora pronunciate le idiozie come quelle del Cazzaro di Napoli e’ sconvolgente . Se vivessimo in un Paese normale , le parole del Pulcinella partenopeo , darebbero, immediatamente , origine ai seguenti provvedimenti 1) Alienazione immediata della patria potestà verso i figli minori ( se presenti). 2) Ritiro immediato della tessera elettorale con un Daspo decennale nei giorni in cui sono aperti i seggi elettorali per un qualsiasi tipo di consultazione . 3) Serio monitoraggio della salute ed igiene della sua condizione psicofisica da effettuarsi ad intervalli non superiori di mesi 2 e giorni 15.  Ora , lasciando perdere la sua melensa e stantia polemica sull’abbandono di Renzi dalla politica , polemica che a distanza di quasi 4 anni , solo un idio ta ed in precarie condizioni di salute mentale può continuare a ripetere e senza , al limite , rammentarci quelle molto più “odierne “ dei suoi beniamini scappati da casa a 5 stelle ( Di Maio :” mai un governo con il PD , un partito che fa l’elettrioschoc ai bambini di Bibbiano per strapparli ai genitori”. Dibbattista :” Se il M5S dovesse fare un governo alleandosi con qualcuno , abbandonerei immediatamente il Movimento” ), vorrei rammentare per l’ennesima volta che Renzi , ad oggi ed a partire dal dopoguerra , e’ l’unico politico che a distanza di ore 1 e minuti 30 dall’esito del risultato delle elezioni si e’ dimesso dalla carica di Presidente del Consiglio e da Segretario del PD mentre circa l’abbandono dalla politica e’ evidente che ha cambiato idea ( come l’hanno cambiata , la cambiano e la cambieranno centinaia di politici , nda ) ma in questo spinto da migliaia di militanti del PD ( unico soggetto a cui doveva rendere conto ) che hanno voluto la sua ricandidatura a segretario del PD tramite le primarie che , peraltro , vinse con il 70% dei voti utili espressi da 2.000.000 di militanti e simpatizzanti del PD.  Ma proseguiamo : e’ evidente che al Cazzaro di Napoli piacciono le interviste come quella di Formigli dell’altra sera . L’Ebe te partenopeo e’ un aficionado del magistrato  Davigo , un tizio che afferma che chi viene assolto in un processo non e’ innocente bensì un colpevole per cui non sono state trovate le prove. Il Cazzaro di Napoli e’ pure un fedele divinatore del celeberrimo pluricondannato e quindi pluripregiuducato Travaglio Calandrino Marco , un tizio a cui basta un semplicissimo avviso di garanzia rivolto ad un componente di un suo avversario politico per emettere un verdetto di colpevolezza ed a cui , da lui testualmente affermato , dovrebbe essere pure negato prima l’appello e poi il terzo grado . Termino: egregi forumisti , leggete i nomi di coloro che il Cazzaro di Napoli cita nel suo post e che fa apparire come il Mago Otelma come delunquenti e propensi al crimine di ogni genere e tipo. Sono : Renzi , Carrai , Lotti e Librandi. Bene , queste 4 persone fatte passare dal Cazzaro napoletano come propensi al crimine , hanno accumulato, ad oggi, anni 0 e mesi 0 di condanne . Questo e’ il Cazzaro Napoletano Fosforo 311 volte pezzodimmerda assoluto . Meditate gente ...meditate !! Voi , uno così , lo vorreste come inquilino del vostro condominio ?? 

 

Il magistrato Davigo disse cosa intelligentissima. Se il tuo vicino di casa riceve un avviso di garanzia per p.edo-filia, tu devi ritenerlo innocente sino a sentenza passata in giudicato.

Ma gli affideresti la tua figliola da accompagnare all'asilo ?

Così un politico che riceve un avviso di garanzia, è bene che - da innocente - faccia un passo indietro dalla politica e si difenda nel processo ( e non dal processo, come faceva il piduista di Arcore ).

Modificato da cortomaltese-im

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963