Il 4 Dicembre : giornata triste e negativa !!


Il 4 dicembre, ricorrono due anniversari che voglio ricordare , insieme, perché segnano entrambi due avvenimenti tristi per il nostro Paese. Quello più recente è la sconfitta, nel 2016, del Sì referendum costituzionale, che vide l’alleanza di tutti i conservatori, di destra e di sinistra, tagliare le gambe alla modernizzazione dell’Italia che si avviava a superare le vecchie incrostazioni, dando il via alla rimonta della destra che proprio dall’indomani  di quella sconfitta ha iniziato a rialzare la testa ed essere quella che e’ ai giorni nostri e tanti auguri e saluti a Cazzari Napoletani ed archibugiatori brindanti. 
Il 4 dicembre del 1999 moriva Nilde Jotti, una donna eccezionale, che ha speso la sua vita lottando per la liberazione delle donne e per l’affermazione della democrazia nel nostro Paese. Combattendo sempre contro ogni conservatorismo e ogni pregiudizio a partire dalla propria vita, non solo politica, ma sentimentale e facendolo a testa alta. Se il giorno del 4 dicembre del 2016 fosse stata ancora viva avrebbe votato SI . Me la ricordo ad un incontro con noi studenti alla Sapienza di Pisa che lascio’ tutti di stucco per la chiarezza e  la lucidità con cui catturo’ per oltre 2 ore , in una Aula Magna straboccante , l’attenzione di tutti . Avevi ragione tu, Nilde. Avevi ragione nel dirci che la sinistra doveva superare l’archetipo della sinistra del passato , confrontarsi anche con coloro che fino ad ora erano considerati “nemici” . Proporre idee nuove e disancorarsi dal passato respingendo quel che definì il male della sx :Il settarismo . 
Quel suo discorso lo ricordo ancora molto bene ed e’ proprio per quello che  deduco che il 4 dicembre del 2016 avrebbe votato Sì . E magari lo avrebbe fatto esercitando  lucidità e pazienza, virtù rivoluzionarie, nei confronti del giovane “impaziente e intemperante” Renzi. Anche lei subì, tra le altre, la critica di essere antipatica, ma io preferisco ricordare lei che la Resistenza l’aveva fatta davvero , che aveva contribuito a liberare l’Italia sul campo rischiando la vita sul serio , che qualche parruccone da 20.000 euro al mese che con il kulo al caldo in un ufficio universitario parlano di democrazia senza aver mai mosso una chiappa per conquistarla . Ecco , questi qua li ringrazino i Cazzari di ogni genere e titolo , io , se permettete , dico grazie a Nilde. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Chissà perché gli uomini (e le donne) vengono fatti "santi" dopo la loro morte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963