scuola radio elettra torino

 

Volete mettere il fascino e la nostalgia vintage della radio a valvole del nonno.

Quanti di voi hanno frequentato i corsi della Scuola Radio Elettra di Torino.

Ma andiamo con ordine partendo dalle origini.La S.R.E. nasce per iniziativa di Vittorio Veglia (laureato in chimica) e Tomasz Carver Paszkowski (ingegnere polacco stabilitosi in Italia nel 1947). La leggenda narra che i due abbiano avuto l’idea di mettere in piedi una scuola di formazione professionale per corrispondenza dopo aver facilmente riparato una radio.

Interessanti erano anche i libri / manuali scritti da Ravalico / Terenzi editi da Hoepli.

Interessanti diversi siti internet, il più importante è “radiopistoia” / “radiocorriere” con numerosi ricordi storici sia tecnici che fotografici. Interessanti anche i vari siti gemelli ai quali si può accedere direttamente partendo proprio da questo sito base.

Oppure il museo di Bologna Gianni Pelagalli dedicato proprio al settore radio, comunicazione, multimedialità. Ed anche il museo Luciano Nicolis di Villafranca Veronese di interesse generale.

Buona consultazione ed un cordiale saluto da – d/b –

Oggi mercoledì quattro dicembre. 

 

           

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Ricordo le pubblicità di Radio Elettra, in un paese contadino si stavano diffondendo anche nelle classi popolari la radio e la televisione, semplici apparecchi a valvole che ovviamente si guastavano e occorreva costituire nel paese , anche nell'interesse delle industrie che producevano e vendevano questi apparecchi,  una rete di laboratori di riparatori che sapessero mettere le mani su un apparecchio tv per aggiustarlo...  ricordo quando arrivò la televisione a colori la "disperazione" se si può usare questo termine, di un vecchio riparatore di televisori che aveva imparato con l'autoapprendimento a riparare i vecchi televisori in bianco e nero a valvole e che temeva di non sapere mettere le mani sui nuovi televisori a colori fatti con i transitor anziché con le vecchie valvole..

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oltre ai già citati musei di Bologna (Gianni Pelagalli) e di Villafranca Veronese (Luciano Nicolis) – vi è il museo della illuminazione (sogno di luce dedicato ad Alessandro Cruto) che si trova ad Alpignano Torino. Da ricordare che Alessandro Cruto ha preceduto Edison nella costruzione delle lampade ad incandescenza con filamento metallico. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono molti i casi di invenzioni Italiane scippate da altri, basti pensare a  Antonio Meucci inventore de telefono che invece vide la sua invenzione assegnata a Alexander Bell  oppure all'invenzione del motore a scoppio da parte di padre Eugenio Barsanti 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bravo Etrusco, hai fatto bene a ricordare Barsanti e Matteucci per il motore endotermico. Meucci per il telefono, poi copiato da Bell. Pacinotti per la dinamo, poi copiata da Edison. Per fortuna il trasformatore, l'alternatore, i circuiti accoppiati induttanza / capacità (adoperati nei sintonizzatori radio) sono rimasti a Tesla, anche se Edison cercava di farli propri. - Bravo Etrusco, proviamo a fare un elenco quante idee italiane hanno cercato di copiarci. Speriamo si aggreghi anche Mylord che da molto manca in collegamento.

Cordiali saluti a tutti – settantatré cinquantuno – rinnovato da d/b.- 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora