ATTENTI AL MES ! SI MA LA COLPA E' DI CHI ?...

7 messaggi in questa discussione

L'ex ministro Tria smentisce salvini: "ho sottoscritto la riforma del Mes a giugno." Perchè allora il salvini non starnazzò nulla?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chissà  come   mai  ascoltano  e  ha  più  credito  le  balle  raccontate  dal  becero celoduro.  Lui  a  giugno  dove  era  ?   Ah  si   al  papeete  a  bere  mojito...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Poco fa Conte alla Camera dei deputati ha ricostruito con precisione e puntualità tutta la vicenda sul MES. Fancendo fare l ennesima figuraccia a Salvini. Lo ha fatto citando fatti e atti parlamentari e di come la Lega Nord Padani ,sapeva tutto e non si è opposta, anzi ne ha parlato benissimo. Stessa cosa dicasi per la Meloni . Nei vari passaggi parlamentari mai una volta la Giorgia nazionale era presente in aula al momento della discussione e nessuno del suo partito ha mosso critiche al meccanismo. Sono i soliti , non cambiano mai , spostano l attenzione dai migranti ai temi economici , tentando di terrorizzare gli italiani. Meloni e Salvini sono i veri nemici della patria .
 
L'immagine può contenere: 1 persona, barba e testo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la colpa probabilmente e' anche colpa di Salvini ma questo non deve giustificare l'approvazione di un trattato che strangolerebbe e indebiterebbe per sempre la nostra economia, se questi politici hanno sbagliato le forze in carica attualmente hanno la possibilita' di correggere questo errore e non devono approvarlo. Qua si spiega perfettamente il meccanismo del MES e il danno che ci arrecherebbe

https://www.imolaoggi.it/2019/11/29/il-ladrocinio-del-mes-spiegato-bene/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, attentialmes ha scritto:

la colpa probabilmente e' anche colpa di Salvini ma questo non deve giustificare l'approvazione di un trattato che strangolerebbe e indebiterebbe per sempre la nostra economia, se questi politici hanno sbagliato le forze in carica attualmente hanno la possibilita' di correggere questo errore e non devono approvarlo. Qua si spiega perfettamente il meccanismo del MES e il danno che ci arrecherebbe

https://www.imolaoggi.it/2019/11/29/il-ladrocinio-del-mes-spiegato-bene/

 Il MES fa parte di un complotto plutogiudaico massonico guidato dalla svedesina Greta e da Papa Francesco.

Chi non sa le relazioni millenarie tra cattolicesimo, giudaismo e massoneria?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, attentialmes ha scritto:

la colpa probabilmente e' anche colpa di Salvini ma questo non deve giustificare l'approvazione di un trattato che strangolerebbe e indebiterebbe per sempre la nostra economia, se questi politici hanno sbagliato le forze in carica attualmente hanno la possibilita' di correggere questo errore e non devono approvarlo. Qua si spiega perfettamente il meccanismo del MES e il danno che ci arrecherebbe

https://www.imolaoggi.it/2019/11/29/il-ladrocinio-del-mes-spiegato-bene/

Imola   oggi   ?  attendibile  come  la  verginità  della  ***  ( cic   cio lina  ) senza   offesa  alla  stessa.

L'ex ministro Tria smentisce salvini: "ho sottoscritto la riforma del Mes a giugno." Perchè allora il salvini e la  meloni non starnazzarono  nulla?

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E sul MES va in scena l’ennesimo schiaffo di Conte a Salvini
Il secondo atto del “duello” fra Conte e Salvini termina con una vittoria “no contest” del Presidente del Consiglio. Che ha linearmente difeso un (discutibile) percorso avviato quando al governo c’erano anche i leghisti. Di contro Salvini ha messo sul piatto slogan e propaganda. Glissando allegramente sulle sue responsabilità e su quelle dei suoi colleghi della Lega.

POLITICA ITALIANA 2 DICEMBRE 2019  18:14di Adriano Biondi

Fare il Presidente del Consiglio in questo contesto e con questa situazione politica è compito immane e probabilmente anche impossibile da portare a termine in maniera soddisfacente. Soprattutto se a sostenerti ci sono partiti che, per ragioni diverse, tutto avrebbero voluto tranne che stare insieme al governo del Paese. Essere Giuseppe Conte, insomma, non è semplice, date le contingenze e l’assenza di prospettive di lungo periodo. Non oggi, però.

Perché sul MES Meloni, Salvini e lo stesso Di Maio (il convitato di pietra di alcuni passaggi del suo intervento) gli hanno fornito un assist comodo, impossibile da sbagliare, imbastendo una polemica che definire ridicola appare oltremodo riduttivo. Attenzione, non per la questione in sé, su cui appare del tutto legittimo avere opinioni di diverso tipo ed esplicitare preoccupazioni (più o meno condivisibili) sull'approdo finale del percorso di riscrittura del trattato. Ma per le modalità, la genesi e le responsabilità con cui si è determinata la situazione attuale.

Nel suo lungo intervento alla Camera dei deputati, infatti, Conte ha avuto buon gioco nel descrivere il MES come una forma di assicurazione necessaria dal rischio di contagio, nata dall'esperienza tragica della grande crisi dei titoli sovrani e non costruita da qualche Paese a scapito degli altri. È stato piuttosto semplice ricordare come vi sia un elemento di mutuo soccorso alla base dell’idea del MES, ribadendo non solo che l’Italia non ha mai avuto bisogno di far ricorso al MES, ma che la situazione complessiva non lascia affatto presagire che possa essere costretta a farlo nel breve e medio periodo. Ha avuto la strada spianata per spiegare come l’Italia sia il terzo contributore del Meccanismo europeo di stabilità, con 14,3 miliardi di euro già versati e oltre 125 miliardi sottoscritti, dunque abbia un peso negoziale molto forte in ambito europeo. E soprattutto, è riuscito senza difficoltà a presentarsi come il garante della svolta “complessiva” dell’Unione, come colui che più ha spinto nei mesi scorsi perché fossero accolte le preoccupazioni e le richieste dell’Italia, in particolare sull'approccio di “pacchetto” e sulla necessità di virare verso percorsi sistemici (che includano anche l’accelerazione verso l’unione bancaria) e la piena integrazione dei mercati.

Pur in presenza di una riforma discutibile sotto molti punti di vista (con preoccupazioni che arrivano da più parti), il Presidente del Consiglio è riuscito a presentarsi come un politico credibile, responsabile. O almeno dal pensiero coerente e non schizofrenico. È bastato ricordare i 4 appuntamenti parlamentari in cui si è discusso della revisione del MES, le innumerevoli volte che Salvini e i suoi hanno avuto la possibilità di dire mezza parola sull'indirizzo politico del governo di cui facevano parte (e che in larga parte controllavano), le decine di occasioni in cui quelli che ora sono sulle barricate contro il MES avrebbero potuto farsi sentire e far pesare i loro voti.

Di contro Salvini ha messo sul piatto slogan e propaganda. Glissando allegramente sulle sue responsabilità e su quelle dei suoi colleghi della Lega ai tempi del Conte I. E dando vita a una caciara inutile e anche piuttosto deprimente , visto che ormai le aule parlamentari sembrano essere diventate il set di un reality show di secondo piano.

continua su: https://www.fanpage.it/politica/e-sul-mes-va-in-scena-lennesimo-schiaffo-di-conte-a-salvini/
http://www.fanpage.it/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963