Storie di quasi storia ovvero favole

ENZO JANNACCI

 

Una canzone quando capita.

 

Nazional popolare.

 

Enzo Jannacci non era solo un cantante, un cantautore, uno show man, no, Enzo Jannacci era anche un narratore, nelle sue canzoni raccontava con aria stralunata e una sottile ironia di quell'Italia del boom economico, quell'Italia uscita dalla guerra e ancora con le pezze al k.u.l.o, che molti si rifiutavano di vedere ne tanto meno di raccontare. Così riempiva le sue canzoni di malinconia di sfaccettature di vita anonima, dimenticata, con grande amore e sagacia e raccontava quella storia di serie “b” che molti, tutti si rifiutavano di raccontare. Proprio per questo il “nazional popolare” che non vuole essere una definizione riduttiva ma un elogio alla sua grande capacità di saper cogliere emozioni di vita nelle strade, fra la gente, nei fatti di tutti i giorni, il più delle volte ignorate.

 

 

Soldato Nencini

 

Soldato Nencini, soldato d'Italia

semianalfabeta, schedato: "***",

l'han messo a Alessandria perché c'è più nebbia...


 

L'inizio di una storia banale ironica come tutte le sue canzoni, ma carica di tristezza e malinconia ma poi... siamo sicuri che sia proprio così “banale”?


 

L'Italia era appena uscita uscita da una guerra disastrosa, a voler considerare bene le cose da due guerre disastrose, la prima che aveva cancellato buona parte della popolazione maschile del paese, la seconda dopo alcune campagne coloniali non proprio esaltanti, aveva provveduto a dare il colpo di grazia ad un paese già in difficoltà, piegandolo sulle ginocchia. Da poco era iniziata la faticosa ricostruzione, il nord si stava risollevando, fabbriche cantieri sorgevano un po' ovunque, il sud però come sempre, a causa delle pessime gestioni, sia precedenti che quelle di quegli anni arrancava faticosamente. I politici se ne resero conto, occorreva fare qualche cosa, e giunsero alla brillante soluzione, investire nella ricostruzione e nell'ammodernamento di quelle parte del paese?

No e quando mai, ci volevano i soldi e i soldi servivano a loro, quindi? Soluzione lapalissiana, spedire al nord per il servizio militare i giovani del sud, così avrebbero cominciato ad ambientarsi conoscere i posti, vedere le opportunità che offrivano e poi tornarci finita la ferma per cercare lavoro, e spedire i giovani del nord al sud, beh qui le ragioni erano piuttosto nebulose o di semplice necessità, considerando il fatto che fatto che al nord non c'era più posto e poi avrebbero potuto tornarci in un lontano futuro magari come turisti (più tardi avrebbero operato con lo stesso metodo anche con i dipendenti pubblici ma con una direzione a senso unico). L'operazione riuscì secondo l'opinione di alcuni, meno secondo le opinioni di altri e di certo non servì a risollevare il sud dalle sue precarie condizioni. Sta di fatto che dopo alcuni anni le migrazioni da nord a sud presero proporzioni gigantesche, i posti di lavoro disponibili nelle fabbriche, la richiesta di mano d'opera, il sogno di una vita migliore, spinse molti meridionali a prendere la via del nord, privando il sud di quei lavoratori che ben indirizzati avrebbero potuto dare un contributo notevole alla crescita di quelle regioni. Fu così che iniziò una transumanza a senso unico dal sud al nord, come un gregge in movimento continuo, solo che ad accompagnarne e a dirigere il gregge non c'erano cani da pastore, ma bensì lupi, *** da agnelli. Beh se vogliano essere onesti qualche buon cane da pastore a accompagnare quel gregge c'è anche stato. Ha invaso il mondo con le sua macchine da scrivere e la sua industria era un fiore all'occhiello del paese un esempio al mondo per efficienza e tecnologia ma non solo, anche di uguaglianza, umanità e democrazia. Ma, hai detto era, poi cose è successo? La storia la conoscete tutti poi... poi è arrivato l'ingegnere. Uno dei lupi? No, un parente prossimo, della famiglia degli sciacalli.


 

Chiedo umilmente scusa ai canidi e agli ovini per l'irriverente accostamento.

 

https://www.youtube.com/watch?v=PmIIfEgUBWw

Modificato da refusi
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

                      " ma bensì lupi, *** da ......"             :(

Virgilio va bene la censura ma vediamo di non essere bigottiiiiiiiiiiiiiiiiiiii (e i.m.b.e.c.i.l.l.i)

 

ma  bensì lupi. T.R.A.V.E.S.T.I.T.I da.....

 

che diamine ce l'avete un dizionario delle lingua italiana? Sì? Bene allora dovrste dare un occhiata alla voce in capitolo e forse arriverete a capire il significato reale del termine, perché l'altro quello che voi immaginate è solo dentro la vostra testa e nella vostra malafede.

 

ops........... mi sono perso anche l'altra censura quella inerente al testo della camzone...

 

Soldato Nencini, soldato d'Italia

semianalfabeta, schedato: "***",

t.e.r.r.o.n.e

 

Modificato da refusi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora