Ponte Morandi "A RISCHIO CROLLO", il governo lo sapeva fin dal 2015, Renzi e Delrio rispondano

11 minuti fa, pm610 ha scritto:

un  altro   pifferaio  magico sempre  con  lo sfintere  sfondato per  troppo  uso...

guarda che post ho creato! stai attento che con me parti male in partenza, io so' piu' cose di te e la tua gente messa insieme non farmi raccontare tutto il marcio che c'e' dietro a te e al pd che se no non mi ferma piu' nessuno, stai buono e a cuccia fidati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

28 messaggi in questa discussione

6 ore fa, gioprando ha scritto:

guarda che post ho creato! stai attento che con me parti male in partenza, io so' piu' cose di te e la tua gente messa insieme non farmi raccontare tutto il marcio che c'e' dietro a te e al pd che se no non mi ferma piu' nessuno, stai buono e a cuccia fidati

Io mi fido sig gioprando, sveli il marcio una buona volta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Si profila una faccenda grave, molto grave. Uno scoop di Repubblica oggi rivela un documento segreto della Società Autostrade (Atlantia, famiglia Benetton) sequestrato dalla GdF. È un rapporto tecnico del 2014, stilato da ingegneri, in cui per la prima volta si metteva nero su bianco che il ponte Morandi di Genova era "a rischio crollo". Diagnosi che, di norma, comporterebbe l'immediata chiusura al traffico della struttura. Ma viene ignorata. Solo un anno dopo, 2015, il rapporto viene discusso in un cda della Società, alla presenza di un rappresentante del ministero dei Trasporti. Il governo Renzi e il ministro Delrio, dunque,  secondo Repubblica, sapevano. Non viene presa nessuna misura concreta e immediata. Nel 2015 vanno fuori uso pure i sensori che monitoravano la staticità del ponte. Nel 2017 con una edulcorazione all'italiana il "rischio crollo" viene declassato modificando la dicitura in "rischio di perdita di stabilità", status tecnicamente ben diverso che comporta solo una limitazione del traffico. Ma a posteriori possiamo purtroppo affermare che le condizioni della struttura non potevano essere migliorate nel 2017 rispetto al 2014. Sta di fatto che i lavori di rinforzo e manutenzione straordinaria vengono rinviati all'autunno 2018.  Il ponte Morandi crolla il 14 agosto 2018, 43 morti. C'era tutto il tempo per evitare la tragedia. Non solo Atlantia e i Benetton ma anche Renzi e Delrio DEVONO dare delle spiegazioni. 

https://www.fanpage.it/attualita/ponte-morandi-a-rischio-crollo-dal-2014-il-documento-ignorato-da-atlantia/

Beh , insomma , poteva esserci anche un minimo dubbio che il rientrante Cazzaro di Napoli , non avesse potuto “festeggiare “ il suo rientro sul forum ( dopo esserne  stato antidemocraticamente , dice lui , espulso dallo stesso forum ) con una delle sue solite caga te ?? Certo che no !! Quindi , secondo il Cazzaro di Napoli , poiché ad un consiglio di amministrazione dell’Aspi partecipo’ un incaricato del Ministero (cosa non del tutto vera in quanto era solo un rappresentante sindacale del Mit ) e che in quella occasione fu stabilito ( sempre secondo il Cazzaro partenopeo ma la cosa non e’ vera , nda), che il Ponte Morandi era a rischio crollo , Sia il ministro competente Del Rio e sia il Presidente del Consiglio dell’epoca , Renzi ( e chi sennò ) , sono di fatto responsabili del crollo perché pur a conoscenza del fatto non misero in atto ( sempre secondo il Cazzaro napoletano ) le misure necessarie affinché fosse evitata la tragedia .  Detto ed acquisito che questa informazione deve essere stata comunicata al Cazzaro in una seduta spiritica in onore di San Gennaro ed a cui partecipo’ il Cazzaro stesso per avere dal santo qualche numero da giocare al *** , l’idio ta campano (così era e così si ripresenta sulla scena forumista dopo la sceneggiata della sua esclusione , nda)” dimentica” di dire l’unica cosa che , se l’avesse detta , farebbe saltare in aria totalmente il teorema che solo un ebete può pensare , ovvero : che Renzi e Del Rio , pur sapendo che il ponte Morandi sarebbe potuto crollare da lì a qualche mese , non hanno fatto niente per impedirlo . Questo e’ il teorema che il Cazzaro cerca di instillare nelle menti degli storioni che ancora credono che il Cazzaro sia una persona per bene . In realtà le cose avvennero in modo diverso e , come sempre , mi tocca ristabilire la verità . Quella verità che il Pulcinella Campano strazia ad ogni piè sospinto . E’ sicuramente vero che in occasione del Consiglio di Amministrazione di Aspi partecipò anche un rappresentante del Mit . Alla fine di questo consiglio di amministrazione venne redatto un documento dove il CDA definì e classifico’ come “basso rischio” la situazione del Ponte Morandi. E quel documento e’ l’unica cosa che conta . Questo e’ , questo rimane e questo fu quel che l’incaricato del Mit registro’ e riporto’ a chi di dovere . Punto !! Si respinge quindi la cervellotica teoria del Cazzaro di Napoli circa il suo tentativo di voler coinvolgere i signori Renzi e Del Rio tra i responsabili. Dopodiché sta e starà alla Magustrstura stabilire se quel documento fu il frutto di un ingannevole paradigma atto a non intervenire per tempo onde evitare quel che poi e’ tragicamente successo . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963