Arcelor - Mittal

Se ci si imbarcherà, come è possibile, in una causa miliardaria dello Stato contro ArcelorMittal, ma nel frattempo non si riuscisse a trovare un nuovo investitore in grado di impiegare subito miliardi di euro, per dare , contemporaneamente ,  continuità alla produzione e portare a termine il piano di risanamento ambientale, non vedo altra via d’uscita che un intervento dello Stato sotto una qualche forma transitoria da definire.
L’obbiettivo è solo uno: risanare davvero l’azienda, in sicurezza per i lavoratori e i cittadini, per tornare a cercare un compratore affidabile nel mercato, perché aziende in perdita non se le accolla nessun investitore. Soprattutto di questi tempi e in questo quadro internazionale. Se questa transizione fosse l’unica via d’uscita, occorrerà affidare l’ex Ilva ad un commissario ,  manager di altissimo profilo professionale.  Che dire ,  un Marchionne dell'acciaio , da cercare, se necessario, anche all’estero e nel “privato”, senza lasciare spazio alla contrattazione politica dei curricola.  In questa emergenza sarebbe inutile e dannoso inchiodarsi alle ideologie su statalismo o non statalismo. Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

18 messaggi in questa discussione

1 minuto fa, mark222220 ha scritto:

Se ci si imbarcherà, come è possibile, in una causa miliardaria dello Stato contro ArcelorMittal, ma nel frattempo non si riuscisse a trovare un nuovo investitore in grado di impiegare subito miliardi di euro, per dare , contemporaneamente ,  continuità alla produzione e portare a termine il piano di risanamento ambientale, non vedo altra via d’uscita che un intervento dello Stato sotto una qualche forma transitoria da definire.
L’obbiettivo è solo uno: risanare davvero l’azienda, in sicurezza per i lavoratori e i cittadini, per tornare a cercare un compratore affidabile nel mercato, perché aziende in perdita non se le accolla nessun investitore. Soprattutto di questi tempi e in questo quadro internazionale. Se questa transizione fosse l’unica via d’uscita, occorrerà affidare l’ex Ilva ad un commissario ,  manager di altissimo profilo professionale.  Che dire ,  un Marchionne dell'acciaio , da cercare, se necessario, anche all’estero e nel “privato”, senza lasciare spazio alla contrattazione politica dei curricola.  In questa emergenza sarebbe inutile e dannoso inchiodarsi alle ideologie su statalismo o non statalismo. Saluti 

commisari , manager? che grande pensata! regaliamo altre buste paga e buone uscite da milioni di euro ad altri soliti noti! ma dove ti escono ste str onzate? l'unica soluzione e' chiuderla e i lavoratori prossimi alla pensione pagargli i contributi per gli anni mancanti e mandarli a riposo con una bella legge dello stato , mentre gli altri li statalizzi e li reimpieghi nella bonifica !

ci guadagnerebbero tutti compresi quelle famiglie e sopratutto i bambine e le bambine che non hanno nessuna colpa di essere nati a taranto e quindi si debbono ammalare di tumore , non trovi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ahahahaha , se per una settimana ti fosse affidata l’Italia , saresti pure in grado di affossarla definitivamente . Ma vai a caga re , idio ta . Mi raccomando, allunga il passo eh ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahaha , se per una settimana ti fosse affidata l’Italia , saresti pure in grado di affossarla definitivamente . Ma vai a caga re , idio ta . Mi raccomando, allunga il passo eh ?? 

affossare? perche' affossare? guarda a casa mia mi hanno sempre insegnato che la salute viene prima del denaro, ma si vede che per te e' il contrario! 

si perdera' un po' di entrata di denaro per le casse ma la salute dei cittadini e degli operai stessi che si stanno avvelenando lentamente non ha prezzo! e' il sistema che nel tempo si e' creato che ti obbliga a lavorare pur sapendo che ti stai ammalando! basta ora nel quasi 2020 e' il momento di cambiare e voltare pagina, qua volendo si potrebbe vivere di solo turismo se realmente si volesse! solo che e' per gente come te che qua va tutto allo sfascio e manco te ne rendi conto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, gioprando ha scritto:

affossare? perche' affossare? guarda a casa mia mi hanno sempre insegnato che la salute viene prima del denaro, ma si vede che per te e' il contrario! 

si perdera' un po' di entrata di denaro per le casse ma la salute dei cittadini e degli operai stessi che si stanno avvelenando lentamente non ha prezzo! e' il sistema che nel tempo si e' creato che ti obbliga a lavorare pur sapendo che ti stai ammalando! basta ora nel quasi 2020 e' il momento di cambiare e voltare pagina, qua volendo si potrebbe vivere di solo turismo se realmente si volesse! solo che e' per gente come te che qua va tutto allo sfascio e manco te ne rendi conto

Sig. Gioprando...mai stato in vacanza in Austria ? 

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.peacelink.it/ecologia/a/37370.html&ved=2ahUKEwi39aXbtPvlAhXRoFwKHQQ4AJsQFjABegQIAxAB&usg=AOvVaw17wT-x7FeNIHOjWce2lmFb&cshid=1574343150725

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

scusi cosa centra l'austria? me lo spieghi perche' link di sconosciuti non li clicco mai!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, gioprando ha scritto:

scusi cosa centra l'austria? me lo spieghi perche' link di sconosciuti non li clicco mai!

Clikki pure, troverà un articolo dove si descrive una acciaieria pulita a 10 minuti di auto dal centro della città.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Clikki pure, troverà un articolo dove si descrive una acciaieria pulita a 10 minuti di auto dal centro della città.

no guardi la prendo in parola ma non clicco mai contenuti esterni! ho un super antivirus ma non si sa mai! ^_^

acciaieria pulita? si puo' dire che inquini meno ma non che non inquini! c'e' una bella differenza che viene strumentalizzata sempre con le parole per indurre a pensarci sempre a qualcosa di meglio di quello che poi e' realmente

detto questo un acciaieria come dice qualcuno e' un'azienda del paleolitico ormai, l'acciaio e l'inquinamento lasciamolo ad altri, noi teniamoci la salute e sopratutto pensate ai tarantini, alle loro famiglie e a quelle piccole creature che ogni anno si ammalano! siate onesti con voi stessi, i lavoratori si mandano in pensione e gli altri si statalizzano e li si fanno lavorare nelle bonifiche, pulire spiagge etcetc, 

tutti i soldi o rimborsi del mondo non valgono quanto una vita umana

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, mark222220 ha scritto:

nel frattempo non si riuscisse a trovare un nuovo investitore in grado di impiegare subito miliardi di euro, per dare , contemporaneamente ,  continuità alla produzione e portare a termine il piano di risanamento ambientale, non vedo altra via d’uscita che un intervento dello Stato sotto una qualche forma transitoria da definire.

Facciamo chiarezza sugli investimenti esteri in Italia; se una azienda estera viene a impiantare una NUOVA attività in Italia è senza dubbio una cosa positiva, significa lavoro, ricchezza, affari dell'indotto; ma se una azienda estera compera una fabbrica GIA' ESISTENTE l'esperienza purtroppo ci dice che nella maggior parte dei casi lo fa per acquisire il marchio, i brevetti, il portafoglio ***, togliersi un concorrente di torno e chiuderla, gli esempi non mancano, dalla moda, alle lavatrici, al cioccolato  e in ultimo agli impianti di Taranto; corre voce che navi cariche di carbone e minerali siano state dirottate, se non arrivano a Taranto  gli altoforni si spengono per mancanza di materia prima e anche se lo stato si prende in carico gli impianti gli altoforni si spengono da soli e per rimetterli in moto vanno ricostruiti di nuovo visto che spegnerli  significa di fatto distruggerli; se poi anche si riesce a continuare la produzione   il ferro va venduto, ma se i *** non ci sono più a chi si vende il ferro? si possono produrre binari e venderli alle ferrovie ma poi quei binari da qualche parte vanno montati, si costruiscono nuove linee? per farlo occorre comperare terreni, fare progetti, si riarmano tratti di ferrovia dismessi dove le ferrovie sono già proprietarie del terreno? francamente non mi sembra una soluzione,  si chiude la fabbrica e gli operai si mantengono a vita con il reddito di cittadinanza? non mi sembra una soluzione e poi ci sono tutti quelli che vivono dell'indotto, i trasportatori, tutto quello che ruota attorno alla fabbrica , tutti mantenuti a vita con il reddito di cittadinanza?  francamente qualunque soluzione venga adottata vedo un percorso in salita.....salita nel senso di difficile, molto difficile.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

Facciamo chiarezza sugli investimenti esteri in Italia; se una azienda estera viene a impiantare una NUOVA attività in Italia è senza dubbio una cosa positiva, significa lavoro, ricchezza, affari dell'indotto; ma se una azienda estera compera una fabbrica GIA' ESISTENTE l'esperienza purtroppo ci dice che nella maggior parte dei casi lo fa per acquisire il marchio, i brevetti, il portafoglio ***, togliersi un concorrente di torno e chiuderla, gli esempi non mancano, dalla moda, alle lavatrici, al cioccolato  e in ultimo agli impianti di Taranto; corre voce che navi cariche di carbone e minerali siano state dirottate, se non arrivano a Taranto  gli altoforni si spengono per mancanza di materia prima e anche se lo stato si prende in carico gli impianti gli altoforni si spengono da soli e per rimetterli in moto vanno ricostruiti di nuovo visto che spegnerli  significa di fatto distruggerli; se poi anche si riesce a continuare la produzione   il ferro va venduto, ma se i *** non ci sono più a chi si vende il ferro? si possono produrre binari e venderli alle ferrovie ma poi quei binari da qualche parte vanno montati, si costruiscono nuove linee? per farlo occorre comperare terreni, fare progetti, si riarmano tratti di ferrovia dismessi dove le ferrovie sono già proprietarie del terreno? francamente non mi sembra una soluzione,  si chiude la fabbrica e gli operai si mantengono a vita con il reddito di cittadinanza? non mi sembra una soluzione e poi ci sono tutti quelli che vivono dell'indotto, i trasportatori, tutto quello che ruota attorno alla fabbrica , tutti mantenuti a vita con il reddito di cittadinanza?  francamente qualunque soluzione venga adottata vedo un percorso in salita.....salita nel senso di difficile, molto difficile.

la soluzione piu' semplice e' chiuderla per il bene dei tarantini e per la salute dei lavoratori stessi! costretti ad ammalarsi per portare a casa il pane ai propri cari

gli operai vicini alla pensione si mandano in pensione versandogli i contributi mancanti con una bella legge dello stato e non come hanno fatto in passato lasciarli esodati!  gli altri si statalizzano e si impiegano in bonifiche dell'ormai ex ilva e ad esempio nella pulizia dei rivi , dei torrenti, delle bellisime spiagge della puglia che ogni anno attira molti turisti e cosi' facendo il turismo potrebbe aumentare vertiginosamente e creare nuove opportunita' e nuovi posti di lavoro

per finire mi fa male sentire parlare cosi' male del reddito di cittadinanza che puo' o non puo' essere condiviso ma numeri alla mano aiuta al momento quasi 3 milioni di persone e oltre 500 mila bambini ad avere un piatto da mangiare e togliergli anche quel tozzo di pane dalla bocca mi sembra qualcosa di vergognoso!  detto da uno che non lo prende il reddito di cittadinanza, questo per fare capire che e' una misura importantissima anche perche' basti pensare che tra degli anni il lavoro sara' quasi pari a zero nel senso che i camion quasi si guidano da soli senza conducente, i magazzini non hanno piu' magazzinieri ma robot che scaricano e smistano le merci, i taxi che si guidano da soli, i casellanti sostituiti da computer, i cassieri dei supermercati sostituiti anche questi da casse automatiche , etc etc . Quindi se tra anni non ci sara' piu' lavoro di che cosa deve vivere la gente? solo i piu' fortunati dovranno avere il diritto di mangiare e sopravvivere? ragazzi pensateci perche' prima o poi potrebbe toccare a tutti noi e non provate invidia per quella povera gente che vive praticamente di elemosina e non state sempre a rinfacciarglielo , cosi' gli mancate di rispetto e gli volete togliere anche quel poco di dignita' che gli rimane

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, gioprando ha scritto:

la soluzione piu' semplice e' chiuderla per il bene dei tarantini e per la salute dei lavoratori stessi! costretti ad ammalarsi per portare a casa il pane ai propri cari

gli operai vicini alla pensione si mandano in pensione versandogli i contributi mancanti con una bella legge dello stato e non come hanno fatto in passato lasciarli esodati!  gli altri si statalizzano e si impiegano in bonifiche dell'ormai ex ilva e ad esempio nella pulizia dei rivi , dei torrenti, delle bellisime spiagge della puglia che ogni anno attira molti turisti e cosi' facendo il turismo potrebbe aumentare vertiginosamente e creare nuove opportunita' e nuovi posti di lavoro

per finire mi fa male sentire parlare cosi' male del reddito di cittadinanza che puo' o non puo' essere condiviso ma numeri alla mano aiuta al momento quasi 3 milioni di persone e oltre 500 mila bambini ad avere un piatto da mangiare e togliergli anche quel tozzo di pane dalla bocca mi sembra qualcosa di vergognoso!  detto da uno che non lo prende il reddito di cittadinanza, questo per fare capire che e' una misura importantissima anche perche' basti pensare che tra degli anni il lavoro sara' quasi pari a zero nel senso che i camion quasi si guidano da soli senza conducente, i magazzini non hanno piu' magazzinieri ma robot che scaricano e smistano le merci, i taxi che si guidano da soli, i casellanti sostituiti da computer, i cassieri dei supermercati sostituiti anche questi da casse automatiche , etc etc . Quindi se tra anni non ci sara' piu' lavoro di che cosa deve vivere la gente? solo i piu' fortunati dovranno avere il diritto di mangiare e sopravvivere? ragazzi pensateci perche' prima o poi potrebbe toccare a tutti noi e non provate invidia per quella povera gente che vive praticamente di elemosina e non state sempre a rinfacciarglielo , cosi' gli mancate di rispetto e gli volete togliere anche quel poco di dignita' che gli rimane

Andremo a raccogliere pomodori nei campi della Puglia e a vendere chincaglierie in spiaggia, così gli immigrati africani torneranno a casa loro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Andremo a raccogliere pomodori nei campi della Puglia e a vendere chincaglierie in spiaggia, così gli immigrati africani torneranno a casa loro.

ah probabilmente se continuiamo su questa strada finiremmo veramente cosi' e anche gli immigrati scapperanno anche perche' sono in cerca di soldi e ricchezze e se non ce ne sara' piu' per nessuno molto probabilmente andranno altrove o torneranno a casa loro

 

cosa ne pensi invece di questo? condividi o sei contrario anche tu?

 

per finire mi fa male sentire parlare cosi' male del reddito di cittadinanza che puo' o non puo' essere condiviso ma numeri alla mano aiuta al momento quasi 3 milioni di persone e oltre 500 mila bambini ad avere un piatto da mangiare e togliergli anche quel tozzo di pane dalla bocca mi sembra qualcosa di vergognoso!  detto da uno che non lo prende il reddito di cittadinanza, questo per fare capire che e' una misura importantissima anche perche' basti pensare che tra degli anni il lavoro sara' quasi pari a zero nel senso che i camion quasi si guidano da soli senza conducente, i magazzini non hanno piu' magazzinieri ma robot che scaricano e smistano le merci, i taxi che si guidano da soli, i casellanti sostituiti da computer, i cassieri dei supermercati sostituiti anche questi da casse automatiche , etc etc . Quindi se tra anni non ci sara' piu' lavoro di che cosa deve vivere la gente? solo i piu' fortunati dovranno avere il diritto di mangiare e sopravvivere? ragazzi pensateci perche' prima o poi potrebbe toccare a tutti noi e non provate invidia per quella povera gente che vive praticamente di elemosina e non state sempre a rinfacciarglielo , cosi' gli mancate di rispetto e gli volete togliere anche quel poco di dignita' che gli rimane

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, gioprando ha scritto:

ah probabilmente se continuiamo su questa strada finiremmo veramente cosi' e anche gli immigrati scapperanno anche perche' sono in cerca di soldi e ricchezze e se non ce ne sara' piu' per nessuno molto probabilmente andranno altrove o torneranno a casa loro

 

cosa ne pensi invece di questo? condividi o sei contrario anche tu?

 

per finire mi fa male sentire parlare cosi' male del reddito di cittadinanza che puo' o non puo' essere condiviso ma numeri alla mano aiuta al momento quasi 3 milioni di persone e oltre 500 mila bambini ad avere un piatto da mangiare e togliergli anche quel tozzo di pane dalla bocca mi sembra qualcosa di vergognoso!  detto da uno che non lo prende il reddito di cittadinanza, questo per fare capire che e' una misura importantissima anche perche' basti pensare che tra degli anni il lavoro sara' quasi pari a zero nel senso che i camion quasi si guidano da soli senza conducente, i magazzini non hanno piu' magazzinieri ma robot che scaricano e smistano le merci, i taxi che si guidano da soli, i casellanti sostituiti da computer, i cassieri dei supermercati sostituiti anche questi da casse automatiche , etc etc . Quindi se tra anni non ci sara' piu' lavoro di che cosa deve vivere la gente? solo i piu' fortunati dovranno avere il diritto di mangiare e sopravvivere? ragazzi pensateci perche' prima o poi potrebbe toccare a tutti noi e non provate invidia per quella povera gente che vive praticamente di elemosina e non state sempre a rinfacciarglielo , cosi' gli mancate di rispetto e gli volete togliere anche quel poco di dignita' che gli rimane

Io ho già un posto fuori dal supermercato dove elemosinare l'euro del carrello. Ho un cartello "Prima agli Italiani" su sfondo tricolore. Faccio dai 30 ai 50 euro al giorno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Signor gioprando io sono d'accordo con lei, facciamo la rivoluzione di novembre, visto che ottobre se n'è andato, istauriamo la URSI ( unione delle regioni socialiste italiane ) e facciamo lavorare tutti compreso il kapitone verde.

Sfrattiamo gli abitanti di Lampedusa e ci ricostruiamo l'ILVA  dove faremo lavorare i clandestini che vi sbarcano, così facciamo respirare i fumi tossici agli africani invece che ai nostri compagni.

A proposito io nel Politburo voglio una posizione di primo piano.

PS: dobbiamo stabilire dove "immagazzinare" i dissidenti.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
34 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Signor gioprando io sono d'accordo con lei, facciamo la rivoluzione di novembre, visto che ottobre se n'è andato, istauriamo la URSI ( unione delle regioni socialiste italiane ) e facciamo lavorare tutti compreso il kapitone verde.

Sfrattiamo gli abitanti di Lampedusa e ci ricostruiamo l'ILVA  dove faremo lavorare i clandestini che vi sbarcano, così facciamo respirare i fumi tossici agli africani invece che ai nostri compagni.

A proposito io nel Politburo voglio una posizione di primo piano.

PS: dobbiamo stabilire dove "immagazzinare" i dissidenti.

 

hahaha sei un *** questo e' quello che intendevo come verve creativa!  ^.^ 

ormai facciamo dicembre visto che novembre e' quasi finito! obbligare tutti a lavorare no , se no potresti trovare lo zingaro di turno che ti dice ma che male ti ho fatto io? perche' devo andare a lavorare? mi vuoi male? heheehe ^_^

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
42 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Io ho già un posto fuori dal supermercato dove elemosinare l'euro del carrello. Ho un cartello "Prima agli Italiani" su sfondo tricolore. Faccio dai 30 ai 50 euro al giorno.

cambia supermercato perche' tiri su una miseria xD

sai quante volte anni fa lavorando sotto padrone nell'edilizia ci serviva una mano in un cantiere che eravamo indietro ed il mio capo si rivolgeva ai rumeni o altri che stavano fuori dai supermercati e gli chiedeva se volessero fare 8 ore di lavoro magari ad imbiancare e gli diceva che gli dava anche 70 euro a fine giornata , questi rispondevano " va bene che sono rumeno ma non sono mica cosi' scemo! io qua 70 euro li tiro su in un paio di ore al massimo e senza dover faticare!"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, mark222220 ha scritto:

Se questa transizione fosse l’unica via d’uscita, occorrerà affidare l’ex Ilva ad un commissario ,  manager di altissimo profilo professionale.  Che dire ,  un Marchionne dell'acciaio , da cercare, se necessario, anche all’estero e nel “privato”, senza lasciare spazio alla contrattazione politica dei curricola. 

Un Marchionne dell'acciaio?? Massì. Che idea geniale! Forse solo così saremmo sicuri di eliminare le acciaierie dal Bel Paese (e sarebbe un bene per i nostri polmoni). Infatti il Marchionne dell'auto semidesertificò l'industria dell'auto in Italia. Non investì nelle tecnologie pulite, elettrico e ibrido, e portò all'estero la più grande azienda privata italiana. Figuriamoci se un Marchionne dell'acciaio farebbe produrre acciaio pulito e acciaio italiano!

Ora gli Agnelli, paurosamente indietro nella tecnologia e sempre con una mano lunga (sul profitto) e una corta (sull'innovazione), si sono buttati tra le braccia di Peugeot e del nuovo capo, il nuovo Marchionne, un portoghese che risponde ai francesi e che si chiama Carlos Tavares. Ma se va a palazzo Chigi uno dei due Mattei è certo che il Marchionne dell'acciaio lo trova. E gli regala non solo un lauto stipendio ma un bello scudo penale. Di quelli che non esistono nei paesi seri e che al vero Marchionne, buon per lui, non servono più.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/11/20/usa-general-motors-fa-causa-a-fca-dai-tempi-di-marchionne-ha-corrotto-il-sindacato-dei-lavoratori-per-danneggiarci/5573034/

 

 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Un Marchionne dell'acciaio?? Massì. Che idea geniale! Forse solo così saremmo sicuri di eliminare le acciaierie dal Bel Paese (e sarebbe un bene per i nostri polmoni). Infatti il Marchionne dell'auto semidesertificò l'industria dell'auto in Italia. Non investì nelle tecnologie pulite, elettrico e ibrido, e portò all'estero la più grande azienda privata italiana. Figuriamoci se un Marchionne dell'acciaio farebbe produrre acciaio pulito e acciaio italiano!

Ora gli Agnelli, paurosamente indietro nella tecnologia e sempre con una mano lunga (sul profitto) e una corta (sull'innovazione), si sono buttati tra le braccia di Peugeot e del nuovo capo, il nuovo Marchionne, un portoghese che risponde ai francesi e che si chiama Carlos Tavares. Ma se va a palazzo Chigi uno dei due Mattei è certo che il Marchionne dell'acciaio lo trova. E gli regala non solo un lauto stipendio ma un bello scudo penale. Di quelli che non esistono nei paesi seri e che al vero Marchionne, buon per lui, non servono più.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/11/20/usa-general-motors-fa-causa-a-fca-dai-tempi-di-marchionne-ha-corrotto-il-sindacato-dei-lavoratori-per-danneggiarci/5573034/

 

guarda io sarei per la chiusura totale e smetterla di inquinare il nostro paese. Parlare di acciaieria pulita e' il solito terminone con il quale ci fanno credere che non inquini, inquina meno ma inquina

guarda detto da uno come me, che e' tutto meno che una persona che si difende quella razza,dovrebbe essere una cosa da valutare attentamente:

la fiat purtroppo pago' negli anni delle scelte sbagliate in termini economici e dovette cedere molte quote ad altri per ottenere crediti bancari che la tenessero a galla ( ancora adesso la holding uxor naviga nei debiti ma tira a campare).

Ma persone lungimiranti come l'Agnelli ( nonno di elkann) aveva visioni straordinarie e gia' all'epoca degli anni 90 aveva fatto una bellissima autoelettrica che sarebbe stata il precursore di tutte quelle odierne ma gliela si fece mettere da parte in nome del petrolio e dell'indotto che esso avrebbe generato in futuro , se no adesso la meta' delle macchine sarebbero elettriche!

senza parlare dell'eccellenza della fiat quando era ancora italiana ,per cosi' dire , che fu la prima ad eliminare i carburatori e a mettere in commercio le cosidette ad iniezione diretta ( la mitica fiat tipo!)

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963