HANNO STATI I FASSISTI, ragliò l'asino pisano mark525

Poteva l'asino pisano mark525 astenersi dal dimostrare quanto sia grave lo stato mentale che lo accompagna da dodici anni?

Ovviamente no.

E ovviamente la realtà

http://www.romatoday.it/cronaca/cosa-sta-succedendo-a-centocelle-perche-gli-incendi.html

provvede a certificare che le asinate ragliate dallo psicolabile quadrupede pisano erano allucinazioni partorite dalla sua fantasia.

Fine di una storia triste.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Screenshot_2019-11-07 Fascisti dimmerda .png

Modificato da ilsauro24ore

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Di fassisti nemmeno uno, fatta eccezione per quelli che animano le fantasie malate del perissodattilo pisano mark525.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mettiamola così , idio ta : Appena mi farai un nome di un esponente del PD implicato nelle vicende ed artefice dei comportamenti “infamanti” verso i bambini di Bibbiano , ne riparleremo. Mica puoi negare , fascistadimmerda e figlio di 100 babbi e di una mamma sola , che i fasci dimmerda come te non hanno una lunghissima tradizione per aver appiccato decine e decine di incendi alla sedi dei partiti democratici . O, no ??                      Buona opposizione di condannati di destra a tutti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, ilsauro24ore ha scritto:

Poteva l'asino pisano mark525 astenersi dal dimostrare quanto sia grave lo stato mentale che lo accompagna da dodici anni?

Ovviamente no.

E ovviamente la realtà

http://www.romatoday.it/cronaca/cosa-sta-succedendo-a-centocelle-perche-gli-incendi.html

provvede a certificare che le asinate ragliate dallo psicolabile quadrupede pisano erano allucinazioni partorite dalla sua fantasia.

Fine di una storia triste.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Screenshot_2019-11-07 Fascisti dimmerda .png

Ah , dimenticavo per il fascista figlio di 100 babbi ed una mamma sola , ahahahahaha              “Gli autori di Voxnews hanno già concluso le loro indagini e hanno individuato il responsabile dei roghi alla Pecora Elettrica e al Baraka Bistrot di Centocelle che hanno interessato le cronache delle ultime settimane. In un articolo pubblicato l’11 novembre chi scrive attribuisce a un tunisino la responsabilità degli incendi, concludendo già dal titolo che la pista giusta è quella dei nordafricani che vogliono il controllo totale del quartiere colpito dalle cronache.

a3fc8a5f1210170626cfaacdfe3b2ee45e661398

 

4 roghi nel quartiere antifascista

Come ricordava un’agenzia pubblicata da Ansa tre giorni fa, sono saliti a 4 i roghi del quartiere: ai due agguati incendiari perpetrati contro La Pecora Elettrica si aggiungono quello del gazebo di fronte alla pizzeria Cento55 di via Delle Palme, divampato nel mese di ottobre e quello al Baraka Bistrot. La pista politica, nel tempo, è stata più volte battuta dalla stampa anche solo per il conferimento della Medaglia d’Oro per la Resistenza da parte del Quirinale nel 2018 all’intero quartiere per l’impegno nella lotta antifascista.

Kia AftersalesSponsored Content
 
Li abbiamo beccati! Rudy e Ludovica stanno partendo per ...?
info-ayl.pngcksync.php?cs=3&type=ayl&ovsid=000000000000000000000000b00b1337

Dalla matrice politica all’organizzazione criminale

La Pecora Elettrica, inoltre, era un noto locale antifascista e dopo l’incendio del 6 novembre aveva ricevuto la solidarietà del titolare del Baraka Bistrot, anch’esso poi raggiunto da un agguato incendiario. Nelle ultime ore, tuttavia, si sta battendo la pista del piromane tunisino legato alla malavita locale in termini di spaccio di droga.

Facciamo un passo indietro. Dopo il rogo alla pizzeria “Cento55” dell’8 ottobre le forze dell’ordine avevano fermato e denunciato un tunisino di 45 anni che poco dopo l’incendio, riferiva un residente, era stato visto con le sopracciglia bruciacchiate intento a lavarsi le mani. Come riporta Il MessaggeroPare che in tasca avesse una boccetta di alcool. Ma l’uomo negò coinvolgimenti“. L’uomo era stato denunciato a piede libero e il pm aveva ritenuto non sufficienti gli elementi a disposizione delle indagini, per cui non era stato possibile incarcerarlo. In questi giorni gli inquirenti lo stanno cercando nuovamente, ma l’uomo risulta irreperibile.

Si parla, dunque, di un’ipotesi che conduce alle bande di nordafricani che si contendono le piazze di spaccio nella zona del Forte Prenestino, ma come riporta Il Tempo“Le fotocamere di sicurezza installate all’interno dei locali non hanno catturato nulla di utile“. Il Secolo d’Italia titola che è stata una gang africana per poi ritrattare nel testo: “L’immigrato ricercato potrebbe essere colui che ha appiccato anche gli altri due roghi”.

Lo stesso modus operandi, le indagini sono ancora in corso

Ciò che è chiaro per gli inquirenti, in ogni caso, è che la mano dietro i roghi sia sempre la stessa in quanto è stato individuato un modus operandi che coincide con tutti i casi. Quella della gang nordafricana è dunque una pista battuta dagli investigatori, ma ancora non v’è certezza della responsabilità del tunisino già denunciato a ottobre, oggi ricercato. La pista degli stranieri è data come certezza anche nel titolo scelto da Il Primato Nazionale, ma si tratta soltanto di un’ipotesi.

Le indagini sono ancora in corso, ma già esplodono i titoli acchiappaclick che fanno disinformazione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963