Gli hezbollah che picchiano le donne in Libano

Le immagini che difficilmente ci fanno vedere:  Ci sono in questi giorni proteste di massa in Libano, soprattutto di giovani e in Iraq nei giorni scorsi sanguinose proteste hanno inondato il paese, anche qui animate da giovani frustrati e senza speranza.
Scrive Eyal Zisser: "Le giovani generazioni di arabi si rifiutano di continuare ad accettare una realtà fatta di fallimento e arretratezza, La promessa del governo Libanese di attuare riforme economiche e di revocare le nuove tasse, e le minacce del capo di Hezbollah Hassan Nasrallah che ha detto che la sua organizzazione non resterà inerte se le manifestazioni continueranno, non hanno impedito  a tanti giovani libanesi di inondare le strade e continuare a paralizzare il paese. Il fatto che le proteste manchino di una guida o di qualsiasi leadership riconoscibile, per non parlare di obiettivi definiti a parte vaghi slogan che invocano un “cambiamento del sistema in Libano”, rende molto difficile intravedere una luce alla fine del tunnel . E si può anche ipotizzare con ragionevole certezza che l’amarezza, la frustrazione e la rabbia nutrite dai giovani per la politica e i politici, cioè per la schiera di corrotti che ha portato il Libano sull’orlo del precipizio della rovina economica, continueranno ad alimentare le proteste.
È interessante notare che le manifestazioni in Libano e in Iraq, oltre a inquietare i corrotti politici di entrambi i paesi, cosa ancora più importante stanno mettendo in difficoltà l’Iran, e specialmente Nasrallah, fino al punto di generare un vero allarme. Quando venne creato, Hezbollah si presentò come “l’organizzazione degli oppressi sulla Terra”. Ma l’organizzazione ha dimenticato da molto tempo gli oppressi che sosteneva di rappresentare. Da più di quindici anni Hezbollah fa parte del governo libanese e quindi non può sottrarsi alle sue responsabilità per la crisi attuale. L’organizzazione islamista sciita controlla un apparato tentacolare di aziende e istituzioni sociali che sono diventate centri di corruzione e turpitudine. Hezbollah ha assoluto bisogno che il Libano sia stabile per continuare ad approfittarne ad ogni livello. Le proteste in Libano e in Iraq sono molto scomode anche dal punto di vista dell’Iran. Questo dovrebbe essere uno dei momenti migliori, per Teheran, che vede ripagate le sue mosse audaci. La sua aggressività nel Golfo Persico viene generalmente accolta con indulgenza e persino tentativi di appeasement. Washington sta ritirando le sue truppe dalla Siria abbandonando l’arena all’Iran, e non nasconde il suo desiderio di aprire un dialogo col regime iraniano. Ecco perché le proteste mettono uno scomodo bastone fra le ruote dei piani di Iran e Hezbollah. Ma possiamo facilmente immaginare, purtroppo, che le proteste finiranno con un tonfo e l’asse del male continuerà sulla strada verso il suo prossimo obiettivo."

Intanto però il bastone ce lo mettono gli hezbollah che per sedare le proteste prendono a bastonate le ragazze che coraggiosamente scendono in piazza, ecco le immagini che nessuno ci fa vedere
Risultato immagini per hezbollah libano bastone"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

com'é diventato brutto il mondo.  migrazioni nn gradite, paesi un tempo felici ed ora distrutti da guerre.

ovviam x sentito raccontare, si dice ke un tempo il Libano fosse una piccola oasi con belle spiagge, grandi alberghi e rifugio di benestanti ke preferivano nn attraversare oceani x permettersi vacanze lussuose.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963