denaro contante

In moltissime famiglie italiane c'è un solo lavoratore questa famiglia normalmente si compone di quattro persone e a volte due di queste persone (figli) sono abbastanza cresciuti … lo stipendio medio di questi lavoratori è : 1200- 1500 € , qui si vuole mettere fine all'uso del denaro contante …. ma queste quattro persone poi devono fare a botte tra di loro per il bancomat? ma quel poveraccio che lavora solo lui e deve mantenere la famiglia ha o non ha il diritto di arrivare a casa a fine mese e contare materialmente quello che ha realizzato? Quì si dice lotta all'evasione , purtroppo con questa iniziativa di fatto si sta facendo la lotta ai cittadini  a favore delle banche , non e vero paghiamo tutti e paghiamo meno …. in pratica con questo sistema non ci si rende conto di quanto si spende e di quanto costano i beni , in realtà paghiamo tutti e paghiamo troppo , questa è la verità

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

... bankieri tengono famiglia.... e poi, se tu aiuti me, io voto te...

accusare il cittadino "comune" di evasione ed accannirsi contro di lui é, secondo l'attuale s-governo, giuseppi&giallo/rosso (dalla vergogna), é l'unica cura ke può salvare il paese.

se si smettesse una buona volta di porre frankigie e risive percentuali su quanto rimane di una serie di fatture medike o veterinarie e si lasciasse detrarre TUTTA la spesa, si otterrebbe di +; idem lasciar scaricare anke e x intero la spesa dell'idraulico o del muratore x la piccola riparazione ordinaria aiuterebbe a pagare tutti e kieder sempre fattura o ricevuta ke sia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 21/10/2019 in 17:12 , uvabianca111 ha scritto:

... bankieri tengono famiglia.... e poi, se tu aiuti me, io voto te...

accusare il cittadino "comune" di evasione ed accannirsi contro di lui é, secondo l'attuale s-governo, giuseppi&giallo/rosso (dalla vergogna), é l'unica cura ke può salvare il paese.

se si smettesse una buona volta di porre frankigie e risive percentuali su quanto rimane di una serie di fatture medike o veterinarie e si lasciasse detrarre TUTTA la spesa, si otterrebbe di +; idem lasciar scaricare anke e x intero la spesa dell'idraulico o del muratore x la piccola riparazione ordinaria aiuterebbe a pagare tutti e kieder sempre fattura o ricevuta ke sia.

Urka signora uvagrignolina, lei è anche laureata in economia?

Benissimo mi spieghi allora: Ieri ho chiamato l'idraulico perchè un tubo del'acquedotto perdeva. A fine lavoro mi ha fatto una fattura che ha mandato in rosso il mio materasso dove nascondo i quattrini. Solo l'IVA faceva accaponare la pelle.

L'IVA se non sbaglio va a beneficio dello stato, dico bene signora uvetta?

Ora se lo stato mi permette di scaricare tutta la spesa, IVA compresa, non le sembra che dovrebbe applicare qualche altra tassa per avere i quattrini per le opere pubbliche?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Urka signora uvagrignolina, lei è anche laureata in economia?

Benissimo mi spieghi allora: Ieri ho chiamato l'idraulico perchè un tubo del'acquedotto perdeva. A fine lavoro mi ha fatto una fattura che ha mandato in rosso il mio materasso dove nascondo i quattrini. Solo l'IVA faceva accaponare la pelle.

L'IVA se non sbaglio va a beneficio dello stato, dico bene signora uvetta?

Ora se lo stato mi permette di scaricare tutta la spesa, IVA compresa, non le sembra che dovrebbe applicare qualche altra tassa per avere i quattrini per le opere pubbliche?

sig aha etc etc grignolino; se nn capisce quanto ho già scritto, inutile sprecar ulterior tempo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

sig aha etc etc grignolino; se nn capisce quanto ho già scritto, inutile sprecar ulterior tempo.

Le kagate proprio non le capisco signora uvabollita. Forse val la pena di pensarci su prima di scriverle.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
52 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Le kagate proprio non le capisco signora uvabollita. Forse val la pena di pensarci su prima di scriverle.

sig aha etcetc + kebollito,  giusto: é quanto dovrebbe fare lei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

questo lo ha scritto lei signora uvadapasto

"se si smettesse una buona volta di porre frankigie e risive percentuali su quanto rimane di una serie di fatture medike o veterinarie e si lasciasse detrarre TUTTA la spesa£

mi spiega perchè non la considera una Kagata?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I pagamenti tramite tessera bancaria e postale (leggasi POS) vanno bene per pagamenti oltre i cinquanta euro. Per i piccoli pagamenti, diciamo chiaramente al di sotto dei venti / trenta euro, sono e restano (sono e restano) un bidone, un inutile, dannoso, passivo bidone. Poi informatevi bene su quali diversi circuiti funzionino le tessere delle varie banche o le tessere postali. – ripeto, importante – tessere bancarie e tessere postali girano e funzionano su due distinti e diversi circuiti. -

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 31/10/2019 in 07:39 , dune-buggi ha scritto:

I pagamenti tramite tessera bancaria e postale (leggasi POS) vanno bene per pagamenti oltre i cinquanta euro. Per i piccoli pagamenti, diciamo chiaramente al di sotto dei venti / trenta euro, sono e restano (sono e restano) un bidone, un inutile, dannoso,

Parrebbe in base a quello che scrivono i giornali che per portare in detrazione le spese mediche si debba necessariamente usare la carta di credito o bancomat; a questo punto il problema sono I MASSIMALI ; mi spiego meglio: ogni carta ha un massimale di spesa giornaliero e mensile di utilizzo,una specie di fido bancario che l'ente che emette la carta fa al possessore di quella carta; se tutte le spese si fanno con la carta, il massimale mensile potrebbe non essere sufficiente e  a metà mese il massimale potrebbe già essere esaurito e l'apparecchio POS potrebbe scrivere pagamento rifiutato ; inoltre supponiamo di andare dal dentista e fare un grosso lavoro di migliaia e migliaia di euro , non tutti i possessori di carta hanno carte con quei massimali...come fa uno che ha i soldi sul suo conto corrente a pagare visto che il classico assegno  di conto corrente o  assegno circolare non potrà più essere utilizzato? 

Modificato da etrusco1900

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ripeto e ribadisco – per i piccoli pagamenti (diciamo al di sotto dei venti / trenta euro) preferisco ed uso il pagamento in contante. Il pranzo al ristorante convenzionato, il benzinaio (la mia auto va a gpl e con venti euro faccio il pieno), la spesa dall’ alimentarista sotto casa. Dirò di più. Trovo assurdo usare la tessera per i piccoli pagamenti. Assurdo e sbagliato. La mia quota di prelievo presso il bancomat è stata bloccata a trecento euro al giorno mentre la quota di pagamento tramite il pos a duemila euro mese. Cosa vado a maggiorare le quote quando la mia pensione è molto al di sotto dei parametri. La sola cosa veramente sbagliata è rendere obbligatorio il pagamento elettronico. (ripeto, è cosa sbagliata rendere obbligatorio il pagamento elettronico) – esso va bene come alternativa e semplificazione. – un governo serio abolirebbe le banconote superiori ai cento euro – (un governo VERAMENTE serio abolirebbe lee banconote di valore superiore ai cento euro. Ma a certi personaggi dalla rossa cravatta le cose semplici danno fastidio. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963