Renzi/Salvini : Verdetto !!

Due sere fa, su Rai uno, è andato in onda il
confronto tra Salvini e Renzi, coetanei, entrambi scout, entrambi vincitori di un premio in un quiz televisivo, entrambi Matteo. Diciamocelo chiaramente: Salvini le ha prese di santa ragione. Ripassiamo insieme i punti salienti del match. 1) Salvini Assenteista. Ovunque è stato eletto, comune, parlamento europeo o senato , Salvini ha sempre mostrato di essere un assenteista “da competizione” vantando un record pari all’ 1,73% delle presenze.  Se una persona qualsiasi andasse a lavorare l’1,73 % delle volte, la sbatterebbero in mezzo alla strada così velocemente da farla tornare indietro nel tempo. Lui invece fa il giro delle sagre a mangiare porchetta e bere vino. E la gente lo ama. Mistero della rete.  2) Salvini Galantuomo. Ha usato espressioni come “è finita la pacchia”, rivolgendosi a profughi e immigrati ,incluse le donne , spesso violentate , che fuggono da guerre e carestie con i loro bambini. Si vanta di aver ridotto gli sbarchi, ma per farlo ha dovuto lasciare in mezzo al mare, spesso senza viveri e in pessime condizioni sanitarie, barconi di povera gente  sequestrata e torturata per ricattare l’Europa. La pacchia, caro Salvini, sarebbe vedere te che scappi da una guerra o da una epidemia , altro che selfie con pane e nutella. 3) Salvini Coerente. Ha iniziato la carriera politica con i comunisti padani, ora frequenta i neofascisti. Cantava cori ingiuriosi contro Napoli e ora chiede i voti del Sud. Tifava contro l’Italia ai campionati di calcio , esultando ai gol della Francia , e ora grida prima gli italiani. Era “no euro” ma si è fatto eleggere al Parlamento Europeo. Ha fatto cadere il Governo lamentandosi dei cinque stelle e poi ha pregato in ginocchio Di Maio di tornare insieme, offrendogli il posto di Presidente del Consiglio.  A fronte di questi e di altri precisi appunti, l’unica cosa che è riuscito a rispondere, spesso con gli occhi lucidi, è che lui, in base ai sondaggi, ha il 30% dei consensi. Ma avere consenso non è un argomento e soprattutto non significa essere un bravo politico, significa solo più semplicemente essere un personaggio amato dal popolo come Barbara D’Urso, Bart Simpson, il Gabibbo o Ciccio Gamer.  Insomma, dopo Giuseppe Conte, anche Matteo Renzi ha brutalizzato in pubblico il povero Salvini alimentando negli spettatori il sospetto che questo genere di trattamento, in fondo in fondo, gli piaccia. È finita la pacchia !! Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Leggendo i media l'incontro è considerato in parità.

Comunque è vero, per il momento è il più amato dai superfattorini.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963