londra ancora sotto attacco

Terrore nel centro di Londra nel nome di "Allah" e sangue sulle elezioni in Gran Bretagna, a soli 4 giorni dal voto dell'8 giugno. Un duplice attacco e' stato condotto nella notte nel cuore della capitale del Regno: dapprima su London Bridge, ponte simbolo della citta', dove un pulmino ha investito diversi pedoni e ne sono poi usciti tre aggressori che hanno accoltellato altri passanti; quindi nella zona di Borough Market, dove lo stesso commando ha continuato la sua azione di morte prima di cadere sotto i colpi della polizia.ma'...sara'..ma facendo un rapido conto .......un semplice 2+2......un ragionamento semplice.che perfino un mongolo come pm610 potrebbe fare,senza ammettere,s'intende..e si....sara' una coincidenza....una fatalita'...ma c'è chi crede poco al caso..... 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Oriana Fallaci aveva torto come hanno torto tutti i "teorici" della cosiddetta guerra di religione (che in realtà non sono altro che fanatici e fomentatori di odio, indipendentemente dal fatto che si esprimano in arabo o in inglese o altra lingua occidentale). Questa, con tutta evidenza, non è una guerra ovvero non è uno scontro diretto tra gru.ppi organizzati. Questo è uno scontro a distanza tra due terrorismi, e dei due gru.ppi di terroristi quello di gran lunga più organizzato e letale siamo noi: l'Occidente. Per chi avesse ancora qualche dubbio: http://www.repubblica.it/esteri/2017/06/02/news/pentagono_morti_siria_iraq-167064839/ 

Come uscire da questa assurda spirale del terrore? L'ho scritto molte volte: è assolutamente necessario trasformare questa non guerra, questo confronto indiretto, interminabile e sleale, senza vincitori né vinti, a parte le vittime innocenti, in una guerra vera, in uno scontro diretto, leale, risolutivo. Bombardare civili inermi, ma anche bombardare un nemico privo di aviazione e di difesa antiaerea non è guerra e non è nemmeno terrorismo comune, è terrorismo al cubo. E come se i carabinieri che qualche giorno fa hanno catturato quel pericoloso latitante in Calabria avessero usato il gas sarin per stanarlo o per ammazzarlo con tutto il vicinato. Nell'operazione i carabinieri hanno rischiato la vita per prenderlo vivo, come rischieranno la vita le truppe di terra occidentali che dovranno andare in Siria e in Iraq a combattere, anche corpo a corpo e senza supporto aereo ma al massimo con l'impiego di elicotteri Apache, per liberare palmo a palmo le città dai fanatici e per stanare il califfo, da catturare possibilmente vivo e da processare davanti a una corte internazionale. Dopo una tale inequivocabile sconfitta, anche i fanatici più ottusi capiranno che non c'è nessuna divinità che li protegge, e tanto meno disposta ad accoglierli in paradiso. E nel giro di pochi mesi o pochi anni gli attentati in occidente diminuiranno fino a scomparire. Bisognerà sacrificare qualche centinaio o migliaio di vite di soldati occidentali, ma le guerre, quelle vere, non si vincono gratis. Se non lo faremo, la spirale del terrore si ingigantirà finché nessuno in Occidente potrà sentirsi al sicuro: temo che prima o poi ci saranno stragi negli stadi e in altri luoghi affollati con migliaia di morti.

 

 

 

 

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/6/2017 in 09:28 , director12 ha scritto:

Terrore nel centro di Londra nel nome di "Allah" e sangue sulle elezioni in Gran Bretagna, a soli 4 giorni dal voto dell'8 giugno. Un duplice attacco e' stato condotto nella notte nel cuore della capitale del Regno: dapprima su London Bridge, ponte simbolo della citta', dove un pulmino ha investito diversi pedoni e ne sono poi usciti tre aggressori che hanno accoltellato altri passanti; quindi nella zona di Borough Market, dove lo stesso commando ha continuato la sua azione di morte prima di cadere sotto i colpi della polizia.ma'...sara'..ma facendo un rapido conto .......        ...sara' una coincidenza....una fatalita'...ma c'è chi crede poco al caso..... 

negli attentati fuori Londra nn potrà farci nulla ma nella capitale, kissà come mai il loro sindaco musulmano nn li protegge...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora