ovvia babbo...ma che ciai fatto??

Nuova perquisizione nella villa di Tiziano Renzi: su ordine della procura di Firenze, la Guardia di Finanza si è presentata ancora una volta nell’abitazione del padre dell’ex premier Matteo Renzi. Le perquisizioni sono state disposte nell’ambito dell’inchiesta per traffico di influenze illecite coordinata dai pm Luca Turco e Christine Von Borries che vede indagati Renzi senior e il suo ex socio, l’immobiliarista pugliese Luigi Dagostino.

Secondo quanto riporta il ‘Corriere della Sera’, gli investigatori hanno portato via diversi computer e un telefono cellulare in uso a Tiziano Renzi, che risulterebbe però intestato a un extracomunitario. Secondo gli inquirenti, quel telefonino sarebbe stato utilizzato da ***** per ******** e per*******

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Povero signor Renzi padre.......non riuscirà mai a frodare agli italiani 49 milioni di euro come hanno fatto quelli della lega.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Povero signor Renzi padre.......non riuscirà mai a frodare agli italiani 49 milioni di euro come hanno fatto quelli della lega.

neppure a superare il debito fatto dal'unita'--..pagato da noi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, director12 ha scritto:

neppure a superare il debito fatto dal'unita'--..pagato da noi

49 milioni, senza contare quelli de La Padania e credieronord, sig hyperfattorino

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

49 milioni, senza contare quelli de La Padania e credieronord, sig hyperfattorino

I debiti dei Ds per "L'Unità"? Li paghiamo noi: 81,6 milioni

 

Palazzo Chigi fece da garante grazie a una legge di Prodi Adesso tre sentenze impongono il saldo allo Stato

http://www.ilgiornale.it/news/politica/i-debiti-dei-ds-lunit-li-paghiamo-noi-816-milioni-1764178.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non scriva le solite  kagate:

il debito dell'unità verso le banche ammonta a 107 milioni . 95 già pagati dal governo Renzi,  pensi un pò.

Quindi stia tranquillo se non è fallito allora non fallisce neanche ora sig. hyperdirector.

Per sua conoscenza: la  legge varata nel 1998 dal governo Prodi ha introdotto la garanzia statale sui debiti dei giornali di partito. Giornali di partito non solo l'unità dunque

 

 

Morale:  le banche creditrici hanno presentato il conto al governo guidato dal leader del Pd Matteo Renzi. E hanno ottenuto dal Tribunale di Roma l’emissione di decreti ingiuntivi contro la presidenza del Consiglio per un totale di 95 milioni. Palazzo Chigi ha fatto opposizione, ma in attesa del giudizio di appello ha dovuto aprire il portafogli. I soldi sono attualmente nei forzieri delle banche, pur “con riserva” visto che pende ancora il pronunciamento di secondo grado.

Non si tratta di una prima assoluta, ricorda il Corriere: alla fine del 2003 i contribuenti hanno pagato i debiti dell’ex Avanti!, il quotidiano del Psi. Ma in quel caso la cifra era di “soli” 9,5 milioni di euro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

non scriva le solite  kagate:

il debito dell'unità verso le banche ammonta a 107 milioni . 95 già pagati dal governo Renzi,  pensi un pò.

Quindi stia tranquillo se non è fallito allora non fallisce neanche ora sig. hyperdirector.

Per sua conoscenza: la  legge varata nel 1998 dal governo Prodi ha introdotto la garanzia statale sui debiti dei giornali di partito. Giornali di partito non solo l'unità dunque

 

 

Morale:  le banche creditrici hanno presentato il conto al governo guidato dal leader del Pd Matteo Renzi. E hanno ottenuto dal Tribunale di Roma l’emissione di decreti ingiuntivi contro la presidenza del Consiglio per un totale di 95 milioni. Palazzo Chigi ha fatto opposizione, ma in attesa del giudizio di appello ha dovuto aprire il portafogli. I soldi sono attualmente nei forzieri delle banche, pur “con riserva” visto che pende ancora il pronunciamento di secondo grado.

Non si tratta di una prima assoluta, ricorda il Corriere: alla fine del 2003 i contribuenti hanno pagato i debiti dell’ex Avanti!, il quotidiano del Psi. Ma in quel caso la cifra era di “soli” 9,5 milioni di euro.

allora alziamo il tiro..parliamo di banche:

Sul complesso del debito e del deficit pubblico hanno poi pesato anche gli 1,6 miliardi di euro — cifra alzata dalla precedente stima di 1,1 miliardi — impiegati dallo Stato nel Montepaschi nelle operazioni di ricapitalizzazione e ristoro dei «junior bondholders» di Mps, avvenute rispettivamente nel luglio e nel novembre del 2017

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi spiace non sono esperto come lei di banche, ma se parla di banche cerchi di farsi capire, o meglio prima cerchi di capire lei quello che legge e poi ce lo spieghi in maniera chiara e sintetica .

Per esempio, mi spieghi cosa sono i  «junior bondholders»

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

mi spiace non sono esperto come lei di banche, ma se parla di banche cerchi di farsi capire, o meglio prima cerchi di capire lei quello che legge e poi ce lo spieghi in maniera chiara e sintetica .

Per esempio, mi spieghi cosa sono i  «junior bondholders»

Si figuri se lo sa.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo sa, lo sa, hyperfattorino è un famoso economista riconosciuto perfino a Padova.

Vedrà che ci risponde non appena avrà avuto modo di documentarsi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963