Il ritocco intimo, ultima moda, aumentano gli interventi

Le donne che trovano un po’ imperfette o invecchiate le proprie parti intime e sono a disagio per questo motivo, si rivolgono sempre più spesso al chirurgo per sottoporsi a un ‘ritocco’.

"Come il resto del corpo, i genitali femminili esterni vanno incontro a un processo di invecchiamento”, spiega ad Adnkronos Daniele Spirito, chirurgo plastico di Roma e docente presso la cattedra di Chirurgia plastica dell'Università degli Studi di Milano: “Le grandi labbra perdono tessuto adiposo e quindi volume, mentre le piccole labbra possono subire un allungamento verso il basso diventando più sporgenti. Il passare del tempo può infatti causare perdita di tonicità, problemi che possono interessare anche donne più giovani dopo eventi naturali come la gravidanza o il parto". 

"In questi casi la ninfomeiosi, letteralmente divisione (meiosi) delle ninfee, ovvero delle piccole labbra, è la tecnica chirurgica di ringiovanimento dei genitali esterni più praticata e consiste nella riduzione delle piccole labbra attraverso la rimozione della parte in eccesso e contestualmente, a seconda dell'esigenza della singola paziente, nell'ingrandimento delle grandi labbra mediante l'infiltrazione di grasso autologo”. L'intervento viene eseguito in anestesia locale con sedazione, in regime di Day hospital”.

Voi lo fareste? Io no che impressione!

Risultati immagini per ritocco intimo chirurgo

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

28 minuti fa, bollaciao ha scritto:

Le donne che trovano un po’ imperfette o invecchiate le proprie parti intime e sono a disagio per questo motivo, si rivolgono sempre più spesso al chirurgo per sottoporsi a un ‘ritocco’.

"Come il resto del corpo, i genitali femminili esterni vanno incontro a un processo di invecchiamento”, spiega ad Adnkronos Daniele Spirito, chirurgo plastico di Roma e docente presso la cattedra di Chirurgia plastica dell'Università degli Studi di Milano: “Le grandi labbra perdono tessuto adiposo e quindi volume, mentre le piccole labbra possono subire un allungamento verso il basso diventando più sporgenti. Il passare del tempo può infatti causare perdita di tonicità, problemi che possono interessare anche donne più giovani dopo eventi naturali come la gravidanza o il parto". 

"In questi casi la ninfomeiosi, letteralmente divisione (meiosi) delle ninfee, ovvero delle piccole labbra, è la tecnica chirurgica di ringiovanimento dei genitali esterni più praticata e consiste nella riduzione delle piccole labbra attraverso la rimozione della parte in eccesso e contestualmente, a seconda dell'esigenza della singola paziente, nell'ingrandimento delle grandi labbra mediante l'infiltrazione di grasso autologo”. L'intervento viene eseguito in anestesia locale con sedazione, in regime di Day hospital”.

Voi lo fareste? Io no che impressione!

Risultati immagini per ritocco intimo chirurgo

 

 

Penso che siamo arrivati all' esagerazioe più totale. Ma tu non lo faresti solo perché ti fa impressione o perché pensi che sia inutile? Io penso che sia inutile.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Un uomo stufo di essere uomo si reca al pronto soccorso dell’ ospedale e dice. Sono stufo di essere uomo, voglio diventare donna. Il medico di guardia spiega. Si deve fare due operazioni distinte. Con la prima “tagliamo” quello che sporge in mezzo alle gambe. Con la seconda togliamo metà cervello. … allora è ancora convinto a diventare donna. Il tizio si riveste e contento della risposta torna a casa a cena rassicurato e convinto di restare uomo.   

Questo discorso – importante da precisare – è rivolto a tutti e tutte (maschi e femmine) che pongono il proprio “organo” (organo) al centro e come centro. Quando poi si tratta di colleghi e colleghe di lavoro la situazione è critica. Chi gli o le frequenta fa bene al girare lontano da queste situazioni.  

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora