"Spero di essere un esempio per tanti miei coetanei". Sapete che lavoro fa?

E' bella, preparatissima, tenace, a 31 anni è diventata la preside più giovane d'Italia. 
Originaria della provincia di Avellino, dopo la laurea in Scienze della formazione primaria a Napoli e alcune esperienze lavorative importanti tra Milano e la Campania, Maria Luisa D'Onofrio è arrivata in Emilia-Romagna grazie al bando 2017 del Ministero dell'Istruzione. "Dopo due anni di studio e sacrifici ho visto realizzarsi il mio sogno -dice-. C'ho creduto dal primo giorno, soprattutto ho creduto nelle mie capacità e nella voglia di progredire dal punto di vista professionale".

"Spero di essere un esempio per tanti miei coetanei" dice la dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo 2 Nord di Sassuolo, nel Modenese. 

Insomma si può fare, non bisogna per forza avere i capelli bianchi e anni e anni di insegnamento alle spalle per fare la preside, anche perchè sono ruoli completamente diversi che richiedono competenze diverse.
I presidi di oggi sono dei manager del plesso scolastico, brava Maria Luisa che altri giovani davvero prendano di esempio

https://www.fanpage.it/attualita/maria-luisa-a-31-anni-e-la-preside-piu-giovane-ditalia-allestero-sarebbe-normale/

Risultati immagini per marialuisa d'onofrio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Ci sono stati molti ragazzi/e in gamba altrettanto quanto lei, ma sono stati costretti a emigrare all'estero.

Questo nulla togie al suo merito. Brava e complimenti.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche nel Veneto abbiamo dirigenti scolastici (ex preside) giovani. Finalmente i vecchi ammuffiti vanno via. Ed il prossimo anno il rinnovamento sarà ancora più deciso. I nuovi arrivati presentano età anagrafiche intorno ai trentacinque anni ed idee innovative. Finalmente riforme ed innovazione a contatto con la realtà. Basta con la burocrazia polverosa e pidoc chiosa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora