tasse

In Italia come noto tutte le case editrici sono in mano a poche ricche e potenti famiglie, queste famiglie hanno in mano praticamente tutta l'informazione: esse decidono ciò che bisogna divulgare, e ciò che bisogna tacere, hanno un potere molto ma molto superiore che il governo tramite le notizie che diffondono sono in grado di manipolare a loro piacimento le scelte politiche . Ora se si osserva attentamente le notizie che ci vengono date: l'attuale legge finanziaria non viene fatta dal governo ma dai giornalisti che dettano le loro regole ai partiti ed al governo …manovrati da quelle poche famiglie. La pressione fiscale per ogni cittadino italiano e del 70% 75% malgrado ciò si vuole aggiungere altre tasse ( per combattere gli evasori, mascherando una tassa patrimoniale molto salata; chi preleva più di 100€ in contanti ha tassa aggiuntiva di 20€)e poi, quest'aliquota iva qua mettiamola là, quell'aliquota là, mettiamola qua, quell' aliquota lì, mettiamola qui …. quindi aumentando sempre più la pressione fiscale…. l'enorme patrimonio dei soliti ricchi poi finisce in banca e le banche in quanto private fanno le crisi nazionali ed internazionali a loro piacimento ma sempre e solamente per tutelare le solite famiglie ora alla luce di questo discorso che ha radici molto ma molto più complesse e verità assolutamente inconfutabili (basta pensare che la federal reserve americana è privata)… non sarebbe meglio che si desse un pochino di attenzione : prima si riducono di fatto le tasse a tutti poi in un secondo momento se necessario un eventuale legge finanziaria ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Non è stata emanata nessuna legge a riguardo, ad oggi, ma se si tassano di più chi più ha è scritto nella costituzione che Lei, evidentemente, non conosce. Forse l'acqua del  "padus" le ha dato alla testa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 29/9/2019 in 17:09 , mylord611 ha scritto:

In Italia come noto tutte le case editrici sono in mano a poche ricche e potenti famiglie, queste famiglie hanno in mano praticamente tutta l'informazione: esse decidono ciò che bisogna divulgare, e ciò che bisogna tacere, hanno un potere molto ma molto superiore che il governo tramite le notizie che diffondono sono in grado di manipolare a loro piacimento le scelte politiche . Ora se si osserva attentamente le notizie che ci vengono date: l'attuale legge finanziaria non viene fatta dal governo ma dai giornalisti che dettano le loro regole ai partiti ed al governo …manovrati da quelle poche famiglie. La pressione fiscale per ogni cittadino italiano e del 70% 75% malgrado ciò si vuole aggiungere altre tasse ( per combattere gli evasori, mascherando una tassa patrimoniale molto salata; chi preleva più di 100€ in contanti ha tassa aggiuntiva di 20€)e poi, quest'aliquota iva qua mettiamola là, quell'aliquota là, mettiamola qua, quell' aliquota lì, mettiamola qui …. quindi aumentando sempre più la pressione fiscale…. l'enorme patrimonio dei soliti ricchi poi finisce in banca e le banche in quanto private fanno le crisi nazionali ed internazionali a loro piacimento ma sempre e solamente per tutelare le solite famiglie ora alla luce di questo discorso che ha radici molto ma molto più complesse e verità assolutamente inconfutabili (basta pensare che la federal reserve americana è privata)… non sarebbe meglio che si desse un pochino di attenzione : prima si riducono di fatto le tasse a tutti poi in un secondo momento se necessario un eventuale legge finanziaria ...

Chi sono gli uomini ricordati dalla storia?

Fondatori o discendenti delle grandi e potenti famiglie.

Nulla è cambiato dal tempo dei tempi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, noncredapensi ha scritto:

Non è stata emanata nessuna legge a riguardo, ad oggi, ma se si tassano di più chi più ha è scritto nella costituzione che Lei, evidentemente, non conosce. Forse l'acqua del  "padus" le ha dato alla testa.

Il problema dell'art 53 e che qualcuno si arroga ed impone la capacità contributiva di un contribuente questo qualcuno senza nessuna base certa su cui quantificare il fabisogno dello stato e la capacità contributiva dell' individuo spara percentuali a ufo questo per compiacere a titoli giornalistici che servono gli interessi personali di poche ricche e potenti famiglie le quali tramite le banche di cui sono proprietarie di tutta l'economia italiana, europea . ed anche americana …. per cui di fatto la capacità contributiva proporzionale di cui andate fieri proviene ed è dettata dai soliti personaggi…. E poi il vino dei castelli va bevuto con *** ..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno dice i Rothschild ed è vero, ma ce ne sono tanti . Qui in Italia  poi … si risale addirittura ai primi anni dell' unità d'Italia ai tempi di re Umberto 1° in quei tempi in Italia c'erano due banche che stampavano moneta sovrana indipendentemente, a libero corso due banche d'Italia …. praticamente quando se ne accorsero successe uno scandalo ( intanto i banchieri  si erano arricchiti ben bene) si decise poi che la banca che doveva emettere moneta fosse solamente una. …  1° guerra vari fallimenti ( di banche) 2° guerra non andiamo per il sottile …. ai giorni nostri abbiamo Roberto Calvi, Michele Sindona, le belle politiche di Licio Gelli ( bond e tango bond ) fondi neri, mani pulite, altre tangenti e fondi, fallimento della banca americana Lehman Brothers, ne ha risentito anche l'economia italiana… e come dimenticare la banca dei Paschi è in tutto questo chi ha sempre pagato? il contribuente ovvio.. e chi ha sempre stabilito quanto deve pagare? pinco pallino!! e pico pallino da chi è composto? da chi ci governa , e chi ci governa a chi da retta? ai banchieri !!! l'acqua del padus non fa mai male. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963