PERO' LORO CI HANNO FATTO SOLDI E CARRIERA

Sono credibili   come   una  carta  moneta  da  50 cent.   ma  tant'è  troppi  li  ascoltano e  ahi noi  ci credono...  

MEGAFONI  E  SOBILLATORI   DI  ODIO, RAZZISMO E  PAURE 

safe_image.php?d=AQD4Q9q9Y1Fy66Sr&w=540&
THEVISION.COM|DI MATTEO LENARDON
 
L'importanza del giornalismo televisivo in Italia è sottovalutato: la tv è dominata dalla politica e dovremmo fare attenzione alla sua influenza.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

9 ore fa, pm610 ha scritto:

L'importanza del giornalismo televisivo in Italia è sottovalutato: la tv è dominata dalla politica e dovremmo fare attenzione alla sua influenza.

La gente che vive nelle città. che gira per le strade si forma la propria opinione non su quello che legge sui giornali o gli raccontano alla televisione ma su quello che vede con i propri occhi; vorrebbero raccontargli che l'invasione non esiste, poi va al mare e vede centinaia di immigrati a vendere collanine o borse taroccate, va al supermercato e viene circondato da decine di immigrati che chiedono l'elemosina, va a fare una passeggiata con il cane in qualche parco e si trova alle prese con spacciatori e  ragazzine nigeriane, senza parlare degli scippi, dei furti negli appartamenti personalmente subiti o capitati al vicino di casa; qui non si tratta di numeri, se sono 90.000 o 600.000 è evidente a tutti che sono troppi e che nei governi che si sono succeduti negli ultimi dieci anni, forse bisognerebbe dire negli ultimi venti anni compresi quindi anche i governi di Berlusconi , il problema è stato sottovalutato se non addirittura incoraggiato; probabilmente avevano bisogno di fare arrivare gente che calmierasse gli stipendi, che fosse disposta a lavorare per un tozzo di pane; l'ultimo governo  ha provato a invertire la tendenza, ma si è trovato contro tutti, dalla magistratura che dissequestrava le navi al ministro della difesa che remava contro ai giornali e alle televisioni tutte schierate contro.. ridurre il problema dicendo che il problema non esiste significa mettere la testa sotto la sabbia per non vedere il problema,, le conseguenze però si vedranno alle prossime elezioni, a meno che la magistratura nel frattempo  non entri a gamba tesa mettendo fuori gioco Salvini che come tutti sappiamo ha fatto il grosso errore di mettersi contro gli americani e quelli che fanno questo, Craxi e Moro ce lo insegnano, quelli che si mettono contro gli USA, dicevo, fanno tutti una cattiva fine. 

Modificato da etrusco1900

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

La gente che vive nelle città. che gira per le strade si forma la propria opinione non su quello che legge sui giornali o gli raccontano alla televisione ma su quello che vede con i propri occhi; vorrebbero raccontargli che l'invasione non esiste, poi va al mare e vede centinaia di immigrati a vendere collanine o borse taroccate, va al supermercato e viene circondato da decine di immigrati che chiedono l'elemosina, va a fare una passeggiata con il cane in qualche parco e si trova alle prese con spacciatori e  ragazzine nigeriane, senza parlare degli scippi, dei furti negli appartamenti personalmente subiti o capitati al vicino di casa; qui non si tratta di numeri, se sono 90.000 o 600.000 è evidente a tutti che sono troppi e che nei governi che si sono succeduti negli ultimi dieci anni, forse bisognerebbe dire negli ultimi venti anni compresi quindi anche i governi di Berlusconi , il problema è stato sottovalutato se non addirittura incoraggiato; probabilmente avevano bisogno di fare arrivare gente che calmierasse gli stipendi, che fosse disposta a lavorare per un tozzo di pane; l'ultimo governo  ha provato a invertire la tendenza, ma si è trovato contro tutti, dalla magistratura che dissequestrava le navi al ministro della difesa che remava contro ai giornali e alle televisioni tutte schierate contro.. ridurre il problema dicendo che il problema non esiste significa mettere la testa sotto la sabbia per non vedere il problema,, le conseguenze però si vedranno alle prossime elezioni, a meno che la magistratura nel frattempo  non entri a gamba tesa mettendo fuori gioco Salvini che come tutti sappiamo ha fatto il grosso errore di mettersi contro gli americani e quelli che fanno questo, Craxi e Moro ce lo insegnano, quelli che si mettono contro gli USA, dicevo, fanno tutti una cattiva fine. 

Balle    la  gente   ha  paura  della  sua  ombra   se  viene  martellata  da  mattina a  sera da  informazione  deviata  , proprio dagli stessi  sopramenzionati ,    da   paure   e   odio.... e  poi  come    smentire   i dati   ultimi  che  salvini stesso ha  dato  chiaramente  dandosene   merito  che  non ha   sulla  diminuzione   dei reati.  Però  sono esclusi  quelli  dei politici e affiliati  altrimenti  i dati   schizzerebbero  all'insù .  Non  per  nulla  si  parla   di  paure  percepite  che  non  corrispondono   a  fatti  reali.

Ed  è reale   che   ormai  si  reputano tutti  delinquenti  quelli  di  colore  diverso  e  non solo  e ne  sanno  qualcosa   amici   che  hanno  un  bimbo  brasiliano  adottato   che  ormai  va  a  scuola  con  il terrore .  Questo  grazie a  chi  ?

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tutte balle sig etrusco.

I clandestini sono stati rimpatriati tutti dal kapitone nei primi cinque mesi del suo governo.

Quelli che hanno derubato lei e i suoi amici, sono invece clandestini importati dai kompagni e che il kapitone ha sbaraccato dai centri di raccolta proprio per spaventare quelli come lei.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mah   ? Sarà  come per  le  accise   che  ha  tolto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Tutte balle sig etrusco.

I clandestini sono stati rimpatriati tutti dal kapitone nei primi cinque mesi del suo governo.

Negare che il problema esista non significa risolvere il problema, il problema continua a esistere anche se si fa finta che non esista; basta leggere gli articoli di cronaca locale (quelle notizie che non finiscono sui grandi giornali nazionali) per conoscere quello che quotidianamente accade in tutta Italia; le rare volte che i poliziotti riescono a catturare qualche persona (non importa di quale colore della pelle, di quale etnia, da quale parte dell'Italia o del mondo provenga) il giudice di turno è costretto in base alle leggi attuali a rimetterlo immediatamente fuori, magari con un inutile foglio di via o magari ai domiciliari che ovviamente non vengono rispettati.  Poco sopra un utente ha scritto..." Balle    la  gente   ha  paura  della  sua  ombra   se  viene  martellata  da  mattina a  sera da  informazione  deviata  ".. censurare le  noti zi e  locali come forse certi che usano il termine "informazione deviata" gradirebbero che accadesse,   non servirebbe a niente perché la gente   forma i propri convincimenti su quello che vede e sperimenta giornalmente sulla propria pelle girando per le strade, parlando con i vicini, vedendo e sperimentando di persona quello che accade e non certo su quello che dice la televisione o dicono i giornali legati a questo o quel partito.

Non è vero che i clandestini sono stati tutti rimpatriarli, diciamoci la verità rimpatriarli tutti non è possibile, perché sono troppi, però avvengono cose strane come per esempio che Tunisini che hanno commesso reati e che sono stati materialmente caricati sugli aerei e rimandai in Tunisia (la Tunisia fino a prova contraria è un porto sicuro) al costo per lo stato Italiano di circa 5000 euro per ogni tunisino rimandato fisicamente in Tunisia, accade, dicevo,  che dopo qualche giorno lo stesso Tunisino espulso torni con uno dei tanti barchini; allora sarebbe tanto semplice anziché espellerlo di nuovo al costo di 5000 euro, modificare la legge e stabilire che se un clandestino imbarcato su un aereo al costo di 5000 euro torna, si prende sei anni di carcere (dico sei anni perché in Italia in base alle leggi attuali le pene inferiori a 5 anni non vengono fatte scontare)   e  visto che non è possibile rimpatriare tutti quelli che i governi degli ultimi venti anni (compresi i governi di Berlusconi) hanno fatto arrivare perché volevano con questi arrivi calmierare le pretese, e gli stipendi degli operai Italiani, (e in parte ci sono riusciti) visto che non è possibile rimpatriarli tutti dicevo, si potrebbe iniziare da quelli che vengono trovati a spacciare, a rubare, a commettere reati,  ovviamente nessuno respingimento per le badanti o per tutti gli immigrati che fanno onestamente il loro lavoro. forse  in passato è mancata la volontà politica di combattere certe cose e con l'attuale governo temo che le cose peggiorino

Modificato da etrusco1900

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si informi meglio sig etrusco.

Sui costi e sul numero dei rimpatri, sulle leggi, sul numero dei carcerati nelle nostre galere.

Poi ci venga ad informare nuovamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Si informi meglio sig etrusco.

Sui costi e sul numero dei rimpatri, sulle leggi, sul numero dei carcerati nelle nostre galere.

i dati statistici sui detenuti nelle carceri parlano chiaro, gli extracomunitari sono statisticamente più numerosi dei delinquenti locali e lo sarebbero anche di più se molti che vengono presi e rimessi fuori dal giudice di turno venissero invece messi dentro..  perché non si mettono dentro?.. per il semplice motivo che nelle carceri non c'è sufficiente capienza... perché non c'è sufficiente capienza?.. perché così  si può dire che la situazione delle carceri e il sovraffollamento è insostenibile e che bisogna fare nuovamente qualche indulto e o amnistia.. mi sapete dire il nome di un partito sia di destra che di sinistra che abbia indicato come una priorità nel proprio programma la costruzione di nuove carceri?   sento spesso politici che dicono che bisogna superare il concetto di carcere, che chi delinque va rieducato in altro modo.. e così si continua a non far niente, si continua con il sovraffollamento, con gli indulti., le amnistie, i giudici che rimettono fuori gli spacciatori che il giorno dopo sono di nuovo per le strade a irridere i poliziotti che il giorno prima li hanno arrestati.. vi risulta che ci sia qualche nazione estera che abbia abolito le carceri?  forse bisognerebbe prendere esempio dagli Stai Uniti dove la rieducazione passa attraverso il lavoro, dove i detenuti vengono fatti lavorare e con il loro lavoro si mantengono, pagano cioè  il vitto e i'alloggio che il governo USA passa loro, Le divise dell'esercito americano, tanto per fare un esempio, vengono tutte tagliate e cucite dai detenuti. per quanto riguarda il costo in Italia dei rimpatri, si vuol forse dire che non si possono e non si debbano fare perché costano troppo?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963