oggi a malta abbiamo firmato le resa

Quella firmato dal nuovo ministro dell’invasione a Malta è una resa dell’Italia ai trafficanti. I porti dove le Ong scaricheranno rimangono quelli italiani, visto che si parla di ‘rotazione volontaria’. Mentre gli immigrati che potranno essere ricollocati in altri Paesi Ue sono solo una parte del 10 per cento di chi sbarca:

https://streamable.com/yze9b

Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Mentre gli immigrati che potranno essere ricollocati in altri Paesi Ue sono solo una parte del 10 per cento di chi sbarca:

************

col capitone invece venivano tutti riportati a casa loro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Mentre gli immigrati che potranno essere ricollocati in altri Paesi Ue sono solo una parte del 10 per cento di chi sbarca:

************

col capitone invece venivano tutti riportati a casa loro?

siete in giro con i l cappello in mano...personalita'= 0.....potere ==.....essere ascoltati=0.....fare maggiordomi=10

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mentre gli immigrati che potranno essere ricollocati in altri Paesi Ue sono solo una parte del 10 per cento di chi sbarca:

************

col capitone invece venivano tutti riportati a casa loro?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Mentre gli immigrati che potranno essere ricollocati in altri Paesi Ue sono solo una parte del 10 per cento di chi sbarca:

************

col capitone invece venivano tutti riportati a casa loro?

 Questo è un documento firmato da Germania e Francia, non dagli altri Paesi. Perché la Ue non ha, fortunatamente, il potere di imporre nulla ai Paesi membri in fatto di ‘ricollocamenti’. Nell’accordo si parla infatti chiaramente di “progetto pilota” che dovrà ora essere sottoposto agli altri Paesi.

Quindi rimane tutto come prima. Con una differenza: che ora i nostri porti sono aperti alle ong.

Così finiremo per ricollocare meno clandestini di quanto avveniva quando chiudevamo i porti e costringevamo le Ong a trovarsi un altro Paese dove sbarcare. E questo nonostante le azioni di disturbo di qualche toga

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardi che ci sono sbarchi in Spagna, in Grecia, nei paesi Balcani.

E con i porti chiusi gli sbarchi ci sono stati comunque, e se venivano distribuiti prima, vengono distribuiti anche ora.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963