una nuova tassa ...

Una nuova tassa – i fatti dimostrano che i sinistri governi siano a corto di idee su come tassare gli italiani. Propongo una nuova tassa per tassare le italiane (le italiane). La tassa sulla “susina” non depilata. I fatti dimostrano che il “pelo” sulla “susina” sia una dimostrazione di cattivo gusto estetico oltre che di poco igiene personale. I proventi di questa tassa (sarebbe la prima volta ad avere una tassa solo femminile) potrebbero essere modulati per ridurre altre tasse, come quella sul “canale di Suez" che risale a più di cento anni fa.

Modificato da dune-buggi
2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

4 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Una nuova tassa – i fatti dimostrano che i sinistri governi siano a corto di idee su come tassare gli italiani. Propongo una nuova tassa per tassare le italiane (le italiane). La tassa sulla “susina” non depilata. I fatti dimostrano che il “pelo” sulla “susina” sia una dimostrazione di cattivo gusto estetico oltre che di poco igiene personale. I proventi di questa tassa (sarebbe la prima volta ad avere una tassa solo femminile) potrebbero essere modulati per ridurre altre tasse, come quella sul “canale di Suez" che risale a più di cento anni fa.

Altra dimostrazione tangibile che, in mancanza di tasse certificate, nessuno può contestare il fatto che le Tasse possono essere indifferentemente le mogli, le amanti, le mamme, le figlie, le nipotine dei Tassi.

Anche perché sul grado di parentela esistono certezze. Sulle accise del Capitano, tipo quella sul "canale di Suez", invece esistono solo p@ugnette. E le p@ugnette o piccole pugne (come dire battaglie), quando si esagera, possono perfino portare a fenomeni di cecità precoce.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gentile signor VINO, la ringrazio per avere evidenziato che adoperare in maniera non opportunamente corretta e non appropriata il “braccio centrale inferiore” meglio noto come “strumento del potere maschile” comporta in età adulta problemi locali di visione confusa e distorta. Diciamo profondamente annebbiata. Solo con una ipovisione inferiore al normale si riesce a spiegare come si possa concedere fiducia e votare (pagando due euro a scheda) un calvo/pelato che assomiglia ad un celebre attore televisivo. Attenzione, io non ho fatto nomi, ed ho solamente detto “assomiglia”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Altro grande problema legato alle pugne piccoline è che, nella quasi generalità dei casi, si può provare piacere momentaneo ma di solito, con quell'atto serioso e cadenzato, è molto difficile che nascano bambini. E neppure bambine belline belline, con le treccine e le lentiggini.

(Neppure mangiando molte merendine o girando il mondo in lungo e in largo in aereo. Sembra strano ma, con buona approssimazione, pare che da lì proprio non si scappi. Neppure in età più o meno giovanile).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente una tassa sulle pugnette renderebbe molto di più di quella da un euro sui voli aerei nazionali. E farebbe risparmiare sui costi ospedalieri.

Sembra che Google sia stato incaricato di studiare un sistema di monitoraggio delle pugnette analizzando l'iride dell'occhio maschile.

Lo studio è già in corso, ma i primi dubbi sono sorti sulla parte meccanica che dovrebbe analizzare l'iride.

Qualcuno sostiene sia meglio ricorrere ad un micro chips da installare sotto pelle fin dalla nascita e qualcun altro dice che è sufficiente fare una imposizione a forfait in base all'età, anche se è possibile che qualche pugnetta sfugga al numero stabilito per legge.

Un leader politico è favorevole al micro chips perché dice che con il sistema a forfait le pugnette che sfuggono potrebbero essere troppe, specialmente nei casi di balli leopardati lungo le spiagge italiane.

Sostiene inoltre che se le pugnette superano un certo limite di tollerabilità, l'interessato potrebbe avere comportanti strani e sconvenienti sul piano umano e politico.

.

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao seicento dieci da d/b – ottima la tua proposta di tassare le trasmissioni televisive “deme / nziali” comprese quelle che publicizzano prodotti di “bruttezza” aventi come conduttrici delle grassone pelose. Oppure delle diete che fanno invecchiare precocemente proposte da personaggi dalla parrucca rigogliosa ma prive di fondamento scientifico. Il prive di fondamento scientifico si riferisce alla dieta. La parrucca rigogliosa lo si vede subito che è posticcia ed incollata sul cranio con la colla da falegname. Un saluto rinnovato da d/b – a presto e buona mattinata di lunedì.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Sicuramente una tassa sulle pugnette renderebbe molto di più di quella da un euro sui voli aerei nazionali. E farebbe risparmiare sui costi ospedalieri.

Sembra che Google sia stato incaricato di studiare un sistema di monitoraggio delle pugnette analizzando l'iride dell'occhio maschile.

Lo studio è già in corso, ma i primi dubbi sono sorti sulla parte meccanica che dovrebbe analizzare l'iride.

Qualcuno sostiene sia meglio ricorrere ad un micro chips da installare sotto pelle fin dalla nascita e qualcun altro dice che è sufficiente fare una imposizione a forfait in base all'età, anche se è possibile che qualche pugnetta sfugga al numero stabilito per legge.

Un leader politico è favorevole al micro chips perché dice che con il sistema a forfait le pugnette che sfuggono potrebbero essere troppe, specialmente nei casi di balli leopardati lungo le spiagge italiane.

Sostiene inoltre che se le pugnette superano un certo limite di tollerabilità, l'interessato potrebbe avere comportanti strani e sconvenienti sul piano umano e politico.

.

Non ritengo auspicabile una tassa sulle p@ugnette perché rischierebbe di essere troppo penalizzante per alcuni. Penso, ad esempio, ad alcuni amici abituati e predisposti a grandi performance in merito,  quali il Kompagno Director che, a quel punto, potrebbe essere irrimediabilmente rovinato. Specie se si arriva a perfezionismi esasperati tipo quelli del micro chip. E questo anche perché, da che mondo è mondo, la p@ugnetta ha sempre avuto il pregio di essere gratuita. In mancanza d'altro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A dire la verità anch'io ho pensato al sig director, ma solo in quanto lui non pagherebbe nulla.

Le spiego il perché: il sig director prova piacere solo attraverso la parte anatomica posteriore e se non viene posta una tassa anche sulla variante alla pugnetta, lui, rispamierebbe un sacco di soldi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

A dire la verità anch'io ho pensato al sig director, ma solo in quanto lui non pagherebbe nulla.

Le spiego il perché: il sig director prova piacere solo attraverso la parte anatomica posteriore e se non viene posta una tassa anche sulla variante alla pugnetta, lui, rispamierebbe un sacco di soldi.

ma  vuoi vedere   che accecato  ha  sbagliato  lo strumento  il diretoinreto  ?

L'immagine può contenere: testo

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

GIGGINO NEL PAESE DEGLI ALLOCCHI PUNTATA 3 : I 5 STALLE E L'ECONOMIA, 1/3.

I 5 stalle e l’Economia
Una volta al Governo, i 5 stalle devono decidere a chi affidare il governo dell’Economia. Grillo ha proposto la sua domestica mentre Casaleggio ha proposto se stesso come custode dell’oro della Banca d’Italia che vorrebbe mettere nel salottino buono: è stata bocciata la proposta di nasconderlo nell'attico del Cardinal Bertone perché le sole spese di trasporto dall'ingresso allo sgabuzzino ( distanti circa 320 anni luce) sono tanto grandi da superare il valore dell’oro stesso. La rete come sempre propone un’estrazione a sorte o un ballottaggio tra Strini, appena si sveglia dallo stato comatoso nel quale viene sempre ripreso, il duo Enzo Ghinazzi in “arte” Pupo e Marco Baldini notissimi conoscitori della teoria dei giochi, una moglie di un gioielliere, capace di risparmiare tanto da permettersi scuole private, vacanze ai Caraibi, doppio SUV, attico a Cortina con un reddito medio di 11000€, Shel Shapiro perchè ha il nome di una benzina, Mario Balotelli, Paolo Fox , i Jalisse, Renato dei Profeti, Massimo Boldi ,Adriano Pappalardo, Fabio Caressa, Laura Antonelli e Barbara Lezzi. Garanti Callisto Tanzi e Sergio Cragnotti.Toninelli, con il suo sguardo espressivo da ceramica che crede di servire a fare una statuetta di Capodimonte e scopre che con lei hanno invece fatto un bidet, propone re Mida per tramutare la Maiella in oro ,ma vistane l’indisponibilità, ha proposto il mago Othelma per vincere al Superenalotto.
Alla fine per l’Economia Giggino o’ bibbitaro si è affidato a 3 guru di sicura incompetenza:
1) Savona, che prima di cambiare spacciatore lavorava pure per la Banca d’Italia, con la sua proposta di uscire dall'euro per passare al sesterzio di cui proclamava la parità col doblone, col tallero e con lo shekel cartaginese, prima di estremizzare ancor più proponendo il ritorno al baratto e l’abolizione totale della moneta con lo scopo di abbattere il debito pubblico perché non si riesca a capire come *** pagarlo. Con il cambio di una pecora - in accordo al termine “pecunia”- per ogni mille €, non ci sarebbero abbastanza greggi. Visto poi che Salvini ha riaperto campi di concentramento per *** ( secondo i legaioli chiunque sia nato a sud del Po, compresi i newyorkesi e gli australiani), la nuova proposta di Savona,anche se si capiva male quello che diceva perché lo scolapasta che portava in testa attutiva la sua voce è quello di usare come moneta quella descritta da Primo Levi vale a dire il litro di zuppa. A tal scopo sono stati già buttati 100kg di patate e 1400 carote nel lago Maggiore ( che come sostiene Tontinelli è il più grande d’Italia) e tutta la produzione di dadi del canton Ticino. Come vivandiere è stato scelto Davide Oldani perché da lui si svolgono gli incontri di reduci dai campi di sterminio che, nelle porzioni servite dal “maestro” a prezzi astronomici, possono trovare il ricordo dei loro digiuni (per chi mi criticasse per aver usato una tragedia così enorme per fare ironia : mio padre si è sciroppato 14 mesi di campo di concentramento e quando è tornato, pesava 42 kg , per cui io lo posso fare. Se non vi va, andate pure affanQlo).
2) Giulietto Tremonti, noto per aver affermato che non avrebbe fatto alcun controllo sulla speculazione susseguente all'introduzione dell’euro ritenendolo inutile perché era impossibile che qualcuno speculasse ( dopo un mese i commercianti avevano fatto 1€= 1000 lire con un’inflazione del 93%).Le opere principali di Economia dell’illustre avvocato sono “Cucinare con gli avanzi”, “Come ricavare dei graziosi segnaposto dai rotoli di carta igienica”, ”Riparare da soli l’auto con un frullino elettrico”, “Manuale di sopravvivenza per barboni”, “Come rubare alla COOP senza essere visti”,”Le nuove avventure di Conan il barbaro” ( lo so, Conan non c’entra con l’Economia, ma che c’entra Tremonti??)
3) Laura Castelli, unica persona al mondo in grado di pagare a prezzo pieno un divano di Poltrone e sofà. In realtà lei era entrata pensando che lo sconto del 50% + 40% volesse dire 90% e quando le hanno detto che era in realtà del 70, ha risposto “questo lo dice lei” e piuttosto ha pagato la cifra intera. Tra le sue proposte anche quella di mettere nel paniere ISTAT il Buondì Motta perché ai bambini fa bene e l’ovetto Kinder perché piace loro la sorpresina ed aprono più volentieri il panierino della merenda che essa non distingue da quello dell’ISTAT (e, vista la nulla credibilità dell’ente in questione, noto perché le sue statistiche sono la fonte di ispirazione maggiore per Zelig e Lercio, stavolta non ha nemmeno tutti i torti).Tra le sue proposte anche quella di dare incentivi per l’acquisto di auto euro zero per aumentare il riscaldamento globale. Grazie all'aumento della temperatura gli italiani avrebbero utilizzato di più i condizionatori incrementando così notevolmente il PIL (N.d.R.R.: questa la ha detta davvero!!!)
Il Fatto quotidiano titola “Grazie ai 5 stalle anche l’Italia ha la sua troika”.
Visto che il problema principale è come sempre quello di reperire risorse, viene subito approvata la proposta di Gianluigi Paragone di proibire le auto elettriche perché, non consumando benzina, diminuirebbero le entrate delle accise, in accordo con quanto già sostenuto per bloccare la TAV. Per lo stesso motivo è stata bocciata la proposta di Fontana di riaprire le case chiuse ( “è giusto che prendano un po’ d’aria-ha sostenuto Barbara Lezzi da brava casalinga- ed io, dopo tanti anni rifarei anche la tappezzeria”) perché, rendendo inutili i batton tour diminuirebbe il consumo di benzina. Con la riapertura delle case chiuse si aprirebbe anche la possibilità di numerosi posti di lavoro, ma si teme in conflitto di interessi per i chiari vantaggi che ne deriverebbero per le mamme dei legaioli. Il progetto è stato affidato alla Minetti.
È stato comunque istituito un fondo per la ricerca , richiesto dal ministro Bonisoli per realizzare una mutazione genetica dei maiali che dovrebbero nascere con 4 orecchie in modo da raddoppiare il già fiorente business con la Cina.È già stata istituita una commissione scientifica di esperti di maiali composta da Ilona Staller, il cavalier Rovagnati e Tinto Brass diretta dalla moglie di Calderoli.
Per incrementare la produzione di tessuti sarà vietato agli stilisti produrre taglie inferiori alla 56 per le donne ed alla 72 per gli uomini ed i pantaloni dovranno sempre avere il risvolto. Così facendo si darà anche impulso alla fiorente industria dei sarti cinesi esperti d riparazioni.
Il Fatto quotidiano titola “Il governo 5 stalle sconfigge l’anoressia”.

Prossima puntata venerdì.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo che per inventare nuove tasse …  ci vuole un cucchiaio di fantasia ed un badile di depravazione. Il tutto condito con una centrifuga di aglio, cipolla, ortiche, e per finire un  peperoncino nel retro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963