QUANDO SI E' PEGGIO DI BIBBIANO

Perché  questo  è.....

"Non parlo di figli e di minori che vanno tenuti fuori della polemica politica. Mi vergogno per chi coinvolge i bambini nella polemica politica”.

Con queste testuali parole Salvini, il primo agosto, si indignava per i giornalisti che avevano beccato il figlio a farsi i giri sulla moto d’acqua della Polizia. Cioè, se sono i suoi figli, non se ne può parlare. Ma se sono i figli degli altri, si possono prendere ed esporre alle folle come fossero trofei, o peggio fantocci di carta.

Salvini ha avuto il coraggio di prendere una bambina di Bibbiano e usarla per la sua becera e vergognosa propaganda. Che schifo.
Usare senza scrupoli una bambina, che presumibilmente ha già avuto traumi di varia natura, è il punto più basso toccato finora da questo viscido personaggio. Mi auguro che intervengano la magistratura e l’Autorità garante per l’Infanzia. Un simile scempio non può restare impunito. Povera bambina.

Ed è un evidente uso strumentale a fine propagandistico. Questo fa incazzare. Perché nelle sedi opportune, ovvero nella commissione regionale dell’Emilia Romagna istituita per far luce su questa oscura vicenda, la Lega nemmeno si presenta. L’unico partito a non presentarsi. L’unico partito che usa i bambini per raccattare voti. L’unico partito a cui probabilmente dei bambini non frega davvero nulla.

Resta da chiedersi come sia stato possibile che due genitori a cui era stata tolta la figlia a Bibbiano, l’abbiano presa e portata su un palco durante un comizio politico per essere esposta come una bambola o un manichino. Che genitori sono che permettono questo? Io davvero sono senza parole. Ho solo una fila indefinita di parolacce. Che schifo.

L'immagine può contenere: 1 persona

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

e  ci sta  tutto....

Pensare che tutti gli elettori della Lega siano ignoranti e razzisti è semplicemente un’idiozia. Per giunta autoassolutoria, perché così facendo la sinistra (vera e presunta) si sente superiore. E’ tutto sempre molto più complesso di quanto crediamo e vediamo. Quello che è accaduto a Pontida è però non meno che abominevole. E non basta il furbastro “non alziamo i toni” buttato là da Jabba the Polenta per sentirsi assolto. Ho visto disastrati neuronali prendere a cazzotti telecamere sgradite. Ho visto deputati insultare il Capo dello Stato. Ho visto la scenetta ripugnante con la bimba di Bibbiano. E ho visto come voi disagiati cerebrali all’ultimo stadio, uomini e donne (donne!), insultare Gad Lerner con toni che avrebbero reso orgogliosi Eva Braun e Mengele. Il peggio del peggio dell’umanità. Tutta gente ingiustamente salvata da Basaglia. Alludo ovviamente (ma tocca sempre specificarlo) a chi ha insultato e aggredito: non certo a chi ha civilmente espresso il suo plauso per una forza politica.
Mi fa schifo che quella rumenta umana urlatrice e forcaiola abbia la mia nazionalità e il mio stesso diritto al voto. Eunuchi invertebrati che, se si trovassero da soli con lo stesso Lerner, probabilmente gli chiederebbero pure il selfie. Ne ho anche piene le palle di questo sdegno che finisce lì. Sogno una giustizia giusta e implacabile. Esistono i video, abbiamo le loro facce (peraltro brutte parecchio perché purtroppo Lombroso non sempre ha avuto torto). Ecco: lo Stato italiano individui quelle facce e le punisca. Hai aggredito un giornalista? In galera, e non per poco. Così ti passa la voglia, ***. Hai urlato insulti razzisti in mezzo al branco perché ti piaceva sentirti Goebbels anche se ovviamente non sai chi mai sia stata Goebbels? Perfetto: galera anche a te. E poi una bella multa pesante, perché tanto gente ragiona solo coi soldi. Idem per chi, in Rete, si nasconde nel buio della sua stanza (e della sua vita) e fa lo stesso. O reagiamo in maniera democratica ma analogamente dura a questa suburra fatta solo di deficienza e ignoranza, o non ne usciamo. Certe persone commettono reati, per giunta oltremodo abietti, e non meritano nulla. Li si curi con una bella cura alla Clint, o se preferite alla Marcellus Wallace.
Quanto a Capitan Reflusso, la sua maniera furbina di cavalcare la pancia del paese fingendo di dissociarsi ma al contempo assecondandola, è sempre più colpevole. E fa sempre più schifo.
(Andrea Scanzi)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Rimasto a corto di emblemi religiosi è passato maniere più reali..in una maniera che per i fasci esista il fatto dei "comunisti mangia bambini"...quelli che invece annegano basta che facciano finta di non vederli...per i fasci non esistono regole, tranne le loro....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, sempre135 ha scritto:

Rimasto a corto di emblemi religiosi è passato maniere più reali..in una maniera che per i fasci esista il fatto dei "comunisti mangia bambini"...quelli che invece annegano basta che facciano finta di non vederli...per i fasci non esistono regole, tranne le loro....

C’è solo una cosa che mi fa più schifo di chi usa una bambina di sette anni di Bibbiano e la porta sul palco per la propria propaganda personale.

È sapere che non c’è stato nessuno - NESSUNO - un papà, una mamma, un genitore vicino a questa creatura innocente, che si sia chiesto anche solo per un istante se fosse il caso di farla salire, di esporla a quella folla inferocita, darla in pasto a fotografi e telecamere, nessuno che l’abbia protetta, che si sia chiesto se fosse giusto, se era quello che Greta voleva. E avere la conferma definitiva che oggi, in Italia, e non solo a Pontida, tutto questo squallore, questo spettacolo raccapricciante ti fa prendere dei voti.

Ecco cosa mi fa davvero schifo.

Lorenzo Tos

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963