Quando si parla di ONESTA'

di Enrico Cantone, consigliere regionale dimissionario M5s Toscana

Questo è il comunicato che avrei voluto leggere in aula ma mi è stato impedito dal Presidente Giani e da alcuni consiglieri del gruppo di maggioranza adducendo a motivi burocratici ed amministrativi......... c'è da crederci?

Come consigliere della X° legislatura, prendo per l'ultima volta la parola in quest'aula, un luogo che ho sempre onorato con puntualità e dedizione.
Lascio questo scranno perché ritengo che la nostra rivoluzione culturale, la rivoluzione culturale del Movimento 5 Stelle, debba essere una rivoluzione di fatti e non di parole.
Ho commesso un errore, un piccolo errore che mi costerà 388 euro per essere sanato, ma chi siede qui non dovrebbe compierlo.

L'ho commesso per sufficienza, ma non è un'attenuante. L'ho commesso e basta.
L'etica pubblica che come Movimento 5 Stelle portiamo avanti non funziona come un tribunale dove qualcuno può aggrapparsi ai cavilli e alle prescrizioni per uscirne indenne.
L'etica pubblica che esigiamo dai rappresentanti istituzionali, e primi fra questi da noi stessi, ci impone una risposta sola: il passo indietro. Per questo io mi sono dimesso e vi chiedo di accettare queste dimissioni.

In questi giorni credo di aver spiegato tutti i termini del mio errore e della mia scelta.
Ho omesso di dichiarare due mie società nell'anagrafe pubblica. Per essere precisi non si tratta di due società ma di due componenti di un’unica società: sono la composizione amministrativa di una piccola azienda: una di capitali (Holding) che possiede l’altra.
L’ultimo capitale censito della Holding è 10.195 euro, questo il minimo giro di affari di cui si discorre tanto sui giornali: 10.195 euro.
Sono un imprenditore che oltre ad investire nel suo paese, nella sua città, ha investito anche in un altro paese europeo: Malta.
Da queste società non ho ricevuto dividendi, quindi nessuna tassa doveva essere versata in Italia, e dunque non ho evaso il fisco.
Il mio errore verso il consiglio e i cittadini si chiama violazione obblighi di monitoraggio (I.V.A.F.E.)., e basta, altre violazioni non ve ne sono.
Dalla mancata comunicazione alla Regione Toscana non ne è derivato alcun vantaggio lecito o illecito per l’omessa dichiarazione che viene ristabilita con una dichiarazione di aggiornamento. Ripeto : l’omissione si sana con 388 euro per l’unica mia infrazione: la violazione degli obblighi di monitoraggio (I.V.A.F.E.).
Ho già spiegato perché ho scelto Malta per questa linea di business: avevo l’idea di avviare una linea commerciale con la Libia perché sono nato a Tripoli, la mia famiglia è cresciuta in Libia e senza quanto accaduto in Libia questo business avrebbe potuto avere un buon esito. Da qui l'idea di ritornare con un progetto imprenditoriale poi rimasto fermo, per le note vicende politiche libiche.
Malta non è un paradiso fiscale, la moneta *** è l’euro come in Italia. Dal 2010 non è più nella black list, l’unione europea ha tra i suoi principi fondamentali la libera prestazione di servizi e la libertà di stabilimento ed esercizio attività imprenditoriali di tutti i cittadini europei in tutti i paesi dell’unione, quindi mi sono limitato a tentare un percorso consentito, anzi, favorito dalla tanto acclamata unione europea.

Un percorso che ad oggi non mi ha dato riscontro positivo, come può succedere a chi rischia e fa impresa con i propri soldi e senza incentivi.
A volte va bene a volte va male.
Io in questi due anni di consiglio, ho cercato di dare il massimo sempre al servizio dei cittadini. L'ho fatto seguendo le linee di programma per le quali quei cittadini mi hanno mandato qui.
Ora lascio questo scranno a qualcuno che mi auguro sia coerente, senza abusarne, col mandato dei cittadini.

I cittadini hanno scelto il 31 maggio 2015 il Movimento 5 Stelle ed è giusto che qui sieda una persona del Movimento 5 Stelle e che creda nel Movimento 5 Stelle.
Ogni altra scelta sarebbe sbagliata, eticamente. La politica italiana ci ha abituato a grandi disastri etici, ma io coltivo sempre la speranza del cambiamento.
Per questo mi auguro che questo posto non resti vuoto, che il Movimento 5 Stelle continui ad avere un quinto consigliere o una quinta consigliera seduta qui a combattere per la legalità, la partecipazione, la riduzione dei costi della politica, il reddito di cittadinanza, l'economia circolare, la scelta di figure immacolate nei ruoli apicali ed ogni altra battaglia che io ho portato qui dentro.

Non sono un politico come voi, non so parlare bene, ho difficoltà ad esprimermi al meglio quando parlo senza un testo preparato e per questo sto leggendo queste parole.
Ma col mio gesto spero di avervi lasciato la mia testimonianza sulla rivoluzione che anche la Toscana deve fare: al minimo dubbio, nessun dubbio.
Chi ha sbagliato, e io l'ho fatto, non deve stare qui dentro, senza se e senza ma. I cittadini meritano il meglio e io ho cercato di darglielo, ma non è stato abbastanza. Per questo ho scelto di tornare al mio ruolo politico principale, un cittadino attivo all'interno del Movimento 5 Stelle.

 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

2 ore fa, shinycage ha scritto:

di Enrico Cantone, consigliere regionale dimissionario M5s Toscana

Questo è il comunicato che avrei voluto leggere in aula ma mi è stato impedito dal Presidente Giani e da alcuni consiglieri del gruppo di maggioranza adducendo a motivi burocratici ed amministrativi......... c'è da crederci?

Come consigliere della X° legislatura, prendo per l'ultima volta la parola in quest'aula, un luogo che ho sempre onorato con puntualità e dedizione.
Lascio questo scranno perché ritengo che la nostra rivoluzione culturale, la rivoluzione culturale del Movimento 5 Stelle, debba essere una rivoluzione di fatti e non di parole.
Ho commesso un errore, un piccolo errore che mi costerà 388 euro per essere sanato, ma chi siede qui non dovrebbe compierlo.

L'ho commesso per sufficienza, ma non è un'attenuante. L'ho commesso e basta.
L'etica pubblica che come Movimento 5 Stelle portiamo avanti non funziona come un tribunale dove qualcuno può aggrapparsi ai cavilli e alle prescrizioni per uscirne indenne.
L'etica pubblica che esigiamo dai rappresentanti istituzionali, e primi fra questi da noi stessi, ci impone una risposta sola: il passo indietro. Per questo io mi sono dimesso e vi chiedo di accettare queste dimissioni.

In questi giorni credo di aver spiegato tutti i termini del mio errore e della mia scelta.
Ho omesso di dichiarare due mie società nell'anagrafe pubblica. Per essere precisi non si tratta di due società ma di due componenti di un’unica società: sono la composizione amministrativa di una piccola azienda: una di capitali (Holding) che possiede l’altra.
L’ultimo capitale censito della Holding è 10.195 euro, questo il minimo giro di affari di cui si discorre tanto sui giornali: 10.195 euro.
Sono un imprenditore che oltre ad investire nel suo paese, nella sua città, ha investito anche in un altro paese europeo: Malta.
Da queste società non ho ricevuto dividendi, quindi nessuna tassa doveva essere versata in Italia, e dunque non ho evaso il fisco.
Il mio errore verso il consiglio e i cittadini si chiama violazione obblighi di monitoraggio (I.V.A.F.E.)., e basta, altre violazioni non ve ne sono.
Dalla mancata comunicazione alla Regione Toscana non ne è derivato alcun vantaggio lecito o illecito per l’omessa dichiarazione che viene ristabilita con una dichiarazione di aggiornamento. Ripeto : l’omissione si sana con 388 euro per l’unica mia infrazione: la violazione degli obblighi di monitoraggio (I.V.A.F.E.).
Ho già spiegato perché ho scelto Malta per questa linea di business: avevo l’idea di avviare una linea commerciale con la Libia perché sono nato a Tripoli, la mia famiglia è cresciuta in Libia e senza quanto accaduto in Libia questo business avrebbe potuto avere un buon esito. Da qui l'idea di ritornare con un progetto imprenditoriale poi rimasto fermo, per le note vicende politiche libiche.
Malta non è un paradiso fiscale, la moneta *** è l’euro come in Italia. Dal 2010 non è più nella black list, l’unione europea ha tra i suoi principi fondamentali la libera prestazione di servizi e la libertà di stabilimento ed esercizio attività imprenditoriali di tutti i cittadini europei in tutti i paesi dell’unione, quindi mi sono limitato a tentare un percorso consentito, anzi, favorito dalla tanto acclamata unione europea.

Un percorso che ad oggi non mi ha dato riscontro positivo, come può succedere a chi rischia e fa impresa con i propri soldi e senza incentivi.
A volte va bene a volte va male.
Io in questi due anni di consiglio, ho cercato di dare il massimo sempre al servizio dei cittadini. L'ho fatto seguendo le linee di programma per le quali quei cittadini mi hanno mandato qui.
Ora lascio questo scranno a qualcuno che mi auguro sia coerente, senza abusarne, col mandato dei cittadini.

I cittadini hanno scelto il 31 maggio 2015 il Movimento 5 Stelle ed è giusto che qui sieda una persona del Movimento 5 Stelle e che creda nel Movimento 5 Stelle.
Ogni altra scelta sarebbe sbagliata, eticamente. La politica italiana ci ha abituato a grandi disastri etici, ma io coltivo sempre la speranza del cambiamento.
Per questo mi auguro che questo posto non resti vuoto, che il Movimento 5 Stelle continui ad avere un quinto consigliere o una quinta consigliera seduta qui a combattere per la legalità, la partecipazione, la riduzione dei costi della politica, il reddito di cittadinanza, l'economia circolare, la scelta di figure immacolate nei ruoli apicali ed ogni altra battaglia che io ho portato qui dentro.

Non sono un politico come voi, non so parlare bene, ho difficoltà ad esprimermi al meglio quando parlo senza un testo preparato e per questo sto leggendo queste parole.
Ma col mio gesto spero di avervi lasciato la mia testimonianza sulla rivoluzione che anche la Toscana deve fare: al minimo dubbio, nessun dubbio.
Chi ha sbagliato, e io l'ho fatto, non deve stare qui dentro, senza se e senza ma. I cittadini meritano il meglio e io ho cercato di darglielo, ma non è stato abbastanza. Per questo ho scelto di tornare al mio ruolo politico principale, un cittadino attivo all'interno del Movimento 5 Stelle.

 
 

CANTONE E LE SOCIETÀ A MALTA, ATTACCO AI 5 STELLE 

I consiglieri regionali Pd si sono presentati in aula con in mano le copie de L'Espresso con l'inchiesta in cui è citato l'ormai ex collega Cantone

57-panciatichi-pd-espresso-02.jpg  

Mercoledì 24 Maggio 2017 - 12:10

Enrico Cantone, esponente del Movimento 5 Stelle eletto nell'assemblea del palazzo del Pegaso nel 2015, si è dimesso nei giorni scorsi per non aver dichiarato al Consiglio regionale due società con sede a Malta di cui parla anche il settimanale L'Espresso nell'ambito di un'inchiesta sui traffici e gli affari degli italiani sull'isola.

Ieri a Cantone è subentrata la prima dei non eletti, Monica Pecori, peraltro già passata al gruppo misto, ma senza che la questione delle società maltesi venisse trattata in aula. Oggi il gruppo del Pd ha invece aperto un dibattito partendo da una mozione sull'opportunità di potenziare la trasparenza sul patrimonio dei consiglieri. Tutti i dem si sono presentati in aula con una copia de L'Espresso e si sono messi a leggerla mentre il capogruppo Leonardo Marras e la vicecapogruppo Monia Monni intervenivano sulla vicenda di Cantone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963