18 agosto:una data da ricordare.....

Domenica 18 agosto 1946. La guerra è finita da pochissimo e l’Istria è occupata dai partigiani comunisti del maresciallo Tito. Da anni è in atto la stagione del terrore e della pulizia etnica ai danni degli italiani. Il “lungo esodo” è già iniziato. Ma non da Pola che, ancora, è amministrata dalle truppe britanniche. La morte – con le sue conseguenze di terrore e fuga – in questa città viene portata a Vergarolla, una famosa spiaggia gremita di partecipanti in occasione delle locali gare di nuoto.

Inizia tutto con un grande boato: scoppiano alcune mine antinave incustodite. Vengono letteralmente polverizzate intere famiglie, il mare si tinge di rosso al punto che per molto tempo nessuno mangerà più pesce: più di un centinaio i morti, di cui solo 64 identificati. Altrettanti i feriti. Non mancano gli atti di eroismo: il dottor Micheletti perde i due figli, ma continua a prestare soccorso per oltre 48 ore. Sarà poi esule, per non trovarsi un giorno a “curare gli assassini della sua prole”.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

Grazie per la notizia, sig ippodirector.

Qualora ne abbia di nuove c'è le comunichi immediatamente.

Eviterà di scrivere le sue solite kagate.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Grazie per la notizia, sig ippodirector.

Qualora ne abbia di nuove c'è le comunichi immediatamente.

Eviterà di scrivere le sue solite kagate.

eh l oso..scoccia..molto meglio parlare di partigiani....vero??voi la lista delle cose "buone " che hanno fatto??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, director12 ha scritto:

eh l oso..scoccia..molto meglio parlare di partigiani....vero??voi la lista delle cose "buone " che hanno fatto??

Confrontandole con quelle fasciste naturalmente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Confrontandole con quelle fasciste naturalmente.

è questo il tuo metro di misura?? VERGOGNA

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E' lei che si deve vergognare sig superdirector.

Se lei riceve uno schiaffo che fa?

Offre l'altra guancia o risponde con un pugno?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

E' lei che si deve vergognare sig superdirector.

Se lei riceve uno schiaffo che fa?

Offre l'altra guancia o risponde con un pugno?

 

ehehehe cè stato uno prima di te che da pugni...e predica la pace  e l'accoglienza

https://www.youtube.com/watch?v=mA-cNbZ80fM&ab_channel=VistaAgenziaTelevisivaNazionale

Ps:quando sei stanco di fare figure di m....fammi un fischio!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, director12 ha scritto:

ehehehe cè stato uno prima di te che da pugni...e predica la pace  e l'accoglienza

https://www.youtube.com/watch?v=mA-cNbZ80fM&ab_channel=VistaAgenziaTelevisivaNazionale

Ps:quando sei stanco di fare figure di m....fammi un fischio!!

Quindi anche il Papa ritiene normale che ad una reazione ne corrisponde una uguale e contraria.

Quindi i komunisti slavi hanno reagito a precedenti persecuzioni italiane.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Quindi anche il Papa ritiene normale che ad una reazione ne corrisponde una uguale e contraria.

Quindi i komunisti slavi hanno reagito a precedenti persecuzioni italiane.

 

hai dimenticato un passaggio:di un papa comunista!! detta tutta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

Domenica 18 agosto 1946. La guerra è finita da pochissimo e l’Istria è occupata dai partigiani comunisti del maresciallo Tito. Da anni è in atto la stagione del terrore e della pulizia etnica ai danni degli italiani. Il “lungo esodo” è già iniziato. Ma non da Pola che, ancora, è amministrata dalle truppe britanniche. La morte – con le sue conseguenze di terrore e fuga – in questa città viene portata a Vergarolla, una famosa spiaggia gremita di partecipanti in occasione delle locali gare di nuoto.

Inizia tutto con un grande boato: scoppiano alcune mine antinave incustodite. Vengono letteralmente polverizzate intere famiglie, il mare si tinge di rosso al punto che per molto tempo nessuno mangerà più pesce: più di un centinaio i morti, di cui solo 64 identificati. Altrettanti i feriti. Non mancano gli atti di eroismo: il dottor Micheletti perde i due figli, ma continua a prestare soccorso per oltre 48 ore. Sarà poi esule, per non trovarsi un giorno a “curare gli assassini della sua prole”.

R.I.P.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963