Gay Pride a Reggio Emilia, i cattolici lanciano la "processione di riparazione" contro il vizio

Un gruppo di cattolici tradizionalisti di Reggio Emilia, riuniti nel "Comitato Beata Giovanna Scopelli", ha indetto per il 3 giugno una manifestazione "di riparazione pubblica per il gay pride", in concomitanza con il "Remilia Pride", organizzato da Arcigay e patrocinato dal Comune di Reggio. La locandina che ha acceso la polemica raffigura un Cristo flagellato alla colonna.

L'iniziativa è stata lanciata dal sito chiesaepostconcilio.blogspot.it e poi promossa attraverso un gruppo Facebook che raccoglie già oltre mille adesioni. Gli amministratori della pagina e promotori del contro gay pride scrivono: "È evidente la gravità e il carattere provocatorio e sconcio di una simile iniziativa, l'ennesimo empio spettacolo di normalizzazione del vizio cui siamo costretti ad assistedre. A offese pubbliche vogliamo opporre riparazioni e preghiere pubbliche". 
 

ma siamo ancora a questo punto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

non si può sentire! per me facebook dovrebbe bloccare questo tipo di iniziative!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, aljadida5 ha scritto:

non si può sentire! per me facebook dovrebbe bloccare questo tipo di iniziative!

non esiste solo facebook, .......ci sono manifestazioni pubbliche ,  pensieri personali.... preghiere....NON PUOI VIETARE ALLA GENTE DI PREGARE.... 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non che sia sbagliato stigmatizzare la religiosità integralista e l'intolleranza ma è veramente buffo a dove siamo arrivati, col papato che ogni giorno di più sposa le istanze integraliste di sinistra e contestualmente demolisce la sua base conservatrice (salvo i business ovviamente, tipo Fatima).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma perché non fanno una marcia di riparazione per i preti pedofili? o magari direttamente una bella epurazione dei preti pedofili!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, etrusco1900 ha scritto:

non esiste solo facebook, .......ci sono manifestazioni pubbliche ,  pensieri personali.... preghiere....NON PUOI VIETARE ALLA GENTE DI PREGARE.... 

ma pregare per cosa???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, tonyman4 ha scritto:

ma pregare per cosa???

Se hai la pazienza di leggere questo lungo articolo http://www.lanuovabq.it/it/articoli-fatima-il-rosario-che-fece-rispondere-la-madonna-19865.htm

comprenderai come a livello mondiale esistono organizzazioni  ( massoneria- trilaterale - e altre) che hanno lo scopo di dominare il mondo e diffondere a livello planetario un  loro "ideologia"  il fatto che  con il controllo dei mezzi di comunicazione, con il controllo dei governi e con  tute le azioni che hanno fatto e stanno facendo non ci siano riuscite dimostra, con i fatti,   che la preghiera qualche risultato lo ha ottenuto e lo ottiene.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

o mamma! l'ha organizzata savonarola???

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ozu1980 ha scritto:

Un gruppo di cattolici tradizionalisti di Reggio Emilia, riuniti nel "Comitato Beata Giovanna Scopelli", ha indetto per il 3 giugno una manifestazione "di riparazione pubblica per il gay pride", in concomitanza con il "Remilia Pride", organizzato da Arcigay e patrocinato dal Comune di Reggio. La locandina che ha acceso la polemica raffigura un Cristo flagellato alla colonna.

L'iniziativa è stata lanciata dal sito chiesaepostconcilio.blogspot.it e poi promossa attraverso un gruppo Facebook che raccoglie già oltre mille adesioni. Gli amministratori della pagina e promotori del contro gay pride scrivono: "È evidente la gravità e il carattere provocatorio e sconcio di una simile iniziativa, l'ennesimo empio spettacolo di normalizzazione del vizio cui siamo costretti ad assistedre. A offese pubbliche vogliamo opporre riparazioni e preghiere pubbliche". 
 

ma siamo ancora a questo punto?

ahahahaha...la processione di riparazione... ma che roba è?

Neanche in Mauritania ho visto tanto attaccamento alle tradizioni religiose

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963