HA FATTO QUELLO CHE POTEVA IL PdR

Una  dura  lettera   con  rilievi  di massima  importanza   ma  sarà lettera  morta  come  per  il precedente decreto  insicurezza. Sarà  inascoltato    ancora  una   volta  il PdR Mattarella , anche  se   la  legge precedente  è  ancora  in  parte  ferma  mancando  i decreti  attuativi.

a GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE · 

Decreto Sicurezza, Mattarella firma ma esprime due pesanti rilievi: "RESTA L'OBBLIGO DI SALVARE LE PERSONE IN MARE".
...

Il presidente ha controfirmato il provvedimento voluto da Salvini, ma punta il dito su "due rilevanti criticità" con una lettera al premier e ai presidenti delle Camere. Inoltre chiede di rimettere mano alle norme.
....

...Altro...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

6 minuti fa, pm610 ha scritto:

Una  dura  lettera   con  rilievi  di massima  importanza   ma  sarà lettera  morta  come  per  il precedente decreto  insicurezza. Sarà  inascoltato    ancora  una   volta  il PdR Mattarella , anche  se   la  legge precedente  è  ancora  in  parte  ferma  mancando  i decreti  attuativi.

a GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE · 

Decreto Sicurezza, Mattarella firma ma esprime due pesanti rilievi: "RESTA L'OBBLIGO DI SALVARE LE PERSONE IN MARE".
...

Il presidente ha controfirmato il provvedimento voluto da Salvini, ma punta il dito su "due rilevanti criticità" con una lettera al premier e ai presidenti delle Camere. Inoltre chiede di rimettere mano alle norme.
....

...Altro...

Caro PM , secondo me con un po’ più di coraggio , Mattarella , non doveva proprio firmarla . Gliela rimandava indietro a quei trogloditi e poi si stava a vedere se gliela rimandavano intonsa. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Caro PM , secondo me con un po’ più di coraggio , Mattarella , non doveva proprio firmarla . Gliela rimandava indietro a quei trogloditi e poi si stava a vedere se gliela rimandavano intonsa. 

Purtroppo    li  ritornava  forse  con lo spostamento  di   qualche  virgola  ...ed  a  quel  punto  la  doveva  firmare  volente  o  nolente...

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ora  vediamo  se  daranno  ancora  la  colpa  al   PIddi  ....  A  casa   se   avete  le  palle·  Sarà la  solita  presa  per   Qlo ?  mah dal becero fasciodestro di  giravolte  ne  abbiamo  viste    uguali   a quelle  fatte  dai  pentecatti.....

POLTRONE   ! POLTRONE ! POLTRONE !

Salvini stacca la spina al Governo con il M5S: “Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che la maggioranza non c’è più e restituiamo velocemente la parola agli elettori”.

Dopo averlo svuotato del consenso, Il cavallo di *** non serve più e Salvini vuole disfarsene. In un anno di governo, Di Maio ha distrutto il Movimento 5 Stelle consegnando il Paese a Salvini. Ad una destra pericolosa e xenofoba che utilizza in modo criminale la paura per guadagnare consenso.

La sinistra davanti a questa crisi, purtroppo, si fa trovare impreparata e senza un progetto alternativo forte, in grado di riaccendere la passione per la Politica.

Resta la saggezza del Presidente Mattarella a cui aggrapparsi. Ed anche una convinzione personale: che la società civile, insieme, farà argine a questo tsunami che rischia di travolgere la nostra democrazia.

L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi e vestito elegante

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Ha fatto quel che poteva??? Una dura lettera???? Pesanti  rilievi????? Roba da matti!

Mattarella poteva respingere la legge alle Camere, senza la sua firma, e motivare con una lettera la sua decisione. Quella sì che sarebbe stata una dura lettera! Un ceffone politico in piena faccia, duro da assorbire dal pallone gonfiato. Con pesanti rilievi,  quelli sì pesantissimi da digerire da parte del tappetaro verde, che gli avrebbero rovinato la festa nel giorno del tradimento di Conte, dell'alleato e del  contratto di governo. Ora invece può festeggiare a pancia piena. In due giorni ha portato a casa un TAV costoso quanto inutile e una leggiaccia xenofoba e incostituzionale. Un eccellente abbrivio per l'imminente campagna elettorale. I rilievi del Quirinale, a Camere ormai quasi sciolte, con tutto il rispetto contano un tubo e al Capitone gli fanno un baffo. Mattarella sapeva benissimo che c'era aria di crisi, ragione in più per non promulgare la leggiaccia. Che ipocrisia, che vergognoso scaricabarile promulgarla e chiedere a un Conte pressoché sfiduciato di emenderla! Ora Salvini potrà esibirla come un trofeo alla feccia che lo vota e alla faccia degli italiani che ancora credono in certi valori. Dio solo sa quanto mi dispiaccia dirlo, ma Mattarella è per me, e credo per milioni di italiani, una enorme e triste delusione. Aveva iniziato male la legislatura con l'entrata a gamba tesa del veto a Savona, ora la finisce peggio. Perché nel primo caso aveva almeno mostrato coraggio e fermezza. Ora è meglio stendere un velo pietoso, ma solo per rispetto all'istituzione, non certo alla persona. Che ormai ha perso tutta la mia stima e tutta la mia fiducia. Ma forse sbagliavo io a illudermi. Da un presidente scelto da Renzi era difficile aspettarsi di più. Certo è che con un Pertini, o anche uno Scalfaro, al Quirinale il ministro dell'Interno non avrebbe fatto, come ha fatto per 14 mesi e come diciamo a Napoli, il gallo sopra l'immondizia.

Saluti.

 

Ma te guarda sto sciuscia’ da strapazzo !! Ha pure il coraggio, in attesa di essere messo a testa in giu’ ed a culetto in su , di aprire bocca ed incolpare il Presidente Mattarella circa il Decreto Sicurezza. Sto razza di idio ta tenta di incolpare Mattarella , verso il quale pure io avrei preferito non si limitasse alle osservazioni ma glielo avesse tornato indietro , dimenticandosi scientemente che il Partito da lui votato , ha messo la fiducia sul provvedimento che e’ passato con 160 voti di cui ben 104 dei grillini. E sta testadiminkia scrive un “editoriale “ che non verrebbe in mente manco a Pulcinella dopo essersene stato zitti zitto , all’interno della fogna , mentre i suoi sodali e lui stesso , che un tempo volevano Gino Strada come PDR , hanno partorito una delle più vomitevoli e vergognose leggi dal dopoguerra ad oggi . No , Cazzaro di Napoli , non ti salverai tentando di salire sul carro di chi ha sempre detto , e da subito , che questo era un governo di mer da e di destra . Sarai “ giustiziato “ tutte le volte che aprirai bocca !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Ha fatto quel che poteva??? Una dura lettera???? Pesanti  rilievi????? Roba da matti!

Mattarella poteva respingere la legge alle Camere, senza la sua firma, e motivare con una lettera la sua decisione. Quella sì che sarebbe stata una dura lettera! Un ceffone politico in piena faccia, duro da assorbire dal pallone gonfiato. Con pesanti rilievi,  quelli sì pesantissimi da digerire da parte del tappetaro verde, che gli avrebbero rovinato la festa nel giorno del tradimento di Conte, dell'alleato e del  contratto di governo. Ora invece può festeggiare a pancia piena. In due giorni ha portato a casa un TAV costoso quanto inutile e una leggiaccia xenofoba e incostituzionale. Un eccellente abbrivio per l'imminente campagna elettorale. I rilievi del Quirinale, a Camere ormai quasi sciolte, con tutto il rispetto contano un tubo e al Capitone gli fanno un baffo. Mattarella sapeva benissimo che c'era aria di crisi, ragione in più per non promulgare la leggiaccia. Che ipocrisia, che vergognoso scaricabarile promulgarla e chiedere a un Conte pressoché sfiduciato di emenderla! Ora Salvini potrà esibirla come un trofeo alla feccia che lo vota e alla faccia degli italiani che ancora credono in certi valori. Dio solo sa quanto mi dispiaccia dirlo, ma Mattarella è per me, e credo per milioni di italiani, una enorme e triste delusione. Aveva iniziato male la legislatura con l'entrata a gamba tesa del veto a Savona, ora la finisce peggio. Perché nel primo caso aveva almeno mostrato coraggio e fermezza. Ora è meglio stendere un velo pietoso, ma solo per rispetto all'istituzione, non certo alla persona. Che ormai ha perso tutta la mia stima e tutta la mia fiducia. Ma forse sbagliavo io a illudermi. Da un presidente scelto da Renzi era difficile aspettarsi di più. Certo è che con un Pertini, o anche uno Scalfaro, al Quirinale il ministro dell'Interno non avrebbe fatto, come ha fatto per 14 mesi e come diciamo a Napoli, il gallo sopra l'immondizia.

Saluti.

 

Ti  ha  risposto degnamente  Mark ,   ma  aggiungo   sei  proprio  un ominicchio   se  tenti   di  dare  delle  colpe   che  assolutamente  non  può  avere  il PdR Mattarella   faccio notare    che  la legge  becera è passata  grazie   ai   voti  dei pentecatti   che versano   i nostri  soldi  ad  un  azienda  in odore  di conflitto  di  interessi .  Per  non parlate    della  sceneggiata  napoletana messa  in campo   sempre  dai pentecatti  contro   il loro  governo  sulla linea  e  traforo del  TAV

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

FACCIO SOMMESSAMENTE    NOTARE   CHE  LA  LEGGE   E' STATA  SCRITTA  E  VOTATA  A  MAGGIORANZA    DAI GRULLI  E  SI   IL   PdR  poteva  rimandarla  indietro  e poi  ?  La  rimandavano  con  inezie   cambiate   e  doveva   firmarla ...  questo  è  . PUNTO

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963