Il mio chiodo fisso …

… - vi ricordate quando siamo passati dalla lira all’ euro. In tutti i negozi, bar, uffici sia pubblici che privati, banche, poste, assicurazione e quanto altro vi fossero spese per contanti, ecc/ecc, in bella mostra sui tavoli o vicino alla porta di uscita vi erano dei “bidoncini” e/o piccoli “bidoni” (nessun doppio senso) per la raccolta delle vecchie lire sia di metallo che di carta. La raccolta ha durato a lungo, quasi un anno. Poi i contenitori (stavo per scrivere i bidoni ma non lo ho scritto) sono stati raccolti. Su dove siano finiti in deposito nessuno lo sa.  Attenzione, io non ho scritto sottratti. Io parlo solo che non si riesce più a trovarli. Come del resto non si riesce più a sapere e trovare chi siano stati gli organizzatori della raccolta organizzata. – i lettori di questa rubrica hanno notizie rassicuranti in merito. Nel frattempo quando verranno richieste somme tramite numeri telefonici, scatolette magiche stradali o altre forma di raccolta … io cambio strada. Buona domenica a voi e per cortesia informate questa rubrica su dove siano finite le lire di allora. Grazie anticipato. 

   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

27 messaggi in questa discussione

Dune-bugg(Y?) Prego posticipato. Ma non se ne va mai in vacanza?. Forse lo iodio le acuirebbe la sua già ipertrofica intelligenza. Auguri e bacioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 ore fa, noncredapensi ha scritto:

Dune-bugg(Y?) Prego posticipato. Ma non se ne va mai in vacanza?. Forse lo iodio le acuirebbe la sua già ipertrofica intelligenza. Auguri e bacioni.

Vacanza? Non sa neanche cos'è. Un inacidito zitello che vede comunisti d'appertutto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, lupogrigio1953 ha scritto:

Vacanza? Non sa neanche cos'è. Un inacidito zitello che vede comunisti d'appertutto.

Sto aspettando con impazienza di non essere più il chiodo fisso di questo signore che si ostina a chiamarmi in causa, mentre io vorrei frequentare questo forum senza essere tirato in ballo ogni volta. Per evitare ciò ho rinunciato a frequentare la pagina di politica, ma a quanto pare non basta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La lettera era indirizzata a dune-baggi. Forse non ho capito bene  come  funziona il sistema ma non volevo indirizzarla a lupogrigio1953. Chiedo scusa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La lettera era indirizzata a dune-baggi. Forse non ho capito bene  come  funziona il sistema ma non volevo indirizzarla a lupogrigio1953. Chiedo scusa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, noncredapensi ha scritto:

La lettera era indirizzata a dune-baggi. Forse non ho capito bene  come  funziona il sistema ma non volevo indirizzarla a lupogrigio1953. Chiedo scusa.

I commenti che vengono scritti qui non sono "lettere", ma possono vederli tutti. Ho risposto perché il signore in questione mi perseguita da mesi. Ora proverò a non rispondergli più (l'avevo già fatto, ma non era servito), sperando che la telenovela finisca, e non chiedo di meglio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fare una differenza tra un così detto USA.post ed una lettera è solo figlia della "pronità" verso i gendarmi del mondo. Per quanto fortemente socialista mi rifiuto di usare termini che non appartengono alla lingua italiana, se in essa esistono dei termini corrispondenti ai barbarismi. In ogni caso esistono anche le "lettere aperte" e sono quelle che immetto nel forum. Se poi si vogliono ricevere solo delle "lettere aperte" solo quando ci piacciono, la soluzione è semplice : basta partecipare ad un altro forum. Saluti non tanto cordiali ma solamente un poco, ma molto poco, infastiditi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, noncredapensi ha scritto:

Fare una differenza tra un così detto USA.post ed una lettera è solo figlia della "pronità" verso i gendarmi del mondo. Per quanto fortemente socialista mi rifiuto di usare termini che non appartengono alla lingua italiana, se in essa esistono dei termini corrispondenti ai barbarismi. In ogni caso esistono anche le "lettere aperte" e sono quelle che immetto nel forum. Se poi si vogliono ricevere solo delle "lettere aperte" solo quando ci piacciono, la soluzione è semplice : basta partecipare ad un altro forum. Saluti non tanto cordiali ma solamente un poco, ma molto poco, infastiditi.

Questo è un forum. "forum" è una parola latina. Se ti scoccia usare gli oggetti che derivano dagli USA, allora dovresti essere coerente e non usare più neanche un PC o uno Smartphone (non so come li traduci in lingua italiana).

Il formato di questo forum funziona così e cioè che tutti leggono tutto e tutti possono intervenire. Ma se non ti piace detto funzionamento, hai anche a disposizione i messaggi privati (vedi l'icona del fumetto, accanto alla campanella, presenti nella riga più in alto a fianco al tuo pseudonimo (nickname non ti piace, dunque lo chiamo "pseudonimo").

Quanto ai saluti "non tanto cordiali", fai tu.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La "pronità" è una malattia incurabile. Riferendosi a parole latine non si usa un barbarismo ma ci si rifà alla radice della nostra lingua. Per quanto riguarda il "suo" Pc" il lo chiamo computatore o C.P. Nel caso non lo sapesse i primi calcolatori sono stati "inventati" in italia e che "computer" viene proprio da computatore. Per Smartphone si usa semplicemente "telefonino"  da "smart=piccolo"  e "Phone=telefono". Nickname vuol dire soprannome, semplicemente. Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo: ma il problena è che, per quanto mi riguarda, e quindi  non riguarda chiunque altro come Lei, usare la propria lingua è, ripeto per me, una questione di dignità. Tre sempi lampanti di "subalternità" vomitevole sono:
Sponsor (in italiano sponsore: somigliano vero?); oppure l'abominevole "rumors" che in italiano si "pronuncia" con "voci, dicerie". ultimo è "okay" o ok: basta in "si"  o "va bene" Ovviamente ognuno è padrone di parlare come gli pare, basta vedere giornalisti che non riescono a capire che il congiuntivo ha un senso e si usa quando si debba manifestare un dubbio od una ipotesi. Ma qui il discorso si fa troppo lungo e per Lei poco importante e  tedioso.
Dopo questa pesante puntualizzazione, Le pongo, per questa volta, i miei più cordiali saluti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, noncredapensi ha scritto:

La "pronità" è una malattia incurabile. Riferendosi a parole latine non si usa un barbarismo ma ci si rifà alla radice della nostra lingua. Per quanto riguarda il "suo" Pc" il lo chiamo computatore o C.P. Nel caso non lo sapesse i primi calcolatori sono stati "inventati" in italia e che "computer" viene proprio da computatore. Per Smartphone si usa semplicemente "telefonino"  da "smart=piccolo"  e "Phone=telefono". Nickname vuol dire soprannome, semplicemente. Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo: ma il problena è che, per quanto mi riguarda, e quindi  non riguarda chiunque altro come Lei, usare la propria lingua è, ripeto per me, una questione di dignità. Tre sempi lampanti di "subalternità" vomitevole sono:
Sponsor (in italiano sponsore: somigliano vero?); oppure l'abominevole "rumors" che in italiano si "pronuncia" con "voci, dicerie". ultimo è "okay" o ok: basta in "si"  o "va bene" Ovviamente ognuno è padrone di parlare come gli pare, basta vedere giornalisti che non riescono a capire che il congiuntivo ha un senso e si usa quando si debba manifestare un dubbio od una ipotesi. Ma qui il discorso si fa troppo lungo e per Lei poco importante e  tedioso.
Dopo questa pesante puntualizzazione, Le pongo, per questa volta, i miei più cordiali saluti. 

Lei può pensarla come crede, se vuole. Per me la cosa è più complicata, visto che fino a un anno e mezzo fa ho lavorato nel settore tecnologico, networking (mi aspetto di conoscere il corrispondente termine in italiano di questa parola), e tutti i termini riferiti agli apparati, o parte di essi, nonché tutti i comandi degli stessi (es; "set eth1 ip address 10.10.10.1 netmask 255.255.255.0") sono in inglese. Avrei dovuto cambiare mestiere o imparare un po' di inglese. Io ho preferito la seconda scelta.

Ma non è finita qui: mio figlio si è trasferito definitivamente nello United Kingdom (Regno Unito); che faccio gli dico di cancellare tutti i termini in Inglese? Se vivesse a London, potrebbe chiamarla Londra, ma purtroppo vive a Reading, come lo traduciamo?

Infine, mi dispiace per Lei, ma il mondo è tutto interconnesso e non viviamo più mangiando le galline del nostro cortile e le pere dei nostri campi. E comunque, quando avevo meno di 9 anni, vivevo in campagna e compravamo il baccalà; quindi già allora non si viveva solo di ciò che si produceva nella nostra terra, ma si usavano anche prodotti provenienti dall'estero. Ad esempio, avevamo una falciatrice della Krups, e forse anche altre macchine agricole che avevamo erano di produzione straniera. Le nostre FIAT e Ferrari non dovremmo più venderle all'estero? Come si dice Ferrari in inglese?

Per vivere come dice Lei, non è possibile neanche facendo l'eremita in mezzo alle montagne; avrà bisogno comunque di scendere in paese ogni tanto.

E comunque non capisco questa ostinazione e non ne vedo alcun vantaggio. Io sono per il vivi e lascia vivere.

Né ho nulla contro i migranti che arrivano qui da noi, semmai il problema è lo Stato italiano che non è capace (o non vuole) di imporre il rispetto delle leggi a tutti, che siano cittadini italiani o che siano migranti.

Personalmente non sono nemico di nessuno, neanche di dune-buggi che continua ad attaccarmi e che, spero, legga questo commento e finalmente si decida ad accettare, in futuro, un comportamento civile, così come mi impegno a fare io.

Cordiali saluti anche da parte mia, naturalmente.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chiodo Fisso? Io mi limito a scorrere le "lettere aperte" del forum, e se riscontro, a mio parere, una contraddizione, mi limito a rispondere ad argomentazioni da me, modestamente, rilevate non esatte. Se c'è un chiodo fisso esso è causato da argomentazioni "fisse" o per lo meno da un modo di vedere gli avvenimenti del mondo.
Ma il mondo è, finché l'Homo stultus" non lo distruggerà, visto che prima o poi, forse, lo farà, io sarò ben parte della materia conseguente alla mia cremazione.
Abituatevi, partecipanti ai forum, a dever rispondere, se ciò vi aggrada: nessuni vi potrà dire niente se  ignorate certe "leggerwe aperte" dette post dagli schiavi dei barbarismi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chiodo Fisso? Io mi limito a scorrere le "lettere aperte" del forum, e se riscontro, a mio parere, una contraddizione, mi limito a rispondere ad argomentazioni da me, modestamente, rilevate non esatte. Se c'è un chiodo fisso esso è causato da argomentazioni "fisse" o per lo meno da un modo di vedere gli avvenimenti del mondo.
Ma il mondo è, finché l'Homo stultus" non lo distruggerà, visto che prima o poi, forse, lo farà, io sarò ben parte della materia conseguente alla mia cremazione.
Abituatevi, partecipanti ai forum, a dever rispondere, se ciò vi aggrada: nessuni vi potrà dire niente se  ignorate certe "leggerwe aperte" dette post dagli schiavi dei barbarismi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!



P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!



P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, noncredapensi ha scritto:

"Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.
 

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!

 

 


P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.

 


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Mai pensato che lei fosse dune-buggi, troppa differenza di idee e di cultura (almeno di quella dimostrata qui).

La lingua italiana è molto più conosciuta di quanto si pensi, specie per chi si occupa di arte.

Ma in ogni caso, con le lingue straniere, e relativi termini, occorre farci l’abitudine. Non vedo ragione al mondo per la quale dovrei chiamare il PC “calcolatore personale”. Ma è una mia opinione.

I termini stranieri non sono “barbarismi”,  semplicemente sono termini che hanno preso piede nel nostro comune vocabolario. Molte parole sono intraducibili e non vedo ragione per spremere le meningi a trovare un termine alternativo. Se un “barbarismo” non ha un corrispettivo in italiano, forse non è un barbarismo.

Se non piace il mondo interconnesso perché “prostituito”, uno dovrebbe essere coerente con se stesso e non usare più il “calcolatore personale” e nemmeno il telefono portatile con funzione di calcolatore personale, sfogliatore di pagine multimediali nella ragnatela mondiale di interconnessione di calcolatori (Web, Internet), nonché di macchina fotografica e videocamera. Però dovrebbe rinunciare anche all’automobile e al riscaldamento in casa. A me rimarrebbe solo di capire: a che scopo?

Felice di non essere un Suo nemico, visto che non ne avevo l’intenzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, noncredapensi ha scritto:

"Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.
 

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!

 

 


P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.

 


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Mai pensato che lei fosse dune-buggi, troppa differenza di idee e di cultura (almeno di quella dimostrata qui).

La lingua italiana è molto più conosciuta di quanto si pensi, specie per chi si occupa di arte.

Ma in ogni caso, con le lingue straniere, e relativi termini, occorre farci l’abitudine. Non vedo ragione al mondo per la quale dovrei chiamare il PC “calcolatore personale”. Ma è una mia opinione.

I termini stranieri non sono “barbarismi”,  semplicemente sono termini che hanno preso piede nel nostro comune vocabolario. Molte parole sono intraducibili e non vedo ragione per spremere le meningi a trovare un termine alternativo. Se un “barbarismo” non ha un corrispettivo in italiano, forse non è un barbarismo.

Se non piace il mondo interconnesso perché “prostituito”, uno dovrebbe essere coerente con se stesso e non usare più il “calcolatore personale” e nemmeno il telefono portatile con funzione di calcolatore personale, sfogliatore di pagine multimediali nella ragnatela mondiale di interconnessione di calcolatori (Web, Internet), nonché di macchina fotografica e videocamera. Però dovrebbe rinunciare anche all’automobile e al riscaldamento in casa. A me rimarrebbe solo di capire: a che scopo?

Felice di non essere un Suo nemico, visto che non ne avevo l’intenzione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

                                  "Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!



P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

                                  "Lerttera aperta a lupogrgio1953.

Mi dispiace, ma la logica non è il suo forte. Nella mia “lettera aperta” esprimo questo concetto, che credo Le sia sfuggito:

 

“”””.Le faccio notare che , se non esiste un barbarismo che non abbia un corrispondente accettabile in italiano, giocoforza si debba usare il barbarismo. Poi non usare un barbarismo non vuol dire che non se ne sappia il significato e se una persona vuole usare termini stranieri, padronissimo””””.

Inoltre, mi pare evidente che se una persona decide di lavorare in Inghilterra (non Regno Unito, mi ricorda che lassù abbiano ancora una regina e una corte di parassiti istituzionali, mostruosità democratica) debba saper parlare l’idioma locale. Ribadisco, e mi sembra che sia necessario, che non usare barbarismi non significa ignorarne il significato, significa soltanto usare i termini italiani equivalenti, se esistono.

 

Poi Lei afferma che il mondo sia interconnesso, ma non mi risulta che l’italiano sia la lingua che “interconnette”  le nazioni del mondo. Oserei azzardare un’ipotesi: il mondo, se sopravviverà, sarà interconnesso (prostituito) in “cinese” o in un a lingua dell’”India”: e noi da bravi “schiavi” ci interconnetteremo in cinese od in indiano: auguri!



P.S.
Sono sicuro di non aver dichiarato che lei sia un “nemico”, semplicemente una persona che non la pensa come me.


P.P.S. Non sono Dune-Buggi(Y) camuffato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

                                  "Lerttera aperta a lupogrgio1953.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Estratto dalla sua ultima lettera aperta”

 

“Se non piace il mondo interconnesso perché “prostituito”, uno dovrebbe essere coerente con se stesso e non usare più il “calcolatore personale” e nemmeno il telefono portatile con funzione di calcolatore personale, sfogliatore di pagine multimediali nella ragnatela mondiale di interconnessione di calcolatori (Web, Internet), nonché di macchina fotografica e videocamera. Però dovrebbe rinunciare anche all’automobile e al riscaldamento in casa. A me rimarrebbe solo di capire: a che scopo?”

 

Mi sfugge l’interconnessione logica tra l’uso dei termini che individuano un oggetto ed il loro uso materiale. Ma Le faccio notare che anche Lei usa “calcolatori, sinonimo di computatori,; usa il termine “macchina fotografica” e non “photographic machinery. In ogni caso, per internet o web basta “la rete” o infrarete, che poi è la traduzione di internet.
E Le lascio constatare che ho ripetutamente affermato che: se non esiste un termine “accettabile” in italiano con lo stesso significato in un barbarismo –inteso come di origine estranea al latino-italiano- non si può che usare il “barbarico” termine.

Tralasciando molti termini, in realtà ponevo l’accento soprattutto su quelli che possono darLe un’idea dalla lista che segue e che è molto più lunga. (Se si tedia ne legga una decina e salti direttamente al punto contrasegnato con ***** alla fine della “lettera aperta”:

America         Stati Uniti d'America
   (In questo caso l'indignazione è causata dal servilismo in quanto si ignora tutto un continente e lo si individua con una sua parte. Quando sento America io penso ad una splendida mulatta brasiliana!)
Antitrust       Antimonopolio
Appeal          Attrazione
        (non arrivo al ducesco “Sessappello”, termine che fa ridere)
Briefing     Riunione

Business    Affari
Cartoons    Cartoni animati
Casual(Demenziale)     Casuale
Chance    Possibilità/Scelta
Charm[e]    Fascino
Chauffeur   Autista

Chef          Cuoco
Chic          Elegante/raffinato

Clochard    Barbone
Closing (Assurdo)      Chiusura
Clou       Culmine
Coach (Demenziale!)     Allenatore

*** (Demenziale!)   Comunità
Competitor (Mostruoso!)   Competitore/Concorrente

Convention    Convegno
Corporation (Assurdo)   Corporazione
Depliant      Opuscolo

Detective     Investigatore
Dossier        Fascicolo/Pratica
Drink           Bibita
Editor (Pazzesco)       Editore
Endorsement   (Sic!)        Appoggio/Avallo/Sostegno
Entourage      Cerchia/Seguito
Fake news      Notizie false
Folder            Faldone
Follower         Tifoso/Seguace

Garage           [Auto]Rimessa
Glamour         Fascino/Affascinante
Gossip            Pettegolezzo
E-Mail             Posta Elettronica

Flat tax           Aliquota unica (Per arricchire i ricchi)
Governance  (Un colpo al cuore!)       Governo/Gestione

Hashtag       Cancelletto
Housing  (Ahimè!)     Alloggio/i
Humor (Sic!)    Umorismo
Il Timing (Orrendo)     I tempi/La tempistica

Influencer (Orribile)   Persuasore/Persona che influenza
Job Act      Legge sul lavoro
Jogging     Corsa/Costetta
Jolly          Matta
Killer         Sicario/Assassino
Know-how    Competenza
Lapis            Matita
Leader          Capo
Live              Dal vivo

Lobby           Gruppo di pressione
Location (Ohime!)       Luogo/Località
Look     Aspetto
Gaffe    Cantonata/Equivoco
Manage(r/ment)       Gestore/Gestione
Mission (Assurdo!)      Missione

Navigator    (Aia!)       Orientatore/Consulente
Nick name   Soprannome
Nomination (assurdo!)   Nomina
Off topic (Strasic!)      Fuori tema
Ok         Va bene/Sì
On Line         In linea
Partner(ship)        Socio(Associazione; Sodalizio)
Party            Festa
***      Parola chiave

Personal trainer  (Sic!)       Allenatore personale
Picnic         Scampagnata
Plus 0 + (Assurdo!)     Pronunciato Plas invece di Plus
Pois       Pallino
Pool       Gruppo/Squadra
Poster     Manifesto
Premier   Capo del governo
***    Riservatezza
Pullover   Maglione
Quiz        Questionario
Reception    Accettazione
Record        Primato
Refrain        Ritornello
Relax           Riposo/Rilassamento
Report (Sic!)     Rapporto
Reporter           Cronista/Corrispondente
Reset                Riavvio/Azzeramento

Rider                Corriere
Robot               Automa
Roll out (Sic!)   Fase finale

Routine            Prassi/Abitudine
Rumors (Demenziale!)    Voci, Dicerie
Runner     Corriere
Scarpette da runner (Demenziale!)       Scarpette da corsa
Scoop     Esclusiva

Selfie      Autoscatto
        /*** (Significato originario!)
Sexy    Provocante

Shock   Trauma
Shopping    Compere/Spese
Show    Spettacolo
Show Room       Autosalone/Mostra
Slang   Gergo
Slide   Lucido
Slogan  Frase propandistica/Motto
Snob    Affettato
Social network    Rete sociale
Soft skill (Sic!)    Attitudini

Spending review   Revisione della spesa
Sponsor (Assurdo!)      Sponsore
Sprint  Scatto

Staff   Personale
Stalker/Stalking        Molestatore/Molestie
Start Up        Nuova (Azienda/Impresa)
Step    Passo
Store   Magazzino/Salone/Negozio
Taggare (Mi viene da piangere!)    Etichettare/Contrassegnare

Target    Obiettivo/Scopo
Team    Squadra
Testimonial (Pazzesco!) Testimone/Patrocinatore
Ticket    Biglietto
Trend   Tendenza
Trust   Monopolio
Tunnel     Galleria
Turn Over     Ricambio/Avvicendamento
Tutor (Demenziale e servile)    Tutore
Vintage (Sic!)    D'epoca
Viral marketing (Sic!) Propaganda occulta
Weekend   Fine settimana
Wellfare   Benessere (sociale)
Wireless   Senza fili
Zip     Cerniera

*****

Sono circa 130 (mi sono limitato per non tediarLa troppo, Anche se suppongo che Lei non arriverà oltre la decima voce, se mi va bene.

La peggiore conseguenza di ciò deriva dal fatto che molti italiani, oltre ad avere un lessico poverissimo, stanno dimenticando la propria lingua, ed inoltre non capiscono neanche quelli che definisco “barbarismi.

Per ultimo, se non mi ha già mandato nell’ADE, Le dico che:

1 – Ho studiato inglese nelle scuole medie inferiori ed al Liceo Scientifico


2 – Sono laureato in INFORMATICA con annessa specializzazione ed ai miei tempi molti libri

erano
      scritti solo in inglese, incluso ahimé quello di STATISTICA!


3 – Mi piace la musica Rock-Pop (Popolare) – non esiste un termine corrispondente in
      italiano – soprattutto quella inglese con puntate a quella degli Stati Uniti D’America e per
      capire il testo di alcuni brani me li traduco in italiano.


In altre parole parlicchio abbastanza l’inglese.

     È solo una questione di dignità (Non sono di destra neanche di lato ad essa).

Dopo questa lunga sparata, in fondo alla quale probabilmente non è arrivato, Le chiedo scusa per averLa tediata e mi sono fatto trascinare dalla mia mente di “insegnante” – l’ho fatto, in informatica, nella scuola pubblica per 12 anni -  e non “sentirà” più lanciarmi in questa discussione sui termini. (È sempre ottima cosa scambiare opinion con chi non la pensa come te!)

Mi stia bene.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, noncredapensi ha scritto:

 

 

Estratto dalla sua ultima lettera aperta”

 

 

 

“Se non piace il mondo interconnesso perché “prostituito”, uno dovrebbe essere coerente con se stesso e non usare più il “calcolatore personale” e nemmeno il telefono portatile con funzione di calcolatore personale, sfogliatore di pagine multimediali nella ragnatela mondiale di interconnessione di calcolatori (Web, Internet), nonché di macchina fotografica e videocamera. Però dovrebbe rinunciare anche all’automobile e al riscaldamento in casa. A me rimarrebbe solo di capire: a che scopo?”

 

 

 

Mi sfugge l’interconnessione logica tra l’uso dei termini che individuano un oggetto ed il loro uso materiale. Ma Le faccio notare che anche Lei usa “calcolatori, sinonimo di computatori,; usa il termine “macchina fotografica” e non “photographic machinery. In ogni caso, per internet o web basta “la rete” o infrarete, che poi è la traduzione di internet.
E Le lascio constatare che ho ripetutamente affermato che: se non esiste un termine “accettabile” in italiano con lo stesso significato in un barbarismo –inteso come di origine estranea al latino-italiano- non si può che usare il “barbarico” termine.

 

Tralasciando molti termini, in realtà ponevo l’accento soprattutto su quelli che possono darLe un’idea dalla lista che segue e che è molto più lunga. (Se si tedia ne legga una decina e salti direttamente al punto contrasegnato con ***** alla fine della “lettera aperta”:

 

America         Stati Uniti d'America
   (In questo caso l'indignazione è causata dal servilismo in quanto si ignora tutto un continente e lo si individua con una sua parte. Quando sento America io penso ad una splendida mulatta brasiliana!)
Antitrust       Antimonopolio
Appeal          Attrazione
        (non arrivo al ducesco “Sessappello”, termine che fa ridere)
Briefing     Riunione

Business    Affari
Cartoons    Cartoni animati
Casual(Demenziale)     Casuale
Chance    Possibilità/Scelta
Charm[e]    Fascino
Chauffeur   Autista

Chef          Cuoco
Chic          Elegante/raffinato

Clochard    Barbone
Closing (Assurdo)      Chiusura
Clou       Culmine
Coach (Demenziale!)     Allenatore

*** (Demenziale!)   Comunità
Competitor (Mostruoso!)   Competitore/Concorrente

Convention    Convegno
Corporation (Assurdo)   Corporazione
Depliant      Opuscolo

Detective     Investigatore
Dossier        Fascicolo/Pratica
Drink           Bibita
Editor (Pazzesco)       Editore
Endorsement   (Sic!)        Appoggio/Avallo/Sostegno
Entourage      Cerchia/Seguito
Fake news      Notizie false
Folder            Faldone
Follower         Tifoso/Seguace

Garage           [Auto]Rimessa
Glamour         Fascino/Affascinante
Gossip            Pettegolezzo
E-Mail             Posta Elettronica

Flat tax           Aliquota unica (Per arricchire i ricchi)
Governance  (Un colpo al cuore!)       Governo/Gestione

Hashtag       Cancelletto
Housing  (Ahimè!)     Alloggio/i
Humor (Sic!)    Umorismo
Il Timing (Orrendo)     I tempi/La tempistica

Influencer (Orribile)   Persuasore/Persona che influenza
Job Act      Legge sul lavoro
Jogging     Corsa/Costetta
Jolly          Matta
Killer         Sicario/Assassino
Know-how    Competenza
Lapis            Matita
Leader          Capo
Live              Dal vivo

Lobby           Gruppo di pressione
Location (Ohime!)       Luogo/Località
Look     Aspetto
Gaffe    Cantonata/Equivoco
Manage(r/ment)       Gestore/Gestione
Mission (Assurdo!)      Missione

Navigator    (Aia!)       Orientatore/Consulente
Nick name   Soprannome
Nomination (assurdo!)   Nomina
Off topic (Strasic!)      Fuori tema
Ok         Va bene/Sì
On Line         In linea
Partner(ship)        Socio(Associazione; Sodalizio)
Party            Festa
***      Parola chiave

Personal trainer  (Sic!)       Allenatore personale
Picnic         Scampagnata
Plus 0 + (Assurdo!)     Pronunciato Plas invece di Plus
Pois       Pallino
Pool       Gruppo/Squadra
Poster     Manifesto
Premier   Capo del governo
***    Riservatezza
Pullover   Maglione
Quiz        Questionario
Reception    Accettazione
Record        Primato
Refrain        Ritornello
Relax           Riposo/Rilassamento
Report (Sic!)     Rapporto
Reporter           Cronista/Corrispondente
Reset                Riavvio/Azzeramento

Rider                Corriere
Robot               Automa
Roll out (Sic!)   Fase finale

Routine            Prassi/Abitudine
Rumors (Demenziale!)    Voci, Dicerie
Runner     Corriere
Scarpette da runner (Demenziale!)       Scarpette da corsa
Scoop     Esclusiva

Selfie      Autoscatto
        /*** (Significato originario!)
Sexy    Provocante

Shock   Trauma
Shopping    Compere/Spese
Show    Spettacolo
Show Room       Autosalone/Mostra
Slang   Gergo
Slide   Lucido
Slogan  Frase propandistica/Motto
Snob    Affettato
Social network    Rete sociale
Soft skill (Sic!)    Attitudini

Spending review   Revisione della spesa
Sponsor (Assurdo!)      Sponsore
Sprint  Scatto

Staff   Personale
Stalker/Stalking        Molestatore/Molestie
Start Up        Nuova (Azienda/Impresa)
Step    Passo
Store   Magazzino/Salone/Negozio
Taggare (Mi viene da piangere!)    Etichettare/Contrassegnare

Target    Obiettivo/Scopo
Team    Squadra
Testimonial (Pazzesco!) Testimone/Patrocinatore
Ticket    Biglietto
Trend   Tendenza
Trust   Monopolio
Tunnel     Galleria
Turn Over     Ricambio/Avvicendamento
Tutor (Demenziale e servile)    Tutore
Vintage (Sic!)    D'epoca
Viral marketing (Sic!) Propaganda occulta
Weekend   Fine settimana
Wellfare   Benessere (sociale)
Wireless   Senza fili
Zip     Cerniera

*****

 

Sono circa 130 (mi sono limitato per non tediarLa troppo, Anche se suppongo che Lei non arriverà oltre la decima voce, se mi va bene.

 

La peggiore conseguenza di ciò deriva dal fatto che molti italiani, oltre ad avere un lessico poverissimo, stanno dimenticando la propria lingua, ed inoltre non capiscono neanche quelli che definisco “barbarismi.

 

Per ultimo, se non mi ha già mandato nell’ADE, Le dico che:

 

1 – Ho studiato inglese nelle scuole medie inferiori ed al Liceo Scientifico

 


2 – Sono laureato in INFORMATICA con annessa specializzazione ed ai miei tempi molti libri

 

erano
      scritti solo in inglese, incluso ahimé quello di STATISTICA!

 


3 – Mi piace la musica Rock-Pop (Popolare) – non esiste un termine corrispondente in
      italiano – soprattutto quella inglese con puntate a quella degli Stati Uniti D’America e per
      capire il testo di alcuni brani me li traduco in italiano.

 


In altre parole parlicchio abbastanza l’inglese.

 

     È solo una questione di dignità (Non sono di destra neanche di lato ad essa).

 

Dopo questa lunga sparata, in fondo alla quale probabilmente non è arrivato, Le chiedo scusa per averLa tediata e mi sono fatto trascinare dalla mia mente di “insegnante” – l’ho fatto, in informatica, nella scuola pubblica per 12 anni -  e non “sentirà” più lanciarmi in questa discussione sui termini. (È sempre ottima cosa scambiare opinion con chi non la pensa come te!)

 

Mi stia bene.

 

Non ho i titoli che ha lei ("lei" in questo caso andrebbe scritto con la maiuscola per distinguerlo dal "lei" terza persona, ma fa niente, ho già spiegato che sono uno pratico), comunque anche io ho le mie esperienze, più pratiche che scolastiche. Ho fatto il liceo classico, purtroppo oltre 40 anni fa e dunque non ricordo molto e per motivi economici non ho potuto andare oltre. Non sono ingegnere, ma ho lavorato una vita come tecnico elettronico. Poi verso i 48 anni ho cominciato a studiare il mondo delle reti e a 59 anni ho preso anche una certificazione Cisco (esame in inglese e a scuola studiai solo il francese). Me la cavo anche nello scrivere software. Nel frattempo, dopo i 50 anni ho perso il lavoro 3 volte e 3 volte l’ho ritrovato, dunque forse nel mio lavoro non sono stato esattamente l’ultimo arrivato. Da quasi 2 anni sono in pensione.

Non fa niente se non ho letto tutto, ciò che conta è che ho interesse per il suo pensiero e l’abbia capito. Ma invece continuo a non capire la sua contrarietà ai termini che ormai fanno parte del nostro vocabolario. Preferisco sforzare la mia mente per cose più utili (secondo me, naturalmente).

Esistono nella vita problemi ben più gravi sui quali dover concentrare l’attenzione, come la cattiveria (della quale il razzismo è parte) dilagante, la maleducazione sempre più diffusa, sporcizia diffusa, riscaldamento globale (lasciamo stare il global warming), e molto altro. Io sono preoccupato per queste cose.   

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

                                  "Lettera aperta a lupogrgio1953.

Global warming? Cioè a dire глобальное потепление ossia 全球变暖 ? Chissà cosa è. Forse warm dà un suggerimento "bollente"?

A non riscriverci

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

                                  "Lettera aperta a lupogrgio1953.

Global warming? Cioè a dire глобальное потепление ossia 全球变暖 ? Chissà cosa è. Forse warm dà un suggerimento "bollente"?

A non riscriverci

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, noncredapensi ha scritto:

A non riscriverci

 

Cercherò di sopravvivere...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963