telecronaca di un "salvataggio"

 

Si notano i segni delle torture e delle sofferenze subiti dai migranti nei “lager libici” trasbordati ieri (prima consegna) da @openarms_fund.

Visualizza l'immagine su Twitter
 

Una "diapositiva" dei migranti a bordo di @openarms_fund fuggiti, con auricolari e smartphone, dai "lager libici".#15notenough

Visualizza l'immagine su Twitter
 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

sono solo bugie, non credeteci.

PALERMO - Era l'ultimo dei tre imputati a dovere essere giudicato. Il nigeriano Gift Deji è stato condannato a 24 anni di carcere dalla Corte di assise di Agrigento. Assieme al connazionale John Ogais e al ghanese Sam Eric Ackom sarebbe responsabile delle torture subite dai migranti in un campo di prigionia in Libia.

Ogais e Ackom furono i primi imputati ad essere condannati all'ergastolo per avere ucciso, seviziato e violentato le vittime in un campo di prigionia. 

Ogais fu arrestato nel Cara "S.Anna" di Isola di Capo Rizzuto dai poliziotti delle squadre mobili di Agrigento e Crotone e dallo Sco, su richiesta del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dei pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia Calogero Ferrara e Giorgia Spiri. era uno dei torturatori nella prigione di "Alì il Libico", e cioè l'uomo che gestiva il campo dove venivano ammassati i migranti prima di imbarcarsi in uno dei tanti viaggi della speranza verso la Sicilia.

"Durante la mia permanenza all'interno di quel 'ghetto' da dove era impossibile uscire ho sentito che l'uomo che si faceva chiamare Rambo ha ucciso un migrante. So che mio cugino e altri hanno provato a scappare e che sono stati ripresi e ridotti in fin di vita, a causa delle sevizie cui sono stati poi sottoposti": cominciava così il drammatico racconto di una delle vittime.


"Vi era un altro tale Rambo della Nigeria – confermò un altro testimone - sono stato torturato con i cavetti elettrici in tensione. Mi facevano mettere i piedi per terra dove precedentemente avevano versato dell'acqua. Poi azionavano la corrente elettrica per fare scaricare la tensione addosso a me. Subivo delle scariche elettriche violentissime. Questo avveniva circa due volte alla settimana. Alcune volte mi picchiavano, in varie parti del corpo, con dei tubi. Alcune volte mi legavano le braccia e poi mi appendevano in aria, per picchiarmi violentemente".

"Una volta - proseguiva il drammatico racconto - ho avuto modo di vedere che il nigeriano, ha ucciso dopo averlo imbavagliato e torturato a lungo, un migrante suo connazionale che si trovava lì con noi".

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, director12 ha scritto:

miracolati!! riescono  a salvare dell'inferno, cappellino,cuffiette,smartphone  e soldi pe r l'attraversata!!

come questi?

torture-migranti-libia.png

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

https://edition.cnn.com/2018/01/25/africa/libya-sudanese-migrants-torture-intl/index.html

 

se la scrittura è in inglese cliccate col tasto  destro per la traduzione. Ma sono tutte bugie, non credeteci.

Cosa vuole che le dica.....questa è la destra. Ce lo mette in kulo su tutto, ma in cambio ci da' un negretto da calpestare. Buona parte degli italiani festeggia e si accontenta.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963