Er bomba

Mi chiedo come mai Renzi, che mi ha voluto accanto, addirittura pregandomi di ricandidarmi alle politiche del 2018 mentre avevo deciso il ritiro, ora mi attacchi. Proprio chi si è voluto mostrare con me in tv alla fine della campagna elettorale a In mezz’ora di Lucia Annunziata (foto sopra, ndr) indicandomi uomo simbolo della coalizione, ora addita me come emblema di una linea sbagliata sugli immigrati”. Uno sfogo, pesante, per un attacco veemente e inaspettato da parte di chi – premier e leader – aveva modo di scegliere e blindare la linea sull’immigrazione e ora la rinfaccia ai colleghi di partito.

Marco Minniti risponde a Matteo Renzi, che lo aveva accusato di aver “esasperato” il tema migrazioni (richiamando la frase dell’allora ministro dell’Interno “minaccia per la democrazia”). E al senatore di Rignano, che dalle pagine di Repubblica aveva aperto il fuoco anche sulla mancata approvazione dello Ius Soli, replica anche il suo successore a Palazzo Chigi, Paolo Gentiloni: “So bene che i nostri governi avrebbero potuto fare di più e meglio sul tema dell’integrazione – dice il presidente del Pd con il suo tono felpato invitando a “svegliare i sonnambuli” invece di “attardarci attorno a vecchie diatribe” – Anche con scelte positive come la legge sullo Ius Soli. Io purtroppo non sono riuscito a farla approvare al Senato. Per mancanza di numeri, non certo di coraggio o di volontà. Coraggio o volontà che semmai ci mancarono tra il 2015 e il 2016, quando i numeri c’erano eccome ma Governo e Pd decisero di non procedere”. Stoccata di fioretto, ma velenosa. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Tipico comportamento del perdente di Rignano. Scaricare le proprie colpe, sulla testa delle persone scelte. Le giravolte politiche del mentecatto tappetaro vengono sempre alla luce, come il caso Marino. La colpa della debacle del babbeo era, secondo i due nanerottoli politici Renzi-Orfini, della campagna dell’odio dei pentastellati, per poi dover ammettere, dopo sentenza di assoluzione e j’accuse di Marino, che fu scelta politica.

La pretesa superiorità morale e politica del PD si manifesta come la minzione del poveroscemo pisano. Scarsa, gocciolante e con le mutande sempre spisciate.

xDxDxD

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Egregio, francamente non saprei dirti chi, tra il pifferaio stanco di Rignano, l'austero e decotto Minniti (eletto via ripescaggio) e il patetico Gentiloni, sia stato il più ridicolo in questa occasione. Il Bomba riscopre a scoppio ritardato, molto ritardato e in modo chiaramente strumentale, una sua presunta vocazione umanitaria. Ma lui è quello dello "aiutiamoli a casa loro" (lo scrisse in un libro) ed è quello che è stato per 3 anni premier e per 4 segretario del Pd. Solo ora che è all'opposizione si ricorda che lo ius soli era al primo posto nel programma elettorale del Pd per la precedente legislatura. Programma, come tutti sanno, da lui platealmente e sfacciatamente ignorato, stravolto, calpestato. Accortosi che di lui si parla ormai solo nelle intercettazioni tra riccioLotti e tonno Palamara, ha scritto quella patetica lettera a Repubblica nella speranza di recuperare una qualche visibilità e di spaccare per l'ennesima volta il partito da lui disastrato in modo epocale ma che con le europee sembrava ritrovare un minimo di unità e di consenso. Renzi è un politico alla frutta ma conserva il suo cinismo. Sa bene che prima di fondare un nuovo partito deve distruggere o indebolire il Pd. Dal canto loro Gentiloni e Minniti cascano dal pero, ma dovrebbero essere i primi, con i loro amici Letta e Bersani, a essere coscienti dell'assoluta inaffidabilità del Bomba. Quello che diceva pubblicamente a Letta di stare sereno pochi giorni prima di pugnalarlo alle spalle. Quello che per un anno intero di campagna referendaria ci ruppe gli zebedei promettendo e giurando che in caso di sconfitta avrebbe lasciato la politica. E invece è ancora lì a rompere gli zebedei, per fortuna solo ai pochi che gli prestano ancora attenzione (Gentiloni, Minniti e la redazione di Repubblica). D'altra parte si stenta davvero a credere che Minniti, il predecessore nonché il precursore e l'ispiratore di Salvini nella politica del rigore contro i flussi migratori, anche lui a suo tempo pesantemente criticato dalle associazioni umanitarie, sia diventato un fautore dello ius soli. E il patetico Gentiloni una maggioranza ce l'aveva, visto che governò fino alla scadenza naturale della legislatura. Ma ricordo bene che il Pd tirò fuori lo ius soli dal cassetto in cui lo aveva lasciato ammuffire per 5 anni solo pochissimi giorni prima dello scioglimento delle Camere. Non mancava la maggioranza, mancava il tempo per approvarlo. Che ipocrisia, che vergogna, che schifo!

https://infosannio.wordpress.com/2019/07/06/il-cazzaro-rose/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Premesso che non e’ sempre facile “interpretare” al meglio i post del sig. ahaha.ha , riterrei di interpretare questultimo come una critica all’ex Caudillo Renzi che infatti il sig ahaha.ha continua a definire in senso ironico/dispregiativo come Er Bomba .  Cercherò di dare il mio contributo alla ennesima querelle contro Renzi da parte di chi un giorno era del PD e che ora se ne e’ andato perché “skifato” da chi un giorno ne era il Segretario . Iniziamo  dire che  le riflessioni di Renzi non sono un “attacco al PD. Chi ha creduto di vederle può andare ad informarsi sulla Verità di Brlpietro oppure sul Falso Quotidiano, due giornalini che non si distinguono più l’uno dall’altro .  Renzi ha fatto varie osservazioni politiche assolutamente obiettive anche per quanto riguarda il tema immigrazione. Ha cercato di smuovere l’attuale PD dalla sua “calma piatta” E c’è riuscito, perché si sono mossi in 4, salvo poi tornare domani alla vostra consueta tranquillità: il PCI è stato serenamente al secondo posto per più di 30 anni !!Paolo Gentiloni , fra il 2015 e 2016 era Ministro degli Esteri, dunque avrebbe dovuto essere lui a tessere una rete di accordi internazionali efficaci per il problema dei rifugiati.  Sulla carta il progetto Minniti era certamente condivisibile, ma per funzionare prevedeva che i vai tasselli e i differenti attori, tra cui l’ONU funzionassero in sinergia. La realtà locale non lo ha permesso e di questo si doveva prendere atto, perché fermarsi al primo livello che prevedeva l’intervento delle motovedette libiche per riportare indietro i poveri migranti nei lager libici era più deprecabile che utile. E ce ne siamo accorti bene proprio in questi giorni e benissimo  ha  il Comandante Carola Rackete a portare a termine la sua azione di salvataggio anche a suo rischio personale. E’ stata brava e coraggiosa e bene hanno fatto i parlamentari del PD insieme a Fratoianni ed al rappresentante di + Europa , a correre in suo aiuto. Renzi non dice che Minniti ha sbagliato, dice che la sopravalutazione degli sbarchi, insieme a tutte le TV in coro hanno favorito certamente la propaganda pentaleghista d’accatto !! Chissà perché ora le TV parlano solo delle navi di cui si occupa Salvini e non di tutte le altre che nello stesso tempo sbarcano altri rifugiati. Non ne parlano e non le fanno vedere. Hanno forse paura di farlo arrabbiare ??  Gentiloni , te , fra il 2017 e 2018,  eri il Presidente del Consiglio e fra l’altro hai pure confermato il Governatore Visco alla Banca  d’Italia . Non era obbligatorio; il mandato di ben 7 anni era finito.  Con quella scelta è come se tu avessi avvallato tutto ciò che la Banca Centrale ha fatto circa il controllo delle varie banche in difficoltà. Non è stata una scelta neutrale verso il PD e il suo Segretario. 
Hai poi trascinato l’ “agonia “ della Legislatura e della discussione sullo Ius Soli , favorendo ancora la propaganda pentastellata. 
Ma non è finita ancora : mentre nel 2018 dilagavano le fake news e le roboanti promesse irrealizzabili dei populisti, tu volesti una Campagna elettorale “sobria” e conservativa. Di fatto , in pratica, ne venne fuori una resa senza condizioni e cio’ ha contribuito in modo pesante  alla sconfitta del 2018. Tu dici oggi, insieme agli altri 3, che la responsabilità è sempre del Segretario. 
Benissimo allora che stiamo facendo ora, quali direttive operative ci sono ora sui migranti, ONG, sicurezza, Flat Tax, Reddito  di Cittadinnza, Quota 100, ecc ? 
Chi dovrebbe rispondere ? Sempre l’attuale Segretario o no ?
Purtroppo è opinione diffusa che l’opposizione in questa fase non esista, nonostante che sarebbe un momento favorevole . Ma chi dovrebbe parlare ad alta voce e’ fioco ed allora i rancorosi se la prendono a male perché parla Renzi !! Avete fatto parlare persino Renzi , sembrano dire i negletti ed i poveretti che oggi sono governati da Di Maio e Salvini e che la loro più grande aspirazione e’ quella di “cercare aiuto “ in Dibba e Demma . Roba da pazzi , direi !! Anzi lo dico dopo il grande risultato ottenuto da Tsipras nelle elezioni greche e dal cui programma ,  Cazzari e Rancorosi , prendono spunto ....!! 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi domando sig mark:

" Chi dei tre racconta balle"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora