Luigi, ora basta con le tue giravolte e i tuoi compromessi!

Inviata (modificato)

Caro Luigi, avevi promesso agli elettori che non ti saresti alleato con nessuno e che avresti accettato solo appoggi esterni a un monocolore a 5 Stelle. Ti rimangiasti la promessa alleandoti con il peggiore avversario politico del Movimento. Avevi chiesto, giustamente, alla luce della Costituzione, la messa in stato d'accusa del capo dello Stato sul caso Savona. Cambiasti idea nel giro di 48 ore. Fino a poche ore fa insistevi sulla linea della fermezza nella revoca della concessione ad Autostrade, ora esce questa tua sconcertante dichiarazione virgolettata sul sito di Repubblica:

"La revoca della concessione è doverosa, ma siamo pronti a discutere una via d'uscita se le vittime avranno giustizia". 

Che significa? Un'altra plateale giravolta? Ora basta, Luigi! Se la revoca è doverosa, ma io aggiungo che è giusta e sacrosanta, il tuo dovere è metterla in atto, a tutti i costi! Il giusto risarcimento ai familiari delle vittime del Morandi, anch'esso doveroso, da parte dei Benetton non c'entra nulla. Il concessionario si è mostrato palesemente indegno e inadeguato per la lucrosa concessione pubblica che detiene, dunque questa deve essere revocata. Punto. Se Salvini non è d'accordo e antepone gli interessi dei Benetton a quelli della collettività, vada a spiegarlo agli elettori con le elezioni anticipate. I buoni risultati sull'occupazione conseguenti al tuo buonissimo decreto Dignità non ti consentiranno, caro Luigi, di vivere di rendita e di compromessi per tenere in piedi il governo. Quello che guidi non è un partito come tanti, bensì il Movimento della coerenza, della radicalità e del cambiamento. A suon di giravolte, cedimenti e compromessi, hai quasi dimezzato il consenso. Sulle autostrade, sul TAV, sul salario minimo, sul carcere ai grandi evasori, hai il DOVERE di mostrare lo stesso rigore, la stessa intransigenza che dimostri nei riguardi dei tuoi parlamentari  che "sgarrano", che deviano anche solo di un millimetro dalla linea politica del Movimento. Sii un capo serio, rigoroso e coerente, Luigi. Altrimenti VATTENE. 

Modificato da fosforo41
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Caro Luigi, avevi promesso agli elettori che non ti saresti alleato con nessuno e che avresti accettato solo appoggi esterni a un monocolore a 5 Stelle. Ti rimangiasti la promessa alleandoti con il peggiore avversario politico del Movimento. Avevi chiesto, giustamente, alla luce della Costituzione, la messa in stato d'accusa del capo dello Stato sul caso Savona. Cambiasti idea nel giro di 48 ore. Fino a poche ore fa insistevi sulla linea della fermezza nella revoca della concessione ad Autostrade, ora esce questa tua sconcertante dichiarazione virgolettata sul sito di Repubblica:

"La revoca della concessione è doverosa, ma siamo pronti a discutere una via d'uscita se le vittime avranno giustizia". 

Che significa? Un'altra plateale giravolta? Ora basta, Luigi! Se la revoca è doverosa, ma io aggiungo che è giusta e sacrosanta, il tuo dovere è metterla in atto, a tutti i costi! Il giusto risarcimento ai familiari delle vittime del Morandi, anch'esso doveroso, da parte dei Benetton non c'entra nulla. Il concessionario si è mostrato palesemente indegno e inadeguato per la lucrosa concessione pubblica che detiene, dunque questa deve essere revocata. Punto. Se Salvini non è d'accordo e antepone gli interessi dei Benetton a quelli della collettività, vada a spiegarlo agli elettori con le elezioni anticipate. I buoni risultati sull'occupazione conseguenti al tuo buonissimo decreto Dignità non ti consentiranno, caro Luigi, di vivere di rendita e di compromessi per tenere in piedi il governo. Quello che guidi non è un partito come tanti, bensì il Movimento della coerenza, della radicalità e del cambiamento. A suon di giravolte, cedimenti e compromessi, hai quasi dimezzato il consenso. Sulle autostrade, sul TAV, sul salario minimo, sul carcere ai grandi evasori, hai il DOVERE di mostrare lo stesso rigore, la stessa intransigenza che dimostri nei riguardi dei tuoi parlamentari  che "sgarrano", che deviano anche solo di un millimetro dalla linea politica del Movimento. Sii un capo serio, rigoroso e coerente, Luigi. Altrimenti VATTENE. 

Ue la Peppa !! Ahahahaha !! Dal sottobosco grillebete ecco che iniziano ad essere sempre più assordanti gli “scricchiolii” verso il capo politico nonche’ scappato di casa Giggino O’Fischer . E se una invettiva così prorompente arriva nientepopodimenoche’ dal Cazzaro di Napoli del quale si può dire di tutto fuori che sino ad un’ora fa non era un suo zerbino appulendato ai sui piedi , e’ lampante il nervosismo che lampeggia nel sempre più disintegrato e semi defunto movimento. Eh eh eh , Cazzaro e bel Fosforuccio !! Money , Cazzaro , money !! E’ molto facile fare gli annunci pro storioni : Togliamo qui , lasciamo qua , spezzeremo le reni a questi e questaltri. Di sicuro di fronte  queste roboanti ed impossibili a verificarsi promesse , poi , storioni o non storioni , devi un attimino fermarti e vedere e pesare dove vai a cadere e quanto male ti fai . E devi “accularti” pure tu , formidabile  Cazzaro , che con quello che asserisci di voler fare ci vorrebbero , annualmente , leggi di bilancio da 150 miliardi. Giggino co@lione e’ ma preferisce che tu lo derubrichi da grande campione di scacchi (Fischer, nda) a modesto giocatore di dama in quel di Marignanella. Perché vedi , immenso Cazzaro , per togliere le concessioni ad Autostrade su tutto il territorio nazionale , abbisognano una ventina di miliardi di penale perché la legge parla chiaro e non sarai certamente te , incommensurabile idio ta a poterla cambiare mentre magari ne parli con Sasa’ Esposito e con Carmine Petruzziello . Guarda , funziona così : la Convenzione scadrà nel 2042 ed il “prezzo” da pagare per chiuderla prima è pari a tutti gli utili potenzialmente realizzabili sino a quella data (circa 23 miliardi di euro stando all’utile di 968 milioni realizzato nel 2017) detratta una penalità di circa il 10% a fronte dell’inadempienza del concessionario (manutenzione). Si tratta di circa 20 miliardi di penale che Anas, in qualità di concedente, dovrebbe sborsare ad Autostrade per “subentrare in tutti i rapporti attivi e passivi”. Ci siamo idio ta ?? E già che ci sei dillo pure a quell’altro idio ta della Shinycaghetta cecata che irresponsabilmente , causa profonda ignoranza , ti ha messo il like .  Dopodiché ci sarebbe pure un’altra quisquiliuccia . Sembra che i Benetton potrebbero salvare il kuletto a Giggino O’ giocatore di dama , intervenendo pesantemente ed in modo decisivo per il salvataggio di Alitalia. Conviene farlo “irritare”? . Ma questa e’ un’altra questione sulla quale ti menerò a tempo debito . Buona giornata Pentadistrutti ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ue la Peppa !! Ahahahaha !! Dal sottobosco grillebete ecco che iniziano ad essere sempre più assordanti gli “scricchiolii” verso il capo politico nonche’ scappato di casa Giggino O’Fischer . E se una invettiva così prorompente arriva nientepopodimenoche’ dal Cazzaro di Napoli del quale si può dire di tutto fuori che sino ad un’ora fa non era un suo zerbino appulendato ai sui piedi , e’ lampante il nervosismo che lampeggia nel sempre più disintegrato e semi defunto movimento. Eh eh eh , Cazzaro e bel Fosforuccio !! Money , Cazzaro , money !! E’ molto facile fare gli annunci pro storioni : Togliamo qui , lasciamo qua , spezzeremo le reni a questi e questaltri. Di sicuro di fronte  queste roboanti ed impossibili a verificarsi promesse , poi , storioni o non storioni , devi un attimino fermarti e vedere e pesare dove vai a cadere e quanto male ti fai . E devi “accularti” pure tu , formidabile  Cazzaro , che con quello che asserisci di voler fare ci vorrebbero , annualmente , leggi di bilancio da 150 miliardi. Giggino co@lione e’ ma preferisce che tu lo derubrichi da grande campione di scacchi (Fischer, nda) a modesto giocatore di dama in quel di Marignanella. Perché vedi , immenso Cazzaro , per togliere le concessioni ad Autostrade su tutto il territorio nazionale , abbisognano una ventina di miliardi di penale perché la legge parla chiaro e non sarai certamente te , incommensurabile idio ta a poterla cambiare mentre magari ne parli con Sasa’ Esposito e con Carmine Petruzziello . Guarda , funziona così : la Convenzione scadrà nel 2042 ed il “prezzo” da pagare per chiuderla prima è pari a tutti gli utili potenzialmente realizzabili sino a quella data (circa 23 miliardi di euro stando all’utile di 968 milioni realizzato nel 2017) detratta una penalità di circa il 10% a fronte dell’inadempienza del concessionario (manutenzione). Si tratta di circa 20 miliardi di penale che Anas, in qualità di concedente, dovrebbe sborsare ad Autostrade per “subentrare in tutti i rapporti attivi e passivi”. Ci siamo idio ta ?? E già che ci sei dillo pure a quell’altro idio ta della Shinycaghetta cecata che irresponsabilmente , causa profonda ignoranza , ti ha messo il like .  Dopodiché ci sarebbe pure un’altra quisquiliuccia . Sembra che i Benetton potrebbero salvare il kuletto a Giggino O’ giocatore di dama , intervenendo pesantemente ed in modo decisivo per il salvataggio di Alitalia. Conviene farlo “irritare”? . Ma questa e’ un’altra questione sulla quale ti menerò a tempo debito . Buona giornata Pentadistrutti ...!! 

 

Ah, le prove per gli increduli storioni Fosforizzati del Sole 24 ore ...!! 

Autostrade, quanto ci vuole e quanto costa (15-20 mld) revocare la concessione

di Alessandra Capozzi 
 

(AFP)

Un iter lungo e con costi stimati sui 15-20 miliardi di euro. La decisione annunciata dal Governo Conte di procedere alla revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia (gruppo Atlantia) della rete autostradale italiana dopo il crollo del ponte sull'A10, a Genova, dovrà seguire il procedimento previsto dalla Convenzione stipulata da Aspi e Anas nel 2008 che riguarda oltre 2.800 chilometri di autostrada del nostro paese e scade nel 2038 anche se è prevista una proroga di 4 anni (al 2042) dopo il via libera della Ue agli investimenti per fare altre opere, come la Gronda di Genova, a patto di applicare incrementi tariffari limitati. 

È l'articolo 9 della Convenzione Unica che disciplina la «decadenza della concessione» a prevedere, secondo quanto si legge nel testo pubblicato sul sito del ministero delle Infrastrutture, che «la decadenza della concessione può essere dichiarata se perdura la grave inadempienza da parte del concessionario rispetto agli obblighi previsti». Un avvio di procedura che rimanda, tuttavia, all'articolo 8 che presuppone una comunicazione formale di inadempienza dal concedente al concessionario fissando «un congruo termine per fornire le proprie giustificazioni». 

Una comunicazione e accertamenti che oggi Atlantia con una nota ha lamentato che non ci siano stati. Se, comunque il concedente contesta l'inadempimenmto, detta l'articolo 9, scattano le modalità previste dalla legge 241 sulla trasparenza amministrativa «diffidando il concessionario ad adempiere entro un congruo termine comunque non inferiore a 90 giorni». Ma allo stesso tempo il concessionario può esercitare le proprie controdeduzioni. Se queste vengono rigettate, alla concessionaria viene assegnato un ulteriore termine «non inferiore a 60 giorni per adempiere pena la decadenza della concessione».

Al termine di questo periodo di 5 mesi, se si arriva al decreto di decadenza, la società può opporre ricorso al Tar e poi al Consiglio di Stato. C'è poi il capitolo penali. Se si arriva alla decadenza, infatti, sempre l'articolo 9 della convenzione, stabilisce che «il concedente subentra in tutti i rapporti attivi e passivi, di cui è titolare il Concessionario» ma tale trasferimento «è subordinato al pagamento da parte del concedente al concessionario decaduto di un importo corrispondente al valore attuale netto dei ricavi della gestione, prevedibile alla data del provvedimento di decadenza sino alla scadenza della concessione, al netto dei relativi costi, oneri, investimenti ed imposte prevedibili nel medesimo periodo...». 

Il che tradotto in numeri, secondo le stime degli analisti che si basano sui ricavi di gestione di Aspi di circa 1 miliardo l'anno, lo Stato subentrando dovrebbe pagare ad Atlantia una cifra stimata tra 15 e 20 miliardi. Una cifra, che si legge, sarebbe «decurtata, a titolo di penale, di una somma pari al 10%» e quindi si parla di una penale per la società sui 1,5-2 miliardi. 

VAI AL SITO

2019 Copyright

Il Sole 24 Ore

Tutti i diritti riservati

Informativa estesa sull'utilizzo dei cookie

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ti ho dato in concessione un ponte, un grande viadotto, un capolavoro di ingegneria frutto del lavoro e delle tasse degli italiani. Sul quale hai lucrato cospicuamente per 20 anni. Eri tenuto a restituirmelo INTEGRO, ma non ne hai curato a dovere la manutenzione.  E me lo restituisci a pezzi, mi restituisci un rottame, insieme ai cadaveri di 43 innocenti. Ebbene, io ti revoco le concessioni, ti obbligo a pagare i danni, a risarcire le famiglie delle vittime e tutte le famiglie evacuate, e a coprire le spese della ricostruzione del ponte fino all'ultimo centesimo. E naturalmente non ti verso nemmeno un centesimo di indennizzo o di penale: ci mancherebbe! Chi la pensa diversamente o è un servo miserabile dei Benetton o deve correre da uno psichiatra per farsi curare. PUNTO.

https://www.nextquotidiano.it/revoca-concessione-di-autostrade-senza-penali/

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Ahahahaha , ah beh , se bastano le parole di Toninelli ed un articolo del Falso Quotidiano per non pagare penali legittimamente sottoscritte ed accettate  siamo a posto !! Questo farebbe scomparire dalla vergogna pure il colonnello Maduro e pure il Comandante cubano Raoul Castro . Quindi idio ta Napoletano mi dispiace ma al netto delle parole strappalacrime sulle vittime la cui morte e’ stata dolorosissima per tutti , devi e dovete accettare le regole vigenti in tutti gli stati democratici . Senno’ ti imbarchi sul primo volo per Caracas o per l’Avana e la ti stabilisci . Peraltro un idio ta come te , anche laggiù , dureresti poco . Dopodiché sarebbe interessante conoscere il nome di colui , colei , o commissione che ha stabilito certe ed inoppugnabili prove che il crollo e’ dipeso dalla scarsa od inesistente manutenzione del Ponte Morandi . Manutenzione applicata da Autostrade nello stesso identico modo su tutte le tratte nazionali che gestiscono e da cui non risulta nessun crollo o similari . Dicci dicci , Cazzaro, chi ha stabilito le responsabilità di Autostrade ?? Trsvsglio Calandrino Marco ?? Giggino O’ex Fischer ? , T onynulla ?, Sasa’ Esposito ? , Shinycaghetta cecata ? , Carmine Petruzziello ? Te ?? Ahahaha .  Razza di idio ta , anche se fossero accertate respinsabilita’ di Autustrade , quest’ultima sarebbe obbligata solo alla refusione del 10% sul mancato guadagno degli utili . Il fatto di essere ignorante non ti da diritto di emettere sentenze . Anzi aggrava la tua già precaria condizione. Su , vai s fare un pisolino che la notte stai sveglio !! 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora