Ci sono Capitani e Capitani...o Capitane.

Si può dire quel che si vuole però una cosa è certa. C'è stato un "Capitano" per nome che si è cambiato il pannolino bagnato, si è messo a piangere e ha chiesto "aiuto aiuto" per non affrontare il giudizio dei Magistrati.

Verrebbe quasi naturale pensare che, a confronto, una giovane e debole Capitana mai e poi mai potesse competere con un aitante "Capitano", quasi scontato vederla timorosa e piangente davanti ai muri e alle difficoltà.

E invece cosa ci ha prospettato il destino cinico e baro?

Ci ha presentato una Capitana che, pur sapendo che la avrebbero arrestata, non è rimasta a fare tanti calcoli e calcoletti e se n'è del tutto strabattuta, ottenendo quello che si era proposta di fare, contro tutto e contro tutti. Incurante delle conseguenze però davvero e non certo a parole come ha fatto invece un certo 'Capitano da barchetta" di cui adesso mi sfugge il nome.

A questo punto, si potrebbe tranquillamente risolvere tutto fra gentiluomini e gantildonne procedendo, per esempio, a dirimere la questione con un incontro di pugilato fra *Capitan Matteo"e la Capitana Carola solo che difficilmente il Capitano Matteo accetterebbe perché l'esito sarebbe scontato.

Se poi l'incontro dovesse anche essere quotato fai bookmaker, io non avrei dubbi di sorta  e non esiterò neanche un minuto a puntate decisamente tutto sul Capitano Carola perché sono certo al 100% che il Capitan Matteo scapperebbe a gambe levate o chiederebbe nuovamente di essere salvato dalla furia del Capitano Carola o con una nuova immunità parlamentare oppure facendosi aiutare dal Kompagno Director. Ma solo loro 2 non ce la farebbero mai perché il Capitano Carola li metterebbe a sedere entrambi solo con lo sguardo e con la forza del pensiero. E a loro non rimarrebbe altro che farsi un selfie.

https://www.huffingtonpost.it/entry/freecarola-fermate-quel-pagliaccio-di-salvini_it_5d1758eee4b07f6ca57de35f?najb&utm_hp_ref=it-homepage

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Gli insulti sessisti a #CarolaRackete sul molo di Lampedusa rispecchiano una dinamica tipica: da un lato il sesso visto come aberrazione e vizio, dall'altro il senso di inferiorità che qualcuno ha in questo campo verso l’africano. Insultare una donna attraverso il sesso è la cosa più scontata e facile per vomitare la propria frustrazione. Che rabbia deve generare nei leghisti una donna come Carola, che non viene definita in quanto fidanzata di, moglie di, amante di.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora