Affari con i bimbi tolti ai genitori. Arrestati assistenti sociali, medici, un sindaco, nel Reggiano

Questa storia è incredibile:  Politici, medici, assistenti sociali e liberi professionisti. Sono una ventina gli indagati, alcuni dei quali destinatari delle misure cautelari eseguite questa mattina dai carabinieri su ordine della procura di Reggio Emilia. Secondo l'accusa da diversi anni avevano messo in piedi un illecito e redditizio sistema di “gestione dei minori” non solo a Reggio Emilia.

Facevano relazioni false, lavaggio del cervello ai bambini e li affidavano agli amici loro, guadagnandoci su con l'affido retribuito e psicoterapie per un enorme giro di affari.  I metodi erano altamente suggestivi e utilizzati sui minori durante le sedute di psicoterapia, anche attraverso impulsi elettrici, strumento spacciato ai bambini come “macchinetta dei ricordi, per alterare lo stato dei relativi ricordi in prossimità dei colloqui giudiziari. Tra gli affidatari anche titolari di sexy shop, persone con problematiche psichiche e con figli suicidi.
Due casi accertati di stupro presso le famiglie affidatarie ed in comunità, dopo l’illegittimo allontanamento.

Arrestato anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti (Pd). Oltre al sindaco agli arresti assistenti sociali nonché psicoterapeuti di una nota Onlus di Torino. Tra i destinatari di altri provvedimenti cautelari chiesti dal sostituto procuratore Valentina Salvi anche psicologi dell’Asl reggiana. Decine di indagati tra sindaci, amministratori comunali, un avvocato, dirigenti  e operatori socio sanitari.

Ma non è possibile, sono cose gravissime! Danni irreparabili alle famiglie e ai minori, ma che delinquenti sono?

Ore e ore di intensi "lavaggi del cervello" intercettati dai carabinieri reggiani durante le sedute di psicoterapia effettuate sui minori, anche di tenera età, dopo che gli stessi erano stati allontanati dalle rispettive famiglie attraverso le più ingannevoli e disparate attività, tra le quali: relazioni mendaci, disegni dei bambini artefatti attraverso la mirata “aggiunta” di connotazioni sessuali, terapeuti travestit i da personaggi “cattivi” delle fiabe messi in scena ai minori in rappresentazione dei genitori intenti a fargli del male, falsi ricordi di abusi sessuali ingenerati con gli elettrodi.

Il tutto durante i lunghi anni nei quali i servizi sociali omettevano di consegnare ai bambini lettere e regali dati dai genitori naturali che i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato in un magazzino dove erano accatastati.

Cosa gli fareste a questi delinquenti?

Risultati immagini per bambini tolti alle famiglie italia

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Aspetto di avere notizie dalle fonti di informazione libere ed indipendenti (non di sinistra).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quello che mi fa veramente incaz-zare è che io sono sempre andata contro il "SISTEMA"e c'ho sempre 

rimesso...(sapeste quante ingiustizie ho dovuto subire)..

e ora...belli belli scoprono delle cose che sapevo già da 20 anni!

Ma BRAVI-BRAVI---finalmente avete capito..che l'abito non fa il bravo ragazzo !

Pensate di meritarvi una medaglia?E' no,eh,prima ci siamo NOI,quelli che hanno subito

per anni la mer-da propinata da qst.gente che con arroganza era considerata dalla società!

Mattarella..aspetto il "RISARCIMENTO",grazie//

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Queste persone non devono finire in cella, devono finire nelle mani delle persone che hanno sofferto per tutto quello che hanno fatto........loro si che saprebbero farsi giustizia!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963