Verso le primarie Pd: Orlando ed Emiliano possono fermare Renzi?

Il voto alle primarie del 30 aprile (aperte a tutti, non solo agli iscritti) decreterà il nome del prossimo segretario del Partito democratico. Michele Emiliano e Andrea Orlando riusciranno a fermare il ritorno di Matteo Renzi? I due possono rappresentare veramente una novità rispetto al recente passato?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Penso che Renzi si confermi senza problemi, ma mi piacerebbe vincesse Orlando

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ahahahahaha... ma chi quei due... eppure io orlando lo voterei anche

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

MA quale novità per favore... c'è odore di vecchio ovunque fra le poltrone della politica

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lala-mustan1 ha scritto:

MA quale novità per favore... c'è odore di vecchio ovunque fra le poltrone della politica

quoto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con un

2 ore fa, pallantani ha scritto:

Il voto alle primarie del 30 aprile (aperte a tutti, non solo agli iscritti) decreterà il nome del prossimo segretario del Partito democratico. Michele Emiliano e Andrea Orlando riusciranno a fermare il ritorno di Matteo Renzi? I due possono rappresentare veramente una novità rispetto al recente passato?

Con un paio di mesi in più a disposizione e un paio di confronti televisivi in più, sia Emiliano (se non si fosse gravemente infortunato) sia Orlando (che come mestierante della politica ha poco da imparare da Renzi) potevano a mio avviso avere qualche piccola ma concreta chance, nell'ipotesi di primarie non truccate ovviamente, ma con il Pd ne abbiamo già viste di tutti i colori. Non a caso Renzi ha voluto il Congresso accelerato e non ha accettato gli ulteriori confronti in tv che gli proponevano gli avversari. In ogni caso è chiaro che il segretario uscente aveva già in partenza un enorme e quasi incolmabile vantaggio, e poi nella campagna congressuale non c'è stata par condicio. L'ex premier controlla tutte le reti Rai (ieri sera era per la 150sima volta ospite del compiacente dottor Fede, pardon dottor Vespa), Mediaset non lo contrasta affatto (non lo contrastava nemmeno quando non c'era odore di elezioni e di nuovi inciuci, figuriamoci ora) e come è noto ha le spalle ben protette da ricchi finanziatori, fondazioni e poteri forti nazionali ed esteri (banchieri, petrolieri, multinazionali del tabacco, industriali, costruttori). Stamane ha chiuso la campagna congressuale in grande stile a Bruxelles portandosi dietro una claque di 100 giovani. Spero che lo abbia fatto a spese sue (o dei suoi finanziatori) ma  la cosa comica è che questa faccia di bronzo ha detto a quei ragazzi: "Non si viene in Europa a cercare voti". Roba da matti! Venghino signori, venghino! A questo bambinone viziato piace vincere facile e domenica vincerà. L'unico dubbio riguarda l'affluenza alle urne e l'entità del distacco sul secondo. Se i numeri saranno importanti, sono quasi certo che il pulcinella di Rignano, che da troppi mesi è visibilmente in crisi di astinenza dal potere, preparerà lo "Stai sereno" a Gentiloni e si giocherà il tutto per tutto, con una legge elettorale purchessia, in elezioni anticipate a ottobre. Ma qui tutto sommato io non lo biasimo. E' chiaro che il tempo scorre a svantaggio suo e a vantaggio dell'opposizione (in primis i 5S ma anche Salvini) e questo parlamento abusivo (eletto con legge incostituzionale) prono, inefficiente e incapace, non merita di finire la legislatura. Dirò di più: i 137 senatori (dal Pd a FI passando per la Lega) che a marzo salvarono il ladro Minzolini dalla decadenza mettendosi sotto i piedi una legge dello Stato, per me meriterebbero solo una cosa: la galera.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963