Dell’Utri: «Si avvicina la fine e sono in cella, dovevo farmi arrestare prima»

ma si può tenere in carcere la gente a 75 anni?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

se se lo merita sì! e mi pare che dell'utri se lo meriti proprio

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Servirebbero differenti misure di restrizione

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il carcere non è mica una SPa... peggio per lui mi viene da dire

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il problema non sta nell'età del detenuto ma nelle condizioni pietose in cui versano le carceri italiane. Per quel che riguarda dell'utri sinceramente nessuno scrupolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Decisamente doveva farsi arrestare prima!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, aljadida5 ha scritto:

il problema non sta nell'età del detenuto ma nelle condizioni pietose in cui versano le carceri italiane

ma che ne sai tu? sei un'ex galeotta?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non solo si può (nonostante la ex Cirielli varata a suo tempo per salvare l'ultrasettantenne Previti) ma si deve tenere il mafioso Dell'Utri in galera. La pena non ha solo una funzione rieducativa e una funzione dissuasiva. A differenza di altri tipi di sanzione, essa ha soprattutto una funzione punitiva. Lo dice la parola stessa che viene dal latino poena che significa castigo, punizione. Sarebbe troppo facile, troppo comodo, perfino in questo paese di pulcinella, dire: ora svaligio una banca, faccio fuori un paio di guardie giurate e poi, nella peggiore delle ipotesi, mi vado a far rieducare. Il carcere di Parma mi risulta che sia uno dei più ospitali d'Italia e immagino che l'ex senatore Dell'Utri vi sia trattato con un certo riguardo. Lui lo definisce un lager, evidentemente con i soldini di Publitalia si era abituato agli agi e ha poco spirito di adattamento. Provenzano a 80 anni suonati e in condizioni di salute davvero pietose faceva la spola tra l'ospedale e il carcere duro (il 41 bis). Forse nel suo caso si è ecceduto, infatti era un boss, non un politico. D'altra parte credo che nessun mafioso condannato in Italia abbia mai sofferto in carcere più di quanto abbiano sofferto le sue vittime e i loro parenti. Se Dell'Utri vuole uscire sa bene come farlo. Parla, vuota il sacco, viene trasferito in una località protetta con tutti i confort, e magari a Parma ci finisce qualche suo amico miliardario.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il carcere è pieno di gente vecchia come lui, se si prende un provvedimento per tutti va bene (ma ci saranno detenuti pericolosi anche a quella età) ma se gli concedono un altro regime solo perché è stato (e forse lo è ancora) potente allora no, restasse dove è

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963