Donne che si ribellano ai tacchi in ufficio, nasce in Giappone la rivolta

La campagna si chiama KuToo, gioco di parole tra 'kutsu' (scarpe) e 'kutsuu', (dolore) ed è stata ideata dall’attrice e scrittrice Yumi Ishikawa. Per le attiviste, l’imposizione del tacco è la versione moderna della fasciatura dei piedi in uso nella Cina imperiale.

"Abbiamo presentato al governo una petizione che chiede l'introduzione di una legge che vieti ai datori di lavoro di costringere le donne a indossare tacchi alti come forma discriminazione o molestia sessuale", afferma la scrittrice e attrice Yumi Ishikawa, ideatrice della campagna KuToo, gioco di parole tra 'kutsu' che significa scarpe in giapponese e 'kutsuu' che indica il dolore. Era stata lei stessa alcuni mesi fa a lanciare la campagna, postando un tweet dopo che era diventata virale una richiesta di portare tacchi alti per ottenere un posto di lavoro in un hotel. 

E a voi in Italia, hanno mai chiesto di portare i tacchi sul posto di lavoro?

https://tg24.sky.it/mondo/2019/06/03/tacchi-alti-donne-giappone.html

Immagine correlata

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963