di questa autorita' ci possiamo fidare

Riguardo le parole del Ministro Salvini sugli immigrati portatori di Tubercolosi e altre malattie infettive, il Prof. Massimo Galli, Presidente SIMIT- Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, si schiera col ministro.

“Non possiamo negare, sarebbe un dato non scientifico, in molti paesi da cui provengono gli immigrati la diffusione dell’infezione latente da Tubercolosi è, a parità di età, maggiore rispetto a quella dei cittadini italiani, è quindi verosimile che molte persone arrivino con una infezione latente che per le condizioni del viaggio o per aver cambiato clima e situazione abitativa, non certo in senso migliorativo, possano favorire una riattivazione della malattia. Questo lo sappiamo ed è un elemento che merita un’attenzione di tipo clinico nei confronti dei migranti. Altrettanto però il fatto di venire in condizioni non favorevoli con lunghi periodi di deprivazione, magari in qualche hotel della Libia con quelle caratteristiche che tutti conosciamo, può portare queste persone a contrarre la malattia nel paese in cui arrivano. Questo dato non riguarda solo la TBC ma anche altre patologie come l’Hiv. Abbiamo prove di persone immigrate che presentano ceppi del virus chiaramente italiani, che circolano in Italia e non nel loro paese di origine; è una ‘valvola a due vie’”.

Quindi, come risaputo, arrivano infetti e poi le condizioni di vita attivano il batterio. Questo per la Tubercolosi. Poi c’è l’Aids, che in Africa è endemica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

24 minuti fa, director12 ha scritto:

Riguardo le parole del Ministro Salvini sugli immigrati portatori di Tubercolosi e altre malattie infettive, il Prof. Massimo Galli, Presidente SIMIT- Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, si schiera col ministro.

“Non possiamo negare, sarebbe un dato non scientifico, in molti paesi da cui provengono gli immigrati la diffusione dell’infezione latente da Tubercolosi è, a parità di età, maggiore rispetto a quella dei cittadini italiani, è quindi verosimile che molte persone arrivino con una infezione latente che per le condizioni del viaggio o per aver cambiato clima e situazione abitativa, non certo in senso migliorativo, possano favorire una riattivazione della malattia. Questo lo sappiamo ed è un elemento che merita un’attenzione di tipo clinico nei confronti dei migranti. Altrettanto però il fatto di venire in condizioni non favorevoli con lunghi periodi di deprivazione, magari in qualche hotel della Libia con quelle caratteristiche che tutti conosciamo, può portare queste persone a contrarre la malattia nel paese in cui arrivano. Questo dato non riguarda solo la TBC ma anche altre patologie come l’Hiv. Abbiamo prove di persone immigrate che presentano ceppi del virus chiaramente italiani, che circolano in Italia e non nel loro paese di origine; è una ‘valvola a due vie’”.

Quindi, come risaputo, arrivano infetti e poi le condizioni di vita attivano il batterio. Questo per la Tubercolosi. Poi c’è l’Aids, che in Africa è endemica.

Per la TBC o la scabbia, esistono cure e vaccini.

Per l'AIDS basta che continui col piffero. 

Quello non è contagioso.

Certo che se va in cerca di pifferi neri di carne viva, se lo va a cercare !

(Come ebbe a dire Carlo Donat Cattin).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Per la TBC o la scabbia, esistono cure e vaccini.

Per l'AIDS basta che continui col piffero. 

Quello non è contagioso.

Certo che se va in cerca di pifferi neri di carne viva, se lo va a cercare !

(Come ebbe a dire Carlo Donat Cattin).

tu per esempio,sei un portatore sano di scabbia? Ps:mettiti pure il solito nik,dopo,per intasare il forum

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, director12 ha scritto:

tu per esempio,sei un portatore sano di scabbia? Ps:mettiti pure il solito nik,dopo,per intasare il forum

E lei, è vero che soffre di emorroidi ? Le suggerisco di non sfregarle troppo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

E lei, è vero che soffre di emorroidi ? Le suggerisco di non sfregarle troppo...

all'ultimo festival che sei andatoi,i tuoi amici te le hanno fatte andare in gola...il bello è che ti è pure piaciuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, director12 ha scritto:

all'ultimo festival che sei andatoi,i tuoi amici te le hanno fatte andare in gola...il bello è che ti è pure piaciuto

Pensi per le sue, che non si distinguono dalle tonsille.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come mai sig ippodirector lei suona il piffero con il Q. Lo? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
46 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

E lei, è vero che soffre di emorroidi ? Le suggerisco di non sfregarle troppo...

È come potrebbe farlo? Lui usa il Q. Lo per solfeggiare. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963