sciacalli!!

Un pullman turistico e un tram che si scontrano. Feriti (di cui due gravi), panico, confusione, traffico in tilt. E gli africani che, approfittando degli attimi di caos successivi allo scontro, salgono sul tram evacuato di corsa per rubare nelle borse e tra gli effetti personali dei passeggeri. La scena non si è svolta in qualche popolosa e caotica città del terzo mondo, ma in una zona semi-centrale di Milano. Venerdì pomeriggio, all'incrocio tra viale Stelvio e via Farini. Una zona nota per l'elevata percentuale di abitanti extracomunitari, sopratutto arabi e africani. E per i tanti perdigiorno, sempre immigrati, che ciondolano per strada e sui marciapiedi. A denunciare l'episodio di sciacallaggio, chiamando le forse dell'ordine, è stato il dipendente di un fast-food all'angolo tra le due vie in cui è avvenuto lo scontro. Intervenuto per dare una mano ai feriti e agli altri passeggeri, come riporta il Corriere della Sera, ha notato gli africani che sono saliti sui mezzi a rubare. Ha avvisato le forze dell'ordine, che li hanno allontanati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

vili ...e li hanno solo allontanati!! sono convinto..servirebbero migliaia di carceri solo per questi gentaglia

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

director, hai controllato nn sia una bufala vero? sai ke i compagni quando tokki i loro idoli, soffrono...  ecco alcuni esemplari di risorse dis-umane della boldrini...  cmq poco male, a MI sono compagni quindi ben lieti essersi fatti derubare senza  denunciare, approvando il furto, gesto insito, naturale, innato nella natura dei loro amiketti fannulloni...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora