I giornali. Quelli buoni.

Ed eccolo, quell’articolo su Repubblica contro Giovanni Falcone
Abbiamo recuperato l’introvabile articolo di Sandro Viola che nel gennaio 1992, dalle colonne del quotidiano la Repubblica, si scagliava contro il giudice Giovanni Falcone, poi ammazzato dalla mafia a Capaci, accusandolo addirittura essere un “guitto televisivo”. Qualche giorno dopo sullo stesso giornale fondato da Eugenio Scalfari un altro giornalista, il napoletano Giuseppe D’Avanzo prendeva le difese del magistrato siciliano: “Non ha mai avuto una vita facile e anche stavolta c’è chi farà di tutto per rendergliela difficile”.

 

continua su: https://www.fanpage.it/ed-eccolo-quell-articolo-su-repubblica-contro-giovanni-falcone/
http://www.fanpage.it/

Gli scheletri del gruppo GEDI, l’abbeveratoio dei sostenitori della malavita organizzata.

BrS

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Fai semplicemente schifo, Alessandro Bonaventura Viola.

Un giornalista fatto dimerda che non ha avuto neanche il coraggio di chiedere scusa, dinanzi ad un servitore dello stato e al suo estremo sacrificio per il bene della collettività.

I vermi come te, faranno festa.

 

Modificato da shinycage

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Berlusconi dietro le stragi del '93"
Promise alla mafia di eliminare il 41 bis

Nel 2002 tuonava senza indugi: “Il 41 bis è solo una tortura per i detenuti, io lo abrogherei”. All’epoca Donato Bruno, pugliese classe ’48, professione avvocato, era già nelle file di Forza Italia, allineatissimo alle posizioni del Cavaliere. Oggi che è senatore con casacca Pdl

.............:ph34r:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora