Istat: 11,9% delle famiglie italiane in gravi difficoltà economiche

So di non svelare nulla di nuovo. So che la rabbia con cui si apprendono determinate notizie porterebbe a reagire in maniera immediata (per un mondo migliore???? per un contesto sociale più equo???? affinché si riducano le sperequazioni che non hanno nè senso nè giustificazioni??? ). So che ciascuno di noi conosce - in maniera più o meno diretta - qualcuno che non se la passa benissimo. Ecco perché determinate news vanno rimarcate con puntualità, attenzione, rispetto. Fresca fresca: l’11,9 per cento delle famiglie italiane, ovvero 7 milioni e 209mila persone, nel 2016 si è trovata nelle condizioni di “grave deprivazione materiale”. Lo rileva l’Istat nel dossier sul Documento di economia e finanza nel corso dell’audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato. I minori che nel 2016 risultano in condizioni di “grave deprivazione” sono 1.250.000, pari al 12,3% della popolazione con meno di 18 anni.

Che dire? Ci si può vergognare per la società di cui siamo parte integrante?

So che qualcuno arriverà a dire che non ci possiamo far niente e che è il capitalismo e la meritocrazia..... e blablabla..... tanto, stringi stringi, non si parla di questo.

Nessuno pensa che si debba essere tutti uguali e possedere tutti le stesse cose, mancherebbe altro.

Però non dovrebbe esistere PER NESSUNO alcuna difficoltà nel vivere in maniera dignitosa.

Date pure un occhio qui (e, magari, indignatevi)

http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/istat-119percent-delle-famiglie-italiane-in-gravi-difficoltà-economiche/ar-BBA1zOW?li=BBqfUd8

Modificato da piccolina907

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

14 messaggi in questa discussione

io penso che la classe politica che ci governa sia completamente incapace di gestire le criticità della nostra epoca, non è un modo per scaricare la colpa ma una denuncia mirata!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

eppure sembrava ke 80 denari al mese risolvessero i problemi economici degli itaGliani...

lo stato é come la famiglia: quando si vuol far il passo + lungo della gamba o usare aiuti arrivati x determinate necessità e sviarli da tutt'altra parte, i dati Istat saran sempre peggio...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, uvabianca111 ha scritto:

eppure sembrava ke 80 denari al mese risolvessero i problemi economici degli itaGliani...

lo stato é come la famiglia: quando si vuol far il passo + lungo della gamba o usare aiuti arrivati x determinate necessità e sviarli da tutt'altra parte, i dati Istat saran sempre peggio...

MAGARI LO STATO FOSSE COME LA FAMIGLIA

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, uvabianca111 ha scritto:

eppure sembrava ke 80 denari al mese risolvessero i problemi economici degli itaGliani...

lo stato é come la famiglia: quando si vuol far il passo + lungo della gamba o usare aiuti arrivati x determinate necessità e sviarli da tutt'altra parte, i dati Istat saran sempre peggio...

E' divertente fare ironia, un po' meno farlo sulle difficoltà delle persone. Senza quei 1000 euri annui qualcuno sarebbe stato peggio di ora. Non avranno risolto la vita ma hanno risolto qualche problema.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, svampi741 ha scritto:

io penso che la classe politica che ci governa sia completamente incapace di gestire le criticità della nostra epoca, non è un modo per scaricare la colpa ma una denuncia mirata!

Trovo anch'io. Pochi cervelli in politica e molti al di fuori di là. Il problema è che fanno credere il contrario

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, piccolina907 ha scritto:

MAGARI LO STATO FOSSE COME LA FAMIGLIA

ovvio ke nn potrà mai esserlo, nella famiglia generalm ladri nn ce ne sono.

ma come nella famiglia, anke lo stato fa passi + lunghi della gamba:

paga privilegi a ki nn ha fatto nulla x meritarli;  da diritto a pensioni con soli 5 anni di finto lavoro mentre ai lavoratori veri nn ne bastano 30/35;   spreco x stipendi favolosi a ki scalda scranni mentre infila le dita nel naso, si gratta le terga, legge il giornale, o si trastulla;  auto blu ad ogni cranio quando x andar al lavoro, bus come fanno i cittadini ke li mantengono; e tanti altri passi lunghissimi ke portano, come nelle famiglie, a conseguenze ke sappiamo.

così, come nella famiglia si inizia a mangiare il latte con pane anziké il biscotto, lo stato inizia con tagli qui, tagli là e la gente, tanto x far un esempio, deve pagare x curarsi...  nella spesa casalinga, 1.000 o statale, 1.0000.000, cambiano gli zeri ma il risultato é lo stesso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

stiamo vivendo la dura fase di transizione dalla politica assistenzialista alla politica che stimola la ripresa con interventi strutturali,  in effetti questa classe politica non è all'altezza

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, piccolina907 ha scritto:

So di non svelare nulla di nuovo. So che la rabbia con cui si apprendono determinate notizie porterebbe a reagire in maniera immediata (per un mondo migliore???? per un contesto sociale più equo???? affinché si riducano le sperequazioni che non hanno nè senso nè giustificazioni??? ). So che ciascuno di noi conosce - in maniera più o meno diretta - qualcuno che non se la passa benissimo. Ecco perché determinate news vanno rimarcate con puntualità, attenzione, rispetto. Fresca fresca: l’11,9 per cento delle famiglie italiane, ovvero 7 milioni e 209mila persone, nel 2016 si è trovata nelle condizioni di “grave deprivazione materiale”. Lo rileva l’Istat nel dossier sul Documento di economia e finanza nel corso dell’audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato. I minori che nel 2016 risultano in condizioni di “grave deprivazione” sono 1.250.000, pari al 12,3% della popolazione con meno di 18 anni.

Che dire? Ci si può vergognare per la società di cui siamo parte integrante?

So che qualcuno arriverà a dire che non ci possiamo far niente e che è il capitalismo e la meritocrazia..... e blablabla..... tanto, stringi stringi, non si parla di questo.

Nessuno pensa che si debba essere tutti uguali e possedere tutti le stesse cose, mancherebbe altro.

Però non dovrebbe esistere PER NESSUNO alcuna difficoltà nel vivere in maniera dignitosa.

Date pure un occhio qui (e, magari, indignatevi)

http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/istat-119percent-delle-famiglie-italiane-in-gravi-difficoltà-economiche/ar-BBA1zOW?li=BBqfUd8

"Però non dovrebbe esistere PER NESSUNO alcuna difficoltà nel vivere in maniera dignitosa".... piccolina una bella utopia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, ariafresca123 ha scritto:

E' divertente fare ironia, un po' meno farlo sulle difficoltà delle persone. Senza quei 1000 euri annui qualcuno sarebbe stato peggio di ora. Non avranno risolto la vita ma hanno risolto qualche problema.

nn parlare a me di ironia quando, e lo sai pure tu, ironia e malafede furono usate da un politico sfruttando la difficoltà delle persone x suo futuro tornaconto elettorale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con gli incapaci e gli incompetenti della destra e della sinistra che abbiamo visto al governo negli ultimi 20 anni (per non parlare dei ladri e dei corrotti) le cose non potranno che peggiorare. E se sciaguratamente avremo un governo Renzi-Berlusconi (più gli Alfano e i Verdini, piccoli ma numericamente decisivi), come potrebbe facilmente accadere se voteremo con il proporzionale, per l'Italia sarebbe il KO. Se non si cambiano radicalmente le politiche di sviluppo, se non si rimette al centro della politica e dell'economia l'uomo, la persona, il cittadino, il lavoratore, si fa la fine della Grecia o peggio.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Con gli incapaci e gli incompetenti della destra e della sinistra che abbiamo visto al governo negli ultimi 20 anni (per non parlare dei ladri e dei corrotti) le cose non potranno che peggiorare. E se sciaguratamente avremo un governo Renzi-Berlusconi (più gli Alfano e i Verdini, piccoli ma numericamente decisivi), come potrebbe facilmente accadere se voteremo con il proporzionale, per l'Italia sarebbe il KO. Se non si cambiano radicalmente le politiche di sviluppo, se non si rimette al centro della politica e dell'economia l'uomo, la persona, il cittadino, il lavoratore, si fa la fine della Grecia o peggio.  

Invece se vincesse Grillo, tutti a festeggiare!! Soldi a palate.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, ariafresca123 ha scritto:

Invece se vincesse Grillo, tutti a festeggiare!! Soldi a palate.

Quindi tu preferiresti un governo Renzi-Berlusconi? Ma di mestiere cosa fai: il becchino?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Quindi tu preferiresti un governo Renzi-Berlusconi? Ma di mestiere cosa fai: il becchino?

Sarebbe opportuno che il bufalaro Fosforo , alla luce degli attuali rapporti di forza , ci dica , immediatamente e senza indugio , quale formazione politica e l'eventuale possibile  coalizione sia la più indicata per guidare il Paese. In caso contrario chiuda il becco e se ne torni a comiziare in uno qualsiasi dei rioni partenopei che di testadiminkia simili a lui , pronti e propensi a fare solo e soltanto a spacciare denuncia senza mai offrire una soluzione possibile , ne abbiamo le palle piene . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963