STRENUO DIFENSORE DELLA COSTITUZIONE ?

Inviata (modificato)

Purtroppo  è una  delusione   veramente    si   arrampica  sugli  specchi, imbarazzato  come  nessuno mai.. il porello  già  questi  ormai  per   sua  stessa   ammissione  fanno strame  della  Costituzione ma  Lui  e  altri  strenui  difensori  con Renzi  ora  se  ne  stanno  zitti... Fosforo  pure...   ma  è  naturale   sono  suoi  beniamini  anche   se  stanno facendo  ben  peggio  del  cialtrone   da Rignano...

Per chi voglia vedere l'intera trasmissione, comunque interessante, la trova a questo indirizzo link su RaiPlay.
https://www.raiplay.it/…/Quante-storie-14c52591-9b16-465b-9

https://www.facebook.com/filippo.damati/videos/2090332947701997/

Zagrebelsky il referendum e gli specchi.

Zagrebelsky incontra Corrado Augias che lo fa arrampicare sugli specchi, per spiegare il suo no al referendum costituzionale del 2016 e la sua assenza in occasione delle successive gravi violazioni costituzionali fatte ripetutamente, anzi quotidianamente, dagli attuali governanti: l'imbarazzo è evidente e la risposta è farfugliata..

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

La critica di Augias è campata in aria e il prof. Zagrebelsky glielo fa notare. Una cosa sono le violazioni della Costituzione, che in Italia avvengono a cadenza quotidiana (vedasi la censura degli striscioni anti-Salvini o il veto politico di Mattarella su Savona) altra cosa era una riformaccia illeggibile che cambiava 47 articoli e che nel combinato disposto con l'Italicum mirava ad alterare l'equilibrio dei poteri e a mutare il sistema in un premierato forte. Peraltro il giornalista è poco informato perché interventi di Zagrebelsky e della sua associazione (Libertà e Giustizia) contro vari singoli atti del governo e della maggioranza ci sono stati eccome. Semmai dovrebbe essere lo stagionato "radical chic" Augias (così lo appella il professore) a spiegarci come mai nel 2006 scriveva peste e corna di una riforma molto simile alla Renzi-Boschi, anzi addirittura "IDENTICA" secondo la pidina Elisabetta Gualmini. Forse perché era targata centrodestra?

 

 

 

 

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tu  sei  campato  in  aria ... dato  di fatto   che  mai  e  poi mai  si  è sentito la   sua  voce,  e nemmeno la tua  se  per  questo  , su  quanto   stanno facendo  della Costituzione  Salvinie dimejo  i cialtroni  che  più  cialtroni  non  ve  ne  sono

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, fosforo41 ha scritto:

La critica di Augias è campata in aria e il prof. Zagrebelsky glielo fa notare. Una cosa sono le violazioni della Costituzione, che in Italia avvengono a cadenza quotidiana (vedasi la censura degli striscioni anti-Salvini o il veto politico di Mattarella su Savona) altra cosa era una riformaccia illeggibile che cambiava 47 articoli e che nel combinato disposto con l'Italicum mirava ad alterare l'equilibrio dei poteri e a mutare il sistema in un premierato forte. Peraltro il giornalista è poco informato perché interventi di Zagrebelsky e della sua associazione (Libertà e Giustizia) contro vari singoli atti del governo e della maggioranza ci sono stati eccome. Semmai dovrebbe essere lo stagionato "radical chic" Augias (così lo appella il professore) a spiegarci come mai nel 2006 scriveva peste e corna di una riforma molto simile alla Renzi-Boschi, anzi addirittura "IDENTICA" secondo la pidina Elisabetta Gualmini. Forse perché era targata centrodestra?

 

 

 

 

 

 

Senti senti il Cazzaro di Napoli come si erge a difensore di chi fu il più forsennato sostenitore della bocciatura del referendum sulla Cistituzione. All’epoca il Parruccone attempato ( 400.000 euro di pensione l’anno, nda), era un ostinato ed insensibile ai richiami di chi sottolineava che quel cambiamento sarebbe stato decisivo per le sorti dell’Italia e che eventuali manchevolezze si sarebbero potute aggiustare in seguito . Capeggio’ , con sommo entusiasmo del Cazzaro di Napoli e di tutte le testadiminkia al Cazzaro equiparate, il fronte del No arrivando a toni di antirenzismo che definirli paradossali si rischia l’eufemismo . Dopo la vittoria del No si e’ “gustato” l’esito referendario e mai più si e’ posto il problema se Quella vittoria abbia aperto la strada a questo massacro politico a cui stiamo assistendo. Macché !! Per il nostro parruccone l’importante era stato imbalsamare la Cistituzione . Con 2 camere fotocopia che continuano a fare le stesse cose  ma elette in maniera diversa , le Regioni che rifiutano ogni dirigismo centrale , con un Cnel risorto , rivitalizzato e ricapitalizzato. Adesso , però , e’ venuto il bello , a patatrac avvenuto e con le rovine fumanti ancora in bella mostra , il parruccone Zavrebelsky, si “accorge” ( bontà sua), che forse e ripeto il forse , la composizione di sto governo composto da razzisti da una parte e da scappati da casa dall’altra , stia configurando contenuti estranei al Parlamento ed al PDR e  che va avanti solo per effetto di un “contratto firmato davanti al notaio “.  Il prode ed amico del Cazzaro di Napoli ( 400.000 euro all’anno di pensione ), non spende una parola sul perché siamo giunti a questo punto . E quando dico una voglio rimarcare una che una ed a prescindere dal Pulcinella di Napoli che vivendo nella beatificazione del culto della personalità , si farebbe pure incannare una componente femminile del suo apparato familiare dal vegliardo parruccone . Adesso manco si accorge più che la Cistituzione viene surrettuziamente stravolta nei fatti e nei comportamenti di due capi partito . Ci si poteva aspettare una nuova ribellione ?? Macché !  Mi chiedo : Dove sono finiti coloro che marciavano a difesa dell'integrità della Carta, ferita dalle innovazioni renziane? Il «contratto» che sta alla base del governo prevede addirittura un comitato di conciliazione, che di fatto esautora il consiglio dei ministri, un organo extraistituzionale ma ben inserito nell'impianto istituzionale. Peccato che Zagrebelsky, che seppe guidare con tanto acume il comitato per il no, non abbia ancora sentito il bisogno di mettersi alla testa di un nuovo comitato, sempre per difendere la Costituzione. Sarà mica  che mancherebbe l'appeal antirenziano ?? E’ possibile o no che la coerenza che chiediamo (invano) ai politici ci sia consentito di chiederla anche ai costituzionalisti, che non possono essere duri-e-puri a fasi alterne, a seconda della politica del momento ?? Sentiamo un po’ , ovvia !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, mark222220 ha scritto:

Senti senti il Cazzaro di Napoli come si erge a difensore di chi fu il più forsennato sostenitore della bocciatura del referendum sulla Cistituzione. All’epoca il Parruccone attempato ( 400.000 euro di pensione l’anno, nda), era un ostinato ed insensibile ai richiami di chi sottolineava che quel cambiamento sarebbe stato decisivo per le sorti dell’Italia e che eventuali manchevolezze si sarebbero potute aggiustare in seguito . Capeggio’ , con sommo entusiasmo del Cazzaro di Napoli e di tutte le testadiminkia al Cazzaro equiparate, il fronte del No arrivando a toni di antirenzismo che definirli paradossali si rischia l’eufemismo . Dopo la vittoria del No si e’ “gustato” l’esito referendario e mai più si e’ posto il problema se Quella vittoria abbia aperto la strada a questo massacro politico a cui stiamo assistendo. Macché !! Per il nostro parruccone l’importante era stato imbalsamare la Cistituzione . Con 2 camere fotocopia che continuano a fare le stesse cose  ma elette in maniera diversa , le Regioni che rifiutano ogni dirigismo centrale , con un Cnel risorto , rivitalizzato e ricapitalizzato. Adesso , però , e’ venuto il bello , a patatrac avvenuto e con le rovine fumanti ancora in bella mostra , il parruccone Zavrebelsky, si “accorge” ( bontà sua), che forse e ripeto il forse , la composizione di sto governo composto da razzisti da una parte e da scappati da casa dall’altra , stia configurando contenuti estranei al Parlamento ed al PDR e  che va avanti solo per effetto di un “contratto firmato davanti al notaio “.  Il prode ed amico del Cazzaro di Napoli ( 400.000 euro all’anno di pensione ), non spende una parola sul perché siamo giunti a questo punto . E quando dico una voglio rimarcare una che una ed a prescindere dal Pulcinella di Napoli che vivendo nella beatificazione del culto della personalità , si farebbe pure incannare una componente femminile del suo apparato familiare dal vegliardo parruccone . Adesso manco si accorge più che la Cistituzione viene surrettuziamente stravolta nei fatti e nei comportamenti di due capi partito . Ci si poteva aspettare una nuova ribellione ?? Macché !  Mi chiedo : Dove sono finiti coloro che marciavano a difesa dell'integrità della Carta, ferita dalle innovazioni renziane? Il «contratto» che sta alla base del governo prevede addirittura un comitato di conciliazione, che di fatto esautora il consiglio dei ministri, un organo extraistituzionale ma ben inserito nell'impianto istituzionale. Peccato che Zagrebelsky, che seppe guidare con tanto acume il comitato per il no, non abbia ancora sentito il bisogno di mettersi alla testa di un nuovo comitato, sempre per difendere la Costituzione. Sarà mica  che mancherebbe l'appeal antirenziano ?? E’ possibile o no che la coerenza che chiediamo (invano) ai politici ci sia consentito di chiederla anche ai costituzionalisti, che non possono essere duri-e-puri a fasi alterne, a seconda della politica del momento ?? Sentiamo un po’ , ovvia !! 

Aggiungo  che  non  è da  oggi  che   chiediamo  dove  sono  finiti i salvatori   della Costituzione   e  subito  dopo l'avvento  di  questi  cialtroni  gialloverdi, io non ho aspettato la  trasmissione   di Augias  a  scriverlo ma  chiaramente  il fosforo a fatto orecchie  da  mercante   allora come  lo facevano  i cosidetti Costituzionalisti  salvatori della  Patria  grazie a  quel referendum

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora