Ecco il Matteo che piace agli italiani!

26 messaggi in questa discussione

5 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Dopo due nanerottoli, un gigante!

https://youtu.be/8RBjRVi5pRY

 

Quando un immenso imbexille affetto da una grave patologia e’ costretto a manifestarla in modo così eclatante sul forum affinché tutti ne prendano atto e pietosamente possano comprenderlo , bisogna riflettere . Facciamolo : Il Cazzaro di Napoli , portatore di Renzite acuta allo stadio terminale ( cari forumisti , non vi lasciate ingannare . Il Cazzaro Partenopeo odia molto di più il Caudillo Fiorentino che il Matteo Razzista e fascista , nda) , alle due del mattino , probabilmente in preda ad una crisi acuta di Renzite , sente il desiderio di dare libero sfogo alla sua patologia . Ed allora si alza dal letto , si reca davanti al PC e scrive :” Questo si che e’ il Matteo che piace agli italiani “. Ammetterò che quando stamattina ho letto il titolo avevo un qualche fondato sospetto che Renzi ci entrasse qualcosa , ma , nel contempo ero curiosissimo di vedere chi fosse quel Matteo che piace così tanto agli italiani addirittura di più della famosissima cucina Scavolini ( la più amata dagli Italiani , nda). Apro il link , mi appare un video di una partita di tennis . A parte che questo post avrebbe dovuto trovare una collocazione più idonea nella sezione Sport , ma sempre di più incuriosito do una occhiata più attenta e mi accorgo che il Matteo più amato e di cui l’Italia ( sissignori , il Cazzaro dice proprio così , nda ) e’ innamorata e’ niente popodimeno che Matteo Berrettini . Quindi capisco subito che sarà “Berrettini” l’alter ego del Ranzi Caudillo .  Sarà il Berrettini che andrà a prendere il posto di Renzi nella testa e nel cuore degli italiani. Ora , cari forumisti , io vi capisco e sono convinto che la stragrandiddima maggioranza di voi su chiederà chi sia Matteo Berrettini. Se posso permettermi , vi spiego subito chi sia questo enorme personaggio amato da 60 milioni di italiani .  Si tratta di un tennista !! Bene , direte voi . E probabilmente chi di voi e’ totalnente digiuno di tennis , potrà pensare :” Beh , sarà uno dei migliori al mondo “. No !! Nelle classifiche ATP mondiali , Berrettini e’ collocato al trentatreesimo posto del ranking mondiale . Beh , sempre voi a dirlo :” Sarà il migliore tra gli italiani almeno “.  NO !! Berrettini e’ collocato al terzo posto nelle classifiche FIT. Ed allora direte voi !! Beh , se permettete di nuovo , vi spiego di nuovo : Berrettini sconta il fatto di chiamarsi  ...Matteo e per il Cazzaro di Napoli , l’invio di un video che lo ritrae vincitore di un match di tennis e’ sufficiente per esaltarne le doti al punto tale da imporlo come il Matteo più amato dagli italiani .  Tse !! Mica Berrettini e’ come Er Bomba , mica e’ come il Caudillo !! Berrettini e’ amato dagli Italtani , Tse !! Conclusioni : mi auguro che tutti possiate aver comprensione del Cazzaro di Napoli dopo la prova di quanto alto si sia elevato il livello della sua patologia , ma io , se permettete , voglio girare lo sguardo anche verso lo “sfortunato “ Berrettini Matteo . Ora che e’ stato “attenzionato” dal Cazzaro di Napoli , noto menagramo internazionale , ho seri dubbi per il proseguio della sua carriera . Mi auguro di sbagliare ma le premesse , visti i precedenti dell’idio ta campano , non sono favorevoli . Per niente !! Saluti 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se il signor fosforo è un noto menagramo, spero che il secondo Matteo, ossia il mentore del sig director, scompaia dalla scena politica con le prossime elezioni europee, per il terzo Matteo non importa, può far danni solo a sé stesso. 

Il guaio sarebbe che il Matteo, ossia il mentore del sig director, non scompaia dalla scena politica con le prossime elezioni, e se non scompare, vuol dire che il signor fosforo non è un menagramo. 

Non ci resta che sederci e aspettare. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Sono onesto e confesso: questa discussione era destinata alla sezione Sport dove ne ho già aperte altre sul tennis, poi - per forza d'abitudine o torpore notturno - è finita nel forum di Politica. Ma, tutto sommato, non me ne dispiaccio. Intanto, a quanto pare, il mio post notturno ha avuto sul lekkino renziano di Pisa l'effetto di una supposta mattutina: sgradevole e fuori orario, ma gli farà bene. Più avanti farò una riflessione politica, ma prima è doveroso un breve commento sull'impresa sportiva di questo sorprendente ragazzone romano (1mt e 96), Matteo Berrettini, 23 anni, n.33 della classifica mondiale, già vincitore di due tornei ATP. Ieri Matteo, agli Internazionali d'Italia, nella sua città, ha infiammato il pubblico giocando un partitone ed eliminando Alexander Zverev, n.5 al mondo (ma è stato anche n.3), 22enne gigante tedesco (1,98) di origini russe, erede designato (dagli esperti) di Federer, Djokovic e Nadal, i tre fuoriclasse dominatori del tennis di questo inizio secolo e giudicati quasi unanimemente come i tre più forti tennisti di sempre (con buona pace di Laver, Borg e McEnroe). Zverev aveva vinto questo torneo due anni fa (su Djokovic!) e l'anno scorso si era arreso in finale solo a Nadal dopo averlo però dominato nel primo set (6-1) come mai era accaduto al re della terra rossa (8 volte trionfatore al Foro Italico, 11 volte al Roland Garros). Zverev è anche il vincitore delle ultime ATP Finals (Londra 2018), il prestigioso torneo in cui si affrontano i migliori 8 tennisti della stagione, e che dal 2021 al 2025 si disputerà a Torino (un grande risultato per la FIT e per la sindaca Appendino). È opportuno ricordare che due anni fa il fuoriclasse tedesco era già nella Top Ten mondiale, mentre Berrettini navigava intorno alla 250sima posizione, anche a causa di un gravissimo infortunio a inizio carriera. Ma dopo l'impresa di ieri Ubaldo Scannagatta, a mio avviso l'attuale n.1 tra i giornalisti italiani della racchetta (con tutto il rispetto per il decano Gianni Clerici e l'85enne Rino Tommasi), vede anche Matteo a breve tra i primi 10 giocatori al mondo (magari entro l'anno!). Per ritrovare un italiano così in alto dobbiamo risalire a 41 anni fa (Corrado Barazzutti n.7, mentre Adriano Panatta nel '76 raggiunse la quarta posizione). Naturalmente oggi la concorrenza mondiale è molto più agguerrita, ma a Berrettini non fanno difetto il fisico e la volontà, e sta migliorando a vista d'occhio anche sul piano tecnico, come dimostra il drop shot nel filmato che ho allegato. Un ricamo degno del miglior Nicola Pietrangeli. 

La riflessione politica. Avrete certo notato, cari forumisti, il sorriso radioso di Matteo Berrettini nel momento in cui ottiene il punto della vittoria. Un sorriso fatto al 50% di gioia e al 50% di umile incredulità per un risultato, il migliore della carriera, forse da lui stesso insperato. Come a dire: ma che ho fatto? Il formidabile avversario e i 12.000 spettatori e tifosi entusiasti del campo centrale, tutto esaurito, erano ai suoi piedi. Matteo a 23 anni è già un campione, in carriera ha già portato a casa 1,3 milioni di dollari di soli premi. Però il suo sorriso era quello di un umile, semplice, genuino ragazzo italiano. Senza la minima traccia di arroganza né di superiorità e men che meno di derisione verso l'avversario. Era il sorriso di uno di noi. Noi che, pur con tanti difetti e tantissime mele marce (penso ai due criminali di Piazza Nazionale a Napoli e agli ultimi corrotti e corruttori scovati in Lombardia), alla fine siamo brava gente, gente semplice, gente di cuore, un popolo molto migliore dei politici che lo rappresentano (molto male). Devo dire, da uomo di sport, che quel sorriso luminoso e sincero di Matteo Berrettini mi ha colpito molto, più ancora dei suoi ace a 220 km/h, più dei suoi dritti e delle sue volee. E ora, cari forumisti,  provate a confrontarlo con il modo di sorridere, cinico e sprezzante, di Matteo Renzi o di Matteo Salvini. Come passare dal giorno alla notte. Qui troverete arroganza, supponenza, talora perfino tracotanza. Un sorriso irridente, quasi sfottente. Vi troverete furberia, ipocrisia e doppiezza, ma soprattutto autocompiacimento. Tipico di quelli che credono di saperla più lunga degli altri. Molto simile anche il ghigno di Berlusconi, forse meno ipocrita ma più malizioso, che sembra voler dire: avete visto come sono bravo? Ve l'ho messo in quel posto ancora una volta. Il sorriso di Luigi Di Maio però è diverso. La sera del 4 marzo 2018 sorrideva come ieri Berrettini. Incredulità e gioia. È un politico giovane, ingenuo e inesperto, ma attenzione a darlo per finito. A noi italiani alla fine piacciono le persone semplici anche se inizialmente subiamo la fascinazione delle maschere. Siamo ingenui, ma non siamo fessi: prima o poi andiamo a vedere quello che realmente c'è sotto la maschera. Se n'è accorto Renzi, prima o poi se ne accorgerà pure Salvini.

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In effetti Di Maio, nonostante l'inesperienza, attira simpatia. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

In effetti Di Maio, nonostante l'inesperienza, attira simpatia. 

Purtroppo per lui, talvolta fa pena.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

In effetti Di Maio, nonostante l'inesperienza, attira simpatia. 

Vero, anche se certe posizioni dei 5Stelle incutono paura nei disonesti e nei conservatori (che in Italia, sommati, sono un'ampia maggioranza). Inoltre Di Maio è detestato da molti razzisti e ignoranti del Nord i quali ancora oggi non si capacitano che un 31enne di Pomigliano d'Arco che vendeva bibite al San Paolo possa aver vinto le elezioni con distacco. Su questo sentimento speculano giornalacci come Libero. Vedasi la prima pagina di oggi:

http://www.giornalone.it/prima_pagina_libero/

Renzi all'inizio più che simpatie attirava speranze. Sembrava un tipo dinamico e pragmatico, un solutore di problemi. Poi si è capito che era un improvvisatore incompetente, un venditore di aria fritta, e che dietro la maschera del decisionista c'era un ego smisurato e niente altro. Salvini ha un vantaggio su Renzi e Di Maio: sorride di meno. Quindi può sembrare più serio. Anche se tra i tre è quello che avrebbe reso meglio se avesse intrapreso la carriera circense. Ieri sera a 8 e mezzo l'imprenditore Forchielli gli dava del "pagliaccio". Naturalmente in questo campo il clown di Arcore è fuori concorso. Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Purtroppo per lui, talvolta fa pena.....

Qualche volta si. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salvini ha un vantaggio su Renzi e Di Maio: 

*******

Lo svantaggio però è l'ignoranza 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Salvini ha un vantaggio su Renzi e Di Maio: 

*******

Lo svantaggio però è l'ignoranza 

Beh , non e’ che a Di Maio , L’ignoranza , faccia difetto . Tutt’altro e più volte dimostrato . In The world.  O, no ? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Sono onesto e confesso: questa discussione era destinata alla sezione Sport dove ne ho già aperte altre sul tennis, poi - per forza d'abitudine o torpore notturno - è finita nel forum di Politica. Ma, tutto sommato, non me ne dispiaccio. Intanto, a quanto pare, il mio post notturno ha avuto sul lekkino renziano di Pisa l'effetto di una supposta mattutina: sgradevole e fuori orario, ma gli farà bene. Più avanti farò una riflessione politica, ma prima è doveroso un breve commento sull'impresa sportiva di questo sorprendente ragazzone romano (1mt e 96), Matteo Berrettini, 23 anni, n.33 della classifica mondiale, già vincitore di due tornei ATP. Ieri Matteo, agli Internazionali d'Italia, nella sua città, ha infiammato il pubblico giocando un partitone ed eliminando Alexander Zverev, n.5 al mondo (ma è stato anche n.3), 22enne gigante tedesco (1,98) di origini russe, erede designato (dagli esperti) di Federer, Djokovic e Nadal, i tre fuoriclasse dominatori del tennis di questo inizio secolo e giudicati quasi unanimemente come i tre più forti tennisti di sempre (con buona pace di Laver, Borg e McEnroe). Zverev aveva vinto questo torneo due anni fa (su Djokovic!) e l'anno scorso si era arreso in finale solo a Nadal dopo averlo però dominato nel primo set (6-1) come mai era accaduto al re della terra rossa (8 volte trionfatore al Foro Italico, 11 volte al Roland Garros). Zverev è anche il vincitore delle ultime ATP Finals (Londra 2018), il prestigioso torneo in cui si affrontano i migliori 8 tennisti della stagione, e che dal 2021 al 2025 si disputerà a Torino (un grande risultato per la FIT e per la sindaca Appendino). È opportuno ricordare che due anni fa il fuoriclasse tedesco era già nella Top Ten mondiale, mentre Berrettini navigava intorno alla 250sima posizione, anche a causa di un gravissimo infortunio a inizio carriera. Ma dopo l'impresa di ieri Ubaldo Scannagatta, a mio avviso l'attuale n.1 tra i giornalisti italiani della racchetta (con tutto il rispetto per il decano Gianni Clerici e l'85enne Rino Tommasi), vede anche Matteo a breve tra i primi 10 giocatori al mondo (magari entro l'anno!). Per ritrovare un italiano così in alto dobbiamo risalire a 41 anni fa (Corrado Barazzutti n.7, mentre Adriano Panatta nel '76 raggiunse la quarta posizione). Naturalmente oggi la concorrenza mondiale è molto più agguerrita, ma a Berrettini non fanno difetto il fisico e la volontà, e sta migliorando a vista d'occhio anche sul piano tecnico, come dimostra il drop shot nel filmato che ho allegato. Un ricamo degno del miglior Nicola Pietrangeli. 

La riflessione politica. Avrete certo notato, cari forumisti, il sorriso radioso di Matteo Berrettini nel momento in cui ottiene il punto della vittoria. Un sorriso fatto al 50% di gioia e al 50% di umile incredulità per un risultato, il migliore della carriera, forse da lui stesso insperato. Come a dire: ma che ho fatto? Il formidabile avversario e i 12.000 spettatori e tifosi entusiasti del campo centrale, tutto esaurito, erano ai suoi piedi. Matteo a 23 anni è già un campione, in carriera ha già portato a casa 1,3 milioni di dollari di soli premi. Però il suo sorriso era quello di un umile, semplice, genuino ragazzo italiano. Senza la minima traccia di arroganza né di superiorità e men che meno di derisione verso l'avversario. Era il sorriso di uno di noi. Noi che, pur con tanti difetti e tantissime mele marce (penso ai due criminali di Piazza Nazionale a Napoli e agli ultimi corrotti e corruttori scovati in Lombardia), alla fine siamo brava gente, gente semplice, gente di cuore, un popolo molto migliore dei politici che lo rappresentano (molto male). Devo dire, da uomo di sport, che quel sorriso luminoso e sincero di Matteo Berrettini mi ha colpito molto, più ancora dei suoi ace a 220 km/h, più dei suoi dritti e delle sue volee. E ora, cari forumisti,  provate a confrontarlo con il modo di sorridere, cinico e sprezzante, di Matteo Renzi o di Matteo Salvini. Come passare dal giorno alla notte. Qui troverete arroganza, supponenza, talora perfino tracotanza. Un sorriso irridente, quasi sfottente. Vi troverete furberia, ipocrisia e doppiezza, ma soprattutto autocompiacimento. Tipico di quelli che credono di saperla più lunga degli altri. Molto simile anche il ghigno di Berlusconi, forse meno ipocrita ma più malizioso, che sembra voler dire: avete visto come sono bravo? Ve l'ho messo in quel posto ancora una volta. Il sorriso di Luigi Di Maio però è diverso. La sera del 4 marzo 2018 sorrideva come ieri Berrettini. Incredulità e gioia. È un politico giovane, ingenuo e inesperto, ma attenzione a darlo per finito. A noi italiani alla fine piacciono le persone semplici anche se inizialmente subiamo la fascinazione delle maschere. Siamo ingenui, ma non siamo fessi: prima o poi andiamo a vedere quello che realmente c'è sotto la maschera. Se n'è accorto Renzi, prima o poi se ne accorgerà pure Salvini.

 

 

Urka !! Abbiamo pure il Cazzaro di Napoli in versione telecronista !! Ahahahaha . Eccheccazzo , questa dote non ce l’avevi ancora mostrata , Ahahahaha !! Notevole , poi , la considerazione politica che l’idio Ta campano esprime . Chiedo e mi chiedo : Ma voi l’avete capita ?? Io ho solo preso nota di “ghigni” e di “sorrisi “ con finale di sceneggiata napoletana con tanto di gente semplice , ingenua ma non fessa .  Chi e’ così , ebe te ?? Esprimiti su che continui a far ridere tutto il forum , Pulcinella !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Urka !! Abbiamo pure il Cazzaro di Napoli in versione telecronista !! Ahahahaha . Eccheccazzo , questa dote non ce l’avevi ancora mostrata , Ahahahaha !! Notevole , poi , la considerazione politica che l’idio Ta campano esprime . Chiedo e mi chiedo : Ma voi l’avete capita ?? Io ho solo preso nota di “ghigni” e di “sorrisi “ con finale di sceneggiata napoletana con tanto di gente semplice , ingenua ma non fessa .  Chi e’ così , ebe te ?? Esprimiti su che continui a far ridere tutto il forum , Pulcinella !! 

Etteppareva......Pure l'Evangelista verrebbe bene al fosforo zolfanello per farsi cogliere da attacchi di Renzite Acuta. Lo tirerebbe a mezzo pure parlando di Aristotele e Platone.

La sua passione per il Fanfarone fiorentino è smisurata. Essendo quest'ultimo ormai un cadavere politico, quella dello zolfanello è una passione necrofila.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
58 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Etteppareva......Pure l'Evangelista verrebbe bene al fosforo zolfanello per farsi cogliere da attacchi di Renzite Acuta. Lo tirerebbe a mezzo pure parlando di Aristotele e Platone.

La sua passione per il Fanfarone fiorentino è smisurata. Essendo quest'ultimo ormai un cadavere politico, quella dello zolfanello è una passione necrofila.

Nessuna passione per l'argomento, mi sta a cuore solo il futuro delle mie figlie e del mio paese. Se vivessimo in un paese più serio, e meno smemorato, avresti ragione tu. Ma lo sai, per esempio, quante volte è stato dato per finito e per cadavere politico Berlusconi? Ho perso il conto, ma se ti guardi i giornali del 1995-98 di necrologi politici dell'ex cavaliere ne trovi a decine. Bossi, dopo averlo sfiduciato, gli dava continuamente del fascista, del mafioso e del trafficante di droga, e l'ometto di Arcore era così malridotto da incassare tutto senza fiatare e senza querelare. Poi lui e Bossi fecero altri due governi insieme. Ora il cadavere politico del Tappetaro ha senza dubbio ben poche possibilità di risorgere o di essere riesumato, ma a suo tempo aveva pure lui i suoi bravi poteri forti dietro le spalle e nel paese di Pulcinella può accadere di tutto. Io mi limito a rinfrescare la memoria ai miei quattro lettori. Anche perché ora c'è in giro un altro mestierante, un altro pericolo, un altro Matteo che sta facendo un percorso simile, e tra i due, come ho scritto più volte, ci sono diverse affinità. Salvini in sostanza ha fatto con la Lega ciò che Renzi non era riuscito a fare, o non completamente, con il Pd. Ha mutato geneticamente un movimento separatista o federalista in partito di estrema destra nazionalista e sovranista. Analogamente per il Matteo toscano l'approdo ideale sarebbe stato un partito personale simile a Forza Italia: un partito conservatore di centro con uno show-man al comando e tanti yes-men di contorno. Ti garantisco che, se dopo il boom alle europee del 2014 Renzi avesse continuato a mietere successi per un paio di anni ancora, cioè fino al referendum costituzionale incluso, il Pd oggi sarebbe esattamente quel tipo di partito lì. 

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Cioè  questo  alleato  dei  tuoi  beniamini  che  ha  compari  simili... CIALTRONI  GIALLOVERDI  pensando   che  gli  onesti  lo hanno salvato  dal  processo ,  se  la  sono  pigliata  con   Siri ben  sapendo  che  comunque  era  un  condannato per  bancarotta...   eh  si   ma  i cialtroni  sono  altri...  resta  il   fatto  che  votare  i  pentecatti  è  come  votare   i celoduri  e  viceversa... questi  per  le  poltrone    stanno  mandando l' Italia   allo  sbaraglio e  oggi   è  aumentato  ancora  lo spread...  soldi  buttati  che  potevano  servire  per  lo  sviluppo

 
L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, testo
Flussi connessi

SARETE PURE INCAZZATI CON IL MONDO INTERO MA COME FATE A VOTARE UN PARTITO DI CONDANNATI E DI LESTOFANTI??

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

12 ore fa, pm610 ha scritto:

Cioè  questo  alleato  dei  tuoi  beniamini  che  ha  compari  simili... CIALTRONI  GIALLOVERDI  pensando   che  gli  onesti  lo hanno salvato  dal  processo ,  se  la  sono  pigliata  con   Siri ben  sapendo  che  comunque  era  un  condannato per  bancarotta...   eh  si   ma  i cialtroni  sono  altri...  resta  il   fatto  che  votare  i  pentecatti  è  come  votare   i celoduri  e  viceversa... questi  per  le  poltrone    stanno  mandando l' Italia   allo  sbaraglio e  oggi   è  aumentato  ancora  lo spread...  soldi  buttati  che  potevano  servire  per  lo  sviluppo

 
L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, testo
Flussi connessi

SARETE PURE INCAZZATI CON IL MONDO INTERO MA COME FATE A VOTARE UN PARTITO DI CONDANNATI E DI LESTOFANTI??

Per spiegarlo ai grullini ignoranti:

IL PECULATO È IL FURTO AI DANNI DELLO STATO.

DOVE È FINITO IL RIGORE MORALE DI CHI VOLEVA TUTTI I LADRI FUORI DAL PARLAMENTO ??

Invece, per i ladri fascioleghisti , come insegna il nostro Director, non resta che una soluzione: quella a suo tempo auspicata dalla Lega stessa:

LA-LEGA-NORD-E-IL-CAPPIO.jpg

Modificato da cortomaltese-im

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/5/2019 in 17:12 , fosforo41 ha scritto:

Sono onesto e confesso: questa discussione era destinata alla sezione Sport dove ne ho già aperte altre sul tennis, poi - per forza d'abitudine o torpore notturno - è finita nel forum di Politica. Ma, tutto sommato, non me ne dispiaccio. Intanto, a quanto pare, il mio post notturno ha avuto sul lekkino renziano di Pisa l'effetto di una supposta mattutina: sgradevole e fuori orario, ma gli farà bene. Più avanti farò una riflessione politica, ma prima è doveroso un breve commento sull'impresa sportiva di questo sorprendente ragazzone romano (1mt e 96), Matteo Berrettini, 23 anni, n.33 della classifica mondiale, già vincitore di due tornei ATP. Ieri Matteo, agli Internazionali d'Italia, nella sua città, ha infiammato il pubblico giocando un partitone ed eliminando Alexander Zverev, n.5 al mondo (ma è stato anche n.3), 22enne gigante tedesco (1,98) di origini russe, erede designato (dagli esperti) di Federer, Djokovic e Nadal, i tre fuoriclasse dominatori del tennis di questo inizio secolo e giudicati quasi unanimemente come i tre più forti tennisti di sempre (con buona pace di Laver, Borg e McEnroe). Zverev aveva vinto questo torneo due anni fa (su Djokovic!) e l'anno scorso si era arreso in finale solo a Nadal dopo averlo però dominato nel primo set (6-1) come mai era accaduto al re della terra rossa (8 volte trionfatore al Foro Italico, 11 volte al Roland Garros). Zverev è anche il vincitore delle ultime ATP Finals (Londra 2018), il prestigioso torneo in cui si affrontano i migliori 8 tennisti della stagione, e che dal 2021 al 2025 si disputerà a Torino (un grande risultato per la FIT e per la sindaca Appendino). È opportuno ricordare che due anni fa il fuoriclasse tedesco era già nella Top Ten mondiale, mentre Berrettini navigava intorno alla 250sima posizione, anche a causa di un gravissimo infortunio a inizio carriera. Ma dopo l'impresa di ieri Ubaldo Scannagatta, a mio avviso l'attuale n.1 tra i giornalisti italiani della racchetta (con tutto il rispetto per il decano Gianni Clerici e l'85enne Rino Tommasi), vede anche Matteo a breve tra i primi 10 giocatori al mondo (magari entro l'anno!). Per ritrovare un italiano così in alto dobbiamo risalire a 41 anni fa (Corrado Barazzutti n.7, mentre Adriano Panatta nel '76 raggiunse la quarta posizione). Naturalmente oggi la concorrenza mondiale è molto più agguerrita, ma a Berrettini non fanno difetto il fisico e la volontà, e sta migliorando a vista d'occhio anche sul piano tecnico, come dimostra il drop shot nel filmato che ho allegato. Un ricamo degno del miglior Nicola Pietrangeli. 

La riflessione politica. Avrete certo notato, cari forumisti, il sorriso radioso di Matteo Berrettini nel momento in cui ottiene il punto della vittoria. Un sorriso fatto al 50% di gioia e al 50% di umile incredulità per un risultato, il migliore della carriera, forse da lui stesso insperato. Come a dire: ma che ho fatto? Il formidabile avversario e i 12.000 spettatori e tifosi entusiasti del campo centrale, tutto esaurito, erano ai suoi piedi. Matteo a 23 anni è già un campione, in carriera ha già portato a casa 1,3 milioni di dollari di soli premi. Però il suo sorriso era quello di un umile, semplice, genuino ragazzo italiano. Senza la minima traccia di arroganza né di superiorità e men che meno di derisione verso l'avversario. Era il sorriso di uno di noi. Noi che, pur con tanti difetti e tantissime mele marce (penso ai due criminali di Piazza Nazionale a Napoli e agli ultimi corrotti e corruttori scovati in Lombardia), alla fine siamo brava gente, gente semplice, gente di cuore, un popolo molto migliore dei politici che lo rappresentano (molto male). Devo dire, da uomo di sport, che quel sorriso luminoso e sincero di Matteo Berrettini mi ha colpito molto, più ancora dei suoi ace a 220 km/h, più dei suoi dritti e delle sue volee. E ora, cari forumisti,  provate a confrontarlo con il modo di sorridere, cinico e sprezzante, di Matteo Renzi o di Matteo Salvini. Come passare dal giorno alla notte. Qui troverete arroganza, supponenza, talora perfino tracotanza. Un sorriso irridente, quasi sfottente. Vi troverete furberia, ipocrisia e doppiezza, ma soprattutto autocompiacimento. Tipico di quelli che credono di saperla più lunga degli altri. Molto simile anche il ghigno di Berlusconi, forse meno ipocrita ma più malizioso, che sembra voler dire: avete visto come sono bravo? Ve l'ho messo in quel posto ancora una volta. Il sorriso di Luigi Di Maio però è diverso. La sera del 4 marzo 2018 sorrideva come ieri Berrettini. Incredulità e gioia. È un politico giovane, ingenuo e inesperto, ma attenzione a darlo per finito. A noi italiani alla fine piacciono le persone semplici anche se inizialmente subiamo la fascinazione delle maschere. Siamo ingenui, ma non siamo fessi: prima o poi andiamo a vedere quello che realmente c'è sotto la maschera. Se n'è accorto Renzi, prima o poi se ne accorgerà pure Salvini.

 

 

Ahahahaha , che vi avevo detto ?? Appena il noto menagramo mette gli “occhi su qualcuno “, suona a morto ...🤘🤘🤘...!! 

Berrettini fuori dagli Internazionali: Schwartzman avanza ai quarti

174046841-12c5083b-fd8c-4897-b3ab-46d23839ac72.jpg© www.imagephotoagency.it

L'argentino batte l'azzurro in due set con il punteggio di 6-3, 6-4. Nel prossimo turno affronterà il vincente della sfida tra Struff e Nishikori

ROMA - Matteo Berrettini saluta gli Internazionali BNL d'Italia agli ottavi di finale: il percorso dell'azzurro si interrompe contro Diego Schwartzman, che sconfigge il numero 33 del mondo in due set con il risultato di 6-3, 6-4. L'argentino avanza ai quarti, dove affronterà il vincente della sfida tra Nishikori e Struff.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un'altra grande, straordinaria, sensazionale impresa del Matteo che piace agli italiani. Modestamente, da navigato uomo di sport, ho un certo fiuto per il talento e Matteo Berrettini non ha tradito le mie aspettative, anzi ha fatto anche meglio. È andato a vincere contro ogni pronostico il torneo ATP di Stoccarda. Un torneo sull'erba, superficie atipica, difficile, tradizionalmente ostica per i tennisti italiani. Sulla quale in tutta la storia del nostro tennis avevamo vinto solo tre tornei, con Roberta Vinci, Camila Giorgi e Andreas Seppi. Matteo a Stoccarda non era neppure tra le teste di serie, aveva scarsa esperienza sull'erba, ma ha vinto da dominatore, travolgendo tutti gli avversari come un rullo compressore. In tutto il torneo il ragazzone romano non ha ceduto nemmeno un set e non ha ceduto nemmeno una volta il suo formidabile, inattaccabile servizio. Un'impresa incredibile. Roba che nel tennis moderno riesce, raramente, solo ai grandissimi: Federer, Nadal, Serena Williams. Matteo porta a casa i 120.000 euro del primo premio ma soprattutto sale al 22simo posto nella classifica mondiale e si guadagna con pieno merito un posto tra le teste di serie nel prossimo torneo di Wimbledon, il tempio sacro dell'erba e del tennis mondiale. Dall'inizio dell'anno ha già scalato 30 posizioni, due anni fa era n.233. Peccato per quell'anno di carriera perso per infortunio, ma l'umiltà e la forza di volontà di questo ragazzo sono esemplari. Questo è il Matteo che piace agli italiani veri! Abbiamo trovato finalmente l'erede di Panatta? Rispetto ai tempi di Adriano la concorrenza oggi è molto più folta e agguerrita ma io ho molta fiducia. Forza Matteo!

https://www.gazzetta.it/Tennis/17-06-2019/berrettini-meglio-panatta-tris-tornei-7-mesi-anticipo-340136152811.shtml?refresh_ce-cp

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

E come no , Ahahahahaha . Berrettini ha vinto lo “stellare” trofeo di Stoccarda. !! Un torneo dove , nonostante che Nadal , Federer , Diokovic avessero fatto carte false per partecipare , non sono stati accettati . Ahahahaha . Al torneo non era presente nemmeno 1 dei primi 20 al mondo ed infatti Berrettini ha sconfitto il famosissimo canadese  Felix Auger  (per 6-4   7-6 quindi di strettissima misura) che figura al ventitresimo posto nel ranking confermandosi il vero ed unico italiano che piace agli italiani ( almeno quelli che lo Conoscono . Indagine Istat : Gli italiani che hanno una pallida idea di chi sia sono il 0,07%).  Ma tranquilli , il Cazzaro Napoletano ha sentenziato : Con Berrettini gli italiani finenticheranno Panatta ( seguono 37 toccate consecutive di co@lioni dello stesso Berrettini ). 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

2 ore fa, mark222220 ha scritto:

E come no , Ahahahahaha . Berrettini ha vinto lo “stellare” trofeo di Stoccarda. !! Un torneo dove , nonostante che Nadal , Federer , Diokovic avessero fatto carte false per partecipare , non sono stati accettati . Ahahahaha . Al torneo non era presente nemmeno 1 dei primi 20 al mondo ed infatti Berrettini ha sconfitto il famosissimo canadese  Felix Auger  (per 6-4   7-6 quindi di strettissima misura) che figura al ventitresimo posto nel ranking confermandosi il vero ed unico italiano che piace agli italiani ( almeno quelli che lo Conoscono . Indagine Istat : Gli italiani che hanno una pallida idea di chi sia sono il 0,07%).  Ma tranquilli , il Cazzaro Napoletano ha sentenziato : Con Berrettini gli italiani finenticheranno Panatta ( seguono 37 toccate consecutive di co@lioni dello stesso Berrettini ). 

Signori, ditemi voi: se uno non capisce una mazza di sport, e men che meno di tennis, perché si mette a discutere di tennis con il sottoscritto? Perché è un maso.chista e gli piace rimediare figuredimerda? Bene, accontentiamolo. Il torneo ATP di Stoccarda non è esattamente un torneino secondario come pensa il quadrupede pisano. Matteo Berrettini succede nell'albo d'oro a un certo Roger Feder, che vinse l'anno scorso e che nel 2019 ha preferito rinunciare per smaltire le fatiche del Roland Garros dove era rientrato dopo tre anni di assenza giungendo in semifinale (ricordo che il più grande tennista di tutti i tempi in agosto compie 38 anni). Nell'albo d'oro di Stoccarda, storico torneo patrocinato e sponsorizzato da una piccola azienda locale, la Mercedes-Benz, figurano tra gli altri anche Bjorn Borg, Ivan Lendl, Rafa Nadal (3 volte). Il quadrupede pisano raglia che tra i partecipanti al torneo vinto alla grande da Berrettini non c'era nemmeno un tennista tra gli attuali primi 20 al mondo. E invece ce n'erano ben 5. Alexander Zverev, n.5 (ma n.3 di best ranking); Karen Kachanov, n.9 (sconfitto nettamente da Matteo al primo turno); Danil Medvedev, n.13; Nicoloz Basilashvili, n.17; Milos Raonic n.18 (già n.3). L'altro finalista, il canadese di padre togolese Felix Auger-Aliassime, nella settimana del torneo era n.21 (oggi è n.23) ed è realmente "famosissimo" come scrive con infondata ironia il mio sprovveduto interlocutore, in quanto non ha ancora 19 anni ed è considerato (con Zverev, pure lui già battuto da Berrettini a Roma) la più grande promessa del tennis mondiale. Il mio ridicolo interlocutore tocca il fondo della comicità quando scrive che un 6-4 7-6 è una vittoria di "strettissima misura". Forse confonde il tennis con le dimensioni, invero ristrette, del proprio cervello. Una vittoria per 2 set a zero in un incontro al meglio dei tre set non è mai di stretta misura. Nel caso in oggetto poi Berrettini non solo non ha mai ceduto il servizio all'avversario, ma non gli ha concesso neppure una sola palla break in tutti i suoi turni di battuta. Il che vuol dire che la sua vittoria e la sua superiorità non sono mai state in discussione. Se il quadrupede pisano vuole aprire una discussione di sport, eviti il tennis e scelga l'unica disciplina a lui congeniale (non fosse altro che per ragioni genetiche): l'ippica. 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/5/2019 in 17:18 , ahaha.ha ha scritto:

In effetti Di Maio, nonostante l'inesperienza, attira simpatia. 

Sono gusti. A me sta proprio sulle paxxe. E più lo vedo e peggio è.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, fosforo41 ha scritto:

Signori, ditemi voi: se uno non capisce una mazza di sport, e men che meno di tennis, perché si mette a discutere di tennis con il sottoscritto? Perché è un maso.chista e gli piace rimediare figuredimerda? Bene, accontentiamolo. Il torneo ATP di Stoccarda non è esattamente un torneino secondario come pensa il quadrupede pisano. Matteo Berrettini succede nell'albo d'oro a un certo Roger Feder, che vinse l'anno scorso e che nel 2019 ha preferito rinunciare per smaltire le fatiche del Roland Garros dove era rientrato dopo tre anni di assenza giungendo in semifinale (ricordo che il più grande tennista di tutti i tempi in agosto compie 38 anni). Nell'albo d'oro di Stoccarda, storico torneo patrocinato e sponsorizzato da una piccola azienda locale, la Mercedes-Benz, figurano tra gli altri anche Bjorn Borg, Ivan Lendl, Rafa Nadal (3 volte). Il quadrupede pisano raglia che tra i partecipanti al torneo vinto alla grande da Berrettini non c'era nemmeno un tennista tra gli attuali primi 20 al mondo. E invece ce n'erano ben 5. Alexander Zverev, n.5 (ma n.3 di best ranking); Karen Kachanov, n.9 (sconfitto nettamente da Matteo al primo turno); Danil Medvedev, n.13; Nicoloz Basilashvili, n.17; Milos Raonic n.18 (già n.3). L'altro finalista, il canadese di padre togolese Felix Auger-Aliassime, nella settimana del torneo era n.21 (oggi è n.23) ed è realmente "famosissimo" come scrive con infondata ironia il mio sprovveduto interlocutore, in quanto non ha ancora 19 anni ed è considerato (con Zverev, pure lui già battuto da Berrettini a Roma) la più grande promessa del tennis mondiale. Il mio ridicolo interlocutore tocca il fondo della comicità quando scrive che un 6-4 7-6 è una vittoria di "strettissima misura". Forse confonde il tennis con le dimensioni, invero ristrette, del proprio cervello. Una vittoria per 2 set a zero in un incontro al meglio dei tre set non è mai di stretta misura. Nel caso in oggetto poi Berrettini non solo non ha mai ceduto il servizio all'avversario, ma non gli ha concesso neppure una sola palla break in tutti i suoi turni di battuta. Il che vuol dire che la sua vittoria e la sua superiorità non sono mai state in discussione. Se il quadrupede pisano vuole aprire una discussione di sport, eviti il tennis e scelga l'unica disciplina a lui congeniale (non fosse altro che per ragioni genetiche): l'ippica. 

Ahahahaha, non c’e niente da fare !! Quando il Cazzaro di Napoli “ cade in amore “ per qualcuno raggiunge picchi di comicita’ . Ora si inventa esperto di tennis ( chissà se da giovane avrà praticato anche questo sport , sarebbe il ventesimo ) e magari figurava al ventonovesimo posto del Campi Flegrei Tennis Club , Ahahahaha . Allora , cominciamo a prenderlo per il kukulo smontando la prima bufala . Quella in cui dice che Federer ha rinunciato per smaltire le fatiche del R. Garros . Ah siii Cazzaro ?? Allora leggi il comunicato degli organizzatori del torneo di Stoccarda dell’Aprile 2019 . 

I timori degli organizzatori del torneo di Stoccarda di dover fare a meno di Roger Federer si sono infine concretizzati. Lo svizzero ha infatti deciso di non prendere parte all’edizione 2019 della Mercedes Cup e di non difendere dunque il titolo conquistato l’anno scorso. La scelta appare comprensibile e condivisibile visto che per la prima volta dal 2016 Federer tornerà a giocare sulla terra battuta e quindi molto probabilmente vuole riservarsi qualche giorno in più per effettuare la transizione dal rosso all’amata erba”.  Avete riso signori forumisti ?? Bene , proseguiamo : al primo turno il Berrettini sconfigge il campione Kudla che trovasi all’ottantaquattresimo posto del ranking. Poi , e’ vero , sconfigge Khachanov che trovasi al nono , ma il Cazzaro dimentica di dire che Khachanov e’ reduce da un infortunio e partecipa a Stoccarda per riprendere la migliore condizione fisica . Poi il fuoriclasse piu’ amato dagli italiani sconfigge il grande Kirgios , trentaseiesimo, e poi l’ira di Dio Struff , trentossesimo al mondo . Della finale ne abbiamo già parlato. Conclusioni : il Cazzaro e’ un idio ta anche tennistico . Altri tennisti promettevano uguale o più di Berrettini . Qualche nome : Potito Starace , Volandri e Seppi . Poi si sono fermati perché arrivare nei primi 10 al mondo ( che e’ quello che conta perche’ il resto e’ cianfrusaglia con una ventina di tennisti che fluttuano a vicenda dall’undicesimo al trentesimo e poi fino al centesimo posto ed oltre ). In Italia c’è solo un tennista di caratura internazionale . Si chiama Tommaso Fognini ed e’ mono al mondo. Lasciate perdere il Cazzaro di Napoli : ha seccato pure il pur promettente ( e niente più ) Berrettini ...!!!
 
 
Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Signori, il mio barbiere mi dice che sua moglie non aveva mai visto in TV una partita di calcio prima del mondiale femminile in corso, trasmesso dalla Rai, in cui le azzurre stanno ben figurando. Ebbene, vi assicuro che questa signora capisce di calcio molto più di quanto il quadrupede pisano capisca di tennis. Il poveraccio scopiazza come può dai siti specializzati ma posta ugualmente monumentali sciocchezze. È talmente un pesce fuor d'acqua che si confonde pure sulla lingua italiana (quella che toscani non decerebrati dovrebbero conoscere). Infatti il comunicato che riporta, e che dovrebbe smentirmi, in realtà conferma esattamente quello che avevo scritto. Ovvero che Roger Federer quest'anno ha deciso di rinunciare al torneo di Stoccarda per prendersi qualche giorno di riposo dopo il torneo di Parigi da lui saltato l'anno scorso. Questo ridicolo forumista, che non saprebbe distinguere una racchetta  o una pallina da tennis da una da ping pong, aveva ironizzato su un torneo organizzato dalla Mercedes e che ha nell'albo d'oro campioni come Borg, Lendl, Nadal e Federer. Aveva scritto che quest'anno non era iscritto neppure un giocatore tra i primi 20 al mondo e invece ce n'erano ben 5. Aveva scritto che una vittoria per 2 set a zero è di "strettissima misura". Roba da matti! Ora scrive che Berrettini ha incontrato Kudla al primo turno (no: lo ha sconfitto nei quarti di finale) e ironizza sullo stesso Kudla, un forte specialista dell'erba capace di raggiungere il quarto turno a Wimbledon. A titolo di paragone il nostro attuale n.1 Fabio Fognini, che il nostro quadrupede menziona come "Tommaso Fognini" (ahahahah!) in 8 partecipazioni a Wimbledon non ha mai superato il terzo turno. Si inventa che Kachanov, dominato negli ottavi da Berrettini, era reduce da un infortunio e invece era reduce dal Roland Garros dove aveva brillato giungendo al quinto turno, cioè ai quarti di finale, piegato solo da Thiem, finalista del torneo e n.4 al mondo. Ironizza sul tedesco Struff, uno dei tennisti più in forma del circuito, che ha eliminato Cilic a Roma e Tsitsipas a Barcellona. Ironizza perfino su Nick Kyrgios, australiano, dunque erbivoro per definizione, campione eccentrico e discontinuo ma dal talento indiscusso, un fuoriclasse già capace di battere Federer e che quest'anno ha vinto il torneo di Acapulco superando, nell'ordine, Seppi, Nadal (!), Wawrinka, Isner e Zverev, e non so se mi spiego. Preciso anche che Fabio (alias "Tommaso") Fognini oggi non è "mono" al mondo e nemmeno nono, bensì decimo, che è il suo miglior ranking. Ma all'età di Berrettini, che oggi è n.22, navigava intorno al n.70. Come leggiamo nell'articolo della Gazzetta dello Sport che ho allegato in precedenza, nessun italiano, nemmeno Panatta, era riuscito già a vincere tre tornei ATP all'età di 23 anni e due mesi come è riuscito a Berrettini.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Signori, il mio barbiere mi dice che sua moglie non aveva mai visto in TV una partita di calcio prima del mondiale femminile in corso, trasmesso dalla Rai, in cui le azzurre stanno ben figurando. Ebbene, vi assicuro che questa signora capisce di calcio molto più di quanto il quadrupede pisano capisca di tennis. Il poveraccio scopiazza come può dai siti specializzati ma posta ugualmente monumentali sciocchezze. È talmente un pesce fuor d'acqua che si confonde pure sulla lingua italiana (quella che toscani non decerebrati dovrebbero conoscere). Infatti il comunicato che riporta, e che dovrebbe smentirmi, in realtà conferma esattamente quello che avevo scritto. Ovvero che Roger Federer quest'anno ha deciso di rinunciare al torneo di Stoccarda per prendersi qualche giorno di riposo dopo il torneo di Parigi da lui saltato l'anno scorso. Questo ridicolo forumista, che non saprebbe distinguere una racchetta  o una pallina da tennis da una da ping pong, aveva ironizzato su un torneo organizzato dalla Mercedes e che ha nell'albo d'oro campioni come Borg, Lendl, Nadal e Federer. Aveva scritto che quest'anno non era iscritto neppure un giocatore tra i primi 20 al mondo e invece ce n'erano ben 5. Aveva scritto che una vittoria per 2 set a zero è di "strettissima misura". Roba da matti! Ora scrive che Berrettini ha incontrato Kudla al primo turno (no: lo ha sconfitto nei quarti di finale) e ironizza sullo stesso Kudla, un forte specialista dell'erba capace di raggiungere il quarto turno a Wimbledon. A titolo di paragone il nostro attuale n.1 Fabio Fognini, che il nostro quadrupede menziona come "Tommaso Fognini" (ahahahah!) in 8 partecipazioni a Wimbledon non ha mai superato il terzo turno. Si inventa che Kachanov, dominato negli ottavi da Berrettini, era reduce da un infortunio e invece era reduce dal Roland Garros dove aveva brillato giungendo al quinto turno, cioè ai quarti di finale, piegato solo da Thiem, finalista del torneo e n.4 al mondo. Ironizza sul tedesco Struff, uno dei tennisti più in forma del circuito, che ha eliminato Cilic a Roma e Tsitsipas a Barcellona. Ironizza perfino su Nick Kyrgios, australiano, dunque erbivoro per definizione, campione eccentrico e discontinuo ma dal talento indiscusso, un fuoriclasse già capace di battere Federer e che quest'anno ha vinto il torneo di Acapulco superando, nell'ordine, Seppi, Nadal (!), Wawrinka, Isner e Zverev, e non so se mi spiego. Preciso anche che Fabio (alias "Tommaso") Fognini oggi non è "mono" al mondo e nemmeno nono, bensì decimo, che è il suo miglior ranking. Ma all'età di Berrettini, che oggi è n.22, navigava intorno al n.70. Come leggiamo nell'articolo della Gazzetta dello Sport che ho allegato in precedenza, nessun italiano, nemmeno Panatta, era riuscito già a vincere tre tornei ATP all'età di 23 anni e due mesi come è riuscito a Berrettini.

 

Ahahahah a , insomma tanti bla bla bla e poi ancora bla bla bla . Però : 1)non ti sei scusato per la bufala che hai detto su Federer 2). Non hai smentito che Kachanov ha partecipato al trofeo reduce da un infortunio e presente solo per ritrovare la forma 3) Non hai smentito che tutti “fuoriclasse “ battuti dal Matteo che piace agli Italiani ( 6.000 su 60.000.000 , ndr) sono nel ranking in quelle posizioni . Tanti e tanti discorsi, come al solito , per esprimere il nulla !! Conclusioni : sei uno stratosferico Cazzaro che via via si “innamora “di qualcuno . Ergo : solo gli i bexcilli ed i men che mediocri come te amano rappresentare e rappresentarsi nel culto  della personalità . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahah a , insomma tanti bla bla bla e poi ancora bla bla bla . Però : 1)non ti sei scusato per la bufala che hai detto su Federer 2). Non hai smentito che Kachanov ha partecipato al trofeo reduce da un infortunio e presente solo per ritrovare la forma 3) Non hai smentito che tutti “fuoriclasse “ battuti dal Matteo che piace agli Italiani ( 6.000 su 60.000.000 , ndr) sono nel ranking in quelle posizioni . Tanti e tanti discorsi, come al solito , per esprimere il nulla !! Conclusioni : sei uno stratosferico Cazzaro che via via si “innamora “di qualcuno . Ergo : solo gli i bexcilli ed i men che mediocri come te amano rappresentare e rappresentarsi nel culto  della personalità . 

1) Non mi sono scusato perché non avevo scritto nessuna bufala su Federer ma avevo scritto, ripeto, quanto confermato nel comunicato riportato dal mio stesso e confuso interlocutore, annebbiato dalla faziosità e dal livore al punto da non saper più nemmeno leggere quello che scrive.

2) Ho assolutamente smentito che Kachanov fosse reduce da un infortunio. Infatti, come ho scritto, era reduce dal suo brillante torneo disputato a Parigi.

3) A Stoccarda Matteo Berrettini ha sconfitto (nettamente) 5 avversari, due con un ranking migliore del suo e tre con uno peggiore. Ma il profano ignora che: a) il ranking non esprime affatto il valore assoluto di un giocatore, essendo calcolato confrontando il rendimento attuale con quello di un anno prima: basta osservare che Novak Djokovic, oggi n.1 al mondo con gran distacco sul secondo (Nadal), esattamente un anno fa era n.22 cioè occupava la stessa posizione oggi occupata da Berrettini; b) Matteo aveva poca esperienza sulla superficie in erba ma ha dominato il torneo, un'impresa: nelle loro lunghe carriere campioni come Pietrangeli, Panatta e Fognini non sono mai riusciti a vincere un torneo sull'erba; c) occasionalmente si possono battere giocatori con un ranking molto migliore ma il difficile per vincere un torneo è mantenere alto il rendimento per una intera settimana (o due nel caso dei tornei del Grande Slam) come ha saputo fare Berrettini.

4) Mettersi a discutere di tennis con un incompetente che sostiene che l'Italia ha un solo giocatore di caratura internazionale "che si chiama Tommaso Fognini", è tempo perso. È come parlare di calcio con uno che ha sentito vagamente nominare un certo Giovanni Maradona o un tale Francesco Buffon, o come discutere di ciclismo con uno che ti parla di Pasquale Coppi o di Vincenzo Bartali. Roba da matti! 

5) Il culto della personalità lo pratica (su se stesso) chi pretende di mettersi a discutere e di avere ragione anche sugli argomenti di cui non capisce e non ha mai capito una emerita mazza. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, fosforo41 ha scritto:

1) Non mi sono scusato perché non avevo scritto nessuna bufala su Federer ma avevo scritto, ripeto, quanto confermato nel comunicato riportato dal mio stesso e confuso interlocutore, annebbiato dalla faziosità e dal livore al punto da non saper più nemmeno leggere quello che scrive.

2) Ho assolutamente smentito che Kachanov fosse reduce da un infortunio. Infatti, come ho scritto, era reduce dal suo brillante torneo disputato a Parigi.

3) A Stoccarda Matteo Berrettini ha sconfitto (nettamente) 5 avversari, due con un ranking migliore del suo e tre con uno peggiore. Ma il profano ignora che: a) il ranking non esprime affatto il valore assoluto di un giocatore, essendo calcolato confrontando il rendimento attuale con quello di un anno prima: basta osservare che Novak Djokovic, oggi n.1 al mondo con gran distacco sul secondo (Nadal), esattamente un anno fa era n.22 cioè occupava la stessa posizione oggi occupata da Berrettini; b) Matteo aveva poca esperienza sulla superficie in erba ma ha dominato il torneo, un'impresa: nelle loro lunghe carriere campioni come Pietrangeli, Panatta e Fognini non sono mai riusciti a vincere un torneo sull'erba; c) occasionalmente si possono battere giocatori con un ranking molto migliore ma il difficile per vincere un torneo è mantenere alto il rendimento per una intera settimana (o due nel caso dei tornei del Grande Slam) come ha saputo fare Berrettini.

4) Mettersi a discutere di tennis con un incompetente che sostiene che l'Italia ha un solo giocatore di caratura internazionale "che si chiama Tommaso Fognini", è tempo perso. È come parlare di calcio con uno che ha sentito vagamente nominare un certo Giovanni Maradona o un tale Francesco Buffon, o come discutere di ciclismo con uno che ti parla di Pasquale Coppi o di Vincenzo Bartali. Roba da matti! 

5) Il culto della personalità lo pratica (su se stesso) chi pretende di mettersi a discutere e di avere ragione anche sugli argomenti di cui non capisce e non ha mai capito una emerita mazza. 

Chiedo scusa a tutti i forumisti se  continuo su di un post che il Cazzaro di Napoli ha voluto riproporre nella sezione politica quando invece avrebbe dovuto inserire nella sezione sport e magari con un altro titolo . Ma il Cazzaro e’ il solito impostore ed allora va punito , oltre per la sua disonestà morale , anche per la sua strompiaggine di colui che vuole “imporsi “ ed “esporsi” come esperto in tutti I rami in discussione . Tutta una serie di bla bla bla , ma , alla fine , tutte le domande rimangono senza risposta e le sue menzogne rimangono lì anzi aggiungendone altre ancora . 1) La bufala su Federer : non ti scusi perché sei un buffone senza dignità . Hai affermato , testualmente. che Federer non ha partecipato al Mercedes cup perché voleva smaltire le fatiche del R. Garros di Parigi . E’ Falso !! Quando te lo faccio notare ti appelli al comunicato degli organizzatori ( che ti badi bene dal pubblicare confidando che i forumisti non vadano a leggerlo). Sei un pezzente : Gli organizzatori , nel loro comunicato , affermano testualmente che Federer rinuncia al torneo per la transizione da terra rossa ad erba . Le fatiche da smaltire sono solo quelle che il Cazzaro di Napoli ha nella sua testa . 2) Dici una mezza verità ma dimentichi di aggiungere l’altra mezza che e’ devisiva . Kachanov , durante il R.Garros ha avuto una contrattura alla gamba destra occorsagli durante una discesa a rete . L’infortunio subito ha condizionato il suo rendimento nel torneo di Stoccarda e lui stesso ha dichiarato alla stampa specializzata che il Mercedes cup serviva quasi esclusivamente per verificare le sue condizioni fisiche . 3) E’ inutile che ti addentri in specifiche tecniche circa l’assegnazione delle posuzioni nelle classifiche del ranking mondiale . Sei il solito creti no che da valutazioni personali e basta !! Le classifiche mondiali si confermano , si stabilizzano e si modificano sol con un parametro decisivo : I tornei disputati e l’importanza del torneo stesso , le vittorie ed i relativi piazzamenti . Il resto e’ il tuo solito e perenne oltre che noioso e stancante stronzio bla bla bla . Paragonare poi Berrettini a Panatta , Pietrangeli e Fognini stesso e’ esercizio da trattamento sanitario obbligatorio . 4) E’ perfettamente inutile che tu faccia ironia sul mio errore sul nome di Fognini avendolo chiamato Tommaso e non Fabio . Errore veniale determinato da non aver riletto il mio post e quindi non essermi accorto che la scrittura automatica aveva sbagliato il nome di battesimo . Ti sei tolto la sete con il prosciutto di Parma ma rimani il solito idio ta !! Oltre tutto ti consideri un grande esperto di sport ma fuggi e scappi come un coniglietto sul post di Sarri confermandoti un vigliacchetto aumme aumme Napoletano .  5) che tu soffra del culto della personalità ( altrui ) e’ dimostrata dalle centinaia di post che scrivi dove dimostri di avere qualche “ mito” che citi sempre per supportarti e sopportarti . Non c’ è manco bisogno di fare nomi tanto i forumisti intelligenti sanno perfettamente a chi mi riferisco : basta entrare in qualche redazione di giornaletto , sparare una qualche notizia elogiativa di un ex addetto alla somministrazione di bibite o prendere spunto da qualche Masaniello urlatore che dicesi sarà il prossimo condottiero della sx (quale ?? , nda) unita.          P.S. Non scriverò più niente su questo post anche se il Cazzaro di Napoli , come probabile, interverrà di nuovo. Ci vuole rispetto per la pazienza dei forumisti . A tutto c’è un limite . Quando si supera per mascherare e non parlare delle barzellette di un governo che si sostiene , chi ha più cervello lo adoperi . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora