E poi mi sono convertito ai pop corn ...

Confesso di aver temuto a lungo l’avanzata della Lega in Toscana. Di aver pensato che i primi feudi salviniani si sarebbero trasformati in inquietanti laboratori di sperimentazione leghista, di aver immaginato scenari apocalittici. 
E invece, nel tempo, tutti i tentativi della Lega a Pisa e dintorni di raccontare l’avanzata con una narrazione da Istituto Luce, si stanno trasformando nella trama del miglior film di Fantozzi della storia. Basta sostituire Pina con Pisa e il gioco è fatto. L’11 maggio il sindaco leghista di Pisa Michele Conti sale sul battello col fido Ragionier Filini (il deputato leghista Edoardo Ziello) diretto verso il nuovo canale che collegherà Pisa al mare.  Col petto gonfio e l’italico orgoglio di chi sta per inaugurare un’opera iniziata da un paio di sindaci prima di lui, il sindaco e il ragionier Filini arrivano davanti alla chiusa. Tra folle plaudenti si tenta il “varo” dell’opera ma la bottiglia, lanciata sull’acciaio con vigore dal sindaco pisano Conti, continua a non rompersi e a rinculare nella sua direzione con l’aria di sfida di un livornese. Il tutto mentre il valoroso ragionier Filini gli spiega come si fa a spaccare una bottiglia, lui che ha la faccia di quello che non riuscirebbe a spaccare manco il guscio di un pistacchio. Morale: il remake della fantozziana scena “Contessa Serbelloni Mazzanti Vien Dal Mare” diventa il tormentone del weekend da nord a sud, dimostrando che quando c’è da prenderla beatamente per il Kulo la Lega unisce, non divide. Ma accade perfino di meglio. 
Ricorderete la grande regata di canottaggio in Super Fantozzi in cui lo strabico dei fratelli Colsi passa sotto al ponte ad archi sul Tevere centrando in pieno un pilastro. Ecco. I primi di maggio, un camion elettorale che portava in giro un gigantesco manifesto della sindaca di cascina Susanna Ceccardi, è passato con disinvolta fierezza sotto un arco dell’acquedotto mediceo. 
L’autista però aveva fatto male i calcoli e il camion è rimasto incastrato sotto un arco, l’unico tra 954 archi da cui l’acquedotto è composto che in quel momento era puntellato dalle transenne perché a rischio crolli. Morale: i tecnici della Soprintendenza hanno dovuto effettuare dei rilievi sulla staticità del cantiere dopo l’impatto dell’acquedotto con la Ceccardi. E’ facile prevedere che ci abbia rimesso l’acquedotto.  Alla narrazione già fantozziana va aggiunto che pochi mesi fa il sindaco Conti voleva buttare giù tre archi dello stesso acquedotto del 1600 per ridurre i costi della Tangenziale-Est, per cui il sospetto è che abbia capito come fare risparmiando sugli appalti. Andiamo avanti, perché la trama fantozziana prosegue. Il 4 maggio Capitan Salvini giunge nel pisano per il suo tour elettorale a suon di “ruspa”, anche perché proprio la sua beniamina Susanna Ceccardi, sempre in compagnia del Ragionier Filini (il deputato Ziello), pochi mesi fa era salita su una ruspa per abbattere un campo rom da quelle parti.  Bene !! 
Salvini va a San Giuliano Terme, saluta San Giuliano Terme e dopo una settimana qualcuno -ispirato dalla propaganda leghista-  a pochi km da lì pensa bene di tirare fuori la ruspa dal garage e con quella ruspa di lanciarsi a mo’ di ariete contro la vetrata della Coop che custodisce la cassa continua. Insomma, non si può dire che gli slogan di Salvini non siano di ispirazione. Non solo. Durante il suo discorso lì il Capitano esclama con enfasi: “Basta criminalità, basta stranieri irregolari. Il tribunale di Catania sta aprendo un altro processo. Dopo l'assoluzione mi vengo a fare un bagno qui!’’.  Otto giorni dopo, nella zona dei bagni di Marina di Pisa, nella stessa notte avvengono quattro furti, tra bar, gelaterie e ristoranti. Proseguiamo il nostro racconto fantozziano a Pisa sempre sul tema sicurezza. Cinque mesi fa il sindaco Michele Conti dà il grande annuncio, con tanto di foto sul posto, stampa e strette di mano: “Alla stazione, al posto del punto Snai, sorgerà il punto sicurezza della Polizia Municipale!”. 
Il prode deputato Ziello, che quando la Lega fa una cosa qualunque a Pisa c’è sempre come Fantozzi che presidia tutti i piani e gli uffici, da solo, ad agosto durante l’ispezione del megadirettore generale, rilascia una dichiarazione da Istituto Luce: “Un trionfo per la Lega. E' da mesi che stiamo lavorando per la creazione di un presidio di sicurezza statico. Stiamo dimostrando che la sicurezza non la facciamo a parole ma con i fatti!”.  Due mesi dopo il punto sicurezza è pronto. Però non apre. Perché? Perché il punto sicurezza voluto dalla Lega non rispetta le norme di sicurezza. “Impianto elettrico non certificato, non conoscenza dello stato di manutenzione degli impianti di condizionamento, necessità di interventi di messa in sicurezza del locale, dagli spigoli sugli arredi alle sedute che devono essere fissate al pavimento”, secondo il verbale redatto da chi ha eseguito i controlli. Insomma, la Lega mette al sicuro i cittadini rischiando che la polizia municipale resti fulminata con una scossa da 20 000 volt. Geniale !!  Intanto, il tentativo della Lega di bloccare la costruzione della nuova moschea  a Pisa è sostanzialmente fallito perché la Soprintendenza lo ha autorizzato, la proposta di far chiudere alle 21,00 i minimarket a Pisa che non vendono prodotti tipici toscani è ferma lì e infine, i propositi declamati dal sindaco di Pisa e da Salvini di impedire sabato 18 maggio la storica manifestazione antiproibizionista “Canapisa” (“Canapisa è l’apologia dello spaccio!” ha tuonato la Ceccardi), si sono dovuti scontrare con la dura realtà: la manifestazione a Pisa si farà.  La Lega dunque sta organizzando una contro-manifestazione che visto l’andazzo fantozziano ha buone probabilità di chiudersi così: Conti è al microfono, una timida vecchietta si avvicina per chiedergli la parola, lui le cede l’asta con galanteria e la vecchietta con un filo di voce esclama: “Per me la giunta Conti è una *** pazzesca!”. 92 minuti di applausi. Saluti 

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963