FATTO 41 VOGLIONO FARE 42

Inviata (modificato)

Cosa direte, cari forumisti seri e democratici, di un paese aduso a intromettersi a suo piacere negli affari interni degli altri paesi e che fino a oggi, fomentando e finanziando colpi di stato militari, ha rovesciato solo in un continente ben 41 governi, quasi tutti democraticamente eletti? 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/24/il-venezuela-e-lopzione-dellintervento-militare-usa-rovesciarono-41-governi-in-sudamerica/5033846/

Direte che è uno Stato canaglia, terrorista, fascista e imperialista. Uno stato prepotente, ricco e armato fino ai denti, che a 30 anni dalla fine della Guerra Fredda continua a spendere, da solo, il 36% della spesa militare mondiale ed è di gran lunga il primo produttore ed esportatore di armi (rapporto Sipri 2018). Uno Stato spudoratamente falso e ipocrita che si erge a paladino della democrazia, ma che appoggia, finanzia e arma decine di tirannidi sparse per il mondo, e che periodicamente si inventa pretesti e false prove di crimini contro l'umanità per aggredire Stati sovrani e bombardare civili inermi. Uno Stato vigliacco ed egoista che viola i diritti umani nei suoi lager per detenuti speciali sottoposti a torture e umiliazioni, che è il primo responsabile dell'inquinamento del pianeta e del riscaldamento globale, e che alza gigantesche barriere ai suoi confini per fermare profughi e migranti. Ebbene, questo STATO CANAGLIA, fatto 41, oggi vuole fare 42. Vuole rovesciare con la forza, fomentando l'ennesimo golpe ma senza escludere l'opzione dell'aggressione diretta, anche il governo democratico del Venezuela. E l'arroganza e la prepotenza questa volta superano l'ipocrisia: il consigliere per la sicurezza nazionale Bolton ha ammesso che c'era un "accordo dietro le quinte" con militari e uomini chiave del regime. In pratica avevano preparato il golpe e il burattino Guaidò si era mosso a comando presentandosi in favore di telecamere all'esterno di una caserma a incitare il popolo e i militari alla rivolta contro quello che lui chiama "l'usurpatore" e che invece è il presidente del Venezuela democraticamente eletto. Il miserabile fantoccio di Trump, l'amichetto del fascista Bolsonaro, ha gettato la maschera. Aveva gabbato quasi tutti i governi europei (non il governo Conte) presentandosi come alternativa democratica a un regime, ma aveva in serbo il golpe militare. Ci avrei scommesso! LURIDO VERME!  FASCISTA SERVO DEGLI IMPERIALISTI! Ma il tentativo è fallito, il golpe era iniziato con una farsa (quando mai si è vista una rivoluzione popolare iniziare in diretta TV vicino a una caserma?) e si è risolto in un flop. Come già nel tentato golpe contro Chavez nel 2002, la gran parte dei militari e del popolo non ha tradito la democrazia e il socialismo. Ma attenzione: quelli ci riproveranno. Hanno capito che Maduro, a dispetto del cognome, è un debole (altrimenti avrebbe imposto la legge marziale e appeso a una corda il burattino di Trump) e non molleranno la presa. L'opzione di attendere le prossime elezioni i sedicenti "paladini della democrazia" non la considerano neppure, non l'hanno mai considerata. La preda è troppo ghiotta: il Venezuela detiene le maggiori riserve accertate mondiali di petrolio, oltre 300 miliardi di barili, quasi 10 volte le riserve USA e più della stessa Arabia Saudita. E le nazionalizzazioni socialiste di Chavez e Maduro hanno già procurato danni incalcolabili alle multinazionali americane. I plutocrati  adottano una tattica già ben collaudata, per es. contro il Cile di Allende colpevole di avere nazionalizzato le miniere di rame. Affamare il popolo con le sanzioni economiche e commerciali, corrompere i media e i generali e infine far scattare il golpe. Probabilmente al potere non salirà un generale alla Pinochet, non ce ne sarà bisogno: in Venezuela il burattino a completa disposizione degli USA, dei militari e delle multinazionali c'è già. Ieri a Caracas la piazza del Primo Maggio era con Maduro, ma non mi faccio illusioni. Alla lunga prenderanno il popolo per fame e i generali con i dollari, servirebbe un Chavez o un Castro per resistere. L'unica possibilità per il Venezuela oggi è Putin. Che dovrebbe fare quel che fece Kennedy all'epoca della drammatica crisi di Cuba, e oggi avrebbe assai migliori ragioni per farlo. Schierare cioè una imponente flotta (incrociatori, portaerei e sommergibili nucleari) nei Caraibi. Per proteggere la democrazia socialista e l'indipendenza del Venezuela e mostrare i muscoli al becero guerrafondaio Trump. Nel 1962 l'imperialista Kennedy pretendeva di schierare i suoi missili in Europa ma non voleva missili sovietici a Cuba. Per quella assurda pretesa di un bambinone miliardario e viziato il mondo rischiò l'apocalisse nucleare. Per fortuna dall'altra parte c'era un pacifico operaio comunista, un grande statista figlio di contadini, Nikita Krushev. Putin di Krushev ha solo la prudenza, del socialismo ha solo un vago ricordo ed è molto improbabile che si avventuri in un braccio di ferro contro una potenza che spende in armi oltre 10 volte più della Russia. La democrazia socialista del Venezuela purtroppo ha i giorni o i mesi contati. 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

19 messaggi in questa discussione

Mi perdoni Sig fosforo, ma è sicuro che Usa spenda in armi 10 volte più della Russia?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Mi perdoni Sig fosforo, ma è sicuro che Usa spenda in armi 10 volte più della Russia?

La Russia spende 60 mld. di $, gli Usa 660 mld. di $. Quindi non dieci ma undici volte.

Quel che è condivisibile è certo un giudizio severo sull'imperialismo USA.

Un po' meno la simpatia per Putin, uno che il pelo sullo stomaco lo ha lungo almeno quanto Trump.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io dubito che il divario tra Russia e Usa sia così ampio, sig cortomaltese.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Mi perdoni Sig fosforo, ma è sicuro che Usa spenda in armi 10 volte più della Russia?

Secondo il SIPRI di Stoccolma, il più autorevole osservatorio indipendente sulla spesa militare, nel 2018 gli USA hanno speso in armamenti 649 miliardi di dollari (+4,6% sul 2017), pari al 36% della spesa militare globale (1822 miliardi). Seconda in classifica la Cina con circa 250 miliardi (stima), terza l'Arabia Saudita, il maggiore importatore mondiale di armi, con circa 67,6 miliardi (stima). Seguono India e Francia, la Russia è solo sesta con 61,4 miliardi (-3,5% sul 2017), cioè meno di un decimo della spesa militare americana. L'Italia è 11sima con 27,8 miliardi di dollari. 

https://www.sipri.org/media/press-release/2019/world-military-expenditure-grows-18-trillion-2018

Saluti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Continuo a dubitare sig fosforo.

Per quale motivo uno stato denuncia quanto spende se le armi se le costruisce in casa?

Non è obbligatorio importarle.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

22 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Continuo a dubitare sig fosforo.

Per quale motivo uno stato denuncia quanto spende se le armi se le costruisce in casa?

Non è obbligatorio importarle.

Guarda che è molto difficile nascondere qualcosa ai satelliti spia. Inoltre in tempo di pace i bilanci della Difesa in genere sono pubblici. Solo alcuni paesi, come Cina e Arabia Saudita, non li dichiarano e in questo caso quelle del SIPRI sono solo stime approssimative. Tieni conto che anche il PIL della Russia è meno di un decimo di quello Usa.

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

4 ore fa, fosforo41 ha scritto:

Cosa direte, cari forumisti seri e democratici, di un paese aduso a intromettersi a suo piacere negli affari interni degli altri paesi e che fino a oggi, fomentando e finanziando colpi di stato militari, ha rovesciato solo in un continente ben 41 governi, quasi tutti democraticamente eletti? 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/24/il-venezuela-e-lopzione-dellintervento-militare-usa-rovesciarono-41-governi-in-sudamerica/5033846/

Direte che è uno Stato canaglia, terrorista, fascista e imperialista. Uno stato prepotente, ricco e armato fino ai denti, che a 30 anni dalla fine della Guerra Fredda continua a spendere, da solo, il 36% della spesa militare mondiale ed è di gran lunga il primo produttore ed esportatore di armi (rapporto Sipri 2018). Uno Stato spudoratamente falso e ipocrita che si erge a paladino della democrazia, ma che appoggia, finanzia e arma decine di tirannidi sparse per il mondo, e che periodicamente si inventa pretesti e false prove di crimini contro l'umanità per aggredire Stati sovrani e bombardare civili inermi. Uno Stato vigliacco ed egoista che viola i diritti umani nei suoi lager per detenuti speciali sottoposti a torture e umiliazioni, che è il primo responsabile dell'inquinamento del pianeta e del riscaldamento globale, e che alza gigantesche barriere ai suoi confini per fermare profughi e migranti. Ebbene, questo STATO CANAGLIA, fatto 41, oggi vuole fare 42. Vuole rovesciare con la forza, fomentando l'ennesimo golpe ma senza escludere l'opzione dell'aggressione diretta, anche il governo democratico del Venezuela. E l'arroganza e la prepotenza questa volta superano l'ipocrisia: il consigliere per la sicurezza nazionale Bolton ha ammesso che c'era un "accordo dietro le quinte" con militari e uomini chiave del regime. In pratica avevano preparato il golpe e il burattino Guaidò si era mosso a comando presentandosi in favore di telecamere all'esterno di una caserma a incitare il popolo e i militari alla rivolta contro quello che lui chiama "l'usurpatore" e che invece è il presidente del Venezuela democraticamente eletto. Il miserabile fantoccio di Trump, l'amichetto del fascista Bolsonaro, ha gettato la maschera. Aveva gabbato quasi tutti i governi europei (non il governo Conte) presentandosi come alternativa democratica a un regime, ma aveva in serbo il golpe militare. Ci avrei scommesso! LURIDO VERME!  FASCISTA SERVO DEGLI IMPERIALISTI! Ma il tentativo è fallito, il golpe era iniziato con una farsa (quando mai si è vista una rivoluzione popolare iniziare in diretta TV vicino a una caserma?) e si è risolto in un flop. Come già nel tentato golpe contro Chavez nel 2002, la gran parte dei militari e del popolo non ha tradito la democrazia e il socialismo. Ma attenzione: quelli ci riproveranno. Hanno capito che Maduro, a dispetto del cognome, è un debole (altrimenti avrebbe imposto la legge marziale e appeso a una corda il burattino di Trump) e non molleranno la presa. L'opzione di attendere le prossime elezioni i sedicenti "paladini della democrazia" non la considerano neppure, non l'hanno mai considerata. La preda è troppo ghiotta: il Venezuela detiene le maggiori riserve accertate mondiali di petrolio, oltre 300 miliardi di barili, quasi 10 volte le riserve USA e più della stessa Arabia Saudita. E le nazionalizzazioni socialiste di Chavez e Maduro hanno già procurato danni incalcolabili alle multinazionali americane. I plutocrati  adottano una tattica già ben collaudata, per es. contro il Cile di Allende colpevole di avere nazionalizzato le miniere di rame. Affamare il popolo con le sanzioni economiche e commerciali, corrompere i media e i generali e infine far scattare il golpe. Probabilmente al potere non salirà un generale alla Pinochet, non ce ne sarà bisogno: in Venezuela il burattino a completa disposizione degli USA, dei militari e delle multinazionali c'è già. Ieri a Caracas la piazza del Primo Maggio era con Maduro, ma non mi faccio illusioni. Alla lunga prenderanno il popolo per fame e i generali con i dollari, servirebbe un Chavez o un Castro per resistere. L'unica possibilità per il Venezuela oggi è Putin. Che dovrebbe fare quel che fece Kennedy all'epoca della drammatica crisi di Cuba, e oggi avrebbe assai migliori ragioni per farlo. Schierare cioè una imponente flotta (incrociatori, portaerei e sommergibili nucleari) nei Caraibi. Per proteggere la democrazia socialista e l'indipendenza del Venezuela e mostrare i muscoli al becero guerrafondaio Trump. Nel 1962 l'imperialista Kennedy pretendeva di schierare i suoi missili in Europa ma non voleva missili sovietici a Cuba. Per quella assurda pretesa di un bambinone miliardario e viziato il mondo rischiò l'apocalisse nucleare. Per fortuna dall'altra parte c'era un pacifico operaio comunista, un grande statista figlio di contadini, Nikita Krushev. Putin di Krushev ha solo la prudenza, del socialismo ha solo un vago ricordo ed è molto improbabile che si avventuri in un braccio di ferro contro una potenza che spende in armi oltre 10 volte più della Russia. La democrazia socialista del Venezuela purtroppo ha i giorni o i mesi contati. 

Senti senti il Cazzaro di Napoli come la prende ariosa !! Pur di difendere il “Compagno” Maduro, escogita uno stratagemma da storioni . Che fa ?? Offre la faccia del poco probabile e noto idio ta supermiliardario Trump mettendolo in antagonismo con Maduro . Il gioco sembra facile , vero ?? Chi potrebbe smentire le mire espansionistiche economiche , militari ed imperialiste di Trump ?? In realtà il Cazzaro di Napoli e’ un assiduo tifoso del dittatore ( quello di vero , nda) Maduro . Quindi la prima cosa che deve mettere in campo e’ quella di tentare di “ostracizzare” il povero Guaidò facendolo passare per un burattino al soldo di Trump . Ciò e’ un modo vile di trattare il problema !! Beh , diciamo che e’ il metodo del Cazzaro che così facciamo prima . Il quale Cazzaro non spende una parola (una) su Maduro ( e ci credo , nda) . Niente di niente !! Per il Cazzaro di Napoli , Maduro e’ un povero e mite Presidente di un Paese ( il Venezuela) che deve subire le mire imperialistiche degli Usa . Insomma , una specie revisionata e rivista a quel che successe con Allende !! Eh no , Cazzaro !! Di Napoli !! Ed allora deve dire che Guaidó e’ una sorta di Pinochet che vuole spargere sangue innocente per conto degli Yankees...!! Detto che Guaidó e’ tutto fuori che un uomo di destra bensì un ingegnere che ha studiato all’estero professando da sempre idee socialdemocratiche, Maduro si e’ impossessato del potere truccando le elezioni . Ha incarcerato ed ucciso circa 8.000 oppositori al regime . Ha ridotto alla fame i venezuelani , ha cambiato , in virtù dei poteri che si e’ assegnato , la Costituzione ( senza referendum , idio ta di Napoli ), ha depauperato economicamente un paese con potenziali enormi , la sanità non esiste , non esiste la scuola e quindi l’istruzione , ha nazionalizzato tutto e di più ed ai vertici politici ed economici ha “ comandato “ suoi amici e persone di fiducia che gli hanno garantito ricchezza personale e potere assoluto . Mentre il popolo muore di fame e l’inflazione viaggia intorno al 1.000.000%100, si nutre di caviale e pasteggia a champagne . Poi , di tanto in tanto , si ricorda di essere un Comunista comunitarista ( toh , come il Cazzaro di Napoli) ed indice un comizio sulla Plaza Blanca dove arringa i tanti storioni di Caracas dove , sembra , viva pure il quinto nonno del Cazzaro di Napoli emigrato in Venezuela al tempo di Chavez da Santa Maria Capua a Vetere . L’Italia farebbe bene a stare con le democrazie occidentali che tutte ( proprio tutte nessuna esclusa) hanno dato il suo appoggio a Guaidó invece di stare in una posizione ambigua di “ ne cotta ne’ cruda” con sommo dispiacere del Cazzaro di Napoli che la vorrebbe , apertamente, schierata con Maduro e quindi con Russia e Cina , Paesi, mi sembra una ovvietà ricordarlo, dove sono negati anche i piu’ elenentari sospiri di democrazia . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
56 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

La Russia spende 60 mld. di $, gli Usa 660 mld. di $. Quindi non dieci ma undici volte.

Quel che è condivisibile è certo un giudizio severo sull'imperialismo USA.

Un po' meno la simpatia per Putin, uno che il pelo sullo stomaco lo ha lungo almeno quanto Trump.

 

Dove intravedi nel mio post simpatia per Putin? Al massimo avrò espresso simpatia per Krushev, o meglio gratitudine. Nel 1962 Nikita salvò il pianeta disarmando tutte le basi atomiche sovietiche a Cuba, mentre gli USA non disarmarono affatto le loro basi in Europa occidentale, Turchia e Corea del Sud. Sono sicuro che al suo posto un Breznev avrebbe tenuto botta e quel disgraziato di Kennedy probabilmente avrebbe premuto il grilletto per primo. Lo spavento planetario fu così forte che quello è il più lontano ricordo della mia prima infanzia, dopo le carezze di mia madre. In particolare ricordo perfettamente le facce scure e le voci tremanti degli annunciatori del Telegiornale, e la voce accorata di Giovanni XXIII in difesa della Pace. 

Come ho scritto, al 99% Putin non interverrà a protezione del Venezuela da un golpe o da una (tutt'altro che improbabile) aggressione americana. Si limiterà a strepitare all'ONU (ente inutile). Quell'1% di probabilità di intervento non lo lego alla difesa del socialismo (di cui Putin se ne infischia) ma alla difesa degli interessi russi. Se le multinazionali rimettono gli artigli sul petrolio della Cintura dell'Orinoco, le esportazioni russe di idrocarburi ne risentiranno. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Per quanto sia un gioco da ragazzi, francamente io ne ho piene le balle di sbugiardare il pinocchio seriale del forum e di smontare le sue bufale quotidiane. Lascio quindi la parola al prof. Pino Arlacchi, sociologo e politologo di fama mondiale, già parlamentare ed europarlamentare del PD, già sottosegretario generale dell'ONU e direttore dell'Ufficio anticrimine delle Nazioni Unite, che da anni studia e scrive sulla questione venezuelana. Leggete qui cosa ci dice il prof. Arlacchi da Caracas e ascoltate attentamente questa sua breve audizione alla Camera per rendervi conto del colossale "abbaglio mediatico" provocato ad arte sul Venezuela. 

https://cambiailmondo.org/2019/04/30/venezuela-ex-vice-segretario-onu-il-disperato-minigolpe-di-guaido-e-fallito-prima-di-nascere/

Naturalmente oggi ogni colpo di Stato ancora prima che dalla caserma di Guaidò parte dalla disinformazione. E allora affidiamoci alla corretta informazione di uno studioso sulla questione dei diritti umani in Venezuela, sulle pesantissime ingerenze americane e sulle incredibili analogie con i tristi fatti del Cile di 43 anni fa. Quando il criminale Nixon dettava la strategia contro il governo Allende: Let the economy Scream! Cioè fate urlare l'economia cilena, mettetela in ginocchio. Strategia copiata pari pari da Obama e Trump per mettere in ginocchio il Venezuela. 

https://www.qcodemag.it/mondo/americhe/venezuela-arlacchi-i-media-riflettono-quelli-che-sono-i-poteri-dominanti/

Aggiungo che la bufala degli 8000 oppositori uccisi non fu inventata dalle associazioni umanitarie bensì dall'ex procuratore generale di Caracas, Luisa Ortega, al centro di un grosso scandalo di estorsioni, tangenti e relative somme trasferiti nei paradisi fiscali. Qui trovate i dettagli con tanto di citazioni di prove e conti bancari. Destituita dalla carica, la Ortega è scappata all'estero con il marito. 

https://italiano.prensa-latina.cu/index.php?option=com_content&view=article&id=100068:scandalo-di-corruzione-scuote-la-procura-generale-del-venezuela&opcion=pl-ver-noticia&catid=69&Itemid=

In un altro illuminante articolo il prof. Arlacchi ci informa che l'inviato dell'ONU Alfred De Zayas, che visitò il Venezuela nel 2017, stilò un ampio rapporto in cui propose un deferimento alla Corte Penale Internazionale per i crimini contro l'umanità perpetrati in Venezuela dal 2015. Ma non propose di deferire Maduro, propose di deferire il governo degli Stati Uniti:

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/02/27/venezuela-in-crisi-cosa-nasconde-il-grande-imbroglio/5000660/

Aggiungo infine che tutte le elezioni in Venezuela, fin dai tempi di Chavez, sono state controllate da centinaia di osservatori internazionali indipendenti. Nel 2018, quando fu rieletto Maduro, tra gli osservatori c'era l'ex premier spagnolo Zapatero e non furono riscontrate irregolarità. Anzi, ecco quello che scrissero gli osservatori spagnoli che vigilarono sulle elezioni regionali del 2017 a conclusione del loro rapporto uffi.ciale:

Noi osservatori riteniamo che il sistema elettorale venezuelano è uno dei migliori - se non il migliore - al mondo, incomparabilmente più sicuro e invulnerabile a tutte le interferenze che attualmente si verificano in Spagna e in altri paesi europei. 

Ma gli imperialisti e le multinazionali del petrolio non vogliono aspettare le elezioni politiche del 2023. Hanno ingaggiato un fantoccio, stanno corrempendo i militari, stanno mettendo in ginocchio l'economia e affamando il popolo. La preda è troppo ghiotta. Vogliono tutto e subito. Le sole riserve di greggio accertate nel sottosuolo venezuelano, al prezzo corrente del barile, valgono circa 20.000 miliardi di dollari. Che salirebbero a 100.000 miliardi se si riuscisse a sfruttare le sabbie bituminose della Cintura dell'Orinoco. Il governo socialista è contrario per l'alto impatto ambientale, le multinazionali non hanno di questi scrupoli.

 

 

 

Modificato da fosforo41

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh , ammetterò che sentir parlare di democrazia da parte del Cazzaro di Napoli da i “ brividi “.  Mi chiedo , ma il Cazzaro di Napoli che si sciacqua la bocca con la democrazia dopo averci più volte rammentato che lui e’ un cittadino modello attento a tutti i principi democratici e che darebbe la vita pur di difenderli , e’ lo stesso Cazzaro che invitava gli italiani ad attendere nelle stazioni ferroviarie il leader del partito più grosso della sx europea tirandoli addosso uova marce , ortaggi e pomodori ?? E’ lo stesso Cazzaro di Napoli che inneggiava a De Magistris che non voleva concedere allo stesso leader del solito partito di sx più grande in Europa , una sala per tenere una conferenza ?? E’ lo stesso Cazzaro di Napoli che si schierava e solidarizzava con i disoccupati organizzati Napoletani che provocavano incidenti e lancio di molotov affinché a Renzi fosse impedito , “democraticamente “, di parlare. Ecco , chiedo , e’ lui o non e’ lui ?? Se fosse lui , l’ebe Te Napoletano , non penserà mica che i forumisti ( questa volta si quelli seri , nda) se lo siano dimenticato , eh ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A mio modo di vedere, signor Mark, il Sig fosforo non è affatto ebete.

È una persona che si documenta e non risponde mai a vanvera.

Anche lui come tutti noi ha le sue idee, e non dovrebbe essere insultato se le esprime.

Ricordi sig Mark quello che disse tempo fa: darei la vita perché tu possa esprimere le tue idee.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

A mio modo di vedere, signor Mark, il Sig fosforo non è affatto ebete.

È una persona che si documenta e non risponde mai a vanvera.

Anche lui come tutti noi ha le sue idee, e non dovrebbe essere insultato se le esprime.

Ricordi sig Mark quello che disse tempo fa: darei la vita perché tu possa esprimere le tue idee.

Sig. Ahaha.ha , non e’ la prima volta che ella si pone come avvocato difensore del Sig. Cazzaro di Napoli 41 volte ebe te . Vorrei augurarmi che , almeno , sia emittente di relativa notula per il servizio che svolge con una cura che definirla certosina e’ un puro esercizio di eufemismo . Che non sia ebe te e’ un suo legittimo parere e non credo così altamente condiviso . Che si documenti sono d’accordo visto la sua ben sviluppata arte di copiaincollare . Riguardo alla sua ultima citazione la confermo in Toto . Idee , però !! Non infamie , bugie e vergogne verbali . Quelle le combatto !! E lo faccio a prescindere !! A prescindere pure se il Sig. Cazzaro di Napoli si avvale o meno di Studi Legali che lo ...”tutelano”. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sig Mark lei sa benissimo che il sig fosforo non ha bisogno di studi legali a sua difesa, il mio ultimo intervento non era a sua difesa e per questo motivo non emetterò alcuna notula, era bensì un invito a non usare titoli dispregiativi nei confronti dei suoi interlocutori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Sig Mark lei sa benissimo che il sig fosforo non ha bisogno di studi legali a sua difesa, il mio ultimo intervento non era a sua difesa e per questo motivo non emetterò alcuna notula, era bensì un invito a non usare titoli dispregiativi nei confronti dei suoi interlocutori.

Allora mettiamola così : quando un “interlocutore”’del forum  definisce un leader di partito ( di sx, nda) : Tappetaro , Venditore di Pentole, Pinocchio , Complice di assassini, personaggio con le mani sporche di sangue , nipotino di Berlusconi di cui e’ la copia peggiore , Caudillo e dittatorello come e più di Mussolini di cui e’ pure peggiore , Servo dei poteri forti ed occulti . Quando definisce oche le donne parlamentari del PD a cui affibbia anche altri epiteti di natura omofobia e lascia intendere che “sono lì” per quelle  doti , debbo pensare che il Sig. Cazzaro di Napoli esprime delle sue legittime idee oppure posso archiviare tuttocio’ come giudizi dispregiativi ?? Così ...per regolarmi . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

A mio modo di vedere, signor Mark, il Sig fosforo non è affatto ebete.

È una persona che si documenta e non risponde mai a vanvera.

Anche lui come tutti noi ha le sue idee, e non dovrebbe essere insultato se le esprime.

Ricordi sig Mark quello che disse tempo fa: darei la vita perché tu possa esprimere le tue idee.

Egregio Ahaha, ti ringrazio per le tue parole ma, come vedi, con un FALSARIO matricolato è praticamente impossibile dialogare in modo serio. Avevo pazientemente smontato, allegando gli articoli di uno dei più seri studiosi della materia, con poche mie aggiunte, le colossali  bufale del FALSARIO sul Venezuela. Non avendone per ora altre da inventarsi in merito, il FALSARIO ricorre a una antica tecnica dei sofisti (oggi ampiamente usata dai politici in TV), la mutatio controversiae, e la butta su de Magistris e su Renzi che col Venezuela non c'entrano un tubo. E naturalmente si inventa nuove balle. Potrei sfidarlo a mostrare dove e quando avrei scritto che l'ex segretario del PD è "complice di assassini" o che ha "le mani sporche di sangue" (questo lo disse un giornalista della BBC a Tony Blair) o che è stato "peggiore di Mussolini". O dove e quando avrei usato epiteti omofobi o sessuofobi verso donne del Pd. O dove e quando avrei copiato una sola riga di uno qualsiasi dei miei post senza citare le fonte. Ma sarebbe tempo perso. Lui da queste sfide è sempre scappato come un codardo. Tutti gli altri epiteti e aggettivi su RENZI sono stati usati prima di me da persone più brave e più esperte di me di politica. VENDITORE DI TAPPETI glielo disse l'ex ministro Brunetta; VENDITORE DI PENTOLE lo definivano in molti, tra cui il pidino Michele Emiliano; CAUDILLO (per giunta MALEDUCATO) glielo appioppò Ferruccio de Bortoli nel suo ultimo editoriale da direttore del Corriere, mentre Eugenio Scalfari gli dava del PIFFERAIO; a PINOCCHIO lo accostò, tra gli altri, Massimo D'Alema; FIGLIOCCIO, FIGLIO ILLEGITTIMO, FIGLIO BIOLOGICO, ROYAL BABY, o semplicemente FIGLIO DI BERLUSCONI lo definirono in molti, da Sabina Guzzanti a Fiorello, da Giuliano Ferrara a Rosy Bindi. Mentre un vero figlio del Puttaniere, Piersilvio Berlusconi, una volta disse: "Tifo per Renzi, il migliore dopo mio padre". Una congiura per denigrare il "piazzista" (copyright di Enrico Rossi, governatore della Toscana) di Rignano? No, ognuno aveva le sue buone ragioni. E io, che ho umilmente ripreso quegli epiteti per condire con sana ironia la  discussione politica, ho anche provato a spiegarle, quelle ragioni, alla luce dei FATTI. Tutto qui.

Saluti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dimenticavo: non posso trascurare l'illustre prof. Massimo Cacciari (Pd) nella lista dei più arguti ed efficaci inventori di epiteti sul DUCETTO e sul CAPETTO di Rignano:

http://www.ilgiornale.it/news/massimo-cacciari-contro-renzi-capetto-e-ducetto-e-ha-1612714.html

 E mi tocca citare pure Fabrizio Cicchitto per non fare torto all'ex piduista:

"RENZI È UN MATRICOLATO GIOCATORE DELLE TRE CARTE". 

Se Cicchitto ha ragione, allora l'ex premier ha un futuro assicurato dopo la politica: potrebbe venire a Napoli e aprire un tavolino a Forcella o alla Duchesca.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

QUESTO  E' IL VERO CIALTRONE  BUGIARDO INCOERENTE  BASTA  VEDERE  IL  FILMATO  DI  QUELLA RIUNIONE , MA  FORSE   ERA  IL SUO  SOSIA  PIDDINO  ?

Lilli Gruber: «Promesse farlocche»

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
24 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

Egregio Ahaha, ti ringrazio per le tue parole ma, come vedi, con un FALSARIO matricolato è praticamente impossibile dialogare in modo serio. Avevo pazientemente smontato, allegando gli articoli di uno dei più seri studiosi della materia, con poche mie aggiunte, le colossali  bufale del FALSARIO sul Venezuela. Non avendone per ora altre da inventarsi in merito, il FALSARIO ricorre a una antica tecnica dei sofisti (oggi ampiamente usata dai politici in TV), la mutatio controversiae, e la butta su de Magistris e su Renzi che col Venezuela non c'entrano un tubo. E naturalmente si inventa nuove balle. Potrei sfidarlo a mostrare dove e quando avrei scritto che l'ex segretario del PD è "complice di assassini" o che ha "le mani sporche di sangue" (questo lo disse un giornalista della BBC a Tony Blair) o che è stato "peggiore di Mussolini". O dove e quando avrei usato epiteti omofobi o sessuofobi verso donne del Pd. O dove e quando avrei copiato una sola riga di uno qualsiasi dei miei post senza citare le fonte. Ma sarebbe tempo perso. Lui da queste sfide è sempre scappato come un codardo. Tutti gli altri epiteti e aggettivi su RENZI sono stati usati prima di me da persone più brave e più esperte di me di politica. VENDITORE DI TAPPETI glielo disse l'ex ministro Brunetta; VENDITORE DI PENTOLE lo definivano in molti, tra cui il pidino Michele Emiliano; CAUDILLO (per giunta MALEDUCATO) glielo appioppò Ferruccio de Bortoli nel suo ultimo editoriale da direttore del Corriere, mentre Eugenio Scalfari gli dava del PIFFERAIO; a PINOCCHIO lo accostò, tra gli altri, Massimo D'Alema; FIGLIOCCIO, FIGLIO ILLEGITTIMO, FIGLIO BIOLOGICO, ROYAL BABY, o semplicemente FIGLIO DI BERLUSCONI lo definirono in molti, da Sabina Guzzanti a Fiorello, da Giuliano Ferrara a Rosy Bindi. Mentre un vero figlio del Puttaniere, Piersilvio Berlusconi, una volta disse: "Tifo per Renzi, il migliore dopo mio padre". Una congiura per denigrare il "piazzista" (copyright di Enrico Rossi, governatore della Toscana) di Rignano? No, ognuno aveva le sue buone ragioni. E io, che ho umilmente ripreso quegli epiteti per condire con sana ironia la  discussione politica, ho anche provato a spiegarle, quelle ragioni, alla luce dei FATTI. Tutto qui.

Saluti

Ahahahaha , cosa avresti fatto te , incommensurabile idio ta ?? Avevi , addirittura , smontato le bufale sul Venezuela ?? Ahahahaha !! E chi porti a sostegno ?? Pinuccio Arlacchi ?? Bada bene Cazzaro , Arlacchi e’ leggermente di parte ed e’ schierato con il tuo compagno Maduro da anni . Ripeto da anni !! Quando ancora non si sapeva chi fosse Guaidó . Chiarooo ?? Contano i fatti !! Contano i documenti e le decisioni degli Enti internazionali . Conta il documento dell’Europa, quello dell’Onu . Con il parere di Pinuccio Arlacchi ti ci puoi mondare il kuletto . Non per niente tutte le democrazie occidentali sono schierate contro Maduro che era , e’ e rimarrà un sanguinario dittatore . Di quelli che piacciono a te . Ci siamo , ebe te ?? Te consolati con la Cina , con la Russia , con la Turchia , con Cuba e con l’Iran . Tutti Stati dove credo la parola democrazia non sanno manco cosa e’ e magari nemmeno mai sentita nominare  . Per il resto sei il solito vergognoso impostore che nega perfino quel che hai scritto non una , non due ma una infinita’ di volte. Classico atteggiamento dei palloni gonfiati che credono di stare sul piedistallo e guardare tutti dall’alto mentre in realtà questa e’ la condizione di chi vale poco o niente e crede e spera in una effimera gratificazione che lo ripaghi da chissa’ quanti fallimenti .  Ma vah , pensavi pure di essere te l’inventore degli epiteti ?? Ahahahahah .  No, no , non hai tutta quanta questa importanza . Te , da men che mediocre , gli hai ripresi ad uno ad uno e ti ci sei sbizzarrito a tuo piacimento  . Ma di una cosa devi convincerti : Continuando così ti “inseguo” fino all’inferno e non te ne lascio passare una delle falsità che immetti sul forum . Un forum , a parte qualche caso di minus habens, che ha imparato a conoscerti e che ha grande repulsione verso un ebe te del tuo livello . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
57 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahaha , cosa avresti fatto te , incommensurabile idio ta ?? Avevi , addirittura , smontato le bufale sul Venezuela ?? Ahahahaha !! E chi porti a sostegno ?? Pinuccio Arlacchi ?? Bada bene Cazzaro , Arlacchi e’ leggermente di parte ed e’ schierato con il tuo compagno Maduro da anni . Ripeto da anni !! Quando ancora non si sapeva chi fosse Guaidó . Chiarooo ?? Contano i fatti !! Contano i documenti e le decisioni degli Enti internazionali . Conta il documento dell’Europa, quello dell’Onu . Con il parere di Pinuccio Arlacchi ti ci puoi mondare il kuletto . Non per niente tutte le democrazie occidentali sono schierate contro Maduro che era , e’ e rimarrà un sanguinario dittatore . Di quelli che piacciono a te . Ci siamo , ebe te ?? Te consolati con la Cina , con la Russia , con la Turchia , con Cuba e con l’Iran . Tutti Stati dove credo la parola democrazia non sanno manco cosa e’ e magari nemmeno mai sentita nominare  . Per il resto sei il solito vergognoso impostore che nega perfino quel che hai scritto non una , non due ma una infinita’ di volte. Classico atteggiamento dei palloni gonfiati che credono di stare sul piedistallo e guardare tutti dall’alto mentre in realtà questa e’ la condizione di chi vale poco o niente e crede e spera in una effimera gratificazione che lo ripaghi da chissa’ quanti fallimenti .  Ma vah , pensavi pure di essere te l’inventore degli epiteti ?? Ahahahahah .  No, no , non hai tutta quanta questa importanza . Te , da men che mediocre , gli hai ripresi ad uno ad uno e ti ci sei sbizzarrito a tuo piacimento  . Ma di una cosa devi convincerti : Continuando così ti “inseguo” fino all’inferno e non te ne lascio passare una delle falsità che immetti sul forum . Un forum , a parte qualche caso di minus habens, che ha imparato a conoscerti e che ha grande repulsione verso un ebe te del tuo livello . 

Egregio Signor Mark, io spero che Ella sia nata almeno dopo il 1993.

Questo perché se fosse stato nel 2003 un bambino di 10 anni, ricorderebbe come cominciò una guerra da 150.000 morti.

Con la gigantesca montatura mediatica di Bush e Blair circa l'armamento chimico, batteriologico e nucleare di Saddam Hussein.

Contro le negative di tutte le relazioni degli Ispettori ONU, chi voleva la guerra, la scatenò.

Bomba o non bomba, ogni volta che c'è odore di petrolio si muovono gli Stati delle sette sorelle.

Ora, guarda a caso, dopo essersi presi il petrolio del Golfo puntano a quello del Venezuela.

Domani a quello Iraniano........

Sempre per difendere la "democrazia", di cui Trump, Bush padre e figlio, Blair e Macron sono fulgidi cavalieri senza macchia e senza paura.

Cerchi di essere meno ingenuo.....

A volte si esporta la democrazia sulla punta delle baionette, con lo scopo di impadronirsi di risorse in via di esaurimento.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora